22 July 2018

India: Monografia Viaggi dell’Elefante, Jet Airways

Monografia sull’India realizzata dal giornale Travel Quotidiano per presentare le meraviglie dell’India e le proposte di viaggio del tour operator Viaggi dell’Elefante e tutte le informazioni sui voli della compagnia aerea Jet Airways. Al suo interno anche un’intervista al direttore dell’Ente per il Turismo Indiano in Italia, Gobind C. Bhuyan.

L’India è un Paese dai numeri enormi che le fanno sprigionare un’energia fortissima. Un’energia che ritroviamo nelle costruzioni, nella vita della gente, nella profondità spirituale e mistica di alcune forme di vita, ma sopratutto che ritroviamo nei suoi contrasti. L’estremamente povero e il ricco sfacciato, sono le due componenti della stessa medaglia, esattamente come lo sono la tigre e l’elefante, i due animali simbolo di questo Paese. Due “pachiderma” pur se di due razze totalmente diverse, ma due modi opposti di vivere il rapporto con l’uomo: l’uno servizievole, di sostegno, l’altra più schiva e magari pericolosa. Un Paese dove forse la prima cosa che ci colpisce in assoluto è l’odore, come diceva anche Pasolini nel suo libro “L’odore dell’India”. Gli odori provengono da tutte le direzioni: è un odore forte quello del clima, caldo umido tipicamente tropicale; è odore il sudore delle tante persone che vivono questi spazi. Profumano le spezie che vengono vendute o cucinate. Odorano le candele accese e gli incensi che bruciano. Ma l’India non è comunque solo questo.

india

L’India dei grandi contrasti, della popolazione infinita, dei colori e dei palazzi dei Maharajà, è solo la parte del Paese che meglio si presta a farsi conoscere. Non dimentichiamo infatti che il subcontinente conta oltre 5 mila chilometri di spiagge, il 50% delle quali basse e sabbiose. Ma il mare qui, è pur sempre l’oceano, quindi freddo e pericoloso. Ma è ancora India quando, a meno di un’ora di volo, ci troviamo immersi nel paradiso delle isole Andamane, Laccadive o, spingendosi un po’ più là, delle più famose Maldive. È un viaggio nel mondo dell’influenza indiana anche un’estensione in Kashmir o in Nepal, a nord, oppure in Bhutan, nel nord ovest o nel vicino Sri Lanka a sud. Un viaggio in India, insomma, è molto più di una vacanza, è un percorso nelle emozioni, nei colori e negli odori. È un viaggio che va pianificato. Tradizionalmente, per comodità turistiche, distinguiamo 3 indie: quella a nord, monumentale, più conosciuta, con una forte penetrazione di cultura islamica, ma anche quella delle grandi città e dei grandi contrasti. In questo spazio distinguiamo, anche qui per comodità turi-stiche, il Rajasthan, uno degli Stati della Repubblica, grande almeno come la Francia. È lo stato dei grandi palazzi dei Maharajà, dei colori e della ricchezza. Forse, anche per questo, il Rajasthan è l’impatto meno duro per un turista che per la prima volta visita l’India. Infine troviamo il sud, pieno di natura, patria delle spezie, forse la parte più autentica del Paese. L’India, quindi, come un luogo da vivere e da scoprire in più viaggi, sapendo però di avere un piccolo vantaggio. Pur nella lontananza, infatti, e nelle grandi differenze, gli indiani ci somigliano più di quello che immaginiamo, e proprio come noi amano ridere, mangiare, scherzare, emozionarsi con la vita. Benvenuti in India.


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276114 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Il Tibet è ormai in rapido cambiamento: la presenza cinese ha fortemente condizionato la cultura tibetana, il Dalai Lama ha dovuto lasciare Lhasa e ora vive a Dharamsala, in India, dove cerca di mantenere viva la cultura del proprio Paese. La presenza cinese ha modernizzato il Paese nel campo delle telecomunicazioni e della rete stradale, ma un viaggio in Tibet riserva ancora un affascinante spaccato della vita che si svolge nei monasteri, consente di vivere il fascino di spazi immensi, altissime montagne e una solitudine dove la natura esprime se stessa in tutta la sua potenza» sostiene Willy Fassio, titolare di Tucano Viaggi Ricerca, il tour operator torinese con oltre 30 anni di esperienza nell'organizzazione di viaggi in Tibet. Per la prossima estate l'operatore ha previsto diverse partenze con accompagnatore professionista dall'Italia, che conosce i segreti e le particolarità della destinazione e favorisce la migliore coesione all'interno del gruppo. Un esempio di itinerario è "Nepal e Tibet - Nel regno del cielo" di 16 giorni, dal 9 al 24 luglio, con quote a partire da 4 mila 350 euro. Gli esperti Patrizia Corona e Roberto Tessaro, del settore operativo Asia di Tucano Viaggi Ricerca, sono a disposizione per progettare la migliore soluzione di viaggio. [post_title] => Tucano Viaggi Ricerca, Tibet e Nepal con accompagnatore dall'Italia [post_date] => 2017-04-20T12:03:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492689822000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il comprensorio Pontedilegno-Tonale indica l’inverno 2016/2017 come la miglior stagione di sempre a livello di incassi. La stagione si chiude con una crescita complessiva del 4% rispetto all’anno scorso, che rappresenta il miglior risultato di sempre per il comprensorio. Un successo, costruito soprattutto sui prodotti più brevi da uno a tre giorni. I motivi sono da un lato la rinascita del turismo del week-end, con una clientela italiana e soprattutto lombarda, riconducibile in gran parte ai proprietari delle seconde case. Dall’altro lato, anche il turista straniero ha modificato il modo di concepire la vacanza, privilegiando soggiorni più brevi da quattro e cinque giorni al posto della classica “settimana bianca” e questo richiederà da parte degli operatori formule sempre più flessibili. A livello di passaggi, si confermano gli 11 milioni che sono un dato consolidato nell’ultimo triennio, un’ulteriore conferma della sciabilità in una stagione così avara di neve. Repubblica Ceca, Polonia e Danimarca rappresentano mercati consolidati e anche quest’anno hanno fatto registrare molte presenze. A questi mercati si affiancano Inghilterra e Belgio, un po’ più in sofferenza. Infine, tra i mercati emergenti Israele e Svezia, due nicchie che stanno crescendo. Adesso si continua a sciare sul ghiacciaio Presena, che rimarrà aperto fino al 4 giugno. La nuova cabinovia Presena, che porta in 8 minuti a 3.000 metri di quota, i due nuovi rifugi e più in generale la bonifica ambientale che è stata effettuata sul ghiacciaio hanno sicuramente contribuito al buon andamento della stagione invernale. [post_title] => Pontedilegno-Tonale archivia la "miglior stagione di sempre" [post_date] => 2017-04-14T10:52:25+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492167145000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275511 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il periodo gennaio-marzo indica per Veratour una crescita sostanziale sia per le partenze invernali che per le prenotazioni estive. Il fatturato relativo sia a viaggi già fruiti nel periodo invernale che a soggiorni prenotati per la stagione estiva ha raggiunto nel primo trimestre i 100 milioni di euro, +25% rispetto allo stesso periodo del 2016 (80 milioni). Il risultato porta il tour operator già a metà strada sugli obiettivi di bilancio per tutto il 2017 ,che prevedono un fatturato di 200 milioni di euro. «Il 2017 ha tutte le carte in regola per essere un anno eccezionale per il turismo italiano e per Veratour. Possiamo ragionevolmente pensare che riusciremo a superare i nostri obiettivi e continuare a crescere in maniera organica e sostanziale - spiega Stefano Pompili direttore generale Veratour -. Il nostro è un osservatorio privilegiato sull'economia del Paese, in quanto vendiamo i nostri prodotti solo sul mercato italiano. Attribuiamo questi risultati a una maggiore capacità di spesa delle famiglie italiane e all'affermarsi della concezione per cui la vacanza non è un bene accessorio, ma parte integrante del benessere psicofisico complessivo dell'individuo. Doveroso un ringraziamento per questi primi, entusiasmanti dati alle agenzie di viaggio, nostro unico canale di vendita, che si confermano un partner essenziale ed efficace». Per quanto riguarda le mete invernali e di lungo raggio il tasso di occupazione dei villaggi Veratour è stato del 96%. La prenotazione anticipata, relativa ai viaggi acquistati almeno con 60 giorni di anticipo, ha raggiunto il 75% (era il 70% lo scorso anno). Il Mediterraneo si appresta ad essere protagonista dell'estate, in linea con il trend degli ultimi anni. Ottime le performance della Grecia con il nuovo villaggio di Kos, con Rodi che sta registrando un aumento dei volumi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, Creta (+20%) e Karpathos (+29%). L'Italia è fortemente richiesta. Veratour auspica un tutto esaurito relativamente ai villaggi in Sardegna e Sicilia. Buona la risposta dei clienti sulle novità 2017 Puglia e Calabria.   [post_title] => Veratour, nel 2017 crescita del 25% [post_date] => 2017-04-12T12:07:44+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491998864000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275371 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All'appuntamento con l'estate del suo venticinquesimo anno di attività, King Holidays arriva con nove cataloghi tra cui il monografico sulla Giordania, l'incremento dei tour in Portogallo e nell'arcipelago delle Azzorre, il potenziamento degli itinerari in Gran Bretagna e Irlanda. Queste e altre novità sono accompagnate dal consolidamento del lungo raggio e dalla disponibilità garantita anche in alta stagione di voli e servizi. «Mai come quest'anno abbiamo puntato sulla diversificazione, che ci permette di ripartire il rischio di impresa su 60 destinazioni, dall'India al Giappone, dal Madagascar alla Colombia» ha spiegato Barbara Cipolloni, product manager dell'operatore, incontrando ieri a Milano la stampa di settore. «Restano però in primo piano le nostre mete storiche - Spagna, Portogallo, Giordania, Marocco e Malta - tutte oggetto di cataloghi monografici, con proposte di tour organizzati, city break, viaggi individuali e self drive». I numeri di King Holidays danno un'idea della solidità dell'operatore, che fa parte del colosso turistico Springwater Tourism: 500 mila clienti, nove cataloghi cartacei, cinque product manager, due sedi e due booking (Milano e Roma). «Nei primi tre mesi del 2017 il fatturato è cresciuto del 15%, con un'ottima performance dell'oceano Indiano e incrementi a due cifre di India, Nepal, Argentina e soprattutto Malta, che proponiamo con voli diretti da Roma, Milano, Napoli, Catania e Palermo». Nella strategia commerciale di King Holidays le agenzie di viaggio rivestono un ruolo di primo piano: «Organizziamo regolarmente workshop e 5/6 educational all'anno - l'ultimo in ordine di tempo si è svolto in Marocco - ma invitiamo le agenzie anche direttamente nelle nostre sedi in occasione di giornate a tema dedicate alle singole destinazioni» ha poi aggiunto Paola Saccucci (a destra nella foto con Barbara Cipolloni), responsabile commerciale dell'operatore. «Alle duemila agenzie con cui lavoriamo in Italia - di cui cento fidelizzate attraverso il progetto King Royal Club - proponiamo inoltre i fam trip di lungo raggio del progetto King & Go, che prevede un contributo economico ma anche la possibilità di portare con sè un accompagnatore a fronte di un piccolo supplemento». Da segnalare inoltre i tour in Bulgaria, Israele, Inghilterra e Grecia Classica contenuti nel catalogo "Viaggi culturali e di gruppo", il potenziamento delle Galapagos, i tour a partenza garantita in Marocco accompagnati da week end a Marrakech e soggiorni mare ad Agadir, ma anche le proposte in Giordania, con trekking, pernottamenti nel deserto, soggiorni benessere sul mar Morto e vacanze mare ad Aqaba, sul mar Rosso. Infine il catalogo "Viaggi di nozze", con proposte che spaziano dagli Stati Uniti alla Polinesia, dal Messico al Sudafrica, ma anche Zanzibar, Tanzania e il Mediterraneo, con Cipro, Santorini, Malta e Minorca. [post_title] => King Holidays, il mondo raccontato in nove cataloghi [post_date] => 2017-04-11T14:34:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491921292000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275342 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Esteso quasi quanto mezza Italia, il Tamil Nadu è in assoluto il più visitato tra gli stati indiani, al primo posto sia per arrivi internazionali (4,7 milioni nel 2016) sia per quelli domestici. Merito delle sue lunghe spiagge affacciate sul Golfo del Bengala e dei 30 mila templi che ne fanno la culla della religione indù, oltre a cinque siti Unesco come il complesso monumentale di Mahabalipuram e la Nilgiri Mountain Railway, la linea ferroviaria costruita dagli inglesi nel 1908 che si inerpica sulle montagne tra tunnel e ponti ancora oggi percorsi da locomotive a vapore. «Il Tamil Nadu è una destinazione completa dal punto di vista storico, naturalistico e culturale, che offre oltre mille chilometri di coste, ampie vallate verdi, piantagioni di tè, un ricchissimo calendario di festival e manifestazioni del folclore popolare» spiega Har Sahai Meena, direttore dell'Ente del turismo del Tamil Nadu, che ha incontrato i tour operator a Milano al ristorante Shiva durante un evento organizzato dal direttore di India Tourism, C. Gangadhar. «Ai visitatori offriamo una varietà di esperienze per tutti i gusti - aggiunge Har Sahai Meena - dal turismo rurale nei villaggi ai soggiorni mare, dal trekking ai soggiorni dedicati allo yoga e alla meditazione, dal turismo medico ai tour in elicottero». Tra i partecipanti alla serata, una delle Dmc più importanti della regione - la Madras Travels, rappresentata dal Ceo Nanda Kumar, in grado di organizzare itinerari su misura in tutto il Paese - e la compagnia di bandiera Air India: «Anche per la stagione estiva confermiamo il volo giornaliero tra l'Italia e Delhi, nello specifico quattro voli settimanali da Milano e tre da Roma, tutti operati da un nuovissimo Boeing 787 Dreamliner, che decolla alle 21 con arrivo a destinazione intorno alle 8 del mattino» ha dichiarato Shashi Kant, country manager di Air India per l'Italia. «Da Delhi i passeggeri possono proseguire verso tutte le destinazioni domestiche indiane tra cui Chennai, la capitale del Tamil Nadu, ma anche verso Colombo, Bangkok, Katmandu e Australia». [post_title] => India, il Tamil Nadu al primo posto per arrivi dall'estero [post_date] => 2017-04-11T10:25:44+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491906344000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In primavera sono numerosi gli eventi e le feste popolari che animano la Catalogna: si comincia con Sant Jordi, che si svolge in tutta la regione il 23 aprile, quando città e borghi si trasformano in librerie/negozi di fiori a cielo aperto tra bancarelle di libri e di rose. Per Sant Jordi la tradizione vuole che le coppie si scambino dei doni, che consistono in un libro per gli uomini e di una rosa rossa per le donne. Girona Temp de Flors (nella foto), dal 13 al 21 maggio, è invece una mostra mercato nel quartiere storico della città vecchia, il Barri Vell, che per alcuni giorni si popola di piante e fiori di ogni tipologia e allestimenti scenografici. E per un tuffo nella storia, da non perdere dal 15 al 28 maggio Tarraco Viva, un festival culturale dedicato alla storia della civiltà romana a Tarragona, con un gran numero di mostre, laboratori e conferenze in una delle città che più conserva importanti tracce dell'Impero Romano, tra vecchie mura, il circo, l’anfiteatro, il teatro e l’acquedotto. In questo contesto unico si svolgono esibizioni di gladiatori, dimostrazioni ippiche o rappresentazioni di scene della vita quotidiana in quel periodo. Il festival include concerti di musica antica, un ciclo di film e laboratori di degustazione di vini e cucina di epoca romana. La maggior parte delle attività di Tarraco Viva sono gratuite. La Patum è una festa popolare che si tiene dal 14 al 18 giugno a Berga, in provincia di Barcellona, con una serie di rappresentazioni teatrali, personaggi e figure tradizionali. La festa comincia a mezzogiorno del giovedì del Corpus Domini con la parata detta Patum de lucimiento. Il salto de plens rappresenta uno spettacolo infernale nella quale dei diavoli di fuoco saltano al ritmo della musica. E ancora per gli amanti della musica, non resta che immergersi a Barcellona nel Primavera Sound dal 31 maggio al 4 giugno, un festival di musica elettronica, indie e d'avanguardia tra i più importanti nel suo genere in Europa, o il Sonar dal 15 al 17 giugno, una manifestazione di musica elettronica, Live Media ed arte multimediale. [post_title] => La Catalogna celebra la primavera tra eventi e feste popolari [post_date] => 2017-04-10T14:46:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491835593000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => India Tourism, attraverso la sua sede milanese diretta da C. Gangadhar, ha diffuso le informazioni necessarie per la richiesta del visto elettronico (EV) sul sito https://indianvisaonline.gov.in, ottimizzato per Mozilla Firefox, Google Chrome, Internet Explorer (Windows) con versione 9.0 e superiori. Il richiedente, dopo aver compilato il modulo di richiesta, per poterlo  scaricare e stampare deve avere installato sul proprio Pc il programma Adobe Acrobat Reader versione 7.0 o superiore. Il visto elettronico ha tre sottocategorie: visto elettronico turistico (ETV), visto elettronico affari (EBV) e visto elettronico medico (EMV). Un cittadino straniero potrà richiedere tutte e tre le categorie di visto elettronico allo stesso tempo. I richiedenti dei paesi ammessi possono procedere on-line minimo 4 giorni prima della data prevista per l’arrivo in India, con una finestra massima di 120 giorni: ad esempio, se si fa richiesta il 1° settembre, la data di arrivo andrà dal 5 settembre al 2 gennaio. Per compilare il modulo si dovrà caricare una recente fotografia con sfondo bianco e la foto della pagina del passaporto contenente dati personali come nome, data di nascita, nazionalità, data di scadenza ecc. Inoltre, in base al tipo di visto elettronico, sarà necessario caricare anche gli altri documenti richiesti. Se i documenti caricati e la fotografia non sono chiare come richiesto, la domanda può essere respinta. L’importo della tassa per il visto elettronico (che dipenderà dal paese da cui viene richiesto) e le commissioni bancarie del 2,5%  saranno addebitate in aggiunta al costo applicato per il visto elettronico. La quota dovrà essere versata almeno 4 giorni prima della data prevista per il viaggio, altrimenti la richiesta non verrà elaborata. Per conoscere la tariffa applicabile per l'Italia bisogna cliccare su sito https://indianvisaonline.gov.in/evisa/etv_revised_fee_final.pdf [post_title] => Visto elettronico per l'India, come richiederlo online [post_date] => 2017-04-10T13:48:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491832114000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per la prima volta una nave Costa Crociere è stata prenotata in esclusiva per festeggiare un sontuoso matrimonio. Dal 6 al 9 aprile 2017, Costa Fascinosa ha ospitato le nozze di Adel Sajan, figlio dell’industriale indiano Rizwan Sajan, fondatore e presidente della Danube Group, azienda con sede a Dubai leader nella vendita di materiali per l’edilizia. Durante la crociera Adel Sajan, che è direttore della Danube Group, ha sposato Sana Khan, regina di bellezza, artista e scrittrice. Quattro giorni di festeggiamenti sotto la regia di una delle più note agenzie di wedding planner indiane, la Wedniksha, con oltre mille invitati tra cui star dello spettacolo e personalità provenienti in prevalenza da India ed Emirati Arabi. Costa Fascinosa è salpata da Genova il 5 aprile, con a bordo gli sposi, i familiari e lo staff,  alla volta di Barcellona, dove il 6 aprile si sono imbarcati gli invitati, dando il via ai festeggiamenti. «Nella nostra storia recente è la prima volta che un privato cittadino prenota un’intera nave per festeggiare una ricorrenza familiare. Siamo davvero lieti ed onorati che la famiglia Sajan abbia scelto proprio Costa Crociere, ed è una ulteriore prova di quanto lo stile e la qualità italiane di Costa siano apprezzate in tutto il mondo. Siamo stati infatti i primi a proporre crociere in nuovi mercati come la Cina, gli Emirati ed anche l’India, dove di recente abbiamo introdotto un nuovo itinerario,  facendo scoprire il meglio dell’Italia in tanti Paesi diversi» ha commentato Neil Palomba, direttore generale di Costa Crociere. [post_title] => Matrimonio indiano da favola a bordo della Costa Fascinosa [post_date] => 2017-04-10T13:45:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491831953000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il seminario dal titolo “Centralità del cliente, web reputation, outsourcing commerciale: il mix perfetto per aumentare i ricavi”, tenuto durante la Bit 2017 di Milano, il general manager di GeCo - Gestioni Consulenze Alberghiere Marco Zanella ha messo nero su bianco, dati alla mano, l'enorme crescita della comunicazione attraverso i social network a partire da Facebook, che con un miliardo e 790 milioni di utenti supera di gran lunga la popolazione della Repubblica Popolare Cinese, la più numerosa del mondo. Va di pari passo la diffusione di smartphone e altri dispositivi mobili, usati regolarmente da 31 milioni di italiani, pari al 52% della popolazione (dati a gennaio 2017). I numeri sono impressionanti anche quando si parla di altre piattaforme come YouTube, Instagram e TripAdvisor, la cui app è stata scaricata 370 milioni di volte e contiene 435 milioni di recensioni (280 nuove ogni minuto). Detto questo è evidente che i social network esercitano un'influenza cruciale sui fatturati di alberghi e altre strutture ricettive: «Secondo uno studio del Medallia Institute effettuato su 4.400 strutture, quelle che hanno risposto al 50% o più delle recensioni online hanno visto non soltanto crescere il rating del proprio hotel di 1,4 punti su un totale di 5 - spiega Zanella - ma hanno anche incrementato il tasso di occupazione del 6,4% su un periodo di 12 mesi, tasso che cresce fino al 12,8% se la risposta avviene nel giro di 24 ore. Tradotto in soldoni, un albergo di 75 camere che incrementa l'occupazione del 6,4 venderà ogni anno 1.752 camere in più: e se ipotizziamo una tariffa di 150 euro a camera, l'incremento di fatturato totale sarà di 262 mila e 800 euro. Questo si spiega col fatto che il 73% di chi pianifica una vacanza indica in TripAdvisor, ben prima del vecchio passaparola, la fonte che maggiormente orienta la scelta della struttura in cui soggiornare. Ecco perché la gestione della reputazione online rappresenta oggi l'investimento principale delle strutture alberghiere a livello globale». Passando ai servizi ritenuti indispensabili dai viaggiatori, spiccano l'aria condizionata, il wi-fi ma anche il bollitore in camera: quasi un terzo dei viaggiatori - soprattutto indiani, australiani, indonesiani e cinesi - non prende in considerazione gli hotel che non ne dispongono. Infine, un'altra conferma: «In base all'Hospitality Report pubblicato dalla Cornell University nel novembre 2012, se un hotel incrementa il suo rating su TripAdvisor di un punto su una scala di 5, è in grado di aumentare le tariffe dell'11,2% senza che questo abbia conseguenze sul tasso di occupazione».     [post_title] => GeCo, seminario tra reputazione online e fatturati [post_date] => 2017-04-10T09:58:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491818316000 ) ) )