18 September 2018

Qatar Airways potenzia le frequenze sulla Milano-Doha per l’inverno

[ 0 ]

Qatar Airways rafforza l’operativo su Milano, la sua prima base in Italia, per il periodo invernale. A partire dal prossimo 25 dicembre e fino al 30 gennaio 2018, verrà infatti introdotto un significativo aumento di capacità con tre nuove frequenze tra Milano Malpensa e l’Hamad International Airport. Quest’anno, la compagnia festeggia il 15° anniversario della rotta – inaugurata nel 2002 e attualmente servita con due voli giornalieri – che verrà rafforzata seguendo i piani di crescita ed espansione di Qatar Airways in Italia. La compagnia aerea offre 84 voli a settimana da e per Doha. Oltre alle 14 frequenze su Milano, che prossimamente diventeranno quindi 17, il vettore opera un servizio quotidiano su Venezia e Pisa e 14 collegamenti a settimana su Roma Fiumicino.

La capacità aggiuntiva verrà supportata con l’introduzione del Boeing Dremaliner 787, che opererà su alcune frequenze, insieme agli Airbus A330 attualmente in uso sulla rotta. L’Airbus A330 offre fino a 30 poltrone in business class e 275 in economy class. Il Dremaliner permette ai viaggiatori di vivere un’esperienza di volo unica, grazie alla combinazione di tecnologie innovative e un accogliente servizio di bordo; può ospitare 254 persone con 22 posti in business class e 232 in economy. Ogni poltrona ha uno schermo individuale che permette di usufruire del sistema di intrattenimento Oryx One, che vanta 4.000 contenuti.

Nel corso dell’anno Qatar Airways ha lanciato numerose rotte e potenziato molti dei collegamenti esistenti nei sei continenti. La compagnia opera in Italia dal 2002 e ha rafforzato ulteriormente il proprio impegno su questo mercato completando l’acquisizione del 49% di AQA Holding, il nuovo azionista di controllo di Meridiana fly (Meridiana). Qatar Airways ha inoltre recentemente annunciato il potenziamento del servizio su Roma Fiumicino.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274699 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Uno stanziamento da oltre mezzo miliardo di euro per gli aeroporti toscani da qui al  2029: sono queste le cifre del masterplan degli scali di Pisa e Firenze, illustrati dai vertici di Toscana Aeroporti, con il vicepresidente della società Roberto Naldi, l'ad Gina Giani e il consigliere delegato allo sviluppo aeroportuale Vittorio Fanti. Gli investimenti portano anche una previsione di 3.600 nuovi posti di lavoro diretti nel sistema aeroportuale e altri 11.700 dall'indotto. Il sistema integrato dei due scali toscani, spiega una nota di Toscana Aeroporti, "si pone all'avanguardia del settore in vista delle decisioni ministeriali sulla valutazione di impatto ambientale che sancirà un passaggio fondamentale per la realizzazione della nuova pista di Peretola, nel rispetto delle prescrizioni previste per garantire sicurezza, tutela dell'ambiente e una corposa ricaduta economica sul territorio insieme, appunto, a un rilevante aumento della forza lavoro dentro e fuori i due aeroporti toscani". [post_title] => Toscana Aeroporti: masterplan da mezzo miliardo di euro [post_date] => 2017-04-03T11:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491219032000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274177 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Atahotels Spa, il gruppo alberghiero che da quest’anno riunisce le strutture di Atahotels e Una Hotels & Resorts, parteciperà alla Bit con due stand: uno nell’area Luxury (padiglione 4, stand LX04) e uno nell’area Mice (padiglione 4, stand B72). Dopo la fusione completata a fine dicembre 2016 la nuova realtà alberghiera italiana si presenta da protagonista nella principale fiera turistica nazionale con una doppia presenza, per promuovere sia l’offerta luxury che quella Mice, entrambe ulteriormente arricchite sia per facilities che per destinazioni. Oltre 15.000 sono infatti i posti meeting - come ricorda lo scenografico allestimento dello stand - messi a disposizione del gruppo e tutti in posti bellissimi nelle più prestigiose località italiane che possono coniugare al meglio le esigenze business con quelle leisure della clientela internazionale. Lo stand luxury vedrà come principale riferimento riconoscibile Villa le Maschere, la splendida dimora nel Mugello (nella foto), fiore all’occhiello dell’offerta a 5 stelle della compagnia, sintesi di eleganza e charme in un connubio fra antico e moderno, tesori dell’arte e della natura, destinazioni uniche e servizio, tutti gli elementi che contraddistinguono anche le altre proposte di alto livello che il gruppo offre da nord a sud della penisola, spaziando dalla campagna alle città d’arte, dal mare alla montagna. Una Hotels and Resorts e Ata Hotels , insieme, costituiscono la prima catena alberghiera in Italia, 100% italiana, e il quarto gruppo sul territorio italiano, con un portafoglio di oltre 5.400 camere in una collezione di 42 hotel presenti in 26 destinazioni di 11 regioni italiane. Atahotels Spa è una società controllata di UnipolSai Assicurazioni Spa. [post_title] => Atahotels Spa in Bit con due stand, tra Mice e lusso [post_date] => 2017-03-29T09:40:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490780426000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274171 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Distal & Itr Group (con i marchi Distal, Itr, Itr Handling e Cim Air) e Spazio Gsa hanno siglato un accordo di collaborazione commerciale e operativa: «Insieme rappresentiamo come gsa 26 compagnie nazionali e internazionali ed insieme creiamo il maggior polo italiano in questo settore, in grado di soddisfare tutte le esigenze dei clienti che desiderano rafforzare la loro presenza commerciale nel mercato del travel trade italiano» dichiarano Francesco Veneziano e Piercarla Lai, entrambi direttori commerciali delle storiche realtà del mondo delle rappresentanze di compagnie aeree e di organizzazioni attive nel mondo dei trasporti e del turismo. Partendo da «una solida pluridecennale storia di presenza attiva nelle rappresentanze», le società contano di  di beneficiare di reciproci vantaggi nella promozione delle proprie rispettive aziende, nell’ottimizzare la gestione nella  fornitura di servizi che è il core business delle proprie attività commerciali, premettendo che non hanno nessun conflitto di interesse tra le compagnie da loro rappresentate e che questo accordo è una pura alleanza strategica a fini commerciali. I servizi principali offerti in questo contesto sono quelli di gsa passeggeri e cargo, delle supervisioni e biglietterie aeroportuali, del marketing (anche web), delle pubbliche relazioni e della comunicazione. L’accordo rappresentaè un punto di partenza «che genererà certamente interessanti sviluppi commerciali a beneficio degli attuali e futuri clienti dei due gsa italiani». [post_title] => Distal & Itr Group e Spazio stringono una partnership [post_date] => 2017-03-29T09:23:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490779412000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274163 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sempre più importante il focus sul turismo Lgbt tanto che a Napoli, alla Bmt, è stato organizzato un convegno, molto interessante, su un tema di grande attualità.  I maggiori player del turismo LGBT e alcuni enti del turismo particolarmente sensibili al segmento, alle esigenze ed al livello di questo turismo, molto particolare nel rapporto con il ricettivo, si sono trovati per dare uno “stato dell’arte” ad una attenta platea. Israele e Malta come destinazioni, Twizz, Mikonos 360°, D’Este travel services, Rainbow Travel e Travel gay hanno portato le proprie testimonianze, per far capire che pur parlando di turismo, si tratta di un segmento altamente responsabile quanto demandante.  «Da 5 anni in Bmt esiste la nostra area dedicata LGBT - ha commentato il moderatore, Romano Simonelli, brand manager di Twizz - il che ci dà la possibilità di spiegare a sempre più persone il nostro progetto, i nostri target e la nostra realtà». Israele è l’ufficio del turismo che con Avital Kotzer Adari ha dato maggior impulso al settore, aggregando anche  un pool di 4 operatori, (Sundance, Twizz, Travel Gay, Il Viaggio journeys & voyages) attorno all’oggetto, per spingere la destinazione e la propria tollerante accoglienza. Il progetto va avanti con la concreta speranza che gli operatori aderenti divengano presto 5, impegnati nel turismo gay friendly e nella sua promozione. «Grazie all’infaticabile opera del nostro marketing manager Pietro De Arena - ha spiegato Kotzer Adari - siamo sempre più impegnati in co-marketing e operazioni dedicate per affermare Israele, oltre a Tel Aviv, ormai mecca del turismo Lgbt, sulla scena italiana, oltre che mondiale. La nostra vocazione all’ospitalità è ormai un fatto e fra i vari segmenti di turismo che arricchiscono il nostro panel desidereremmo che l’ LGBT avesse un posto particolare». Serena D’este è relativamente nuova sulla scena, con un dmc che si è aperto alle esigenze del segmento, partendo dal Veneto ed allargandosi progressivamente a tutt’Italia, mettendo poi in campo attenzione e, in seguito, esperienza sul tema.  Stefano Campana ha portato la propria testimonianza di operatore con le idee chiare (Mikonos 360°, Ibiza 360°) che oltre alla profonda conoscenza delle destinazioni, sia per la parte logistica, che per quella (!) ludica, mette a disposizione il punto di forza: l’assistenza in loco. Claude Zammit Trevisan, direttore Italia Malta Tourism Authority, ha rimarcato come l’isola del Mediterraneo sia stata fra le prime nazioni a rendere libero il matrimonio per legge e quanto sia liberale e gay friendly come destinazione. Un richiamo irresistibile per un turismo che spesso ha nel livello culturale uno dei punti focali. E’ stata poi la volta di Travel Gay, l’operatore genovese che nasce nel 2003 e che opera su 4 portali (Travel gay, turismo, Viaggi di nozze gay, matrimoni gay e l’ultimo nato, gayadvisor, per le recensioni su tutto ciò che riguarda il segmento). «La nostra intenzione è di dare vita ad un network - ha spiegato Yolanda Liccardo - che abbia 110 agenzie aderenti, una per città con forte connotazione ed esclusiva territoriale». Azzurra Barban ha parlato del neonato Rainbow travel, e l’ultima parola è stata per Franco Fumagalli, Twizz. «La nostra esperienza nasce come to da Tau Viaggi, nel lontano 1984, e da quella realtà prese vita nel 2012 Twizz. Oggi la nostra programmazione verte su 58 paesi (in effetti ne abbiamo eliminato qualcuno) che vogliamo far conoscere agli adv con cui collaboriamo, attraverso eventi di formazione. Ne abbiamo organizzati già 110 il che ci testimonia che se continuano ad essere affollati, stiamo facendo un buon lavoro. Il nostro wedding department organizza matrimoni in tutto il mondo, curando anche la parte burocratica». In poche parole, l’organizzazione e il dedicarsi a questo importante mercato sta diventando una cosa estremamente seria e personalizzata [post_title] => Il mercato Lgbt tricolore riparte da Napoli: organizzazione e coalizzazione [post_date] => 2017-03-29T09:03:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490778235000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274168 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da oggi Alitalia trasferirà tutte le operazioni di accettazione dei passeggeri in partenza da Roma Fiumicino al Terminal 1 dello scalo romano, comprese quelle per i voli intercontinentali che fino ad ora venivano effettuate al Terminal 3. Le attività di check-in della compagnia per tutte le destinazioni, sia nazionali che internazionali, vengono così concentrate in un unico terminal. Al T1 sarà disponibile una nuova “Area check-in premium” dedicata ai passeggeri Alitalia di business class, ai soci dei club Freccia Alata e Ulisse e a quelli delle corrispondenti categorie SkyTeam ed Etihad Airways Partner. L’area offrirà un check-in dedicato, con nuovi varchi prioritari per i controlli di sicurezza che garantiranno un accesso rapido alla zona degli imbarchi. Sempre nel T1 è disponibile un’area di accettazione automatizzata (denominata “E-services”) con nuovi chioschi self check-in e postazioni “Self bag drop off”, dove i passeggeri potranno consegnare il bagaglio da stiva ed effettuare il check-in in completa autonomia e con tempi ridotti. Saranno inoltre disponibili banchi dedicati dove i viaggiatori potranno ricevere assistenza e informazioni. In previsione del maggiore afflusso di viaggiatori al T1, sono state ampliate le aree dei controlli di sicurezza, con l’obiettivo di rendere più veloce il passaggio nelle aree di imbarco e migliorare il servizio ai passeggeri. I possessori di carta Freccia Alata in partenza con un volo nazionale, potranno continuare a usufruire dell’accoglienza della ‘Alitalia Lounge’ per effettuare le operazioni di check-in. Molti partner Alitalia, tra cui Delta Airlines ed Etihad Airways, hanno già trasferito le operazioni di check-in al T1. [post_title] => Alitalia trasferisce al T1 di Fiumicino tutte le operazioni di check-in [post_date] => 2017-03-29T09:02:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490778122000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 269365 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trenitalia ha completato l’acquisizione di c2c, impresa ferroviaria che opera tra Londra e l’Essex. «Il closing, dal valore di 72,6 milioni di sterline - spiega una nota della società - è stato formalizzato dal Dipartimento dei trasporti (DfT) e prevede che il franchise di c2c prosegua fino al novembre 2029. FS Italiane, holding del guppo, nella sua qualità di garante in favore del DfT, ha corrisposto al venditore ulteriori 35 milioni di sterline a titolo di rimborso di un intercompany loan concesso al franchisee, nel quale è subentrata in qualità di lender». Trenitalia, valorizzando i punti di forza di c2c, ha l’obiettivo di diventare uno degli operatori ferroviari più puntuali e popolari del Regno Unito. Il franchise beneficerà delle tecnologie innovative di Trenitalia, come gli evoluti sistemi di biglietteria, per fornire ai clienti c2c un servizio di alta qualità. La società c2c continuerà ad essere guidata dal managing director Julian Drury, con lo stesso modello organizzativo attuale. «La rapida conclusione di questa acquisizione ci permette di attivare rapidamente il lavoro sul business di c2c - ha dichiarato Barbara Morgante, ceo di Trenitalia -. Con la guida di Julian Drury confermeremo gli alti livelli qualitativi di servizio che hanno permesso a c2c di essere riconosciuto come il miglior operatore ferroviario nel Regno Unito e collaboreremo con il management per introdurre ulteriori migliorie. Il nostro impegno nel Regno Unito non si ferma all’acquisizione di c2c.  Recentemente abbiamo infatti annunciato la nostra partecipazione alle gare per i franchise delle East Midlands e dalla West Coast. Siamo orgogliosi che i passeggeri possano beneficiare della nostra esperienza, competenza e capacità di innovare. Sono inoltre confidente che il buon rapporto instaurato con il Dipartimento dei Trasporti, testimoniato dalla reciproca collaborazione durante questa fase di transizione, crescerà ulteriormente nei prossimi anni, magari anche per sviluppare insieme progetti comuni innovativi, in linea con le esigenze dei passeggeri inglesi». [post_title] => Trenitalia avanza nel Regno Unito con l'acquisizione di c2c [post_date] => 2017-02-13T10:48:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1486982891000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265282 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo aver chiuso in positivo il 2016, Mako Tour lancia le novità per la prossima stagione estiva. Ancora una volta l'attenzione è tutta sulla Grecia, con una programmazione più ricca in termini di isole e strutture proposte, con l'obiettivo di offrire un prodotto completo in grado di accontentare ogni tipo di cliente. La novità di quest’anno sarà la possibilità di organizzare matrimoni o di rinnovare i voti nell'atmosfera di Santorini. Da segnalare numerose strutture di charme in molte isole, piccoli lussuosi hotel dall’atmosfera inconfondibile. L'estate di Mako Tour sarà anche all'insegna della Corsica:  oltre ad una ricca soluzione di residence adatti alle famiglie, il to genovese ha inserito anche strutture di lusso per i clienti più esigenti e, perché no, anche per viaggi di nozze. Tra le proposte L’hotel & Spa Des Pecheurs, sull’isola di Cavallo; l’hotel Marinca a Propriano, l’hotel La Villa, l’hotel La Signoria e l’hotel Corsica a Calvi; l’hotel Roi Theodore, l’hotel Roc e Fiori e l’hotel Les Bergeries de Palombaggia nella zona di Porto Vecchio; gli hotel Version Maquis Santa Manza e Version Maquis La Cittadelle a Bonifacio. La programmazione estiva sarà online a partire da gennaio, ma è già possibile richiedere preventivi scrivendo a booking@makotour.it   [post_title] => Mako Tour arricchisce le proposte estive sulla Grecia [post_date] => 2016-12-29T09:53:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1483005213000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La masseria La Scalella di Manduria, situata nella campagna salentina, propone per San Valentino una vacanza che invita a riappropriarsi di ritmi lenti, dove ogni giornata si apre con una distesa di ore da dedicare solo a se stessi. La masseria è equidistante (circa trenta chilometri) da Taranto, da Brindisi e da Lecce: città splendide da scoprire insieme, assaporandone lo stile di vita, per goderne appieno la magia. Le cinque spaziose suite che compongono la masseria La Scalella sono state ricavate negli spazi dell’antico podere, e grazie ad un sapiente recupero conservano intatto il fascino del passato, sposandolo con dettagli dal design contemporaneo. Tutte con ingresso indipendente, offrono il massimo della privacy e un comfort di lusso: della casa La Stalla sono state mantenute le mangiatoie, ne La Merce, dove si trasformava il latte in formaggio, le volte a botte, nella Il Camino, naturalmente il grande camino dove si cuocevano i cibi. I materiali di costruzione sono tufo e pietra, tipici di questa zona, e tutto racconta una storia di semplicità e bellezza. Alle coppie che scelgono di trascorrere il periodo del San Valentino e per tutto il mese di febbraio, la masseria La Scalella offre in una giornata speciale da concordare e una sontuosa colazione in camera tipica salentina. Il prezzo per il soggiorno parte da 75 euro a camera con pernottamento, prima colazione e biancheria, per un soggiorno minimo di tre notti. [post_title] => La Scalella, la proposta per trascorrere San Valentino nel Salento [post_date] => 2016-12-29T09:43:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1483004582000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con Tuttaltromo(n)do è possibile organizzare viaggi personalizzati alla scoperta dell'Isola di Pasqua. L'Isola, nota per quelle enormi teste di pietra, testimonianza di una civiltà antica e perduta, ed è assolutamente unica, una “grande roccia”, come racconta l’origine del suo nome indigeno Rapa Nui, in mezzo all’oceano Pacifico, al largo, molto al largo, dalle coste del Cile. Basti pensare che occorrono cinque ore di volo da Santiago per raggiungerla. Tuttaltromo(n)do organizza viaggi sull'isola di origine vulcanica diversissima dalle altre isole polinesiane. Inoltre l’Isola di Pasqua è l'unica nell'area del Sud Pacifico ad aver sviluppato nella propria storia una scrittura propria, chiamata Rongorongo, con simboli dai richiami esoterici, che non è stata ancora del tutto tradotta e compresa. Un altro culto davvero insolito è quello dell’uomo-uccello, il Tangata Manu, raccontato anche nel film Rapa Nui.  Meritano senz’altro una visita anche le numerose grotte, eredità delle eruzioni vulcaniche e usate per molti secoli dalla popolazione indigena come luoghi di culto. In molte di esse si possono ancora trovare dipinti rupestri e antiche sculture, che rappresentano sia l'uomo-uccello che il dio Makemake. [post_title] => Tuttaltromo(n)do alla scoperta dell'Isola di Pasqua [post_date] => 2016-12-29T09:31:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1483003883000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti