20 June 2019

Il marchio Valtur passa nelle mani di Nicolaus

[ 0 ]

Secondo quanto riportato pochi minuti fa dal Sole 24Ore, l’asta per l’assegnazione del marchio Valtur si è conclusa con l’attribuzione del brand a Nicolaus. L’operatore pugliese ha infatti sbaragliato i due concorrenti, gruppo Alpitour e Bluserena, con un’offerta superiore al doppio del minimo stabilito come base d’asta.  Il perfezionamento dell’operazione dovrebbe avvenire entro 20 giorni. Luigi Brianzi, funzionario di Filcams Cgil, aveva già ribadito in mattinata la volontà di richiedere subito un incontro al Mise con l’operatore assegnatario del marchio per tentare di salvaguardare i livelli occupazionali degli ex dipendenti. 

La notizia è stata confermata da Nicolaus stesso, che per bocca dell’amministratore delegato Giuseppe Pagliara ha commentato: «Siamo molto soddisfatti dell’esito dell’operazione appena conclusa che rientra perfettamente nelle opzioni contemplate dal piano di sviluppo approvato dal board. Nicolaus è un’azienda solida, che genera cash flow, con importanti riserve di capitale e con una posizione finanziaria netta, snella ai livelli delle migliori performance del passato del turismo e con una capacità di accesso al mercato dei capitali fino a ora marginalmente sfruttata. L’acquisizione vedrà la convivenza dei brand Nicolaus e Valtur nell’ottica di una segmentazione del mercato strategica all’interazione con i differenti target su cui abbiamo deciso di puntare».  Nicolaus  commercializza 30 strutture in esclusiva (24 in Italia, cinque in Grecia e una in Spagna), dando lavoro a 120 persone. Il gruppo ha chiuso il 2017 con 80 milioni di euro di fatturato, segnando una crescita del 20% rispetto al 2016 e un Ebtda del 5,5%. I conti economici mostrano una situazione finanziaria caratterizzata da una grande stabilità che ha costituito la base della messa a punto di un piano industriale di forte sviluppo per il triennio 2019-2021. Attualmente non è prevista l’acquisizione di ulteriori asset come indicato nella procedura finanziaria.

 

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353902 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiusura di bilancio superiore alle attese e nuovi investimenti per Robintur Travel Group: la redditività generata nel 2018 dal gruppo ha permesso di trasferire circa 2 milioni di euro di risparmi ai consumatori e ai soci Coop e determinato un risultato netto di oltre un milione di euro, superiore agli obiettivi, dopo aver erogato Il premio di risultato ai 380 dipendenti del gruppo. Il gruppo turistico di proprietà di Coop Alleanza 3.0, con le insegne Robintur e Viaggi Coop, detiene la più grande rete italiana di agenzie di viaggio dirette. Nel 2018 ha generato un volume d’affari diretto di 265 milioni di euro, in crescita di 15 milioni sul 2017, e di oltre 500 milioni di volume d’affari indiretto, attraverso la rete integrata di 300 agenzie in tutta Italia. Forte di questi risultati, Robintur Travel Group prosegue lo sviluppo e ha appena acquisito una delle agenzie di viaggi più grandi dell’Emilia-Romagna: la Cherry for Fun di Vignola, nel Modenese, con un volume di affari di circa 6 milioni di euro. «I risultati di bilancio sono andati oltre le attese anche grazie all’importante contributo della nostra rete affiliata, e ci danno ulteriore spinta – sottolinea il presidente di Robintur Travel Group, Stefano Dall’Ara - Proseguiamo una strategia di crescita con acquisizioni mirate di realtà con competenze elevate e alta qualità dei servizi, condizioni fondamentali per competere nel mercato turistico di oggi». «Puntare al rilancio ed allo sviluppo della rete diretta si è dimostrata una strategia vincente e distintiva, efficace e sostenibile – aggiunge il direttore generale di Robintur Travel Group, Claudio Passuti –. Ora acceleriamo la fase di espansione, con acquisizioni coerenti e mirate, per arrivare a una copertura territoriale più completa, soprattutto nelle aree, come Vignola, dove i punti vendita Coop e i suoi soci sono più presenti». La Cherry for Fun si rivolge a un bacino di circa 60 mila abitanti nella cittadina emiliana e nei comuni limitrofi, 20 mila dei quali sono soci Coop; a questi ultimi Robintur Travel Group offre promozioni, sconti, cataloghi e prodotti esclusivi a proprio marchio. Da pochi giorni, il Gruppo ha aperto inoltre la nuova agenzia di Firenze Coverciano, e a dicembre aveva inaugurato la prima Viaggi Coop della Lombardia, a Brescia. Oltre che nel segmento leisure, Robintur Travel Group è attivo con volumi importanti anche nel turismo organizzato e nel business travel con la società BTExpert. Nel nuovo Piano poliennale 2019-2022, in elaborazione, Robintur Travel group punta a una collaborazione ancora più stretta con il mondo Coop ed all’ampliamento della rete. [post_title] => Robintur: bilancio oltre le apettative. Acquisita l'adv Cherry for Fun di Vignola [post_date] => 2019-05-31T14:35:51+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( [0] => coop [1] => coop-viaggi [2] => robintour ) [post_tag_name] => Array ( [0] => coop [1] => coop viaggi [2] => robintour ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559313351000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353854 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Msc Opera dice addio ai Caraibi e torna a navigare nel Mare Nostrum con due suggestivi itinerari. Si tratta di un riposizionamento, questo di Msc Opera, fortemente auspicato dagli agenti di viaggio, per via del successo riscosso negli scorsi anni dalle tratte invernali nel Mediterraneo. L’offerta invernale si amplierà infatti con due long cruises di 12 giorni a bordo di Msc Opera con partenza da Genova e Civitavecchia. Il primo itinerario toccherà Spagna con Malaga e le Isole Canarie, Portogallo con Funchal, il Marocco con Tangeri, la città bianca, e infine la Tunisia con Cartagine, prima di fare di nuovo rotta verso l’Italia. Il secondo ha come protagonisti i paesi del Mediterraneo Orientale, scoprendo i mari più belli e le culture di alcune delle più antiche civiltà di tutto il mondo. Si parte anche in questo caso da Genova e Civitavecchia e si naviga verso Katakolon nel Peloponneso, punto di partenza ideale dove poter esplorare la città di Olimpia. A seguire si raggiunge Creta, la più grande isola greca, per poi approdare ad Haifa ed immergersi nella cultura israeliana. L’itinerario continua poi con tappe a Cipro e a Rodi, prima di tornare in Italia, nella città di Messina e arrivare infine nei porti di Civitavecchia e Genova. In occasione di Natale e Capodanno verrà inoltre aggiunta una crociera di 13 giorni che si fermerà eccezionalmente due intere giornate in Israele, con visita in Terra Santa. Msc Crociere, infatti, propone un tour nei luoghi descritti nella Bibbia. Si potranno visitare città dal fascino unico come Betlemme, Nazareth, Cana o la stessa Gerusalemme.   [post_title] => Msc Opera torna nel Mediterraneo dal prossimo inverno [post_date] => 2019-05-31T10:41:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559299267000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353739 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il marchio W di Marriott International debutta in italia con l'hotel W Rome. Il progetto vede protagonista Eclettico, il brand del gruppo Lombardini22 dedicato alla progettazione nel settore dell’hospitality e del residenziale di lusso. Eclettico si sta occupando della progettazione architettonica e restauro dell’edificio e della gestione della documentazione nel rispetto degli standard della catena alberghiera. Inoltre è responsabile della progettazione impiantistica, acustica e site supervision. L’interior design sarà firmato dallo studio newyorchese Meyer Davis. L’hotel, nei pressi di via Veneto, si svilupperà su due edifici di pregio architettonico risalenti al XIX secolo. I due edifici, di 6 piani fuori terra, saranno uniti attraverso un corpo centrale adibito a nuova reception. L’hotel ospiterà 159 camere e suites. Grande importanza verrà data agli spazi per la socialità: W Living Room, Lobby, due ristoranti e più di 120 metri quadri di spazio eventi, oltre a palestra, la spa e l'esclusivo roof top bar sulle terrazze all’ultimo piano. Work in progress e per l’estate 2019 sarà finalizzata la MockUp Room, la camera campione. Gli hotel a marchio W nel mondo sono più di 50 e diventeranno 75 entro il 2020. W continua a crescere in Europa dove gestisce attualmente proprietà ad Amsterdam, Barcellona, Londra, Parigi, Verbier, San Pietroburgo, in Algarve, e ancora Madrid, Ibiza, Praga e Budapest nei prossimi mesi. Oltre a Roma, il 2021 vedrà il debutto di W Hotels anche a Marbella ed Edimburgo. [post_title] => Debutta in Italia il marchio W di Marriott International [post_date] => 2019-05-30T14:42:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227335000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353679 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutti gli indicatori lo confermano: gli italiani sono sempre più affezionati ai loro amici a 4 zampe. Secondo l’indagine Eurispes 2019 un terzo della popolazione vive con almeno un animale domestico, tendenzialmente cani e di gatti, e il 76,8% dei proprietari li considera a tutti gli effetti membri della famiglia. Un legame affettivo sempre più diffuso, che trova riscontro anche in ambito turistico. Sono infatti 7 milioni i “pet” che viaggiano ogni anno con la famiglia con cui vivono, afferma il rapporto Assalco del 2018, e quasi la metà dei proprietari (il 46%) ammette di scegliere destinazioni che siano pet welcoming. Non è un caso che questa tendenza abbia un impatto significativo anche sul numero di strutture ricettive che ospitano gli animali domestici, in crescita addirittura del 90% in alcune località della Riviera Romagnola. Da quest’anno Cervia, con Milano Marittima e tutto il territorio comunale, può dirsi ufficialmente Comune Pet Friendly. Il Comune di Cervia, Inodorina e Confesercenti hanno unito le forze per rendere il territorio sempre più accogliente nei confronti di cittadini e turisti proprietari di animali. Negozi, bar e ristoranti, spiagge e hotel del territorio sono infatti sempre più attrezzati per ospitare gli amici a 4 zampe, anche grazie al contributo di Confesercenti e Pet Village, azienda ravennate proprietaria del brand Inodorina. Se l’associazione ha raccolto la disponibilità di pubblici esercizi e strutture ricettive, Inodorina ha investito in interventi per rendere l’intera località turistica pet friendly. Tra le facilitazioni messe in campo figurano i dispenser con sacchetti igienici dislocati sul lungomare e in centro, importanti interventi di sostegno al canile cittadino e il miglioramento delle aree di sgambamento presenti sul territorio. Le attività commerciali che aderiscono al progetto “Cervia Milano Marittima Pet Friendly con Inodorina” partecipano alla realizzazione del programma distribuendo a cittadini e turisti materiali promozionali e di supporto all’iniziativa, tra cui un kit di benvenuto per gli animali. Sul fronte comunicazione sono previsti sito web e pagine social dedicati, su cui sarà possibile restare aggiornati sulle tante iniziative in programma durante la stagione estiva, come le sfilate amatoriali per gli amici a 4 zampe e l’organizzazione di spazi di accoglienza pet friendly in occasione di eventi già inseriti in calendario. [post_title] => Cervia e Milano Marittima: due località balneari amiche degli animali [post_date] => 2019-05-30T12:12:04+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559218324000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353717 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gastaldi in formato famiglia . Da New York ai Caraibi:  si parte dall’Italia con volo di linea, poi una volta atterrati, un autista accompagna tutta la famiglia al Riu Plaza di Manhattan. Tra i plus inclusi, la visita degli highlights con il minitour Per mano a New York, che accompagna i viaggiatori nei cinque distretti della città con guida parlante in italiano. Dopo sei giorni si parte per un soggiorno al Beaches Turks & Caicos Resort Village & Spa, sulla spiaggia di Grace Bay, nominata più volte “più bella del mondo” ai Trip Advisor Travellers’ Choice. Un immenso parco acquatico, cinque villaggi, una spiaggia di 12 miglia, 1o piscine di cui due per i bambini, 22 ristoranti gourmet per scegliere ogni sera una cucina diversa, infinite attività divertenti per tutti, dai bambini ai ragazzi adolescenti – come le classi di yoga sulla spiaggia e la spa per il benessere dei più piccoli e agli adulti, poi le cene private a lume di candela sulla spiaggia e fino a due immersioni al giorno per i diver certificati. [post_title] => Vacanza in famiglia con Gastaldi e Beaches Resorts [post_date] => 2019-05-30T11:20:10+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559215210000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353710 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair finisce nuovamente nel mirino di Federconsumatori per le "continue modifiche su tariffe e regole per i bagagli a mano". Secondo l'associazione la low cost "persevera in una condotta poco trasparente e che genera confusione nei consumatori". Con la tariffa “basic” il passeggero può portare in cabina SOLO una piccola borsa personale, delle dimensioni massime di 40x20x25 cm. Per aggiungere, al momento della prenotazione, l’opzione che include un secondo bagaglio a mano (dimensioni massime 55x40x20 cm, peso fino a 10 kg) e l’imbarco prioritario il costo varia da 6 a 12 €. "Al momento della prenotazione - ricorda una nota Federconsumatori - il consumatore deve, per poter portare a bordo il secondo bagaglio, acquistare anche l’imbarco prioritario, poiché non esiste un’opzione che consenta di aggiungere al biglietto SOLO il bagaglio a mano e che assicuri al passeggero di avere lo spazio necessario a posizionare la valigia in cabina. La compagnia obbliga così i viaggiatori a pagare per entrambi i servizi (imbarco prioritario e secondo bagaglio a mano)". Nel caso in cui il biglietto non includa l’opzione “secondo bagaglio” e il passeggero voglia acquistarla direttamente in aeroporto, il prezzo arriva a 20 euro per l’acquisto al banco deposito bagagli e addirittura a 25 euro per l’acquisto al gate di imbarco. "Ricordiamo - conclude la nota - che Ryanair e Wizzair sono state sanzionate dall’Antitrust proprio in merito alla policy sui bagagli (anche se il provvedimento dell’Agcm è stato sospeso da parte del TAar del Lazio) e che comunque è da tempo che la compagnia mette in atto comportamenti a dir poco equivoci: si tratta di una condotta che, non ci stanchiamo di ribadirlo, non solo genera confusione ma che di fatto impedisce la concreta e reale comparabilità con le tariffe applicate dagli altri vettori. Il comportamento di Ryanair, oltre a provocare un continuo aumento dei costi, è un vero e proprio affronto al diritto degli utenti alla trasparenza e alla completezza delle informazioni". [post_title] => Ryanair nel mirino di Federconsumatori per le modifiche alla normativa bagagli [post_date] => 2019-05-30T10:53:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559213598000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353700 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sas ha ceduto la propria partecipazione in Air Greenland al governo della Groenlandia. Un'operazione del valore di circa 41,3 milioni di dollari che ha posto fine ad un'intesa che risale agli anni Sessanta e che vedeva la compagnia aerea scandinava proprietaria del 37,5% del capitale di Air Greenland. Un'altra quota del 37,5% apparteneva già al governo della Groenlandia che ora raggiunge quasi l'80% e di fatto controlla la compagnia aerea (il restante 20% è tuttora nelle mani del Governo di Danimarca). Il network di Air Greenland copre tutte le destinazioni domestiche oltre ad alcune rotte internazionali verso Danimarca e Islanda. [post_title] => Sas cede la partecipazione in Air Greenland al governo della Groenlandia [post_date] => 2019-05-30T10:21:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559211705000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353658 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grande attenzione per l’intervento del presidente di Nicolaus Roberto Pagliara da parte della platea di 5000 persone raccolta nella Keynote Room, arena principale di Salesforce Basecamp Milan, evento, che ha avuto luogo al Mico Centro Congressi, dedicato agli ultimi trend in fatto di business technology e innovazione, organizzato da Salesforce, piattaforma leader mondiale per la gestione del crm. «Passare, nell’arco di due anni, dall’essere parte del pubblico a salire sul palco principale di un evento come il chapter italiano di Salesforce Basecamp - commenta Roberto Pagliara, presidente Nicolaus - è motivo per tutta l’azienda di grande orgoglio. Essere stati scelti è un importante riconoscimento dello sforzo che, pionieristicamente nell’ambito panorama turistico italiano, abbiamo intrapreso per modificare integralmente il nostro modo di rapportarci al lavoro attraverso la digitalizzazione. Questo cambiamento ci ha permesso di essere al passo con i ritmi serrati dell’Industria 4.0, costruendo un ponte verso il tour operating del futuro attraverso esperienze sempre più interconnesse e l’implementazione di nuove competenze che ci permettono di avere una nuova visione del business al servizio della distribuzione e dei clienti finali. Grazie a questo, su entrambi i fronti, siamo in grado di costruire le esperienze uniche, personalizzate e veloci che adv e clienti si aspettano. Per stare sul mercato oggi non si può più prescindere dall’integrare con rapidità e precisione processi data driven nelle strategie di business abituali: è fondamentale per comprendere gli scenari in continuo cambiamento ed essere in grado di rispondere in tempo reale. E noi, con grande soddisfazione di tutta le persone che lavorano con noi, lo stiamo facendo».           [post_title] => Nicolaus racconta la rivoluzione digitale al Salesforce Basecamp Milan [post_date] => 2019-05-30T08:33:56+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559205236000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Raffles Hotels & Resorts annunicia l'apertura di due importanti nuovi hotel, Raffles Shenzhen e Raffles Maldive Meradhoo. Le strutture hanno aperto le proprie porte all'inizio di maggio ed è già possibile effettuare prenotazioni sul sito web del marchio: raffles.com. Un paradiso per i reali, le stelle del cinema, gli scrittori e gli artisti, gli hotel e i resort Raffles sono stati teatro di molti eventi culturali e aneddoti straordinari. «La collezione Raffles comprende ora 14 proprietà in 12 paesi, con una lista attentamente curata di indirizzi distinti nei principali mercati di tutto il mondo - ha dichiarato Chris Cahill, deputy ceo Accor - Con una storia lunga più di 130 anni, Raffles sta vivendo un momento di rinascita, con una pipeline di progetti robusta che vedrà il portfolio aggiungere altri 8-10 hotel nei prossimi anni». Il Raffles Shenzhen presenterà il massimo del lusso e del servizio su misura a Shenzhen con un totale di 168 camere spaziose e residence serviti direttamente dall’hotel. Nel sud dell'arcipelago delle Maldive, il  Raffles Maldives Meradho permette invece di evadere dalla vita di tutti i giorni in un posto lontano dal mondo. Circondato dalle acque cristalline dell'Oceano Indiano la struttura comprende 21 ville sulla spiaggia e 16 ville sull'acqua. Gli ospiti dopo un volo interno, vengono trasportati in motoscafo nell'oasi privata di Meradhoo, dove ricevono le attenzioni dei maggiordomi Raffles, insieme a un servizio esclusivo sulla spiaggia,  un club per bambini e chef privati.   [post_title] => Raffles Hotels: due nuove strutture in Cina e alle Maldive [post_date] => 2019-05-28T15:20:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559056808000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti