24 September 2017

Turismo: gli acquisti digitali in Italia valgono 10,3 miliardi di euro

[ 0 ]

Al termine del 2016 il valore degli acquisti per turismo e viaggi in Italia, che comprende quelli effettuati da italiani lungo la penisola o all’estero e da stranieri in Italia, supererà i 52 miliardi di euro, con una crescita del 3% rispetto al 2015. La crescita è generata in parte dalla componente tradizionale (che registra un incremento dell’1%, come nel 2015) e in modo più rilevante da quella più innovativa che passa attraverso i canali digitali (+8%): questa seconda parte raggiungerà così un valore complessivo di 10,3 miliardi di euro. «Le attività dei primi tre anni dell’Osservatorio innovazione digitale nel turismo hanno evidenziato da una parte i consumatori finali di servizi turistici digitali in Italia (italiani ed esteri) sono molto vivaci; dall’altra parte l’offerta fatica a tenere il passo della domanda – afferma Alessandro Perego, direttore scientifico degli Osservatori digital innovation del Politecnico di Milano -. Quest’anno, per supportare ulteriormente il settore, abbiamo cercato di indagare ed evidenziare con ancora maggior dettaglio questi disallineamenti domanda-offerta, che nei casi più estremi diventano comportamenti incoerenti, presenti in molti stadi della filiera». Segmentando la “spesa digitale” nei tre prodotti oggetto di indagine: strutture ricettive, trasporti e pacchetti viaggio, le percentuali relative confermano i dati del 2015: il mondo dei trasporti raccoglie il 72% del mercato (in crescita del 9% a valore), seguito dalle strutture ricettive con il 16% (+6%) e dai pacchetti viaggio con il 12% (+10%) per un valore complessivo che cresce dai 9,5 miliardi € del 2015 ai 10,3 miliardi (+8%). Se all’interno del settore trasporti non cambia la suddivisione tra i diversi mezzi (80% aereo, 17% treno, residuale il resto), all’interno del mercato delle strutture ricettive diminuisce il peso del comparto alberghiero rispetto a quello extra-alberghiero, dal 70% del 2015 al 63% di quest’anno.
Questo cambiamento è in parte dovuto anche alla sempre maggiore diffusione e all’utilizzo crescente delle piattaforme di sharing economy: costituiscono già circa un sesto del mercato digitale delle strutture ricettive. Rimane costante l’incidenza del transato derivante dai canali di vendita indiretti sul totale del mercato digitale: la quota di mercato delle ota e dei vari siti aggregatori passa dal 23% al 24%, in crescita in valore assoluto del 10% rispetto al 2015. L’incidenza del mobile sulla spesa digitale in ambito turismo arriva a poco meno del 10%: nel 2016 si attesta intorno ai 980 milioni, + 65% rispetto al 2015. Inoltre il Business Travel incide per oltre il 10% del transato online (attestandosi in valore assoluto oltre il miliardo di euro) e, considerando la sua incidenza nel mercato tradizionale, si dimostra uno degli ambiti dai quali ci si può aspettare la maggiore crescita in futuro.




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti