12 December 2018

Iag: decolla da Barcellona il progetto lungo raggio low cost

[ 0 ]

Decolleranno da Barcellona i progetti low cost lungo raggio di Iag. E questo segmento di mercato diverrà «una parte significativa del business Iag»: Willie Walsh, a margine della conferenza di Airlines for Europe svoltasi un paio di giorni fa a Bruxelles, ha svelato i piani del gruppo che prevedono «senza dubbio» l’apertura di voli lungo raggio a basso costo non solo da Barcellona ma anche da altri scali in Europa. «Bisogna iniziare da qualche parte e Barcellona è il posto giusto per cominciare». Alla fine del 2016 Iag aveva anticipato progetti per costituire una nuova compagnia legata a Vueling, a Barcellona El Prat, per iniziare ad operare da giugno, su rotte per il Nord e Sud America, o addirittura in Asia. Walsh ha confermato che i biglietti saranno «presto in vendita» ma non ha precisato se ci sarà un nuovo brand oppure ne sarà utilizzato uno già esistente all’interno del gruppo: nel caso, non si tratterà comunque di Vueling: «Vueling alimenterà i voli in partenza da Barcellona ma non credo che sia adeguata ad operare sul lungo raggio. Vueling va bene così e continueremo a focalizzarci su questo». Quanto alla candidatura di Aer Lingus, Walsh ha sottolineato che «benché goda di un buon posizionamento del brand sia negli Stati Uniti sia in Irlanda, non è detto che possa funzionare altrettanto bene a Barcellona». Sulle rotte saranno impiegati Airbus A330s. E se la decisione di Norwegian di aprire voli proprio da Barcellona quest’anno abbia influito sulla decisione di Iag, il ceo ha commentato: «Risponderemo in modo competitivo alle iniziative di Norwegian».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 267662 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non più una città dormitorio satellite di Roma, ma una vera e propria meta turistica con un grande potenziale attrattivo. E' il ritratto di Pomezia che esce dai dati relativi alla prima rivelazione dell'Osservatorio per il turismo. «I risultati dell'Osservatorio turistico, dimostrano che Pomezia è una città dalle grandi potenzialità attrattive - ha detto il sindaco di Pomezia Fabio Fucci -. Puntiamo molto sul turismo: le risorse paesaggistiche e naturalistiche di cui Pomezia è ricca sono al centro del nuovo piano regolatore che stiamo per approvare. La nostra amministrazione ha in questi anni lavorato per far crescere il turismo: pulizia e decoro urbano, riqualificazione del litorale, parcheggi e infrastrutture, collaborazione virtuosa con le strutture ricettive, efficienza dei trasporti, rilancio del Museo Lavinium e apertura dell'area archeologica». A fargli eco Stefano Landi, presidente della SL&A, società incaricata dello studio, che ha dichiarato: «L’Osservatorio, ha evidenziato che la città ha tutte le carte in regola per diventare destinazione turistica. Negli ultimi 10 anni le strutture ricettive sono cresciute del 47%, mentre la media italiana è a valore negativo, mentre quella regionale cresce solo del 16%. Pomezia non è più comune satellite di Roma, e questo è confermato dall’indagine svolta sui turisti, che per oltre il 60% arrivano per motivi di lavoro/meeting generati dal territorio. Solo il 18% invece pernotta a Pomezia dovendo poi andare a Roma per lavoro. Le potenzialità da sfruttare sono tante: i segmenti di target sul territorio di Pomezia sono diversi: le famiglie a Zoomarine, il turismo culturale nel centro storico ed il Museo Archeologico Lavinium. Per non parlare di risorse come Torvajanica e il Borgo di Pratica di Mare. E’ importante sottolineare come quasi il 60% dei turisti sono repeater, un altissimo grado di fedeltà, un patrimonio ancora tutto da sfruttare con proposte diverse anche per stagioni differenti». [post_title] => Pomezia: segnali positivi dai dati dell'Osservatorio [post_date] => 2017-01-26T14:51:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => no-fascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => no fascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1485442287000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 267669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fairmont Hotels & Resorts, operatore dell’hôtellerie di lusso e parte del gruppo AccorHotels ha annunciato insieme a Next Century Associates, affiliata della società di sviluppo immobiliare Woodridge Capital, la firma ufficiale dell’accordo relativo alla ristrutturazione e alla gestione dello storico Century Plaza Hotel situato nel cuore del quartiere Century City di Los Angeles. Dalla sua apertura nel 1966 l’emblematica struttura ha accolto molte generazioni di celebrità di Hollywood, personalità internazionali e presidenti statunitensi. Attualmente chiuso per ristrutturazione, l’hotel riaprirà nel 2018 con il nome di Fairmont Century Plaza, Los Angeles. L'ingresso di questo hotel nel portafoglio Fairmont segna un’ulteriore tappa nella strategia di sviluppo di AccorHotels nel segmento lusso. La firma dell’accordo fa seguito all’acquisizione nel 2016 da parte del gruppo francese di Fairmont Hotels & Resorts che, insieme ai marchi consociati Raffles e Swissôtel, hanno ampliato l’offerta del gruppo nel mercato del lusso nel Nord America. Il progetto di sviluppo di circa 2,5 miliardi di dollari comprende il rifacimento di 394 camere e 63 residenze private nella torre storica, così come la costruzione di due nuove torri residenziali di 46 piani con 290 residenze di lusso, circa 100.000 mq di boutique di alta gamma e parcheggio. L'albergo rafforza la presenza del marchio Fairmont in California, dove già conta una collazione senza pari di sette hotel e resort. [post_title] => Il Century Plaza di Los Angeles nell'orbita Fairmont Hotels [post_date] => 2017-01-26T14:37:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1485441446000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 267667 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Eurowings ha inaugurato a inizio anno la nuova base di Salisburgo, che segue di pochi mesi il lancio di Vienna. Dalla seconda base austriaca la compagnia low cost del gruppo Lufthansa offrirà, già col primo anno di attività, 480.000 posti. Eurowings ha iniziato ad operare dall’aeroporto sul Salzach con un Airbus A320 e ha creato 35 nuovi posti di lavoro in loco. Già con l’orario estivo 2017 l’offerta da Salisburgo prevede 30 collegamenti settimanali verso 10 destinazioni fra cui Olbia (le atre nove sono: Amburgo. Düsseldorf, Colonia/Bonn, Bruxelles, Parigi, Palma di Maiorca, Split, Dubrovnik e Salonicco). I voli sono già prenotabili. «Siamo attivi già dallo scorso giugno a Vienna e adesso iniziamo ad operare da Salisburgo, prima di ampliare ulteriormente l’offerta dalla capitale austriaca - ha dichiarato Michael Knitter, amministratore delegato del vettore -. Considerati entrambi gli aeroporti, i nostri passeggeri hanno accesso a 38 destinazioni con oltre 130 voli alla settimana. Con questa operazione abbiamo creato 200 nuovi posti di lavoro in un contesto molto interessante». Eurowings ha iniziato ad operare da Vienna dal giugno 2016 con licenza austriaca con 3 Airbus A320. Nello scorso anno ha effettuato più di 3000 voli da questa base, trasportando oltre 400.000 passeggeri con un'altissima percentuale di occupazione e un’elevata puntualità. [post_title] => Eurowings apre a Salisburgo la seconda base austriaca [post_date] => 2017-01-26T14:30:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1485441026000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti