16 September 2019

Nummaria: nessun inadempimento

[ 0 ]

Con una lettera al nostro giornale la società Nummaria Spa, respinge in modo netto ogni ipotesi di inadempimento. Iata aveva chiuso i rapporti con Nummaria accusandola, mediante documento ufficiale, proprio di inadempimento. Nummaria sostiene che le fidejussioni, ma anche gli altri servizi finanziari, sono regolati da norme e condizioni. Se queste condizioni non vengono rispettate la società non può fornire i servizi previsti. In questo momento la società finanziaria è impegnata in una causa contro Iata, nella quale sono coinvolte anche alcune agenzie di viaggio.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353096 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Il Gruppo Toto non ha avanzato nessuna proposta per entrare nel capitale di Alitalia»: la dichiarazione arriva da una lettera aperta al Sole 24 Ore da parte di Pasquale Galante, direttore rapporti istituzionali e comunicazione Toto Holding Spa, nella quale viene precisato che «non sono state avanzate proposte di piani» e che, in riferimento a quanto pubblicato recentemente dal quotidiano economico, non è chiaro come «possano esserci reazioni davanti ad una non richiesta. Ad un fatto che semplicemente non è accaduto». Sempre in riferimento all'articolo del Sole, il Gruppo tiene a precisare che sia stata fatta «una ricostruzione della storia e dell'esperienza aeronautica del gruppo ricorrendo a cifre parziali e interpretazioni fuorvianti». Immediata la risposta del quotidiano che spiega come «la proposta di intervento in Alitalia» sia stata ripresa «diffusamente dalla fine di aprile da tutti i giornali» e come i dati finanziari siano quelli «confermati dalle analisi dell'area studi di Mediobanca. I debiti del gruppo Toto citati sono quelli pubblicati nel bilancio consolidato 2017».   [post_title] => Il Gruppo Toto smentisce l'interesse per Alitalia [post_date] => 2019-05-23T15:54:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558626857000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353042 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Federal Aviation Authority stima un ritorno nei cieli dei Boeing 737 Max 8 più tardivo rispetto a quanto inizialmente ipotizzato. Secondo quanto sottolineato infatti dal direttore generale della Faa, Dan Elwell, è richiesto un anno di tempo per ritirare l'ordine del grounding e dunque, «così sia». I Boeing 737Max 8 sono stati messi a terra lo scorso marzo dopo i due gravissimi incidenti verificatisi in cinque mesi che sono costati la vita a 346 persone.   Interpellato su un ritorno realistico a volare degli aeromobili già durante l'estate Elwell ha dichiarato che «Non potrei confermare neppure per ottobre perché ancora non abbiamo determinato esattamente quali dovranno essere i requisiti del training. Se dovesse necessitare un intero anno per certificare con fiducia il via libera al ritorno in volo, aspetteremo. Non siamo vincolati da nessun tipo di calendario».     [post_title] => Faa: si allungano i tempi per il ritorno in volo dei Boeing 737 Max 8 [post_date] => 2019-05-23T11:58:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558612688000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grazie alla Coop. Navigazione Golfo dei Poeti, dal prossimo 15 giugno un nuovo servizio di trasporto passeggeri via mare collegherà La Spezia con Lerici, Tellaro e Porto Venere. A breve prenderà il via un regolare servizio di collegamento via mare fra i principali porti del golfo.  5 corse giornaliere collegheranno La Spezia, Lerici e Porto Venere e 4 corse di andata e ritorno collegheranno anche Tellaro, altra meta ambita della provincia, difficilmente raggiungibile altrimenti. Il servizio sarà erogato dalla Coop. Navigazione Golfo dei Poeti che ha cercato di venire incontro alle tante richieste che andavano in questo senso e alle sollecitazioni dei Sindaci del Golfo. Nessun onere a carico del pubblico per il nuovo servizio. Sulla tratta Lerici/Tellaro è previsto un contributo da parte del comune di Lerici. I prezzi saranno differenziati a seconda se residenti o meno in provincia: biglietto giornaliero La Spezia/Lerici/Porto Venere con la possibilità di tre soste: 22,00 euro, residenti in provincia 11,00 euro; Biglietto A/R Lerici-Tellaro 8,00 euro, residenti 4,00 euro. Il servizio terminerà il prossimo 15 settembre. La disponibilità ad effettuare questo servizio testimonia l’impegno della società di navigazione spezzina nel migliorare la qualità dell’offerta turistica e dei servizi offerti al cittadino ed anche la dinamicità imprenditoriale della Coop. Navigazione Golfo dei Poeti che assume totalmente il rischio di impresa di questo nuovo servizio.   [post_title] => Navigazione Golfo dei Poeti, nuovo servizio da La Spezia per Lerici, Tellaro e Porto Venere [post_date] => 2019-05-15T09:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557910987000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351756 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cabo Verde Airlines ha presentato il "Praia de Santa Maria", il primo velivolo con la nuova livrea. L'aeroporto di Nelson Mandela ha accolto l'aereo "Praia de Santa Maria" proveniente da Boston, con 134 passeggeri. "Praia de Santa Maria", il cui nome è stato scelto attraverso un voto pubblico su Facebook, celebra una delle meraviglie naturali di Capo Verde che è la caratteristica spiaggia della città di Santa Maria sull'isola di Sal, dove si trova l'hub della compagnia aerea. Decorato nei toni del blu e del pastello, propone un branding che è una miscela delicata che unisce la bellezza naturale al ritmo della cultura capoverdiana, con i colori delle case sulle isole. Una tavolozza di colori interni ed esterni che intende mettere in evidenza che il cambiamento viene dall'interno, e che l'obiettivo è servire al meglio i propri clienti e portare Capo Verde nel mondo ed il mondo a Capo Verde. La "Praia de Santa Maria" avrà 12 posti in una cabina premium e 180 posti. Con l'arrivo di Praia de Santa Maria, Capo Verde Airlines completa la propria flotta che comprende oggi tre aerei 757-200 e prevede di riceverne altri due entro la fine dell'anno. L'arrivo di questo velivolo fa parte della ristrutturazione della compagnia aerea e della sua privatizzazione, completata il 1° marzo 2019.   [post_title] => Cabo Verde Airlines, la nuova livrea sul "Praia de Santa Maria" [post_date] => 2019-05-13T11:52:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557748346000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351690 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La forza di una filiera completa. Un’integrazione progressiva, che non si ferma. Il rischio è diventare o essere confusi per un network “dipendente”? «Semmai, quello di dotarsi di una serie sempre più ampia di prodotti. Moltiplicare le possibilità di scelta a favore degli agenti di viaggio affinchè decidano liberamente come e di cosa servirsi, attingendo al “nostro bouquet”». Così Andrea Gilardi, direttore generale Uvet Travel System, chiarisce subito l’ombra di polemica che aveva increspato il mercato nei giorni scorsi. Giorni di network, appunto, come il fine settimana che si è appena concluso al Riva Marina Resort di Carovigno, dove sì è tenuta la convention nazionale del gruppo Uvet, mentre in Sicilia si alzava il sipario sul palco di Gattinoni Mondo di Vacanze. Questioni di calendario, minimizzano, pare anche quello della super ospite l’atleta olimpica Bebe Vio fortemente voluta dal management Uvet per sugellare una due giorni densa di contenuti, attraverso un’intervista carica di significato e stoccate, una dopo l’altra: «L’atleta non vice da solo. E’ chi gli sta intorno che lo aiuta a vincere». Un po’ questo il leitmotive della convention. «Alla base c’è la forza del gruppo: da soli non si va da nessuna parte». L’invito ad unirsi è rivolto alla distribuzione e e alla produzione: «Lavoriamo insieme per superare con tenacia le sfide: negli ultimi sei mesi abbiamo guadagnato nuovamente posizioni sul mercato fino ad arrivare dove siamo ora: al posto che ci compete». Sul tema della libertà del network intervengono a più riprese, nel corso della due giorni, tutti i vertici del network declinando il significato del "concetto di libero arbitrio" di cui godono pienamente gli agenti di viaggio in quanto liberi imprenditori. «Essere liberi non vuol dire essere anarchici, ma organizzati», puntualizza Ezio Birondi amministratore delegato di Settemari, cui fa eco Andrea Gilardi che specifica «E' vero che la distribuzione è libera, ma deve essere guidata». [post_title] => Uvet, Gilardi liquida ogni polemica «Noi siamo un network libero» [post_date] => 2019-05-13T09:08:24+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738504000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350683 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le turbolenze della Brexit non spaventano il presidente e amministratore delegato di Rocco Forte Hotels, che anzi si dice convinto che uscire dall'Unione Europa sia la scelta giusta per il Regno Unito. Una opinione originale, la sua, almeno nel mondo del turismo britannico, e soprattutto dell'ospitalità, dove in molti sono preoccupati delle potenziali ricadute che la reintroduzione delle frontiere potrà avere sui costi della mano d'opera. «E' vero, negli hotel del Paese, soprattutto nelle grandi città, ci sono spesso tantissimi lavoratori stranieri, specialmente europei - ha raccontato Rocco Forte in occasione della presentazione milanese dei suoi tre nuovi hotel italiani: il pugliese Torre Maizza, il De La Ville di Roma e il Villa Igiea di Palermo -. Ma la Brexit non vuol dire che nessuno potrà più entrare nel Paese. E' dalla fine della Seconda guerra mondiale che i cittadini del Vecchio continente continuano a venire in Inghilterra. E all'inizio la Ue certo non c'era». L'importante è che l'economia nazionale continui ad andar bene, tanto da essere in grado ancora oggi di creare più posti di lavoro che in qualsiasi altro Paese d'Europa, ha aggiunto Forte: «Il problema, semmai, è il primo ministro Theresa Mary, che è un'incapace e non si rassegna a dimettersi». [post_title] => Rocco Forte: la Brexit? E' la scelta giusta [post_date] => 2019-05-08T11:00:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => brexit [1] => in-evidenza [2] => rocco-forte [3] => rocco-forte-hotels [4] => theresa-may ) [post_tag_name] => Array ( [0] => brexit [1] => In evidenza [2] => rocco forte [3] => Rocco Forte Hotels [4] => Theresa May ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557313217000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350514 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La partnership tra Veratour e le agenzie di viaggio si fa sempre più stretta e si estende a nuove aree come quella dei social network. Con la nuova iniziativa Digital Travel Agent, Veratour ha selezionato 50 agenzie di viaggio particolarmente attive sul fronte social e fornito loro accesso a una app professionale per la gestione di contenuti esclusivi da condividere sui propri canali. «Ci siamo resi conto che anche nel mondo digitale potevamo mettere i nostri partner di sempre, gli agenti di viaggio, in condizione di sostanziare al meglio il loro ruolo di esperti in materia di viaggi – spiega Fabio D'Onorio responsabile VeraStore & digital marketing in Veratour –. Il fattore chiave per il successo di un canale social è la qualità dei contenuti pubblicati; un post efficace consente a un agente di ingaggiare vecchi e nuovi utenti, ma richiede molto tempo per la ricerca delle immagini e una buona dose di creatività». L’accesso alla app – fornito da Veratour – è gratuito, la pubblicazione dei contenuti disponibili è estremamente veloce e ogni agente ha massima libertà di scegliere cosa pubblicare e su quale dei suoi social. Il post compare nei feed di Facebook e Instagram insieme a quelli creati autonomamente dall’agente di viaggio, andando quindi ad arricchire pagine e profili. Nessuno sforzo per chi li utilizza, massimo riscontro in termini di risultati. «Le agenzie di viaggio sono il nostro unico canale di vendita – aggiunge Massimo Broccoli, direttore commerciale Veratour – quindi per noi è prioritario fornire loro tutto il supporto di cui siamo capaci». [post_title] => "Digital travel agent" di Veratour per condividere sui social contenuti esclusivi [post_date] => 2019-05-07T14:35:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557239700000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350528 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Raggiungere un mercato di 250-300 mila clienti potenziali in Italia, arrivando a servirne almeno 10 mila all'anno da qui al 2021. E' il business plan a monte di Anda: la nuova linea di prodotto del brand Margò di Eden Viaggi, presentata oggi ufficialmente a Milano. «Da tempo stavamo pensando a una proposta specificamente dedicata alle nuove generazioni di viaggiatori che vogliono sentirsi liberi, fare una vacanza attiva, raggiungere la vera anima delle destinazioni e condividere l'esperienza con altre persone provviste dello stesso spirito» spiega il direttore marketing e comunicazione Eden Viaggi, Tommaso Bertini. Anda si ispira ad alcuni modelli anglosassoni come G Adventures, Contiki e Intrepid, che nessuno ha pensato fino a oggi di declinare per il mercato italiano, racconta invece il responsabile prodotto, Savino Pellerano. Il catalogo Anda, già stampata in 100 mila copie, propone oltre 70 itinerari in cinque continenti, con partenze sempre garantire per gruppi senza numero minimo ma con un massimo di 14 partecipanti più team leader italiano. L'offerta si rivolge soprattutto ai single di età compresa tra i 25 e i 45 anni, desiderosi di entrare in contatto con la vita dei territori in cui si recano. E' previsto, per chi lo desidera, il soggiorno in sistemazioni condivise, mentre gli spostamenti in loco sono spesso effettuati su trasporti pubblici. L'idea è quella di raggiungere quella tipologia di viaggiatori e/o turisti consapevoli che normalmente non si reca in adv: «E per riuscirci supporteremo le adv con una serie di attività di formazione, ma anche con investimenti condivisi per realizzare eventi ad hoc, per esempio degli aperitivi, in grado di raggiungere un pubblico più ampio possibile», aggiunge il direttore commerciale Eden, Angelo Cartelli. Non mancheranno inoltre le attività promozionali sui social e sul web. «Dal prossimo 16 maggio partirà infine un roadhsow in otto tappe che in due mesi girerà per l'intera Penisola con lo scopo di raccontare alle adv cosa è Anda e a chi si rivolge», conclude infine il direttore business unit Margò, Alessandro Gandola. [post_title] => Eden Viaggi presenta Anda: la nuova linea di prodotto Margò [post_date] => 2019-05-07T13:29:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => alessandro-gandola [1] => anda [2] => angelo-cartelli [3] => eden-viaggi-2 [4] => in-evidenza [5] => margo [6] => savino-pellerano [7] => tommaso-bertini ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Alessandro Gandola [1] => Anda [2] => Angelo Cartelli [3] => eden viaggi [4] => In evidenza [5] => Margò [6] => Savino Pellerano [7] => Tommaso Bertini ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557235798000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350222 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’Italia è una sommatoria di regole fatta da gente incompetente. Tutta questa incapacità ha creato dei disastri». Attacca con i suoi consueti toni da provocatore Flavio Briatore. L’imprenditore, e celebrità televisiva, è stato invitato all’assemblea Federalberghi di Capri per parlare di turismo di lusso, settore in cui da anni si muove grazie alla sua serie di noti locali uplevel in Italia e all’estero. E la sua presenza è come spesso accade controversa. Nel nostro Paese, a suo dire, non esisterebbe per esempio nessuna destinazione dove è possibile creare un’offerta di lusso vera. E cita le lunghe code agli aeroporti per il controllo passaporti, nonché le file per accedere ai musei. Per non parlare della burocrazia. A Montecarlo, invece, è tutto diverso: «Ho appena deciso di acquistare una spiaggia per trattenere più a lungo gli ospiti nelle nostre strutture. L’idea l’abbiamo avuta lo scorso 12 aprile. Quattro giorni dopo avevamo già ottenuto tutti i permessi necessari». E poi c’è la questione del cuneo fiscale: «Qui da noi, se devi pagare un collaboratore mille euro al mese, ti costa 30 mila euro all’anno». Non solo: «In Italia non siamo umili, anzi siamo molto arroganti». Ma per attirare i turisti di un certo livello il mare da solo non basta, servono strutture adeguate e servizi d’intrattenimento: «In Francia, Spagna e Germania, la spesa media pro-capite dei visitatori è nettamente più alta che da noi. Nel paese iberico, per di più, i turisti internazionali stanno di solito cinque notti. Da noi non si arriva a quattro. Una differenza da 14 miliardi di euro di fatturato in meno. Praticamente una manovra del governo». Insomma, anche per Briatore il nostro Paese non fa sistema: «Dobbiamo invece lavorare tutti insieme. A partire dalla polizia, dagli aeroporti e dalle dogane… E deve funzionare tutto. Senza snobbare i ricchi perché sono ricchi, oppure trovarsi di fronte a una frotta di giornalisti a caccia del gossip ogni volta che sulle nostre coste attracca uno yacht da 80 metri. Una volta tutti andavano a sposarsi in Puglia. Ormai non lo fa più nessuno, perché non c’è rispetto della privacy». [post_title] => L'Italia e il turismo del lusso secondo Flavio Briatore [post_date] => 2019-05-06T09:00:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => capri [1] => federalberghi [2] => flavio-briatore [3] => in-evidenza [4] => lusso ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Capri [1] => Federalberghi [2] => Flavio Briatore [3] => In evidenza [4] => lusso ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557133228000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti