20 October 2020

Incidente porto Venezia. Wwf: «Le grandissime navi attracchino a Trieste»

[ 0 ]

La Msc Opera ha urtato ieri in fase di attracco un battello fluviale al molo di San Basilio, provocando il ferimento di cinque turiste americane. L’incidente, dovuto a un’avaria ai motori della nave da crociera prontamente segnalata dal comandante, ha inevitabilmente riacceso le polemiche sull’opportunità di far transitare le grandi unità all’interno del bacino di San Marco.

«L’incidente di oggi al porto di Venezia dimostra che le grandi navi non devono più passare dalla Giudecca. Dopo tanti anni di inerzia, finalmente siamo vicini ad una soluzione definitiva per tutelare sia la laguna che il turismo», ha dichiarato in particolare all’Ansa il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli.

Pronta la replica di Gian Marco Centinaio, che non ha certo contenuto i toni polemici nei confronti del collega di governo: «La questione Venezia va affrontata una volta per tutte e subito. E non bisogna aspettare un altro incidente per proporre nuove soluzioni a una vicenda ormai ingestibile. Siamo in piena stagione turistica. Il piano per tutelare la laguna, il turismo, i veneziani e i turisti già c’è e ha l’ok di tutti: dall’Autorità portuale, alla Regione Veneto, al Comune di Venezia, agli armatori delle compagnie di crociera. Il Mit lo ha bloccato? Ci dica perché e se ne prenda le responsabilità. Non si governa e non si risolvono i problemi con i no. Si lavora. Io mi assumo la mia responsabilità da ministro del Turismo, aspetto che lo faccia anche chi ha di competenza i trasporti e le infrastrutture».

La soluzione a cui fa riferimento Centinaio è quella che prevede il passaggio delle grandi navi attraverso la bocca di Malamocco e il canale Vittorio Emanuele. Un piano elaborato da tempo, che ha già l’ok di Comune, Regione, compagnie crocieristiche e persino dell’Unesco, ma che fino a oggi non aveva ancora convinto lo stesso ministro Toninelli.

E che trova per di più l’opposizione di molti attivisti locali e delle organizzazioni ambientaliste. Il Wwf chiede in particolare in una nota ufficiale emesse subito dopo l’incidente «che le grandi navi vadano via da Venezia, che le piccole si fermino a Porto Marghera passando dalla bocca di porto di Malamocco e Vittorio Emanuele mentre le navi medio grandi dovranno approdare direttamente a Porto Marghera purché queste possano arrivarci senza interventi sul cosiddetto canale petroli che ne consente l’accesso, visto che se si intervenisse sul canale si rischierebbe di aumentare l’effetto acqua alta. Per quelle grandissime, invece, l’unica soluzione possibile è Trieste. Qualunque siano le scelte è ormai evidente che le grandi navi devono essere portate fuori laguna».

Infine non è mancata una frecciatina al vice premier e leader leghista Matteo Salvini: «I porti sono stati chiusi dal ministro dell’Interno ai naufraghi – ha infatti dichiarato a Repubblica l’ex Cinquestelle e capitano De Falco -. Ma non a navi da 300 metri e più che entrano nella cristalleria di Venezia».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_184174" align="alignright" width="300"] Emerald Princess[/caption] Princess Cruises, rappresentata in Italia da Gioco Viaggi, Tour & Cruise Operator, lancia una visita nave per agenti di viaggio a bordo di Emerald Princess dedicata a tutta la famiglia, piccoli crocieristi compresi, il 15 giugno a Civitavecchia. Si tratta di un’occasione unica per vivere la magia di una giornata in crociera con Princess. Con una stazza di 113 mila tonnellate e una capacità di 3.080 passeggeri, Emerald Princess, sottoposta a restyling ad aprile di quest’anno, è la nave di punta che la compagnia ha posizionato nelle acque del Mediterraneo per la stagione 2019. Durante la visita nave gli agenti di viaggio e le loro famiglie avranno modo di sperimentare lo speciale stile Princess. I piccoli crocieristi potranno accedere al Camp Discovery, che accoglie le strutture Princess interamente dedicate a bambini e adolescenti e partecipare alle divertenti attività loro dedicate, un piccolo assaggio di quella che potrebbe essere la loro prossima vacanza in crociera. Tutte le unità della flotta Princess, infatti, sono dotate di Kids Club con programmi diversificati per specifici gruppi di età. The Treehouse, per bambini da 3 a 7 anni, propone un accattivante tema “foresta” con tante attività pratiche per il divertimento dei più piccoli. The Lodge (8-12 anni), ispirato ai lodge immersi nella natura, è un luogo confortevole dove i bambini possono esplorare in libertà e dedicarsi ad attività sportive. Ed infine The Beach House per gli adolescenti (13-17 anni), un lounge a tema beach per i più grandi, il luogo ideale per incontrarsi, conoscersi e divertirsi insieme. Per ricevere ulteriori informazioni e richiedere il modulo di  partecipazione inviare un’email a commerciale@giocoviaggi.com     [post_title] => Emerald Princess, family day per adv il 15 giugno a Civitavecchia [post_date] => 2019-05-27T10:56:18+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558954578000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350771 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si terrà il prossimo 14 maggio alle ore 18.30, presso l’Istituto Yunus Emre – Centro Culturale Turco di Roma, la conferenza stampa “Arslantepe e la nascita dello Stato. Una lunga ricerca archeologica per la ricostruzione di una storia millenaria” tenuta dalla Prof.ssa Marcella Frangipane, direttrice della missione archeologica italiana di Arslantepe, in Anatolia Orientale dell’Università di Roma La Sapienza. La Missione Archeologica Italiana dell’Università di Roma La Sapienza opera con continuità da 59 anni (dal 1961) nel sito di Arslantepe, nella fertile piana di Malatya, applicando strategie di scavo sistematico estensivo e rigorosamente stratigrafico e innovative metodologie di ricerca interdisciplinare. Le ricerche della missione italiana hanno permesso di portare alla luce la nascita nel IV millennio a.C. di una delle più antiche forme di organizzazione statale, un sofisticato sistema amministrativo e burocratico che, pur senza scrittura, teneva sotto controllo e gestiva centralmente l’economia, la circolazione dei beni e le prestazioni di lavoro. Arslantepe, la ‘collina dei leoni’, è un tell, o tepe o höyük, ossia una collina artificiale alta più di 30 metri formatasi per il sovrapporsi ininterrotto di abitati nel corso di più di 6 millenni, un complesso monumentale pubblico di grande estensione (più di 3500 mq, nell’area fino ad oggi indagata) che costituisce il più antico esempio ad oggi conosciuto di sistema palaziale.      [post_title] => "Arslantepe", 14 maggio a Roma conferenza al Centro Culturale Turco [post_date] => 2019-05-10T10:05:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557482747000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347078 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte da Stresa il 3 aprile il Green Mobility McTour, progetto che promuove la mobilità ‘verde’ per le aziende, organizzato da McWatt, Federalberghi e Alba Leasing. Per un giorno la località turistica del Lago Maggiore diventerà un centro di mobilità a impatto zero grazie a segway, e-bike, moto e auto messe a disposizione della città. Un’iniziativa che nasce dalla crescente sensibilità verso il mondo dell’e-bike che caratterizza il nostro Paese: nel 2017 ne sono state vendute 148.000, in crescita del 19% rispetto all'anno precedente, con una produzione salita a 35.000 veicoli (+48% sul 2016) e un export di 19.000 unità (fonte Confindustria Ancma). Il progetto Green Mobility McTour si rivolge in particolare agli albergatori che possono così completare l’offerta ai loro ospiti mettendo a disposizione una gamma di mezzi di trasporto a impatto zero. La prima tappa dell’iniziativa si terrà a Stresa dalle 14.30 presso l’Hotel Regina Palace dove saranno presenti Matteo Modica, presidente McWatt, Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi, Massimo Mazzega, amministratore delegato di Alba Leasing, Gian Maria Vincenzi e Anna Maria Di Sessa, rispettivamente presidente e direttrice di Federalberghi Verbano Cusio Ossola. La collaborazione tra MacWatt e Alba Leasing è nata per consentire alle aziende di accedere ad un ventaglio di offerte esclusive, connesse col mondo della mobilità elettrica, attraverso un portale (www.mcwatt.it) che permette di selezionare il mezzo di interesse, verificando prezzo, costi e condizioni di leasing. Dopo Stresa il tour toccherà diverse tappe sul territorio nazionale: arriverà il 9 aprile a Cervia, il 16 aprile a La Spezia, l’8 maggio ad Aosta, il 15 maggio a Riccione, il 20 maggio a Grosseto e il 28 maggio a Santa Margherita Ligure. Sarà poi la volta di Trento il 4 giugno, Alghero dal 12 al 16 giugno, Torino (Parco del Valentino Salone dell’Automobile) dal 19 al 23 giugno e il 27 giugno, Luvinate Golf Club il 24 giugno. Il tour successivamente si sposterà il 3 luglio a Sorrento, il 12 luglio ad Assisi, il 4 settembre a Jesolo, dal 14 al 16 settembre a Porto Cervo, il 24 settembre a Cagliari, l’8 ottobre a Viareggio, il 10 ottobre a Bologna e il 20 ottobre a Roma per la cerimonia di conclusione. [post_title] => Green Mobility McTour, da Stresa il progetto per la mobilità verde [post_date] => 2019-04-03T11:12:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554289925000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346183 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via Sabato 6 aprile la stagione 2019 di Mirabilandia. Accanto alle attrazioni da guinness dei primati come Katun, iSpeed e Divertical, il mondo cowboy della Far West Valley e quello dei dinosauri di Dinoland, quest’anno il protagonista del Parco divertimenti più grande d’Italia sarà Ducati World. La novità del 2019, che promette di entusiasmare adulti e bambini, è un’area di 35.000 mq completamente rinnovata dove si potrà vivere una Ducati Experience a 360° grazie all’attesissimo Desmo Race, un duelling coaster interattivo a doppio binario dove tutti si sentiranno dei veri piloti. Accanto a questo esclusivo tracciato adatto al divertimento di tutta la famiglia, all’interno della prima area tematica al mondo ispirata a un brand motociclistico e inserita in un parco di divertimenti, ci saranno anche tre nuove attrazioni per i più piccoli: Diavel Ring, Kiddy Monster e Scrambler Run. Di ultimissima generazione anche 8 simulatori per vivere l’emozione di guidare una vera Ducati.  Tutto nuovo anche il programma degli spettacoli, a cominciare dal musical The Greatest Circus, lo show interamente cantato e ballato dagli artisti di Mirabilandia che vi faranno vivere l’atmosfera di un circo tutto da scoprire. Un’esperienza magica e intrigante per Magic Varietè dove il pubblico potrà immergersi in ambientazioni parigine in stile Moulin Rouge. Immancabile l’appuntamento con Sfida a Hot Wheels city, il più acclamato stunt show d’Europa, con il loop mobile più alto, 18 metri di altezza, mai eseguito in un parco divertimenti. Ogni giornata a Mirabilandia si concluderà con la Grande Parata Finale con le mascotte del Parco: Otto, Mirabella, Mike, Arturo, Camillo, Fanny e tutto il cast artistico riunito.     [post_title] => Mirabilandia, Ducati World protagonista della nuova stagione [post_date] => 2019-03-27T11:48:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553687288000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 337242 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_337253" align="alignright" width="300"] L'entrata del Messner Mountain Museum a Plan de Corones[/caption] Reinhold Messner, Bressanone, classe, ‘44, è uno dei più famosi alpinisti-scalatori- esploratori del mondo. E’ Altoatesino doc e la montagna, si sa, è sempre stata la sua passione, tanto che fra le 3500 scalate effettuate, di cui 100 “prime assolute” ci sono anche tutti i 14 picchi sopra gli “8mila” del globo. A Plan de Corones è stato inaugurato il 23 luglio 2015 il VI museo, l‘MMM Corones (2275 mt.) che completa il circuito Messner Mountain Museum, un percorso che si compone di sei luoghi. Ai margini del più spettacolare belvedere montano del Sudtirolo, dove sorge la singolare sede del museo progettata dall’architetto Zaha Hadid, si narra la storia dell’alpinismo tradizionale. Proprio da questa incredibile costruzione, sul “panettone” di Plan de Corones, lo sguardo spazia a 360°: dalle Dolomiti di Linz a est all’Ortles a ovest, dalla Marmolada a sud alle cime della Zillertal a nord. Dice Messner di queste vette: «Le vetrate del museo restituiscono le immagini della mia infanzia: le Odle e il Pilastro di Mezzo del Sasso di Monte Croce, l’ascensione più difficile della mia vita, così come i ghiacciai granitici che sovrastano la valle Aurina. [caption id="attachment_337251" align="alignleft" width="211"] Reinhold Messner[/caption] All'interno della montagna, il museo ripercorre l’evoluzione dell’alpinismo moderno, i miglioramenti ottenuti nel corso degli ultimi 250 anni per ciò che riguarda l'attrezzatura, i trionfi e le tragedie che si sono consumati sui fianchi delle più famose montagne del mondo, dal Cervino al Cerro Torre al K2, e la rappresentazione delle imprese di noi alpinisti, per quanto contraddittorie esse possano apparire. Come negli altri musei del circuito, l’alpinismo è raccontato attraverso reliquie, citazioni, opere d'arte (dipinti e sculture) e la trasposizione, all'interno dell’MMM Corones, della scenografia montana che lo circonda. Nel mio ruolo di narratore dell’alpinismo tradizionale - aggiunge Messner - non intendo né esprimere giudizi né drammatizzare. L’obiettivo è quello di condensare le esperienze di chi, come me, ha fatto proprio il confronto tra l'uomo e la montagna. Al centro del museo non vi sono imprese sportive o primati bensì i grandi personaggi dell’alpinismo, oltre a filosofi e pionieri che hanno osato “la transizione aurea“ dall’idea al fare, prescindendo dal perché». In lingua ladina, Corones significa corona. Plan de Corones, la celebre montagna dello sci e delle escursioni, la vetta dei deltaplanisti e dei parapendisi, ospita oggi quello che lo stesso Messner considera il punto culminante del suo progetto museale: un luogo del silenzio e della decelerazione che offre panorami indimenticabili, uno spazio in cui ritirarsi e lasciare che la percezione si apra verso l’alto, verso l’oltre. La montagna diviene così uno spazio di esperienza che deve essere parte della nostra cultura personale. Viviamola in modo nuovo, facendo volare lo spirito al di sopra di ogni vetta. Gli altri cinque musei sono: il Dolomites, sul Monte Rite (2181 m), nel cuore delle Dolomiti tra Pieve di Cadore e Cortina d'Ampezzo, l’Ortles, a Solda, a 1900 metri di quota, ai piedi dalla vedretta dell'Ortles, il Juval, arroccato su un'altura nella splendida val Venosta, nell’omonimo Castello, il Firmian, fra le antiche musa di Castel Firmiano, a Bolzano, il Ripa, nel Castello di Brunico, situato sulla collina a sud del capoluogo della val Pusteria, [gallery ids="337254,337255,337256,337274,337275,337276"] [post_title] => A Plan de Corones: l’ultimo dei sei musei dedicati alla montagna di Reinhold Messner [post_date] => 2019-01-24T11:42:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1548330177000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 331695 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Go Scuba, il tour operator della famiglia Go World dedicato agli appassionati di diving, presenta il pacchetto “Mistero Subacqueo”: un innovativo contest dove, per la prima volta in Italia, oltre cinquanta partecipanti da tutto il mondo si sfideranno per risolvere un cluedo subacqueo. Sarà questa la missione delle squadre firmate GoWorld che, seguite da un giornalista italiano specializzato in riprese televisive, affronteranno team europei per aggiudicarsi il titolo di vincitori. Ogni squadra sarà composta da due partecipanti e seguirà come poliziotti le tracce lasciate da uno scienziato francese che lavora a Puerto Galera (Filippine) e quindi tenterà di risolvere il cluedo sott’acqua. «Siamo sempre alla ricerca di pacchetti inediti da proporre agli agenti di viaggio in grado di aumentare il business aumentando la specializzazione – afferma Ludovico Scortichini, presidente di Go World -. Il Mistero Subacqueo è il frutto della continua ricerca di Go World per identificare tour o vacanze innovative nel nostro Paese». Il pacchetto “Mistero Subacqueo” è in vendita esclusiva Go World in tutte le agenzie di viaggio italiane: dal 13 al 22 aprile 2019, 10gg/7 notti con voli inclusi a 3.080 euro a persona. I partecipanti devono parlare francese. La programmazione Go Scuba prevede oltre 100 i pacchetti, e 10 solo nelle Filippine. [post_title] => Go Scuba lancia il pacchetto "Mistero Subacqueo": contest alle Filippine [post_date] => 2018-11-26T11:21:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1543231309000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 331350 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Meliá Hotels International annuncia la sinergia con Amazon e conferma un primato: è l’unico marchio di hotellerie a offrire i suoi servizi sul famoso sito di ecommerce. L’offerta sarà attiva in Italia, Inghilterra, Spagna, Francia e Germania, mercati chiave del brand in Europa. Gli utenti potranno acquistare due diverse gift card, rispettivamente da 35.000 o 55.000 punti MeliàRewards. Il valore in punti è convertibile in soggiorni ed esperienze valide in tutti i 380 hotel del Gruppo.Per il lancio di questa iniziativa, Meliá ha deciso di offrire il 40% di sconto in occasione del Black Friday, venerdì 23 novembre.   MeliáRewards, il programma fedeltà di Meliá, consente inoltre ai suoi iscritti di scambiare punti con voucher regalo su Amazon. MeliáRewards permette di acquisire punti con oltre 40 compagnie leader nel campo dei trasporti aerei, leisure, retail e servizi finanziari. [post_title] => Meliá Hotels International offre viaggi ed esperienze su Amazon [post_date] => 2018-11-22T12:22:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1542889379000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 328407 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ha annunciato l’avvio di 4 nuove rotte operate in esclusiva per il 2019 in partenza da Genova. Prenderanno infatti il via nuovi collegamenti dal Cristoforo Colombo alla volta di Malaga (da giugno, 1 volta alla settimana), Corfù (da giugno, 1 frequenza settimanale), Malta (da giugno, 1 frequenza settimanale) e Pantelleria (da giugno, 1 frequenza settimanale). Con queste 4 importanti novità saranno 20 le destinazioni raggiungibili dal Cristoforo Colombo a bordo degli aeromobili del vettore, 18 delle quali in esclusiva. Un trend di crescita più che positivo, in linea con gli ottimi risultati registrati da Volotea: da gennaio a settembre 2018 sono stati oltre 300.000 i passeggeri trasportati dal vettore, il 33% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il vettore scende in pista nel 2019 al Cristoforo Colombo con un’offerta totale di 450.000 biglietti, pari a circa 35.000 posti aggiuntivi (+8% vs. 2018). «Per l’estate 2019 proponiamo un ventaglio di offerte davvero ampio da Genova, dove con ben 20 rotte operate, 18 delle quali in esclusiva, ci attestiamo nuovamente come prima compagnia per numero di destinazioni collegate - afferma Carlos Muñoz, presidente e fondatore di Volotea –. Siamo davvero fieri di annunciare un nuovo poker di destinazioni estive: con Malaga, Corfù, Malta e Pantelleria, i passeggeri in partenza da Genova avranno altre quattro ottime alternative verso cui decollare. Siamo orgogliosi di offrire una vasta offerta per rafforzare la connettività di Genova e della Liguria, che sentiamo così vicine e che ci impegniamo ad aiutare in questi tempi difficili». «Volotea conferma e rafforza la sua presenza a Genova, potenziando i collegamenti in un momento in cui la città ha bisogno più che mai di andare avanti e di far vedere che il crollo di ponte Morandi non l’ha isolata, anzi. - afferma il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti - La scelta di Volotea di usare Genova come base ha già portato a 50 assunzioni tra equipaggi e personale di terra, senza contare l’indotto, che crescerà ancora, grazie alla maggiore connettività, alla maggiore facilità con cui le aziende possono muoversi da Genova a prezzi più bassi, alle nuove opportunità di business. Con oggi, con le 4 nuove mete mediterranee, Genova conferma il suo ruolo centrale come meta turistica, come punto di partenza: da oggi il Colombo è ancora più strategico».     [post_title] => Genova, quattro nuovi collegamenti con Volotea nel 2019 [post_date] => 2018-10-24T15:38:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1540395517000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 328110 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 289.946 i posti in vendita dal 28 ottobre prossimo all’8 gennaio 2019 sui voli in continuità territoriale dai tre aeroporti sardi di Cagliari, Olbia e Alghero da e verso Fiumicino e Linate. Lo ha stabilito il comitato di monitoraggio convocato dall’assessore dei trasporti Carlo Careddu, con il direttore generale Gabriella Massidda, al quale hanno partecipato le compagnie Alitalia, Air Italy e Blue Air alla presenza dell’Enac. Si tratta di un incremento del 37,7 % sul totale dei posti offerti. Nel ponte di Ognissanti, dal 28 ottobre al 6 novembre, sulle rotte da Cagliari per Roma e Milano e da Alghero per Linate, la compagnia di bandiera incrementa i posti del 41% con 63.982 poltrone in vendita su 45.228 previste per decreto. Dal 7 all’11 dicembre, ponte dell’Immacolata, l’aumento di capienza arriva al 34% con 23.962 posti disponibili sui 17.890 minimi per norma. Nel periodo natalizio, dal 20 dicembre all’8 gennaio 2019, i posti in più offerti da Alitalia raggiungono il 40% del numero minimo passando da 68.536 a 95.716.  Nello stesso periodo di festività, dal 28 ottobre prossimo all’8 gennaio 2019, Air Italy aumenta complessivamente la capienza del 48,7% passando da 41.842 posti previsti dal decreto a un totale di 62.222 poltrone messe in vendita sulle tratte da Olbia da e per Fiumicino e Linate. Specificamente, dal 28 ottobre al 6 novembre, l’incremento sarà del 36,7% (da 14.850 a 20.302 posti), dal 7 all’11 dicembre sarà del 51,5% (da 5480 posti a 8302), mentre, durante i giorni di Natale, supererà il 56% con 33.618 poltrone totali in vendita su 21.512 previste per decreto. Dal 1 novembre all’8 gennaio prossimo la compagnia che opera sull’Alghero-Roma aggiungerà il quarto volo passando da 36.936 posti previsti per decreto a 44.064 totali offerti. [post_title] => Sardegna, da Ognissanti al 9 gennaio oltre 289 mila posti sui voli in continuità territoriale [post_date] => 2018-10-23T09:00:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1540285213000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti