24 April 2019

Latitud Patagonia: «Destinazione che cresce a due cifre, da visitare anche nell’inverno australe»

[ 0 ]

Latitud PatagoniaIl Sudamerica di Latitud Patagonia, specialista della destinazione con proposte di tour individuali e di gruppo, ha raggiunto nel 2018 un fatturato pari a 5,5 milioni di euro (+10% sul 2017) con volumi che vedono l’Argentina al 60%, il Cile al 25% e un restante 15% rappresentato da Ecuador, Galapagos e Bolivia. 

«Ci sono ancora ampi spazi di crescita – sottolinea Francesco Vitali, titolare e responsabile prodotto del to (nella foto) – in particolare nei mesi dell’autunno e dell’inverno australe (che corrispondono alla nostra primavera/estate). E’ importante chiarire un equivoco: la Patagonia si può visitare tutto l’anno. I mesi di marzo e aprile sono per certi aspetti i migliori per visitare le bellezze della Patagonia Argentina e Cilena, l’unica cosa da avere ben chiara è che da metà marzo in avanti non troviamo più i pinguini nella zona della Penisola di Valdès, e proprio per questo suggeriamo in questi mesi un tour che si chiama Cascate e Ghiacciai, che in 12 giorni visita Buenos Aires (la capitale), Ushuaia (la città più australe del mondo), El Calafate (capitale dei ghiacciai argentini dove si trova il celebre Perito Moreno) e le cascate di Iguazù (una delle sette meraviglie naturali del pianeta).Questo stesso itinerario lo proponiamo con partenze a date fisse e posti in allotment anche nel mese di agosto. E poi c’è il Noa (acronimo di Nor Oeste Argentino) la vasta zona che occupa il territorio nord ovest del Paese, al confine con il Cile e la Bolivia. Qui, nella zona di Salta, addirittura la nostra estate è certamente il periodo migliore dell’anno, essendo la stagione secca si può godere al meglio dei magnifici panorami offerti da questa zona, che non esito a definire persino più sorprendente della Patagonia»

In quest’ottica Latitud promuoverà due itinerari con partenza il 3, 10 e 17 agosto. Il primo è il tour Cascate e Ghiacciai, incentrato sulla Patagonia e comprensivo delle Cascate di Iguazù, con possibile estensione a Salta. L’altro, al contrario è dedicato soprattutto al Nord dell’Argentina, si chiama Panorami Argentini, ed in 10 giorni prevede (oltre alle due giornate dedicate a Buenos Aires) la visita delle località di Cachi, Molinos, la Quebrada de las Flechas, Cafayte, Salinas Grandes, Purmamarca e la Quebrada di Humahuaca.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti