22 September 2019

Nel 2019 la scalata verso il Nord Italia di Fruit Viaggi

[ 0 ]

Nuovo e importante piano di investimenti per l’operatore campano Fruit Viaggi. Ci sono tutte le premesse (e i numeri, soprattutto) perchè il 2019 sia l’anno di lancio su scala nazionale del to. «Agli otto villaggi (sette in Italia, nelle regioni mare del Sud e uno a Sharm El Sheik, commercializzati in esclusiva per il mercato italiano), sul medio raggio si aggiungeranno una nuova struttura sempre in Egitto (Marsa Alam), raddoppiando l’impegno rispetto a quest’anno sia nel numero di camere che arriveranno a 160, sia per quanto riguarda il volato – racconta Cesare Landi, amministratore unico del to -. Proporremo l’Egitto più classico con il ritorno alle crociere sul Nilo, cui dedichiamo tre differenti programmi in partenza dagli aeroporti di Roma e Milano. Infine, ci apriremo ad una nuova destinazione: saremo, infatti, presenti dalla prossima primavera in Tunisia, con collegamenti charter e di linea». Alla linea più tradizionale che fa di Fruit Viaggi un nome sempre più di riferimento tra i villaggisti tricolore – il 90% del fatturato proviene dai villaggi in gestione – si affianca un nuovo format Fruit Free «per un pubblico adult only, cui proporre un soggiorno da personalizzare grazie al supporto di un pm dedicato. Non solo villaggi ma soluzioni alternative, tra cui residence in Grecia, Croazia, Turchia, Egitto, con uno sguardo sempre attento alle opportunità che si aprono in Italia, come destinazione da inserire in futuro nel ventaglio delle proposte Fruit Free». Un incremento di prodotto, supportato da tre new entry nella squadra commerciale. «Ai sei sales, si aggiungono tre risorse che copriranno in modo capillare Piemonte, Liguria e parte del Veneto». Sulla distribuzione,  si profila un trend che vede Fruit Viaggi impegnato a guadagnare posizioni di mercato verso il Nord Italia:, «ad oggi lavoriamo attivamente con circa 2 mila adv, di cui alcune fanno parte di network campani e pugliesi. Stiamo chiudendo in questi giorni un accordo con un importante network nazionale, con l’obiettivo di intercettare altre mille agenzie del Nord Italia, entro il 2019». Il processo di affiliazione del trade impegna l’operatore in una serie di eventi itineranti, Fruit Expo, che partiranno a fine gennaio dalla Campania per incontrare le agenzie del territorio.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353856 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Presidente dell’AdSP Carla Roncallo e la legale rappresentante di LSCT-Gruppo Contship Italia, Cecilia Battistello, hanno firmato l’atto che dà il via all’ampliamento del Molo Garibaldi lato est, opera prevista negli atti della concessione a LSCT sottoscritta nel 2015. Con questo atto,  AdSP  mette sostanzialmente a disposizione del concessionario  lo specchio acqueo dove verranno realizzati i lavori, ma lo stesso atto prevede anche le tempistiche conseguenti per l’effettivo avvio della gara, sulla base di un progetto esecutivo già disponibile, che ha conseguito tutte le autorizzazioni necessarie e che consentirà di realizzare questo ampliamento di importanza fondamentale per lo sviluppo delle attività terminalistiche. L’ampliamento del molo Garibaldi, unitamente al riempimento degli spazi della Marina del Canaletto, intervento sul quale da domani si inizierà a lavorare per gli approfondimenti progettuali necessari, consentirà al nostro porto di disporre di nuovi spazi, che ci permetteranno di operare circa 2,5 milioni di contenitori; in parallelo l’AdSP sta lavorando al completo riassetto dell’infrastruttura ferroviaria, grazie alla quale si riuscirà a movimentare la merce prevalentemente su ferro. «E’ un giorno importante per il nostro porto, perché conferma l’assoluto interesse da parte di un gruppo importante come Contship ad investire ingenti risorse sul nostro scalo, a dispetto di chi scommetteva sul contrario - ha dichiarato la presidente della AdSp Carla Roncallo - Gli effetti di questa conferma avranno poi riflessi positivi anche per ciò che riguarda il futuro del comparto crocieristico e del water front cittadino, visto che una volta realizzato l’ampliamento del molo Garibaldi potrà essere liberata la calata Paita e potrà quindi si potrà procedere con la realizzazione del nuovo Molo Crociere». [post_title] => La Spezia, con ampliamento Molo Garibaldi nuovi spazi per le crociere [post_date] => 2019-05-31T09:58:55+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559296735000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353800 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Franco-Olandese Air France-KLM ha celebrato, con un flash mob, insieme ai propri clienti il primo anno dall’avvio del rinnovato programma Flying Blue dedicato agli affezionati globetrotter che scelgono di volare ogni anno con le flotte Air France – KLM.  Lo spettacolare flash mob si è svolto all’aeroporto di Venezia Marco Polo Tessera con la partecipazione di 8 danzatrici trasformate in splendide farfalle blu che hanno scaldato l’atmosfera nell’area dedicata ai check-in delle due compagnie aeree, esibendosi in una magica danza che ha saputo coinvolgere tutto il pubblico presente.  Un piacevolissimo omaggio è stato consegnato a tutti i presenti: una graziosa confezione brandizzata Air France-KLM con, all’interno, due squisiti e sfiziosi macarones blu. Lo staff del gruppo, infine, ha assistito tutti i presenti, rispondendo alle curiosità e alle domande inerenti il programma Flying Blue la cui iscrizione, gratuita, consente accesso diretto a un mondo di opportunità per rendere indimenticabile qualsiasi viaggio. L’appuntamento di Venezia è stato il secondo, dopo Malpensa, di una serie di altri e coinvolgenti appuntamenti in diversi aeroporti italiani che seguiranno a breve. [post_title] => Air France, un flash mob nel primo anniversario di Flying Blue For Me [post_date] => 2019-05-31T08:45:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559292320000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353692 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Costa Crociere introduce un’ulteriore novità nella propria offerta escursioni: l’Urban Nordic Walking, una delle poche attività sportive adatta a tutti, che può essere praticata ovunque.  Fino al 29 settembre chi sceglierà una crociera di una settimana nel Mediterraneo a bordo di Costa Fascinosa potrà partecipare a 5 entusiasmanti escursioni interamente dedicate alla “camminata nordica” durante le soste nelle città di Napoli, Palermo, Ibiza, Palma di Maiorca e Barcellona, per conoscere queste incredibili destinazioni da un nuovo punto di vista. Gli ospiti a bordo di Costa Fascinosa potranno decidere di vivere la propria crociera all'insegna dell’Urban Nordic Walking, una disciplina che aiuta a ritrovare il proprio equilibrio fisico e mentale. Grazie all’assistenza del qualificato staff Costa Crociere sarà possibile acquisire in maniera graduale il corretto utilizzo dei bastoncini e dell’approccio posturale e biomeccanico della camminata, padroneggiando in poco tempo i movimenti. Ad ogni partecipante verranno forniti i bastoncini professionali, un gustoso snack e un energy drink, per vivere l’escursione al meglio. Dopo essere salpata dal porto di Savona, Costa Fascinosa raggiungerà infatti cinque destinazioni che comprendono questa speciale offerta: • Napoli – partendo dal caratteristico porto, si raggiunge Porta San Gennaro, il più antico ingresso alla città vesuviana per finire il tour nel verdeggiante Real Bosco di Capodimonte;  Palermo, percorrendo le stradine della città si entra nei meravigliosi giardini di Villa Giulia, per poi terminare l’escursione costeggiando la Cala, un arco di mare che corrisponde al porto più antico di Palermo; Ibiza – la camminata “nordica” parte lungo il lato nord del porto attraversando l’esclusiva Marina Botafoc, per raggiungere Talamanca e la sua sabbia meravigliosamente bianca. Costeggiando la spiaggia si arriva, attraverso sentieri leggermente scoscesi, a Cap Martinet da cui è possibile godere di una vista spettacolare;  Palma di Maiorca – una volta arrivati al punto di partenza, percorrendo di buon passo circa 3 chilometri per salire a 112 metri d’altitudine, si raggiungere il Castello di Bellver, uno dei maggiori esempi di architettura civile gotica di Maiorca; Barcellona – partendo dai Giardini Grec, il tour sale sulla collina di Montjuïc, che con i suoi 177 metri d'altezza svetta sulla città e offre uno stupendo panorama su Barcellona. Passando da Plaza de España, si percorrono alcuni tra i sentieri più belli della città, raggiungendo infine lo splendido Mirador del Alcalde. [post_title] => Costa Crociere rafforza l'offerta e porta a bordo l'urban walking tour [post_date] => 2019-05-30T10:25:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559211945000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353248 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Odessa è una delle mete turistiche più apprezzate in tutta l’Europa orientale e il motivo è molto semplice: la città, famosa per il clima soleggiato e le sue spiagge sabbiose che si estendono per chilometri, regala paesaggi mozzafiato con le sue numerose insenature naturali che ne fanno un luogo ideale per la villeggiatura. Ricchissima di arte e tradizioni, con i suoi lunghi viali alberati e intimi cortili, offre numerosi centri termali, alberghi lussuosi in riva al mare e rinomati ristoranti locali. Conosciuta come “la Perla del Mar Nero”, Odessa è una città cosmopolita la cui storia è fortemente legata all’Italia fin dalle sue origini: oltre a essere stata fondata nel 1794 dall’ufficiale napoletano Giuseppe de Ribas, l’intera architettura della città ucraina rappresenta un omaggio al neoclassico italiano. Nel 1834 fu proprio un architetto italiano, Francesco Carlo Boffo, a dar vita al simbolo della città: la monumentale Scalinata Potëmkin, una delle più celebri scalinate di sempre, lunga ben duecento gradini, porta di ingresso di Odessa per chi arriva dal mare. Tra le tante attrazioni in città da non perdere il magnifico Teatro dell’Opera e del Balletto che conserva il suo autentico splendore barocco, e il Museo d’Arte Occidentale e Orientale, qui è conservata una delle più belle e sorprendenti collezioni di arte straniera in Ucraina, al suo interno vi è dedicata anche una sezione all’arte italiana e vi sono esposte opere del Guercino e del Canaletto. La variegata storia di Odessa ha creato una fusione culinaria unica, in cui i cibi ebraici si mescolano alle tradizioni culinarie ucraine. Il Mercato Pryvoz è il luogo ideale per assaporare le numerose prelibatezze locali. La città vanta numerosi ristoranti rinomati che la rendono un’ottima destinazione per il turismo gastronomico. Qui troverete numerosi ristoranti raffinati, tra cui il Terrace- Sea View, ristorante con una vista mare mozzafiato, ideale per una cena di lusso. Tra le spiagge più amate dai turisti vi sono Arkadia e Lanzheron, qui si trovano anche i locali più rinomati della città e gli alberghi di lusso, come ad esempio il Frederic Koklen, uno degli hotel più antichi di Odessa, costruito nel 1852 da una delle famiglie più illustri della città: i Koklens. Durante i suoi 165 anni di storia, il Frederic Koklen ha visto molti famosi musicisti, architetti e scrittori passare attraverso le sue porte. [post_title] => Odessa: spiagge, musei ed eventi per vivere la città cosmopolita [post_date] => 2019-05-27T09:45:11+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558950311000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353077 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo guaio per I Viaggi di Atlantide. Secondo quanto affermato dal presidente di Aiav, Fulvio Avataneo, l'operatore, che attualmente gravita nella galassia Arkus, avrebbe operato senza copertura assicurativa, nella fattispecie la polizza Nobis, che sarebbe scaduta il 31 dicembre del 2018.  Se la cosa fosse accertata sarebbe senza dubbio un fatto molto grave sia per il cliente finale che per le agenzie che hanno venduto la programmazione dei I Viaggi di Atlantide. Già a fine aprile si era aperta una querelle che riguardava Arkus Network, e che la vedeva opposta a Neos, il vettore del gruppo Alpitour che aveva annunciato di non voler proseguire i servizi charter Partours. Arkus aveva reagito considerando l'azione di Neos illegittima e prospettando una decisa azione legale. In queste ore in casa Arkus sembra che l'interesse verso I Viaggi di Atlantide si sia ufficialmente raffreddato, dopo la prima timida marcia indietro dei giorni scorsi.          [post_title] => Guai per I Viaggi di Atlantide. Ha lavorato senza assicurazione? [post_date] => 2019-05-23T16:02:31+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => arkus [1] => assicurazioni [2] => i-viaggi-di-atlantide ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Arkus [1] => assicurazioni [2] => i viaggi di atlantide ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558627351000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352825 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finito l’inverno, inizia il periodo migliore dell'anno per esplorare le montagne del Principato di Andorra e scoprire i tesori naturali che esse nascondono. Questa perla dei Pirenei vanta circa 70 laghi e più di 80 vette alte oltre 2.000 metri, distribuite su tutto il territorio. La primavera e l'estate sono le stagioni migliori dell'anno per scoprire i numerosi percorsi che è possible fare sul territorio: tra questi, il suggesivo Coronallacs, un percorso escursionistico circolare che collega i quattro rifugi presenti ad Andorra. Con i suoi 92 km di paesaggi montani e panorami spettacolari suddivisi in cinque lunghe tappe, questo percorso escursionistico è stato pensato per trascorrere la notte in ognuno dei rifugi, per cui suggeriamo di non partire troppo carichi. Sant Antoni de la Grella, la Piràmide o Agulles d´Engolasters sono alcune delle aree ove poter praticare la scalata e godere di una vista mozzafiato. Inoltre, Andorra offre sei rocciodromi all’aria aperta sparsi su tutto il territorio per chi vuole esercitarsi seguendo il proprio ritmo. L’arrampicata del Roc del Quer è una delle più scoscese e suggestive poiché culmina nell'omonimo punto panoramico, da cui si possono ammirare le montagne della Vall d´Orient. Adatta sia ai bambini che agli adulti che iniziano a praticare questa disciplina, è invece l’arrampicata di Clots de l’Aspra, che raggiunge i 2.200 metri di altitudine. Scoprire il Paese in bicicletta è un'alternativa più che consigliata. Nel Principato sono presenti 21 passi di montagna segnalati, di diversi livelli di difficoltà. Alcuni di essi sono noti per essere stati tappa finale di competizioni sportive come il Tour de France o la Vuelta a España. I percorsi ciclabili della destinazione permettono di scoprire alcuni degli itinerari più rappresentativi di Andorra, in cui è presente lungo il percorso una segnaletica con informazioni dettagliate sui chilometri rimanenti per raggiungere il passo e la distanza, la difficoltà, l'altitudine attuale e finale e i dislivelli.   [post_title] => Estate ad Andorra, turismo attivo tra percorsi adrenalinici e cicloturismo [post_date] => 2019-05-22T10:05:23+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558519523000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350929 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo colpo griffato Fruit per l'estate 2019. Il tour operator inserisce infatti nella sua programmazione estate 2019 il Fruit Village Pescasseroli du Park situato tra le colline del parco nazionale d’Abruzzo. La struttura si estende su di un parco di oltre 15 mila metri quadrati, che ospitano una piscina esterna e campi sportivi polivalenti. All’interno del resort, palestra, area wellness, discoteca e spazi comuni per le attività d'intrattenimento rendono il Fruit Village la formula giusta per le famiglie. Come in ciascun resort brandizzato Fruit, molte le attività per i bambini e per i ragazzi.   Il Fruit Village Pescasseroli du Park mette a disposizione degli ospiti 80 camere, molte delle quali in grado di ospitare sino a cinque persone. La formula offerta da Fruit è quella “all inclusive”. «L’ingresso di questo resort rientra nell’ottica più ampia di uno sviluppo di prodotto anche per il periodo invernale - commenta Cesare Landi, amministratore unico Fruit -. Il Fruit Village Pescasseroli du Park sarà infatti presente anche nella nostra programmazione dopo l’estate. La posizione lo rende certamente una meta ideale e interessante per tutto il mercato del Centro-Sud Italia che desidera una vacanza in montagna durante l’estate e perfetta per lo sci durante l’inverno». [post_title] => Fruit ora cresce anche in montagna: ecco il nuovo villaggio Pescasseroli du Park [post_date] => 2019-05-09T13:11:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557407512000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Entusiasmo, sorriso e servizi di qualità. Sono queste le tre parole chiave dell'estate di Vivere Pantelleria, il tour operator incoming che ha scaldato i motori e propone una ricca programmazione alla scoperta dei caratteristici dammusi, strutture tipiche in self catering per garantire massima libertà e flessibilità di orari. «La nostra squadra di operatori è sempre pronta a soddisfare ogni richiesta, essendo formata da persone del luogo - spiega Danilo Giglio, direttore commerciale del t.o. -. I nostri due uffici sono un punto di riferimento importante per i nostri clienti, aperti tutti i giorni in orario continuato». Grande attenzione è rivolta alle agenzie di viaggio, a cui il t.o. ha dedicato un sito, il portale agenti lanciato a marzo. «Grazie a questo nuovo portale, più snello e intuitivo - continua Giglio -, ogni agenzia, provvista di codici, può accedere autonomamente alle disponibilità in tempo reale, prendere opzioni, scaricare documenti di viaggio e locandine promozionali».   Vivere Pantelleria è su Leggi qui   La programmazione Vivere Pantelleria prevede voli da tutta Italia, grazie agli accordi siglati con il vettore Volotea che rendono l'offerta particolarmente competitiva. Per l'estate 2019, si volerà da Bergano, Venezia, Verona, Torino e anche Genova, la new entry di quest'anno pensata per intercettare il mercato ligure. Riconfermati i due voli full charter dagli aeroporti di Milano MXP e Bologna, mentre con Alitalia sono disponibili collegamenti settimanali al sabato da Roma Fiumicino. Tra le novità di prodotto, i pacchetti tematici 'Pantelleria Experience', che hanno già ottenuto ottimi feedback dal mercato. "Si tratta di vere esperienze da vivere sul territorio - racconta Giglio -, ideali per arricchire il viaggio stimolando i sensi del gusto, dell'olfatto e conoscendo un po' di storia e di tradizioni abbandonate". Tra le proposte esperienziali, il contatto con gli antichi artigiani che intrecciano panieri e nasse in vimini, i percorsi di trekking immersi nella macchia mediterranea dell'isola divenuta Parco Nazionale o ancora esperienze subacquee alla scoperta dei bellissimi fondali.   [gallery link="file" columns="5" ids="349286,349285,349284,349283"] [post_title] => Con Vivere Pantelleria, un'estate straordinaria alla scoperta dell'Isola dei dammusi [post_date] => 2019-04-19T15:07:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555686431000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349206 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo cancella il termine del 30 giugno per la restituzione del prestito di 900 milioni di euro concesso ad Alitalia dopo il commissariamento. La notizia, pubblicata oggi da Il Sole 24 Ore, evidenzia che dopo tre proroghe, il governo ha abolito la scadenza che era stata fissata «non oltre il termine 30 giugno 2019», nel decreto semplificazioni del dicembre scorso. La novità è prevista nelle prime bozze del decreto legge crescita, nell’articolo 38, la norma «volta a consentire l’eventuale ingresso del Mef nel capitale sociale della Newco Nuova Alitalia». Tale norma prevede che il Mef possa usare i proventi degli interessi sul prestito, «stimati in 145 milioni», per sottoscrivere quote di capitale dell’ipotizzata «nuova Alitalia», la società che verrà costituita se avrà successo il progetto delle Ferrovie dello Stato con altri soci per comprare il vettore commissariato. Salvo modifiche nel testo finale del decreto, che sarà esaminato il 24 aprile dal Consiglio dei ministri, non c’è più una data fissa entro la quale i 900 milioni devono essere restituiti allo Stato. La bozza stabilisce che i 900 milioni del «prestito ponte» saranno restituiti al Mef «nell’ambito della procedura di ripartizione dell’attivo dell’amministrazione straordinaria a valere e nei limiti dell’attivo disponibile di Alitalia Società aerea italiana Spa in amministrazione straordinaria». Atlantia smentisce l'interesse per Alitalia Nel frattempo ieri da Atlantia, precedentemente indicata come potenzialmente interessata ad Alitalia è stato precisato che «il cda (a tal proposito, ndr) non pensa nulla, perché non ha mai affrontato questo tema». Le parole sono quelle di Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Atlantia, in risposta alle domande di alcuni azionisti su un eventuale ruolo nell'operazione di rilancio della compagnia aerea. «Ovviamente noi speriamo che Alitalia venga salvata, rilanciata e ristrutturata - ha proseguito - ma abbiamo talmente tanti fronti aperti che aprirne uno ulteriore, e non di bassa complessità, sarebbe particolarmente complesso, uno in più in questo momento non ce lo possiamo permettere». [post_title] => Alitalia: il governo cancella la scadenza del prestito da 900 milioni [post_date] => 2019-04-19T09:47:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555667221000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti