6 August 2020

Serra, Quality : “Non andrà tutto bene, ma insieme possiamo farcela”

[ 0 ]

Non usa mezzi giri di parole, il presidente di Quality Group, Michele Serra. Niente ottimismo affettato, ma la consapevolezza che se “all’inizio ho pensato di dover attraversare il deserto, ora mi rendo conto che ci siamo proprio in mezzo, mentre le risorse scarseggiano. Non andrà tutto bene, mi dispiace dirlo. L’attesa sarà ancora lunga. Dobbiamo perciò proseguire con il dialogo, perché è ciò che ci permetterà di salvarci come filiera. Siamo molto più uniti di quanto pensassimo. Siamo essenziali gli uni agli altri. Ora dobbiamo trasformare le parole in azioni e progetti concreti”.

Serra ha parlato in occasione della cerimonia online di chiusura della Quality Academy: l’iniziativa che il to torinese ha portato avanti in occasione del lockdown per 71 giornate operative, coinvolgendo oltre 6 mila agenti di viaggi, e che proseguirà anche il prossimo settembre. Un’occasione di incontro e confronto, che ha permesso a molti professionisti del settore di non sentirsi soli in un periodo tanto drammatico per l’industria dei viaggi. “Quello che stiamo vivendo è un momento storico, perché stanno cadendo gli steccati e l’impossibile diventa possibile. Ma solo se rimaniamo insieme, to e adv, per costruire un nuovo futuro. Dobbiamo sforzarci di capire dove si annidano le duplicazioni dei costi; eliminare le sovrastrutture inutili che ci portiamo dietro da sempre. All’inizio il cammino sarà di pura sopravvivenza, ma poi, sono sicuro, entreremo in un vero giardino fiorito”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353839 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2019 sarà il decimo anno consecutivo di crescita dei flussi turistici dall'Italia alla Thailandia. Non non si parla più, però, di incrementi vicini alla doppia cifra percentuale, come avveniva nel recente passato, ma di un +2% da gennaio a maggio, che a fine anno potrebbe salire fino a un +3%, per un totale di circa 290 mila arriva dalla Penisola. Lo racconta Sandro Botticelli a margine dell’evento Revolution Spring Thai, realizzato a Milano da Easy Market, in collaborazione con Amazing Thailand e Thai Airways. il marketing manager dell'ente nazionale del turismo in Italia sottolinea come a mancare all'appello in questo momento sia proprio la domanda dei to, mentre quella diretta non smette di aumentare: «Colpa della rivalutazione del baht, sicuramente, che sta rendendo la destinazione un po' meno competitiva. Così come non ci ha fatto bene l'abbandono delle rotte Air Italy verso la Thailandia dello scorso marzo». Ecco allora che l'ente sta correndo ai ripari per recuperare il terreno perduto nei confronti del trade. Il piano prevede l'organizzazione a ottobre di un mega fam trip che, allo stesso modo di quanto avvenuto due anni fa, coinvolgerà oltre 120 persone tra agenti, influencer, giornalisti e operatori di to. A settembre partirà invece una serie di attività di sales call, di visite dirette alle agenzie, con l'obiettivo di creare in quattro-cinque anni una banca dati composta da 1.000 - 1.500 adv ben formate sulla destinazione. [post_title] => La Thailandia cresce ma meno. L'ente pensa a sales call con le adv [post_date] => 2019-05-31T09:30:57+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fam-trip [1] => in-evidenza [2] => sales-call [3] => sandro-botticelli [4] => thailandia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => fam trip [1] => In evidenza [2] => sales call [3] => Sandro Botticelli [4] => thailandia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559295057000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353678 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delphina hotels & resorts,  vincitrice del premio Italia Travel Awards 2019 e presente in Gallura con 12 hotel 4 e 5 stelle, due residence esclusivi, sei spa e 23 ville, si prepara ad entrare nel clou della stagione estiva. Libero Muntoni, responsabile comunicazione e marketing di Delphina hotels & resorts, dichiara: «Per il momento siamo soddisfatti, ma ancora non possiamo fare un bilancio definitivo. Stiamo riscontrando un incremento degli ospiti provenienti dal Nord Europa, a discapito forse di clienti francesi. Abbiamo visto anche un aumento delle giovani coppie in cerca di hotel romantici». Ottimo successo per i pacchetti con il viaggio in nave o in aereo e per le escursioni alla scoperta delle autenticità del territorio. Il benessere degli ospiti e dell’ambiente rimane una prerogativa grazie ai centri specializzati nella talassoterapia e all’utilizzo in tutte le strutture di energia certificata 100% verde proveniente da fonti rinnovabili.   [post_title] => Ottimo inizio di stagione per Delphina hotels & resorts [post_date] => 2019-05-30T08:00:03+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559203203000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353582 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Produzioni, tradizioni e genuinità si incontrano al Vallebio Festival, che si terrà nei giorni 1 e 2 giugno a Varese Ligure, nel cuore del Biodistretto della Val di Vara La Valle del biologico. Una due giorni che lascia spazio agli stand degli espositori-produttori, lungo le vie centrali del paese che si stringono intorno al maestoso castello dei Fieschi, teatro di diversi appuntamenti. Previsti numerosi laboratori per adulti e bambini grazie ai quali confrontarsi e magari cimentarsi direttamente nelle  attività agricole o di trasformazione, come ad esempio occuparsi della semina o  fare il formaggio. Sabato sera è all'insegna della risata tutta ligure, con il cabaret nel Borgo Rotondo  di Enrique Balbontin e Andrea Ceccon. Per l'assessore all'agricoltura Stefano Mai : «Il biologico rappresenta  una delle eccellenze liguri che dobbiamo sostenere e promuovere. – dice – Iniziative di questo genere  contribuiscono a rilanciare il sistema dell'agricoltura ligure, composto  da molti piccoli produttori che possono garantire un livello di qualità altissimo, ma che hanno bisogno di fare filiera. Ciò vale anche per le produzioni biologiche».  L’assessore al turismo Gianni Berrino ha posto l’accento sull’importanza dell’attività biologica anche sul versante turistico: «Quella del Festival è un’idea magnifica, perché il biologico, specie nella sua terra naturale, assume una valenza importante dal punto di vista territoriale e turistico». Simone Sivori, vicepresidente del Biodistretto e sindaco di Zignago, uno dei sette Comuni del Distretto, puntualizza: «L'evento racchiude l'anima di sette Comuni, uniti dalla bellezza di territorio ed ambiente e dimostra le loro grandi potenzialità, che è importante possano  contare su infrastrutture adeguate, indispensabili anche per un  rilancio turistico della zona».       [post_title] => Liguria, 1-2 giugno Vallebio Festival per incentivare l'attività turistica [post_date] => 2019-05-29T12:42:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559133762000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353613 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_353614" align="alignright" width="300"] [/caption] Aer Lingus e Unicef Irlanda festeggiano 22 anni di collaborazione e il traguardo di quasi 22 milioni di euro raccolti grazie alle donazioni dei passeggeri e del personale di Aer Lingus. Il denaro è stato raccolto a bordo attraverso l'iniziativa 'Change for Good', che ha collezionato su tutti i voli a lungo raggio di Aer Lingus le banconote e le monete di valuta straniera indesiderate per sostenere la missione globale di Unicef di aiutare bambini in oltre 190 paesi e territori tra i più poveri del mondo. Attraverso le raccolte di 'Change for Good', solo nel 2018 sono stati raccolti quasi 1 milione di euro. Durante l'anno, sono state attivate quattro raccolte fondi speciali per appelli di emergenza umanitaria per i rifugiati Rohingya, per l'India, e per le crisi nello Yemen e in Siria. Nell'ambito della collaborazione in essere, il personale di cabina di Aer Lingus è impegnato anche in attività di volontariato in alcuni importanti viaggi di Unicef. All'inizio di quest'anno alcuni membri del personale di cabina di Aer Lingus e ambasciatori Unicef per 'Change for Good' hanno visitato la Sierra Leone e in marzo 2018, quattro ambasciatori si sono recati in India per vedere i programmi Unicef in azione. «Siamo estremamente orgogliosi della nostra attività con Unicef e -  commenta Nuala Byrne, membro del personale di cabina di Aer Lingus e ambasciatrice Unicef - a nome del personale di cabina di Aer Lingus e degli Ambasciatori Goodwill di Unicef, vorrei ringraziare ogni singolo passeggero Aer Lingus che ha donato a bordo. Il denaro raccolto in tutto il mondo grazie a 'Change for Good' sta contribuendo a portare un effettivo cambiamento nella vita dei bambini più poveri del mondo, e per questo per tutto il 2019 incoraggeremo i viaggiatori che volano con noi a continuare ad essere generosi».     [post_title] => Aer Lingus e Unicef: raccolti 22 milioni di euro in 22 anni con "Change for Good" [post_date] => 2019-05-29T11:33:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559129618000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Segno positivo per gli arrivi internazionali in Turchia nel primo trimestre 2019. Ottima, in particolare la performance dei flussi provenienti dall'Italia che con un totale di 58.814 arrivi, hanno fatto segnare un incremento del +17,94% rispetto allo stesso periodo del 2018. A livello internazionale i turisti tra gennaio e marzo 2019 sono stati 5.442.092, +6,12% rispetto allo stesso periodo del 2018. I flussi più importanti provengono, in ordine, dalla Bulgaria (482.712), Iran (447.103), Germania (427.424), Georgia (371.111) e Russia (318.714). «L’Italia continua a far registrare una crescita costante – afferma Serra Aytun Roncaglia, direttrice dell’ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Roma – a conferma del profondo legame tra i due Paesi del Mediterraneo». I turisti italiani che si recano in Turchia sono attratti principalmente dalla ricchezza del patrimonio storico ed artistico del Paese, oltre che dalla ricca offerta balneare che annovera numerose località di grande importanza naturalistica e turistica distribuite lungo i 8.333 km di costa. Istanbul si conferma quale principale punto di accesso al Paese (+56,40%): da ricordare che solo lo scorso ottobre è stato inaugurato il nuovo Istanbul Airport, completamente operativo da aprile 2019, che, nel prossimo decennio, prevede di diventare il più grande al mondo, con una capacità stimata di 150-200 milioni di passeggeri. [post_title] => Turchia: gli arrivi italiani nel primo trimestre aumentano del 17% [post_date] => 2019-05-29T09:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559123209000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353462 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_353507" align="alignleft" width="300"] Roxana Ilie[/caption] Evolution Travel continua a espandersi, all’insegna delle proposte di viaggio contraddistinte dalla qualità, e accoglie due nuovi portali tematici dedicati a una meta molto amata come la Giordania e alle proposte su scala mondiale dei viaggi in treno. Le due new entry sono nate in linea con la filosofia aziendale di Evolution Travel, contraddistinta dalla preparazione e dall’elevata professionalità dei promotori tour operator e riferimento prodotto, responsabili della costruzione delle idee di viaggio e dell’accurata personalizzazione di itinerari particolari come quelli caratteristici di questi due nuovi portali. «Siamo molto soddisfatti di queste due novità: la Giordania è una meta che già faceva registrare numerose richieste e ci aspettiamo, come già le previsioni prospettano, ottimi risultati - commenta Alessandra Pressato, responsabile programmazione prodotti Evolution Travel -. I viaggi in treno rappresentano una nicchia in forte crescita e la decisione di creare un portale ad hoc è ancora una volta espressione della capacità di visione e di interpretazione lungimirante dei trend di viaggio da parte di Evolution Travel». La selezione di proposte riguardanti la Giordania spazia dai classici pacchetti composti di volo e soggiorno ai tour individuali che richiedono una creazione dell’itinerario tailor made, studiato con un approccio consulenziale sulla base delle precise esigenze del cliente. Al fine di soddisfare al meglio le necessità dei viaggiatori, la programmazione contempla differenti opzioni relative ai collegamenti aerei con partenze dirette da Milano, Roma, Bergamo e Bologna e la possibilità di volare, effettuando uno scalo, da numerosi aeroporti nazionali. Molto flessibile anche la durata dei soggiorni con permanenze che partono da quattro pernottamenti e l’opportunità di utilizzare unicamente giorni infrasettimanali. «Conosciamo molto bene questa meta che abbiamo avuto modo di mappare di persona scoprendone le meraviglie e gli aspetti meno noti ma fondamentali per fare la differenza in un viaggio - commentano Loris Zucchetti, promotore tour operator, e Federica Biondi, promotore riferimento prodotto Evolution Travel -. Gli strumenti tecnici che caratterizzano il modello di business di Evolution Travel ci hanno permesso di dare vita a questo portale e di valorizzare al meglio il nostro lavoro dedicato alla programmazione, facendoci conoscere online e anche presso le adv che hanno interesse a proporre ai loro clienti itinerari particolari e idee di viaggio tailor made. Il traffico registrato in queste prime settimane di vita è molto elevato e il numero di richieste in costante crescita». All’insegna della particolarità e della varietà la programmazione del portale “Viaggi in treno”, tendenza travel in fortissima ascesa che accomuna un numero sempre più nutrito di appassionati. Questo modo di viaggiare, infatti, non è scelto unicamente da chi non ama l’aereo, ma da chi predilige scoprire un territorio in prospettiva slow, osservandolo con attenzione, in modalità panoramica, dal finestrino. «Questo tema di viaggio mi appassiona personalmente e per questo ho deciso di mettere la mia esperienza in ambito turistico al servizio di una precisa specializzazione. Plus di questo portale è la sua unicità: il tema dei viaggi in treno si sta affermando sempre di più, ma non ci sono operatori monotematici che, come noi, offrano tutte le combinazioni – solo treno, volo e treno, treno e hotel oppure volo, treno e nave – e a pochi giorni dalla messa online del portale abbiamo già venduto differenti proposte incentrate soprattutto sull’Europa - commenta Roxana Ilie, promotore di riferimento prodotto Evolution Travel -. Il target che ama questo genere di viaggi è molto interessante: non ha preclusioni legate alla stagionalità e ha un buon potere di acquisto. E molto nutrito è, infatti, il numero di richieste per viaggi particolari e costosi come quelli a bordo di treni di lusso come l’Eastern & Oriental Express che attraversa Singapore, Malesia e Thailandia. L’offerta tuttavia è variegata e trasversale e coglie il desiderio di arrivare in luoghi lontani dal turismo di massa».           [post_title] => Evolution Travel lancia due nuovi portali su Giordania e viaggi in treno [post_date] => 2019-05-28T12:20:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559046023000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353259 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates SkyCargo, la divisione merci di Emirates, è tornata nuovamente al vertice del settore del traporto aereo, imponendosi come leader globale, vincendo due riconoscimenti ai "Quality Award Italy 2019", la manifestazione in cui gli agenti Iata, associati Anama, premiano le migliori compagnie aeree. L'evento si è tenuto presso l’"Alcatraz" di Milano, a cui hanno partecipato 500 leader del settore aereo, compagnie aeree e ospiti. Emirates SkyCargo è stata nominata come best carrier in due categorie: “Flown as Booked” e “Customer Satisfaction”. «Questo è il risultato di un ottimo lavoro di squadra - spiega Danilo Bonfanti, cargo manager Italia di Emirates SkyCargo -  e sono fiero che il duro lavoro e l’eccellente servizio fornito ai nostri clienti sia stato riconosciuto e apprezzato dall’industria del settore. Vorrei dire un grande ‘grazie’ a tutto il team per incoraggiarlo a continuare a lavorare sodo e aiutarsi l’uno con l’altro per mantenere la brillante reputazione di Emirates SkyCargo nell’industria italiana del trasporto merci: è questo l’atteggiamento che ci ha aiutato a mantenere la pole position nonostante le sfide e le difficoltà del settore». Emirates SkyCargo è il più grande operatore di trasporto merci internazionale nel mondo. Oltre alla capacità di carico offerta sui voli per passeggeri di Emirates, offre ulteriore capacità sui suoi velivoli dedicati al trasporto merci.       [post_title] => Emirates SkyCargo, per la divisione merci due premi ai Quality Award Italy [post_date] => 2019-05-27T16:45:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558975530000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353411 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ostello Bello organizza per la prima volta un viaggio, accompagnando due gruppi di partecipanti alla scoperta della sua seconda casa: il Myanmar. Dodici giorni in giro tra i luoghi, le persone e i sapori di questa terra dove la catena di ostelli milanese è presente con quattro strutture. Il viaggio toccherà Yangon, Mandalay, Bagan e Inle Lake, usando come base le case di Ostello Bello e dando la possibilità di vivere la filosofia di viaggio di Ostello insieme ai ragazzi dello staff. Due i periodi di viaggio, dal 25 luglio all’6 agosto il primo e dall’8 al 20 agosto il secondo, a un prezzo più che competitivo (699 euro escluso i voli), che comprende spostamenti interni e soggiorni, drink in omaggio, tasse, cibo, escursioni e intrattenimenti. Il ritrovo sarà alla Shwedagon Pagoda di Yangon, dove il gruppo si formerà, per poi spostarsi a Mandalay, capitale commerciale del Paese e città ricca di spiritualità. Dopo alcuni giorni, si ripartirà alla volta di Bagan con la sua leggendaria Valle dei templi per completare il viaggio nell’incantevole area di Inle Lake, dove assaporare a pieno la vita quotidiana, i rituali e le tradizioni del popolo del Myanmar. Ai partecipanti sarà data l’opportunità di vivere alcune esperienze assolutamente uniche, possibili grazie alla profonda conoscenza del Paese di chi lavora negli Ostelli del Myanmar ormai da anni. «La filosofia di viaggio di Ostello Bello - commenta  Carlo dalla Chiesa, a.d. di Ostello Bello - è diversa da quella dei tour organizzati e delle vacanze-safari: questa nuova serie di viaggi vuole regalare a chi la vivrà con noi non solo la conoscenza dei luoghi del Myanmar che amiamo di più, ma l’esperienza e il valore dell’essere viaggiatori, non turisti, per assaporare al meglio le bellezze e le ricchezze dei paesi che ci ospitano ed entrare davvero in contatto con persone, usanze, culture e modi di vivere». [post_title] => Ostello Bello lancia i viaggi alla scoperta del Myanmar [post_date] => 2019-05-27T15:35:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971358000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti