22 July 2018

Monografia Namibia

La Monografia Namibia “Emozione Autentica” realizzata da Travel Quotidiano presenta le attrattive turistiche del Paese, insieme all’ente del turismo della Namibia e aggiorna sui voli aerei operati dalla compagnia aerea Air Namibia.

All’interno della Monografia Namibia una presentazione della storia del Paese, delle sue etnie (boscimani, owambo, herero, himba, kavango, damara, nama, capriviani), delle principali attrattive turistiche e dei parchi più importanti (Windhoek, Luderitz, Swakopmund, Skeleton Coast Park, Cape Cross, Sandwich Bay, deserto del Namib, Keetmanshoop, Fish River Canyon, Namib Naukluft Park, Kolmanskop, Deadvlei, Etosha national Park, fattoria Otjihaenamaparero, Popa Falls, cascate Vittoria, regioni Caprivi, Kaokoland, Owamoland).

 

 

 


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275934 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è concluso dopo mesi di trattativa il passaggio di proprietà di Boscolo Hotels: la nuova proprietà è il fondo statunitense Varde. Come precisa oggi Milano Finanza, si tratta dello stesso soggetto che lo scorso anno aveva rilevato l’intero ammontare del credito maturato nei confronti della catena italiana dal consorzio bancario composto da 13 banche, pari a 310 milioni di euro. La famiglia Boscolo non parteciperà alla gestione delle strutture. [post_title] => Boscolo Hotels cambia proprietà: arriva il fondo Varde [post_date] => 2017-04-18T15:41:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492530116000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275804 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Principato di Monaco conferma il suo buon posizionamento sul turismo d’affari, dopo gli ottimi risultati registrati nel 2016 e lancia per il 2017 una nuova campagna corporate che riprende il fil rouge di quella precedente. Una campagna moderna per mercati in continua evoluzione, che evidenzia i punti forti del Convention Bureau attraverso giochi di parole che capovolgono in tono umoristico i luoghi comuni della destinazione. Expertise, servizio, talento, su misura, sono le key words tradotte in immagini e slogan incentrati sulla nozione di accoglienza e creatività. Il payoff non cambia e si pone come perfetta continuazione del precedente: "Your event needs Monaco", "Scegliere Monaco significa avvalersi di un expertise che farà del vostro evento un successo".   La nuova campagna presentata in occasione del salone Heavent Meeting di Cannes il 19 e 20 aprile 2017, seguito da Imex a Francoforte, in calendario dal 16 al 18 maggio 2017. Per maggiori informazioni: www.monaconventionbureau.com [post_title] => Al via la campagna corporate "Your event needs Monaco" [post_date] => 2017-04-14T10:45:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492166729000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275442 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hahn Air rende possibile per la prima volta agli agenti di viaggio a Cuba di vendere servizi di oltre 300 partner aerei, ferroviari e altri servizi di trasporto sul biglietto HR-169. Dal 1999 Hahn Air permette agli agenti di viaggio di oltre 190 mercati di vendere biglietti di vettori che normalmente non sarebbero in grado di emettere. Cuba è uno dei 25 mercati internazionali dove gli agenti di viaggio possono emettere il biglietto HR-169 tramite un Hahn Air Ticket Office. L'idea esclusiva del Ticket Office consente a Hahn Air di estendere i suoi servizi ad agenti di viaggio in mercati che, ad esempio, non dispongono di un Billing and Settlement Plan (BSP). I mercati non appartenenti a un Bsp coperti da Hahn Air comprendono la Repubblica Democratica del Congo, l'Armenia e lo Yemen. Inoltre, i Ticket Office forniscono biglietti HR-169 in mercati caratterizzati da difficili situazioni politiche o economiche, come ad esempio la Nigeria o il Venezuela, dove i biglietti HR-169 non sono disponibili tramite un BSP. Con la recente apertura di Hahn Air Ticket Office a Cuba, in Gambia, Guatemala, Madagascar e Tagikistan, Hahn Air dispone ora di una rete di 50 uffici di questo tipo nel mondo. Gli agenti interessati all'emissione di biglietti Hahn Air possono contattare per telefono o e-mail il Ticket Office locale e riceveranno il biglietto HR-169 richiesto per e-mail. Il servizio è disponibile per agenti Iata e non Iata. [post_title] => Hahn Air rende disponibile a Cuba il biglietto HR-169 [post_date] => 2017-04-11T15:38:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491925136000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275371 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All'appuntamento con l'estate del suo venticinquesimo anno di attività, King Holidays arriva con nove cataloghi tra cui il monografico sulla Giordania, l'incremento dei tour in Portogallo e nell'arcipelago delle Azzorre, il potenziamento degli itinerari in Gran Bretagna e Irlanda. Queste e altre novità sono accompagnate dal consolidamento del lungo raggio e dalla disponibilità garantita anche in alta stagione di voli e servizi. «Mai come quest'anno abbiamo puntato sulla diversificazione, che ci permette di ripartire il rischio di impresa su 60 destinazioni, dall'India al Giappone, dal Madagascar alla Colombia» ha spiegato Barbara Cipolloni, product manager dell'operatore, incontrando ieri a Milano la stampa di settore. «Restano però in primo piano le nostre mete storiche - Spagna, Portogallo, Giordania, Marocco e Malta - tutte oggetto di cataloghi monografici, con proposte di tour organizzati, city break, viaggi individuali e self drive». I numeri di King Holidays danno un'idea della solidità dell'operatore, che fa parte del colosso turistico Springwater Tourism: 500 mila clienti, nove cataloghi cartacei, cinque product manager, due sedi e due booking (Milano e Roma). «Nei primi tre mesi del 2017 il fatturato è cresciuto del 15%, con un'ottima performance dell'oceano Indiano e incrementi a due cifre di India, Nepal, Argentina e soprattutto Malta, che proponiamo con voli diretti da Roma, Milano, Napoli, Catania e Palermo». Nella strategia commerciale di King Holidays le agenzie di viaggio rivestono un ruolo di primo piano: «Organizziamo regolarmente workshop e 5/6 educational all'anno - l'ultimo in ordine di tempo si è svolto in Marocco - ma invitiamo le agenzie anche direttamente nelle nostre sedi in occasione di giornate a tema dedicate alle singole destinazioni» ha poi aggiunto Paola Saccucci (a destra nella foto con Barbara Cipolloni), responsabile commerciale dell'operatore. «Alle duemila agenzie con cui lavoriamo in Italia - di cui cento fidelizzate attraverso il progetto King Royal Club - proponiamo inoltre i fam trip di lungo raggio del progetto King & Go, che prevede un contributo economico ma anche la possibilità di portare con sè un accompagnatore a fronte di un piccolo supplemento». Da segnalare inoltre i tour in Bulgaria, Israele, Inghilterra e Grecia Classica contenuti nel catalogo "Viaggi culturali e di gruppo", il potenziamento delle Galapagos, i tour a partenza garantita in Marocco accompagnati da week end a Marrakech e soggiorni mare ad Agadir, ma anche le proposte in Giordania, con trekking, pernottamenti nel deserto, soggiorni benessere sul mar Morto e vacanze mare ad Aqaba, sul mar Rosso. Infine il catalogo "Viaggi di nozze", con proposte che spaziano dagli Stati Uniti alla Polinesia, dal Messico al Sudafrica, ma anche Zanzibar, Tanzania e il Mediterraneo, con Cipro, Santorini, Malta e Minorca. [post_title] => King Holidays, il mondo raccontato in nove cataloghi [post_date] => 2017-04-11T14:34:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491921292000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Kel 12 lancia un Rendez Vous in Cina che si terrà sulla Grande Muraglia il 5 settembre prossimo. Cos’è il Rendez Vous di Kel 12? Si tratta di un evento che cambia ogni anno e avviene in concomitanza con momenti speciali: un viaggio che, oltre all’accompagnamento di un tour leader professionista, propone un’esperienza inedita. Negli anni passati sono stati proposti infatti un pranzo dentro il parco di Tikal, la visita in esclusiva di Petra di notte, la navigazione sull’Irrawaddy su una barca birmana e l’esperienza del Kumbh Mela, il più grande raduno religioso al mondo. Per l’estate 2017 i partecipanti a quattro itinerari Kel 12 in viaggio in Cina fra fine agosto e inizio settembre si incontreranno il 5 settembre per vivere tutti insieme un evento indimenticabile: al Juyong Pass, una porzione di Grande Muraglia non distante da Pechino, il maestoso muro sarà aperto di sera e illuminato per la prima volta solo per i viaggiatori Kel 12, senza le migliaia di persone che normalmente affollano il monumento. Si potrà fare una passeggiata al tramonto, poi, nel silenzio della sera, verranno accese centinaia di candele, sarà servito l’aperitivo, apparecchiati i tavoli bianchi per la cena e i musicisti cominceranno a suonare. In pochi attimi, uno dei luoghi più visitati al mondo, si trasformerà così in qualcosa di nuovo, offrendo ai partecipanti un’emozione irripetibile. [post_title] => Rendez Vous sulla Grande Muraglia per quattro tour di Kel 12 [post_date] => 2017-04-10T14:36:40+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491835000000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => India Tourism, attraverso la sua sede milanese diretta da C. Gangadhar, ha diffuso le informazioni necessarie per la richiesta del visto elettronico (EV) sul sito https://indianvisaonline.gov.in, ottimizzato per Mozilla Firefox, Google Chrome, Internet Explorer (Windows) con versione 9.0 e superiori. Il richiedente, dopo aver compilato il modulo di richiesta, per poterlo  scaricare e stampare deve avere installato sul proprio Pc il programma Adobe Acrobat Reader versione 7.0 o superiore. Il visto elettronico ha tre sottocategorie: visto elettronico turistico (ETV), visto elettronico affari (EBV) e visto elettronico medico (EMV). Un cittadino straniero potrà richiedere tutte e tre le categorie di visto elettronico allo stesso tempo. I richiedenti dei paesi ammessi possono procedere on-line minimo 4 giorni prima della data prevista per l’arrivo in India, con una finestra massima di 120 giorni: ad esempio, se si fa richiesta il 1° settembre, la data di arrivo andrà dal 5 settembre al 2 gennaio. Per compilare il modulo si dovrà caricare una recente fotografia con sfondo bianco e la foto della pagina del passaporto contenente dati personali come nome, data di nascita, nazionalità, data di scadenza ecc. Inoltre, in base al tipo di visto elettronico, sarà necessario caricare anche gli altri documenti richiesti. Se i documenti caricati e la fotografia non sono chiare come richiesto, la domanda può essere respinta. L’importo della tassa per il visto elettronico (che dipenderà dal paese da cui viene richiesto) e le commissioni bancarie del 2,5%  saranno addebitate in aggiunta al costo applicato per il visto elettronico. La quota dovrà essere versata almeno 4 giorni prima della data prevista per il viaggio, altrimenti la richiesta non verrà elaborata. Per conoscere la tariffa applicabile per l'Italia bisogna cliccare su sito https://indianvisaonline.gov.in/evisa/etv_revised_fee_final.pdf [post_title] => Visto elettronico per l'India, come richiederlo online [post_date] => 2017-04-10T13:48:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491832114000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274912 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con un party alla Fabbrica del Vapore di Milano riservato alle agenzie di viaggio, Sportful Travel ha presentato la sua offerta di viaggi su misura che hanno come denominatore comune la passione per lo sport. Il tour operator fondato da Valeria Mantelli, che da settembre in poi ha previsto altri eventi dedicati al trade, annovera tra le destinazioni di punta gli Stati Uniti con proposte sci in Colorado, seguite da Maldive e Seychelles con programmi dedicati alle immersioni subacquee e alle crociere in barca a vela, ma anche lo Sri Lanka per appassionati di kite surf (da segnalare in proposito le tariffe super convenienti del periodo invernale). Seguono  Namibia, Madagascar, Repubblica Dominicana e isole della Grecia, Nuova Zelanda e Argentina, sempre all'insegna dello sport e delle attività all'aria aperta. Sportfultravel organizza inoltre vacanze nelle più belle destinazioni italiane come la Costiera Amalfitana, le Dolomiti e la Sicilia, con proposte - anche di due o tre giorni - come la traversata del Monte Bianco oppure le immersioni a Ustica. Dal tour nel deserto della Namibia al Triangolo d’Oro in Thailandia, dai soggiorni mare alle Maldive o a Barbados, le attività disponibili sono tantissime: bicicletta, climbing, equitazione, golf, kitesurf, pesca, safari, sci e snowboard, surf, trekking, vela e yacht, windsurf e molto altro. Tra i programmi già messi a punto per l'estate segnaliamo Santo Domingo - Cabarete per kiters da 1.190 euro a persona (7 notti Hb con volo), le vacanze per single in barca a vela in Costiera Amalfitana, Isole Flegree e Isole Pontine da 650 euro a persona, il tour tra parchi e mare in California (19 notti in hotel più auto a noleggio e trasferimenti da 2.500 euro a persona) e il diving nelle Filippine da 1.225 euro, con un pacchetto di 10 immersioni. Per prenotazioni contattare: booking@sportfultravel.com [post_title] => Sportfultravel, dallo sci alla barca a vela in tutto il mondo [post_date] => 2017-04-05T15:10:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491405049000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274717 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dall'avvio della stagione estiva easyJet collega Stoccolma Arlanda quattro volte alla settimana da Milano Malpensa: il volo è operativo dallo scorso 26 marzo e, in risposta all’alta domanda leisure e business tra Svezia e Italia, proseguirà anche nei mesi invernali con tre voli a settimana. L'inaugurazione vera e propria del Milano-Stoccolma si è tenuta lo scorso venerdì 31 marzo, quando il velivolo decollato da Malpensa alle 6.20 è stato accolto due ore e 20 minuti dopo nello scalo di Arlanda dal tradizionale getto d'acqua beneaugurale dei Vigili del Fuoco e da una piccola cerimonia al gate con il taglio del nastro. L’introduzione del volo per Stoccolma Arlanda porta a 60 il numero di destinazioni raggiungibili dai passeggeri italiani in partenza dall’aeroporto di Malpensa, consolidando il costante sviluppo della base milanese al terminal 2, che in questo periodo vede partire anche i collegamenti per Granada, Santiago de Compostela e Zara. Ricca di storia ma al contempo creativa e dinamica, Stoccolma è una delle capitali europee più all’avanguardia, culla di start up famose come Skype ma anche laboratorio in cui si sperimentano le tecnologie più innovative a livello internazionale. Ideale da scoprire in tutte le stagioni, dalla fresca estate - fitta di eventi culturali e musicali - all’inverno, che ghiaccia le sue acque regalandole un’atmosfera fiabesca, la città offre adesso un nuovo indirizzo da non perdere, il Mosebacke Design District, un quartiere che ha associato in un unico brand una serie di piccoli negozi, ristoranti e locali di tendenza, tutti accomunati dal desiderio di sperimentare idee creative nel campo della moda, del design e dell'enogastronomia. Un breve city break con easyjet, che sul volo di rientro decolla da Stoccolma alle 10 del mattino, basta per visitare le attrazioni principali della capitale svedese: tra queste il celebre museo interattivo dedicato agli Abba, storica formazione pop svedese di successo mondiale negli anni Settanta, e Fotografiska, una collezione permanente dedicata ai grandi maestri della fotografia contemporanea. Tra le strutture ricettive di più recente apertura si segnalano HoBo, un quattro stelle innovativo che ospita regolarmente concerti di musica dal vivo e dj set aperti alla clientela esterna, e l'adiacente At Six, un design hotel lussuoso, ricavato negli ambienti di un ex istituto bancario, che si caratterizza per la presenza di importanti opere d'arte contemporanea. [post_title] => EasyJet inaugura il volo annuale Milano-Stoccolma [post_date] => 2017-04-03T15:16:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491232601000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274721 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il convegno sulle assicurazione dal titolo "Da semplice ancillay a sevizio fidelizzante con forte valenza di comunicazione a revenue" in calendario Bit alle 11, è stato probabilmente uno degli eventi più interessanti della giornata. Dico probabilmente perché né il giornalista della testata che dirigo, né io stesso, abbiamo potuto partecipare alla conferenza per "raggiuni limiti di persone", in altre parole c'erano solo posti in piedi e la sicurezza ci ha lasciato fuori. Ora che la sala fosse piena non c'è dubbio, allora un'organizzazione efficiente cosa fa? Cambia sala, anche perché proprio di fronte ce n'era una grande completamente inutilizzata. Interrogato della questione,  Paolo Bertagni, che gestisce la parte dedicata alla convegnistica, ha ribadito che per motivi di sicurezza non si poteva entrare. Bene. Magari sarebbe servita una maggiore elasticità mentale per aggirare l'ostacolo. Anche perché fuori non c'eravamo solo noi, ma almeno altre 7 persone fra addetti ai lavori, operatori e colleghi. Nella mia lunga carriera non è mai accaduto che si voglia partecipare ad un convegno e non si possa farlo. Secondo il mio parere, del tutto personale si tratta di una faccenda molto sgradevole, ed è proprio per questo che la rendo pubblica e con enfasi. [post_title] => Assicurazioni: il convegno da non perdere, che abbiamo perso [post_date] => 2017-04-03T12:26:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491222380000 ) ) )