16 December 2017

Gilardi, Condor : «Non si può restare ancorati al lungo raggio»

[ 0 ]

Andrea Gilardi

Ventata di aria nuova in casa Condor, con l’arrivo di Andrea Gilardi, nome noto nel tour operating italiano con un passato nel gruppo Alpitour, in Veratour e alla direzione commerciale di Air Italy. I progetti del direttore generale di fresca nomina, vedono in primis lo sviluppo di una nuova strategia da condividere con un panel di adv più ampio dell’attuale, cercando di creare un modello di vendita, sempre e rigorosamente b2b, presidiandoo diverse aree geografiche. «La nostra intenzione è quella di orientarci verso un nuovo equilibrio percentuale tra i prodotti che abbiamo in programmazione – spiega Gilardi – cercando di soddisfare un maggior numero di agenzie con cui intendiamo lavorare. Dobbiamo presidiare il territorio in maniera più capillare». Con queste premesse Gilardi, il 2 ottobre, ha assunto la direzione generale di Condor, dettando una linea di condotta che vedrà i primi frutti con la programmazione estiva 2018, per aumentare il fatturato attualmente a 16 milioni. Andrea Gilardi collaborerà con Corrado Munarin, attuale strategy manager, che resterà in azienda sino a fine anno, per dare vita ad un passaggio di consegne “soft” prima di andare in pensione.
«Nel frattempo, prima di concretizzare tutte le nuove idee, sto esplorando con colloqui mirati i reparti e i miei nuovi colleghi. Sarà mio compito approfondire la conoscenza dell’azienda per capire se, e dove, esistano aree da migliorare, rivoluzionare, integrare, insomma modificare per ottimizzare la gestione, al di là del mero prodotto, soprattutto per i rapporti con le agenzie che vanno ampliati».
Prodotto, appunto: «Condor è caratterizzato da una forte presenza sul lungo raggio, nella fattispecie Africa (Kenya e Zanzibar) e Caraibi (Cuba, Messico, Repubblica Domincana e un po’ di Giamaica), mete perfette per la stagione invernale, che però copre il 30% circa del mercato. Il 70%, invece, si muove d’estate. Per questo, pur mantenendo il nostro know how e prodotto long haul, è giusto investire in prodotti richiesti d’estate. Questo per avere una continuità commerciale e di rapporto con le agenzie di viaggio. E’ questo uno dei fronti dove vogliamo migliorare». L’implementazione del prodotto lungo raggio passa per il Madagascar, adatto anche alla stagione estiva, complementare a Kenya e Zanzibar, mentre la crescita globale di Condor passa per il potenziamento del medio raggio con l’Egitto, dove oggi il to conta su voli Meridiana (in arrivo anche programmazione con Blue Panorama) su Sharm el Sheikh, per ampliare, con molta probabilità, la prossima estate con la programmazione a Marsa Alam. Non manca la Spagna con le Baleari, anche se è oggettivamente complicato pensare oggi a una contrattazione per offrire una programmazione di qualità su questa destinazione e per questo si pensa in maniera reale all’alternativa greca.




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti