23 October 2019

American Airlines: costi fino a 350 milioni di dollari per il grounding dei Max 8

[ 0 ]

American AirlinesAmerican Airlines stima in 350 milioni di dollari l’impatto sui costi del grounding dei 24 Boeing 737 Max: è lo stesso ceo della compagnia, Doug Parker (nella foto) a segnalare le conseguenze sui conti del vettore durante la presentazione dei risultati del primo trimestre 2019. La stima tiene conto di un potenziale ritorno in servizio dei velivoli il 20 agosto prossimo. La messa a terra dei Max (dallo scorso 13 marzo) ha comportato per American la cancellazione di 1.200 voli nel primo trimestre, per una spesa di 50 milioni di dollari nel relativo periodo; complessivamente, dal 13 marzo al prossimo 19 agosto il vettore prevede la cancellazione di 15.000 voli operati dai Max e la riprotezione di 700 mila passeggeri. 

Oltre ai 24 Boeing 737 Max 8 in flotta, American ne conta altri 74 in ordine. 

Tornando ai conti del trimestre, il grounding dei Max ha comportato un calo del 5,4% del risultato operativo rispetto ai primi tre mesi dell’anno scorso; ma il profitto netto della compagnia è comunque aumentato del 16% raggiungendo i 185 milioni di dollari.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boscolo Tours ha invitato le agenzie venete a scoprire il Giappone e per farlo ha organizzato una bellissima visita alla mostra "Giappone. Terra di geisha e samurai", che in questi giorni è a Treviso, nell’affascinante Casa dei Carraresi. Una volta terminata la visita, il prossimo 18 aprile l’esperto del Giappone di Boscolo Tours racconterà nel dettaglio i viaggi che da adesso a febbraio sono disponibili sia su catalogo sia online, e risponderà alle domande e alle curiosità degli agenti di viaggio. Otto le proposte in tutto tra cui scegliere di cui cinque viaggi guidati e tre itinerari su misura. Giappone: 8 giorni. Prezzo a partire da 3.350 euro: in un perfetto connubio di modernità e tradizione, questo viaggio in Giappone conduce nelle futuristiche metropoli e negli splendidi paesaggi naturali del Sol Levante. Un'occasione unica per scoprire la storia, la cultura e le persone di questo paese, ammirando tempi, santuari, vivendo esperienze. Easy Tokyo e Kyoto: 8 giorni. A partire da 2.443 euro: un tour tra Tokyo e Kyoto per ripercorrere la storia avvincente di una terra ricca di tradizioni. Il Giappone ammalia con il gusto intenso del tè, i colori cangianti dei templi, con il silenzio e il profumo dei giardini e le insegne fluorescenti delle grandi metropoli. Miti Giapponesi: 10 giorni. Prezzo a partire da 4.340 euro: un viaggio in Giappone è pensato per gli amanti della cultura orientale. Da Tokyo a Kyoto per visitare i luoghi più rappresentativi di questo splendido Paese, per scoprire la terra dei samurai e delle geishe. Scoperta del Giappone: 11 giorni. Prezzo a partire da 3.950 euro: non si può visitare il Giappone senza apprezzare la pace dei giardini zen, i colori accesi dei santuari e il gusto intenso del sakè. Queste esperienze non mancheranno in questo itinerario, che punta al cuore del Paese del Sol Levante: genuino, intatto e meraviglioso. Gran Tour del Giappone 15 giorni. A partire da 5.400 euro: un unico viaggio per ammirare tutta la bellezza del Sol Levante, alla scoperta della natura suggestiva, dei templi ricchi di mistero e delle grandi città dinamiche. Un’immersione nella sfaccettata cultura di questo meraviglioso Paese. «Queste iniziative sono importanti - commenta Salvatore Sicuso, direttore delle vendite trade - non solo per stringere ancora di più il rapporto con i nostri agenti di viaggio, incrementando la già forte sinergia, ma anche per far conoscere nel dettaglio i nostri tour. Sempre di più le agenzie infatti propongono i nostri itinerari, come dimostra la crescita a doppia cifra riscontrata nell’ultimo anno». [post_title] => Boscolo: un evento di formazione ad hoc sul Giappone per le adv venete [post_date] => 2019-04-17T15:28:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => boscolo-tours [1] => formazione [2] => giappone [3] => nofascione [4] => salvatore-sicuso ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Boscolo Tours [1] => formazione [2] => Giappone [3] => nofascione [4] => Salvatore Sicuso ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555514932000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348007 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tour2000AmericaLatina propone una selezione di Viaggi Imperdibili, partenze garantite a conferma immediata voli inclusi con minimi 2 partecipanti, per partire alla scoperta delle destinazioni più belle dell’America Latina. Partenze 2, 9 Agosto, 17 Agosto (15gg/12 notti a 3.290 euro a persona) per il programma di viaggio Esplorando il Perù, ideale per chi desidera desiderano esplorare i luoghi più noti e suggestivi della magica terra degli Incas. Esplorando la Bolivia è un itinerario di viaggio per assaporare lo stile di vita delle culture indigene, i paesaggi andini mozzafiato, i resti di misteriose antiche, partenza 3 Agosto (13gg/12 notti a 2.950 euro a persona). Un tour incredibile Colombia e Panama partenza 13 Luglio, 3 Agosto, 14 settembre (11gg/9 notti a 2.470 euro per persona) tra natura, storia, arte, cultura, racconti di pirati, opere ingegneristiche uniche, villaggi coloniali, città modernissime, spiagge e barriere coralline. Una straordinaria natura, una varietà di animali selvatici, di uccelli, di piante tropicali e una fitta e rigogliosa vegetazione è tutto ciò che offre l’itinerario di viaggio Esplorando la Costa Rica con partenza 10 agosto (12gg/10 notti a 3.190 euro a persona). Per chi, invece, desidera conoscere i luoghi imperdibili dell’Argentina: Buenos Aires, la Terra del Fuoco e il ghiacciaio Perito Moreno, Tour2000AmericaLatina propone il tour Patagonia Express, partenza 12 Agosto (11gg/8 notti a 2.350 euro a persona). L’itinerario di viaggio Nord del Cile partenza 10 Agosto (12gg/9 notti a 3.950 euro a persona) è perfetto per chi vuole conoscere approfonditamente il nord del Paese, la capitale Santiago, Vina del Mar e Valparaiso, il Deserto di Atacama, Arica, Iquique, il Parco nazionale di Lauca con il Lago Chungara.   [post_title] => Per Tour2000 una selezione di partenze per l'America Latina [post_date] => 2019-04-10T11:21:30+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554895290000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 322050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea apre due nuove rotte da Napoli per le isole greche: dal 27 giugno sarà operativo il nuovo collegamento per Cefalonia (fino a 2 frequenze settimanali, ogni mercoledì e venerdì, nei periodi di più intenso traffico per un totale di 4.750 posti in vendita) e dal 5 luglio decollerà il volo inaugurale per Rodi (con 1 frequenza settimanale, ogni giovedì, per un totale di più di 3.000 posti in vendita). Sempre da Napoli sono state già aperte anche le nuove rotte alla volta di Alghero e Torino. Infine, per gli appassionati del mare e del sole della Grecia, il vettore ripristina anche le tratte estive per Zante (dal 26 giugno) e per Preveza Lefkada (dal 3 luglio). Per l’estate 2018, con Volotea è possibile decollare da Napoli verso 21 destinazioni (13 in esclusiva): 9 in Italia – Alghero (novità 2018), Cagliari, Catania, Genova, Olbia, Palermo, Torino (novità 2018), Trieste e Verona - e 12 all’estero – Cefalonia (novità 2018), Creta, Mykonos, Preveza-Lefkada, Rodi (novità 2018), Santorini, Skiathos e Zante in Grecia, Bordeaux, Marsiglia, Nantes e Tolosa in Francia. [post_title] => Volotea da Napoli con due new entry: Cefalonia e Rodi [post_date] => 2018-06-26T14:40:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1530024020000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 313655 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Le tasse sul trasporto aereo - e il loro eventuale aumento - non sono in realtà una fonte di entrate per i governi. Al contrario, la loro abolizione - o riduzione - genera un indotto positivo che spazia dall'aumento del Pil, alla crescita dei flussi turistici e delle relative spese, alla creazione di nuovi posti di lavoro, al rafforzamento dell'industria del trasporto aereo»: questo in sintesi il messaggio che Thomas Reynaert, managing director di A4E, Airlines for Europe, insieme a Luciano Neri, segretario generale dell'Ibar, hanno espresso oggi a Milano in occasione della presentazione dello studio commissionato da A4E a PriceWaterhouseCoopers su un tema particolarmente caldo: “L'impatto economico dell'abolizione delle tasse sul trasporto aereo in Italia". Da notare come, a livello europeo, dal 2006 al 2016, i prezzi medi dei biglietti aerei sono diminuiti dell'8%, mentre la media delle tasse pagate è più che raddoppiata: da 6,00 a 14,00 euro per biglietto. Di pari passo anche le tasse aeroportuali per l'accesso alle infrastrutture e l'utilizzo dei servizi, sono più che raddoppiate, da 16,00 a 33 euro per biglietto. Lo studio evidenzia il potenziale aumento del Pil italiano negli anni immediatamente successivi ad una eventuale abolizione della famigerata «addizionale comunale - così come viene chiamata in Italia, pur non essendo una tassa che va poi a finire nelle casse comunali - prosegue Reynaert -. Ipotizzando un'abolizione nel 2018, il Pil aumenterebbe di 880 milioni di euro nel primo anno, crescendo per un valore di 1,74 miliardi di euro annui entro il 2030 (considerando lo stesso stato attuale dei livelli di tassazione). Entro il 2020 verrebbero generati più di 3.750 posti di lavoro in tutti i settori dell’economia nazionale, con 7.500 nuovi posti di lavoro generati entro il 2030. Infine, anche in Italia il settore dell’aviazione vedrebbe un incremento, raggiungendo il valore di 480 milioni di euro all'anno entro il 2020 e 590 milioni di euro entro il 2030». Il settore del turismo in particolare «sarebbe quello maggiormente influenzato dalla ricadute positive dell'abolizione delle tasse, dopo quello del trasporto aereo ovviamente. Il nostro obiettivo è quello di far comprendere ai governi l'impatto positivo di queste azioni nel lungo periodo, sull'aviazione, sul turismo e sull'economia in generale. Dobbiamo far passare un messaggio importante: eliminando queste tasse non sarà necessario crearne di nuove per avere nuove entrate, perché nel tempo questa azione stimolerà indirettamente ulteriori entrate». Esempi virtuosi di Paesi che hanno scelto questa strada non mancano: «L'Irlanda, che ha abolito le tasse nel 2014, nell'arco di due anni ha registrato un aumento dei passeggeri di quasi 10 milioni; l'Olanda che ha eliminato totalmente le tasse nel 2008 ha, allo stesso modo, registrato una crescita dei passeggeri così come una maggiore offerta da Amsterdam Schipol rispetto ai vicini scali di Bruxelles o Düsseldorf, che venivano scelti per viaggiare dai cittadini olandesi. La Scozia sta pianificando l'abolizione». In Italia dopo che a metà 2016 il Governo allora in carica aveva acconsentito ad evitare l'aumento proposto di 2,5 euro, oggi l'importo dell'addizionale comunale si attesta sui 7,50 euro per Roma e sui 6,50 euro negli altri scali. «Siamo ottimisti riguardo all'abolizione di queste tasse, che dati alla mano mostrano un impatto negativo sull'economia - aggiunge Neri -. Eliminare l'addizionale è la nostra mission e non è detto che debba essere "impossible"».     [post_title] => L'appello di A4E e Ibar per l'abolizione delle tasse sul trasporto aereo [post_date] => 2018-04-11T14:10:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1523455853000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 294939 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un’estate che ha sfiorato una crescita del 30%, African Explorer propone nuovi tour di Capodanno in Sudafrica: «Siamo molto attenti alle richieste del mercato e, per assecondarle, abbiamo creato una gamma ancora più ampia di soluzioni per diversi target, dalle famiglie alle coppie» afferma Alessandro Simonetti, titolare African Explorer. Da qui nasce una raccolta di cinque viaggi di gruppo studiati per un massimo di 14 partecipanti, accompagnati da esperte guide locali parlanti italiano, che prevedono safari a bordo di veicoli jeep 4x4 scoperte e voli di linea South African Airways inclusi. Le proposte, un’esclusiva italiana del tour operator con partenze comprese tra il 26 e il 29 dicembre, offrono conferma immediata, voli di linea, camere e prezzi bloccati senza adeguamento valutario. Easy Sudafrica (partenza 26 dicembre), con Città del Capo, la regione di Mpumalanga e safari fotografici nella riserva privata di Karongwe. Quota a partire da € 2.820 a persona. Invito al Sudafrica & Cascate Vittoria (partenza 26 dicembre), con visita culturale di Johannesburg, la regione di Mpumalanga con la visita della Panorama Route e del Bongani Mountain Lodge, situato nella Mthethomusha Game Reserve, al confine sud-occidentale del Parco Nazionale Kruger. Il viaggio termina con due notti alle Cascate Vittoria, con cena al tramonto durante la crociera lungo il fiume Zambesi. Quota: a partire da € 4.250 a persona Invito al Sudafrica & Garden Route (partenza 26 dicembre): visita culturale di Johannesburg, regione di Mpumalanga, con la visita della Panorama Route e del Bongani Mountain Lodge, estensione di tre notti lungo la Garden Route con tappa a Oudtshoorn e Knysna. Quota: a partire da € 4.240 a persona Invito al Sudafrica Malaria Free (partenza 27 dicembre), itinerario adatto a grandi e piccini alla scoperta di Città del Capo, con visita alla Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza, i pinguini di Boulders Beach e i giardini botanici di Kirstenbosch. Tre giorni lungo la Garden Route con tappa a Oudtshoorn e Knysna ed, infine, un soggiorno in una riserva privata con safari fotografici. Quota a partire da € 3.750 a persona Invito al Sudafrica (partenza 29 dicembre), con visita culturale di Johannesburg, regione di Mpumalanga, con la visita della Panorama Route e della Makalali Game Reserve, patria di oltre mille specie di animali tra cui i "Big Five". I safari fotografici, a bordo di veicoli 4X4 aperti, saranno due al giorno. Il viaggio termina con Città del Capo, la Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza, i pinguini di Boulders Beach e i giardini botanici di Kirstenbosch. Quota a partire da € 3.730 a persona. [post_title] => African Explorer, cinque tour per un Capodanno in Sudafrica [post_date] => 2017-10-23T10:15:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1508753742000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti