4 July 2020

Luca Patanè: «Fto cresce. Non abbiamo nessun governo che ci affianchi»

[ 1 ]

Assemblea generale di Fto abbastanza piena. Presenti quasi tutti gli associati e anche i nuovi hanno fatto capolino nelle sale che hanno ospitato l’evento. Il momento clou è stato sicuramente l’intervento del presidente Luca Patanè che si è detto da una parte fiducioso sulla crescita dell’associazione, sia per il numero di affiliati sia per l’importante lavoro che sta svolgendo a favore delle agenzie di viaggio, e dell’industry in generale. «Ci siamo aggiudicati 800 mila euro del Fondo Forte, che verranno impiegati integralmente nella formazione degli agenti di viaggio – ha detto, e poi ha continuato -. Certo lo scenario in cui noi operiamo non è dei migliori, con una politica che non ha nessun interesse verso il turismo. Un totale disinteresse che si tramuta in mancate operazioni di sostegno al sistema. Ci siamo abituati, per dirlo in altro modo, a non aver nessun governo che ci affianchi, dobbiamo fare tutto da soli».

Dopo questo incipit, Patanè ha individuato un’altra criticità: «Alitalia. Il futuro è assolutamente incerto. Adesso è arrivato il commissario straordinario che dovrebbe fare i tagli necessari e poi dare in mano la compagni a Lufthansa. Staremo a vedere. Come cittadino sono indignato visto che 9 miliardi di euro delle nostre tasse sono state versate nelle casse di Alitalia. Come imprenditore sono preoccupato perché Alitalia è uno dei nostri partner primari. L’altro focus importante è quello delle agenzie di viaggio. Le adv stanno crescendo, stanno specializzandosi, insomma stanno lavorando bene e l’istituzione cosa fa? Le riempie di continui balzelli fiscali, di ingorghi burocratici che da una parte rallentano il lavoro, e dall’altra mettono le agenzie sotto ricatto se nel caso uno di questi mille adempimenti non venga fatto in modo più che perfetto. Non si può continuare a lavorare sempre sotto minaccia».

L’ultimo punto del discorso di Patanè è legato ad Alpitour e al suo nuovo contratto che sta suscitando critiche in buona parte delle agenzie di viaggio. «Noi dobbiamo aprire un dialogo con Alpitour, sederci ad un tavolo e cercare di trattare e di far presente anche le nostre esigenze».

Il direttore generale di Fto, Gabriele Milani ha poi illustrato la strategia per il prossimo anno. Che si basa sulla giusta direzione per le agenzie e soprattutto sulle agenzie in regola con tutti i parametri di norma. «Inoltre non siamo contenti del contratto. Vogliamo un contratto flessibile e moderno, e per questo lavoreremo. La nostra politica poi si allarga alle questioni fiscali e a quelle legali in cui saremo sempre più presenti. Stiamo inoltre lavorando sia con l’estero che con il nostro Paese, cercando di formare le nuove generazioni per dare loro la tecnica del turismo ma anche l’entusiasmo».

Sono sette le new entry dell’associazione: Earth, Deluxuring, Esse Vacation, lastminute.com, Travelgram, Zani Viaggi e Uet.

Infine una nota. Alla domanda di un giornalista (il sottoscritto per esattezza) su come si fosse risolta la questione dell’ingresso in modo pieno di Fto in Apjc, mentre Milani stava per rispondere in modo pacato ha preso il microfono Luca Patanè e in modo francamente sgarbato ha chiesto al giornalista: «Ma perchè lei fa sempre questa domanda?», risposta «Veramente l’ho fatta due volte», Patanè sempre irritato: «E perché insiste su questo punto?» risposta «Perché voi rappresentate migliaia di agenzie di viaggio e una vostra presenza all’interno di Apjc è fondamentale». Ancora Patanè: «Non credo che sia il momento di fare domande polemiche con tutto quello che abbiamo fatto durante quest’anno. In Apjc siamo membri osservatori e tanto basti». Il punto, invece è un altro. Essere in Apjc è uno modo per condizionare le politiche di raccordo fra agenzie di viaggio e Iata. La risposta irritata e piccata di Patanè denuncia un fastidio neanche tanto celato. Mi dispiace riportare questo fatto, ma insomma a domanda si risponde. Se non si vogliono domande non si dà il microfono alla stampa. Se si risponde, senza alcun motivo apparente, in modo irritato e sgarbato, non possiamo che riportarlo.

Giuseppe Aloe




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353839 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2019 sarà il decimo anno consecutivo di crescita dei flussi turistici dall'Italia alla Thailandia. Non non si parla più, però, di incrementi vicini alla doppia cifra percentuale, come avveniva nel recente passato, ma di un +2% da gennaio a maggio, che a fine anno potrebbe salire fino a un +3%, per un totale di circa 290 mila arriva dalla Penisola. Lo racconta Sandro Botticelli a margine dell’evento Revolution Spring Thai, realizzato a Milano da Easy Market, in collaborazione con Amazing Thailand e Thai Airways. il marketing manager dell'ente nazionale del turismo in Italia sottolinea come a mancare all'appello in questo momento sia proprio la domanda dei to, mentre quella diretta non smette di aumentare: «Colpa della rivalutazione del baht, sicuramente, che sta rendendo la destinazione un po' meno competitiva. Così come non ci ha fatto bene l'abbandono delle rotte Air Italy verso la Thailandia dello scorso marzo». Ecco allora che l'ente sta correndo ai ripari per recuperare il terreno perduto nei confronti del trade. Il piano prevede l'organizzazione a ottobre di un mega fam trip che, allo stesso modo di quanto avvenuto due anni fa, coinvolgerà oltre 120 persone tra agenti, influencer, giornalisti e operatori di to. A settembre partirà invece una serie di attività di sales call, di visite dirette alle agenzie, con l'obiettivo di creare in quattro-cinque anni una banca dati composta da 1.000 - 1.500 adv ben formate sulla destinazione. [post_title] => La Thailandia cresce ma meno. L'ente pensa a sales call con le adv [post_date] => 2019-05-31T09:30:57+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fam-trip [1] => in-evidenza [2] => sales-call [3] => sandro-botticelli [4] => thailandia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => fam trip [1] => In evidenza [2] => sales call [3] => Sandro Botticelli [4] => thailandia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559295057000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353745 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Federico Lucarelli legale di Fiavet nazionale e in rappresentanza dell'associazione degli adv ha partecipato all'audizione  dalla Commissione X della Camera dei deputati, in relazione al Disegno di legge C. 1698 “Delega al governo in materia di turismo”, promosso dal ministro del turismo Gian Marco Centinaio, per intervenire con Decreti delegati su aspetti nodali della normativa di settore, che rappresentando una risorsa chiave del Paese necessita della giusta attenzione e di un efficace rilancio. Fiavet ha evidenziato ai deputati l’importanza di due tematiche che rientrano nell’oggetto della delega. Da una parte la necessità, non più rinviabile, di adottare una riforma organica e completa delle professioni turistiche, tra cui la figura del direttore tecnico di agenzia di viaggi, essendo rimasta inattuata la previsione dell’art. 20 del Codice del Turismo del 2011, che ha lasciato un quadro normativo regionale datato e frammentario, oltre a causare una stasi degli esami di abilitazione dei nuovi direttori tecnici. Si rende quindi fondamentale l'emanazione della normativa che fissi i requisiti professionali uniformi a livello nazionale, previa intesa con la Conferenza permanente Stato–Regioni e provincie autonome Dall'altra l'improrogabile esigenza di mettere in atto concrete misure di contrasto a forme di abusivismo nel comparto dei viaggi organizzati, attraverso l’accoglimento dell’emendamento che chiede di potenziare e implementare il portale Infotrav, data base pubblico già esistente e che raccoglie tutte le agenzie di viaggio regolarmente abilitate ad esercitare sul territorio nazionale. Attraverso l’implementazione dello stesso, anche con i dati delle associazioni no-profit, che le regioni hanno abilitato a organizzare viaggi per i propri Associati, si verrebbe a creare un unico riferimento per tutti i soggetti legalmente operanti, ai quali si potrebbe assegnare un Codice identificativo nazionale (Cin), così come prevede lo stesso disegno di legge per il comparto ricettivo. Ciò consentirebbe alle Istituzioni e alle forze di polizia che vigilano e reprimono gli abusi nel settore di verificare, tramite i dati obbligatoriamente pubblicati dai soggetti operanti sui siti e-commerce, o dall’esame dei voucher e della documentazione consegnata alla clientela, l’esistenza del Cin. Uno strumento di grande deterrenza e di facile e immediato utilizzo per verifiche e controlli nei confronti di soggetti abusivi, che sottraggono ogni anno 800 milioni di fatturato al mercato agenziale. [post_title] => Fiavet in audizione al Parlamento. Obiettivi: riformare i direttori tecnici e l'abusivismo [post_date] => 2019-05-30T12:23:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559218988000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353709 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Negli articoli 37 e 50 del Decreto Crescita, il governo ha previsto che verranno prelevati 650 milioni dalle bollette per garantire la continuità industriale di Alitalia. Questa è la notizia. Dobbiamo dire che la sola lettura fa rabbrividire per la superficialità della scelta di distrarre fondi così ingenti che hanno una ben definita origine e dislocarli per mantenere in vita un'azienda che, in poche parole, almeno ad oggi non è appetibile. A questo punto si pronuncia l'Autorità per l'Energia, Reti e Ambiente  con parole inequivocabili:«Non usate i soldi delle bollette degli italiani per il salvataggio di Alitalia, c'è il rischio di un aumento delle tariffe di luce e gas per i consumatori». Infatti si tratta di si tratta di versamenti «suscettibili di generare ripercussioni negative sull'intero sistema, che potrebbero tramutarsi in un incremento improprio dei prezzi dell'energia per le famiglie e le imprese qualora ciò dovesse tradursi in un aumento dei corrispettivi a copertura degli oneri generali, con possibili effetti sfavorevoli sul ciclo economico generale». E con la frase: c'è il rischio, diciamo che ci sono andati leggeri. C'è la certezza che le tariffe aumentino. [post_title] => Alitalia: il governo punta a 650 milioni dalle bollette. Stop dell'Autorità [post_date] => 2019-05-30T10:47:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559213227000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353700 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sas ha ceduto la propria partecipazione in Air Greenland al governo della Groenlandia. Un'operazione del valore di circa 41,3 milioni di dollari che ha posto fine ad un'intesa che risale agli anni Sessanta e che vedeva la compagnia aerea scandinava proprietaria del 37,5% del capitale di Air Greenland. Un'altra quota del 37,5% apparteneva già al governo della Groenlandia che ora raggiunge quasi l'80% e di fatto controlla la compagnia aerea (il restante 20% è tuttora nelle mani del Governo di Danimarca). Il network di Air Greenland copre tutte le destinazioni domestiche oltre ad alcune rotte internazionali verso Danimarca e Islanda. [post_title] => Sas cede la partecipazione in Air Greenland al governo della Groenlandia [post_date] => 2019-05-30T10:21:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559211705000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dubai è una città in continua evoluzione, che non si ferma mai. Anche in vista di Expo 2020 sono tante le novità turistiche offerte dalla città. Moltissime le nuove attrazioni. L’ultima novità dei laghi artificiali di Al Qudra è il Love Lake, lago scavato nella sabbia a forma di due cuori intrecciati. Questi due laghetti sono la location ideale per godersi il tramonto nel deserto di fronte ad uno scintillante specchio d’acqua, e non di rado si ha l’occasione di avvistare le specie animali endemiche del deserto nel loro habitat naturale. The Pointe è la nuova location vista mare di Dubai, si trova su Palm Jumeirah, dall’altra parte della baia rispetto al celebre hotel Atlantis The Palm. La location ospita spettacolari show, nonché una bellissima passeggiata lungo la quale si trovano ristoranti, negozi e locali di intrattenimento dove poter cenare, fare shopping e divertirsi. L’obiettivo dello Shindaga Museum è mettere in mostra affascinanti approfondimenti su quello che è il ricco passato degli Emirati Arabi tramite mostre e eventi aperti al pubblico. Il museo è suddiviso in diverse sezioni, ognuno dei quali tratta un tema diverso: Governo e Società, Creatività e Benessere, Vivere la terra e il mare. C’è anche una sezione dedicata ai bambini e una all’educazione civica. Quranic Pars, si trova ad Al Khawaneej, ed è il nuovo parco con ingresso gratuito pensato per far immergere i visitatori nella cultura Islamica, pur restando un luogo dove i bambini e famiglie possono divertirsi imparando qualcosa di più sul Corano. La città offre anche tanti nuovi hotel e ristoranti. L’ultima isola inaugurata, Bluewaters Island, ospita il Caesar’s Palace, una struttura della lussuosa catena internazionale. Qui a Dubai offre una cucina innovativa, tanto intrattenimento e servizi che possono soddisfare qualsiasi necessità. All’interno del resort c’è il Cove Beach, il secondo ristorante Hell’s Kitchen di Gordon Ramsay, così come Paru, un rooftop all’aperto, con una splendida vista sul Golfo, che serve moderna cucina giapponese. Il W Palm Jumeirah fonde l’estetica Araba e uno stile intercontinentale.         [post_title] => Dubai, le novità turistiche in vista di Expo 2020 [post_date] => 2019-05-29T08:46:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559119590000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lufthansa ha inaugurato domenica scorsa la nuova rotta Monaco di Baviera-Rimini. «Questo per noi rappresenta un grande giorno - ha dichiarato Leonardo Corbucci, amministratore delegato di Airiminum, la società di gestione del Fellini - perché l’arrivo di Lufthansa, oltre a incrementare il traffico dell’aeroporto, ci consente di collegare la Romagna a un paese, come la Germania, da sempre ritenuto strategico da tutto il ali del territorio. Con l’avvio del volo settimanale da Monaco si compie un altro passo del nostro progetto di crescita. Auspico che, con l’aiuto necessario del territorio e azioni mirate di marketing, già a partire dal 2020 si possa incrementare il numero di voli settimanali per Monaco e delle destinazioni tedesche collegate e consolidare la nostra partnership con Lufthansa per lungo termine». [post_title] => Il Fellini di Rimini cresce con la nuova rotta Lufthansa per Monaco [post_date] => 2019-05-28T11:57:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559044656000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via il Roadshow 2019 di Mauritius Tourism Promotion Authority. Si svolgerà in tre tappe serali e rappresenta una nuova occasione di incontro per l’Ente e i suoi partner con i professionisti del turismo in tre città italiane. Si parte oggi, 28 maggio, con la serata inaugurale e Catania, il giorno successivo Mtpa e gli espositori presenti faranno tappa a Napoli, per poi risalire la penisola e concludere il tour a Verona, il 30 maggio. Gli ospiti avranno l’opportunità di confrontarsi direttamente con rappresentanti di compagnie aeree, catene di hotel e dmc, per capire quali sono i nuovi focus e spunti che rendono Mauritius una meta ideale in ogni occasione. Le serate saranno contraddistinte dalla calorosa accoglienza mauriziana e gli ospiti saranno allietati, a chiusura dei lavori, da intrattenimento in puro stile mauriziano.  Saranno presenti quattro vettori che servono la destinazione: oltre alla compagnia di bandiera, Air Mauritius, non mancheranno Alitalia, Emirates e Turkish Airlines. Gli specialisti del segmento accommodation che prenderanno parte al roadshow sono: Beachcomber Resorts & Hotels, Constance Hotels & Resorts, Le Palmiste Resort & Spa, Veranda & Heritage Resorts, Southern Cross Hotels e Sun Resorts. Infine, Promotour permetterà di scoprire e riscoprire numerose opportunità di escursioni ed esperienze in loco. «Vogliamo intensificare il contatto diretto con i professionisti del turismo in tutta Italia - spiega Mia Hezi, account director Italy per Mtpa - grazie alla loro preziosa collaborazione infatti riusciamo a trasmettere la nostra passione per questa incantevole isola, che è una destinazione ideale in ogni periodo dell’anno».    [post_title] => Mauritius inaugura oggi a Catania il roadshow formativo. A seguire Napoli e Verona [post_date] => 2019-05-28T09:38:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559036309000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Centinaia di fotografie inedite, ricordi personali, vestiti, accessori, memorabilia e souvenir di viaggi in tutto il mondo: a 90 anni esatti dalla nascita nel quartiere di Ixelles, in un’elegante palazzina a 3 piani di rue Keyenveld, Audrey Hepburn è protagonista di “Intimate Audrey”, mostra evento in programma alla Galleria Vanderborght di Bruxelles fino al 25 agosto. L’esposizione, creata e organizzata dal figlio Sean Hepburn Ferrer, lascia l’icona sullo schermo e si concentra sulla donna, entrando in punta di piedi nella sua vita privata: i fan, ad esempio, possono ammirare gli schizzi degli abiti che amava disegnare e leggere le lettere scritte nel corso dei viaggi nei paesi più disagiati del mondo in qualità di ambasciatrice speciale dell’Unicef. “Intimate Audrey” occupa uno spazio di circa 800 metri quadrati, è allestita su due piani ed è divisa in diverse sezioni che ripercorrono i momenti più importanti della vita dell’attrice. Un viaggio lungo una vita tra glamour, stile ed eleganza con un fil-rouge rappresentato dall’impegno a favore dei più deboli: non a caso, “Intimate Audrey” è stata organizzata a scopo benefico. Tutto il ricavato della mostra sarà devoluto agli ospedali Brugmann e Bordet di Bruxelles e a Eurordis - Rare Disease Europe – una federazione di associazioni non governativa che rappresenta circa 30 milioni di persone affette da malattie rare in Europa. «Audrey Hepburn è stata una delle prime “influencer” della storia e ancora oggi è molto amata da un pubblico trasversale, che spazia dagli adulti ai più giovani - spiega Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Questa mostra ha il pregio di svelare la persona che si celava dietro alla star, permettendo di comprendere meglio il suo carattere, il suo innegabile carisma e la sua profonda umanità. Ai fan più sfegatati consiglio inoltre un selfie davanti alla casa natale in rue Keyenveld, riconoscibile da una targa dorata».           [post_title] => Bruxelles, fino al 25 agosto la mostra evento "Intimate Audrey" [post_date] => 2019-05-27T15:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971950000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti