24 September 2017

Il cor(ro)sivo

Paesi latini

[ 0 ]

Il governo spagnolo ha stanziato 322 (diconsi trecentoventidue) milioni di euro sul turismo per il 2008. Da noi i milioni saranno 50. Bella differenza, eh? Ancora più rilevante a fine 2008, quando la Spagna sarà cresciuta e noi no.

A proposito di parassiti

[ 0 ]

Peter Sherrard definisce parassiti gli agenti di viaggio. Ma sa, signor Sherrard, si tratta di piccoli o medi imprenditori che rischiano del loro. Mica hanno le Regioni che gli pagano un tot a passeggero con le nostre tasse.

L’urlo di Tarzan

[ 0 ]

L’a.d. di Borsa italiana, Massimo Captano ha detto: «Nei settori di turismo e trasporto ci sono 24 società quotabili». La dichiarazione è stata fatta durante il convegno “Predatori e prede”. Poi dice che la Borsa è una giungla.

Ultime in classifica

[ 0 ]

Secondo l’Ufficio studi di Mediobanca, Alitalia e Fs sono le pecore nere delle aziende italiane con un rosso complessivo di 2,7 miliardi di euro. Con tutto il rispetto per Mediobanca, noi ce n’eravamo accorti da tempo.

Per cortesia

[ 0 ]

Ora si è stufato, il nostro Rutelli. Infatti sta pensando di chiuderlo quel maledetto portale. Italia.it non vale niente? Si chiuda. Come non essere d’accordo. Solo una domanda: ce li restituite in qualche modo i 45 milioni di euro già spesi? RSVP

Vettori e comete

[ 0 ]

Come avrete letto, sono sei le cordate pronte ad acquisire Alitalia. Vediamole: Lufthansa, Air France – Klm, Air One, Aeroflot, il fondo Texas Pacific Group e infine Baldassarre. In rappresentanza di Melchiorre e Gaspare.

Severità

[ 0 ]

Il vicepremier Rutelli sostiene che per rilanciare il turismo bisogna: «Ridurre i prezzi, aumentare le dimensioni delle imprese ed essere più severi». Più severi? A dir la verità noi sapremo con chi essere più severi. Con lui.

Riparazioni

[ 0 ]

Dall’alto dei suoi occhiali tardo ‘800, il ministro Fiorani reintroduce gli esami di riparazione. La Federalberghi protesta, dice: meno tempo per le vacanze. La Federinfradito pensa addirittura allo sciopero.

Dieta Aziendale

[ 0 ]

Sviluppo Italia cede le partecipazioni. Le società controllate erano 190, fra poco diventeranno 15. Uno si chiede: quanti soldi pubblici hanno ingoiato queste società, senza alcun risultato? Qualcuno ce lo dice?

Privatizzare

[ 0 ]

Venturini, d.g di Tci, propone di privatizzare l’Enit. Si vada a studiare l’iter per la privatizzazione di Telecom. Non mi sembra che le cose siano andate tanto bene. Tranne che per Tronchetti Provera, s’intende.

Giocatori

[ 0 ]

Il sottosegretario De Paoli propone un casinò per ogni Regione. Dice: «Gli italiani sono un popolo di giocatori». Di giocatori? E dove li ha visti tutti questi giocatori? Fra i suoi amici? Ce ne presenta qualcuno?

V.i.p.

[ 0 ]

L’ultima trovata di Ryanair. C’è la faccia di Valentino Rossi che dice: “Ritorno a casa con Ryanair e devo pagare solo le tasse”. Azzeccata e simpatica. Rossi non l’ha presa bene. Lui mica viaggia in low cost.

Che differenza!

[ 0 ]

Mentre Air France investe sul CDG. Fa progetti di espansione. Piani industriali. Alitalia invece taglia su Malpensa. E che taglio! Possibile che questo sia lo specchio dei due Paesi? Sì. Non c’è alcun dubbio.

Formula Uno

[ 0 ]

Secondo Jannotti Pecci il turismo è come un’auto di Formula Uno che viene fatta andare a 60 chiolometri all’ora. È evidente che i piloti non sanno guidarla. In altri paesi sarebbero stati sostituiti da tempo  

Voce nel deserto

[ 0 ]

Fa bene Malerba a sollevare il problema del fuel surcharge. Anche perché, cosa strana, quando il costo del petrolio diminuisce i prezzi rimangono invariati, invece di calare. Cosa dire? Un po’ desolante vero?

Compro una vocale

[ 0 ]

Buone notizie dalla Calabria. I responsabili politici parlano di una crescita turistica del 2%. Io da calabrese ci credo poco. I flussi maggiori sono inglesi, tedeschi e cechi. Ma in questo caso manca sicuramente una i.  

Stato e privilegi

[ 0 ]

Il ministro dei trasporti Bianchi sostiene che lo Stato si accollerà la spesa per i preventivati esuberi di Alitalia. E poi dice che a fare affari con lo Stato ci si rimette. Sono i contribuenti che ci rimettono e rimettono.