16 September 2019

Geo, Caraffini e Colitta: «Restiamo il network di tutti»

[ 0 ]
Geo, Caraffini, Colitta

Dante Colitta e Luca Caraffini

Restare il network “di tutti”, abbracciando agenzie che hanno bisogno di «servizi sempre più possibile completi», come spiega l’ad Luca Caraffini, a prescindere dalla dislocazione geografica e che queste fatturino 300mila o 3 milioni di euro. Questo il pensiero della dirigenza Geo Travel Network, al giro di volta dell’anno fiscale che, numeri alla mano, si è chiuso in bellezza.
Alla voce leisure 2018 infatti si registra una crescita a doppia cifra, pari al +14% che va a sommarsi a un già forte 2017, con il suo +15% con tutte le aree del business, dalle Crociere a +20% passando per la linea a +15% e i villaggi a +12%. Lieve flessione solo per le Olta che in casa Geo sono per lo più «banche letti, che proliferano e incontrano difficoltà», precisa il direttore commerciale Dante Colitta.

Ma il network gode di buona salute, non solo per i volumi generati ma anche per i riscontri positivi che arrivano da ogni regione . «Chiudiamo l’anno con circa 1.800 agenzie – afferma Caraffini -, solo nel 2018 abbiamo registrato 135 nuovi ingressi e il nostro direttore di rete, Isabella Candelori, stima 100 nuove affiliazioni entro il 31 ottobre 2019. Certamente riscontriamo anche qualche defezione ma in linea di massima possiamo affermare che rappresentiamo un quarto del mercato agenziale e, anche se ci sono momenti di sofferenza – come vale per tutti i network -, lo share di Geo resta e resterà forte perché non lavoriamo solo sul prezzo, comunque importante, ma anche sulla disponibilità di prodotto che vuol dire offrire alternative e le giuste condizioni per sceglierle».

Entrando nel dettaglio dei servizi offerti alle adv affiliate, si conferma un successo l’edizione 2018 di Win4all, con 732 agenzie a target, l’82% di quelle aderenti al progetto, e premi accumulati per oltre 1,1 milioni di euro. Bene il prodotto tabloid, il kit sposi e anche lo sviluppo informatico del network con circa 500 website attivati.

Tanti servizi, di varia natura e determinanti per la vita di un’agenzia: questa si conferma essere la forza di Geo, anche perché come aggiunge Colitta «in Italia non ci saranno più di 1.000 agenzie che hanno un impianto da azienda e non da bottega», anche alla luce delle tante sfide, non solo economiche, ma anche di normativa che un’adv deve affrontare. «La sfida per le agenzie è riuscire a restare a norma – conclude senza mezzi termini Caraffini -, dietro il semplice mettere o meno una x su una casella c’è il rischio di sanzioni se non addirittura il penale. Per questo il nostro compito si conferma essere quello di aiutare, a tutti i livelli, i nostri associati».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353633 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Venti anni fa la prima corsa: era venerdì 28 maggio 1999 quando alle ore 9.45 partì da Milano Cadorna il primo Malpensa Express, destinazione Terminal 1. I passeggeri hanno seguito un trend di crescita costante, arrivando al record di 3 milioni registrato nel 2018, per un totale nell’arco dei 20 anni di 40 milioni di passeggeri, con un indice di soddisfazione della clientela costantemente sopra al 90%, in linea con gli standard dei principali servizi omologhi europei. Il servizio è evoluto, in questi vent’anni, non solo grazie alla nuova flotta di treni Coradia, convogli di ultima generazione totalmente accessibili, entrati in servizio da giugno 2010, ma anche grazie a un’infrastruttura sempre più veloce e performante che si estende su rete Ferrovie Nord. «Malpensa Express -  spiega l'amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri - è pronto per accogliere la sfida della chiusura di Linate e del trasferimento dei voli a Malpensa, in occasione della quale offriremo 18.500 posti in più al giorno, con l’obiettivo di intercettare un nuovo pubblico: miriamo a conquistare mezzo milione di viaggiatori in più ogni anno. In questi 20 anni di Malpensa Express abbiamo maturato una competenza che mettiamo in campo anche per il servizio sugli altri scali lombardi, in primis Linate - collegato alla stazione Forlanini del Passante Ferroviario - e Bergamo Orio al Serio - quando l’aeroporto sarà raggiunto dai binari». Per tutto il periodo della chiusura di Linate, Trenord incrementerà quasi del +50% l’offerta di posti al giorno sulle corse Malpensa Express, che passerà da poco più di 39.000 a 58.000 grazie a composizioni allungate dei convogli. Nell’ottica del potenziamento del servizio, Trenord lancerà a giugno il sito malpensaexpress.it completamente rinnovato, ottimizzato per smartphone e tablet e ideale per essere consultato da chi è in viaggio. [post_title] => Trenord: 20 anni e 40 milioni di passeggeri sul Malpensa Express [post_date] => 2019-05-29T12:53:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559134437000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353370 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Investiremo in modo massiccio su Turisanda, secondo un piano di rafforzamento e di sviluppo del marchio »  così Pier Ezhaya, tour operator chief operating officer di Alpitour World, a margine della convention Geo Travel Network, che si è svolta al Voi Tanka Resort di Villasimius. «Il 6 giugno presenteremo questa novità al mercato e alla stampa in una serata dedicata». [post_title] => Pier Ezhaya: «Grandi investimenti su Turisanda» [post_date] => 2019-05-27T13:13:51+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => alpitour-2 [1] => ezhaya [2] => hotelplan [3] => in-evidenza [4] => turisanda ) [post_tag_name] => Array ( [0] => alpitour [1] => Ezhaya [2] => Hotelplan [3] => In evidenza [4] => turisanda ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558962831000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una convention in grande stile quella di Geo Travel Network, al Voi Tanka Resort di Villasimius, che ha visto la partecipazione di 600 agenti di viaggio. «Veramente avevamo 780 agenzie iscritte alla convention - ci ha detto l'amministratore delegato del network, Luca Caraffini - ma non potevamo farle partecipare all'evento. Insomma possiamo parlare di un evento di successo, e questo ci riempie di orgoglio». Attualmente le agenzie affiliate al network sono 1300, che arrivano a 1700 se consideriamo l'intero gruppo di cui Geo fa parte. «Nel primo quadrimestre - continua Caraffini - abbiamo registrato una crescita di vendite del 17,5%, con 135 nuove affiliazioni al 30 aprile. Diciamo che è un risultato importante. Sarà difficile mantenerlo costantemente, ma chiaramente noi ci proviamo. Il punto è chge il format Geo è attrattivo e quindi questi numeri si spiegano proprio per questo motivo. Voglio solo fare un appello a tutte le agenzie del network: usate il crm, solo mediante questo strumento possiamo conoscere i flussi e indirizzare in modo omogeneo le operazioni».   [post_title] => Caraffini: «Vendite di Geo a più 17,5% nel primo quadrimestre» [post_date] => 2019-05-27T11:38:25+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558957105000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un aumento di volumi e fatturato del 20% a parità di perimetro. Sono gli effetti più che lusinghieri, generati nei primi tre mesi dal nuovo format Bravo Club lanciato a fine febbraio. Lo ha rivelato, a margine dell'evento sardo del Voi Tanka Resort  per la presentazione dell'ultimo singolo di Giusy Ferreri, il brand manager del marchio di villaggi all inclusive Alpitour, Gianmaria Patti: «I feedback sono stati da subito molto positivi e ci confortano sulla bontà della nostra strategia incentrata sulla creazione di un prodotto a maggior valore aggiunto, per liberarci dalla necessità di competere esclusivamente sulla leva del prezzo». Il brand, che ha chiuso l'anno fiscale novembre 2017 - ottobre 2018 con un fatturato complessivo di 155 milioni di euro, generato da 19 villaggi complessivi, presenta anche per questa stagione un portfolio stabile: 11 resort per la stagione invernale, che salgono a 19 per l'estate. «Il nostro obiettivo è quello di crescere con moderazione, perché vogliamo preservare la promessa del marchio - prosegue Patti -. Per l'anno prossimo posso però già annunciare l'apertura di un nuovo Bravo Club a Kao Lack in Thailandia. Abbiamo infatti chiuso con la proprietà un contratto di commercializzazione, che come sempre punta a instaurare un rapporto di lungo periodo. Anche perché, per portare a regime i nostri villaggi, per far sì in altre parole che tutto il personale sia in grado di interpretare al meglio il nostro format, occorrono almeno due anni. Quando non gestiamo direttamente le strutture, sigliamo perciò sempre accordi di almeno 3 + 3 anni se non 5 + 5». [post_title] => Bravo Club: il nuovo format funziona. In arrivo un resort in Thailandia [post_date] => 2019-05-24T12:28:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => bravo-club [1] => gianmaria-patti [2] => in-evidenza [3] => kaolack [4] => thailandia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Bravo Club [1] => Gianmaria Patti [2] => In evidenza [3] => Kaolack [4] => thailandia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558700913000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352751 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il 65% del prodotto estivo già esaurito, i dati del Centro studi Veratour confermano: Nord Africa in cima alle preferenze, Grecia e Italia in linea con l'anno scorso e Spagna in calo. Grazie a un rapporto qualità prezzo decisamente più accattivante, il Mar Rosso egiziano (Sharm el Sheikh e Marsa Alam) vede raddoppiare i volumi rispetto all'anno scorso. A questo si aggiungono le destinazioni alternative del Nord dell'Egitto, come Marsa Matrouh che affaccia sul Mediterraneo, già vicine al tutto esaurito per giugno e con ottimi dati su luglio e agosto.Molto bene anche la Tunisia che nel caso di Veratour si giova dell'apertura di due nuove strutture a Djerba e a Kelibia: nel 2019 per il tour operator questa destinazione è vicino a un +140% di affluenze. L'ottima performance del Nord Africa consolida la progressiva crescita registrata negli ultimi anni e il rafforzamento della domanda è confermato dall'aumento dello scontrino medio di circa il 10%. Le più tradizionali destinazioni europee reggono con Grecia e Italia stabili rispetto al 2018, mentre la Spagna risente degli aumenti dei prezzi degli ultimi anni perdendo l’8% in termini di presenze. «I viaggiatori italiani hanno ritrovato un approccio più aperto nei confronti delle mete estere - spiega Stefano Pompili direttore generale Veratour – Sardegna, Puglia, Calabria e Sicilia restano comunque apprezzate al pari delle isole greche. Tuttavia l’ottimo rapporto qualità prezzo ha portato molti a scegliere il Nord Africa o ha avvicinato al viaggio estivo una fascia di clienti che negli anni scorsi ha rinunciato alla vacanza». La crescita generale infatti di Veratour per l'estate 2019 rispetto allo scorso anno mostra un +15%. Uno sguardo infine al lungo raggio denota una preferenza degli italiani per l'Africa orientale rispetto ai Caraibi: Zanzibar, Kenya e Madagascar superano Santo Domingo e Messico, soprattutto quest'ultimo fatica a ritrovare i fasti del passato. [post_title] => Veratour: Egitto e Tunisia tra le mete preferite dagli italiani per l'estate [post_date] => 2019-05-22T10:17:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558520226000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352470 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nell’era che qualcuno ha definito della “disintermediazione”, caratterizzata dal ricorso sempre più frequente all’organizzazione diretta dei pacchetti da parte delle agenzie, ERGO Assicurazione Viaggi lancia una garanzia assicurativa inedita in Italia, pensata proprio per supportare gli organizzatori, aiutandoli a fronteggiare il carico crescente di rischi e responsabilità imposti dalla normativa.  [caption id="attachment_352473" align="alignleft" width="218"] Daniela Panetta[/caption] A presentare la novità è Daniela Panetta, direttore commerciale della Compagnia: “Si tratta di una garanzia contro il fallimento dei fornitori dei servizi che compongono il pacchetto turistico, come vettori, hotel, DMC e altri attori della filiera. La copertura prevede un indennizzo che arriva fino a 10.000 euro a passeggero: le agenzie possono inserirla nelle nostre polizze collettive, ottemperando così all’obbligo di riprotezione prescritto dalla direttiva pacchetti”. Sviluppata sulla base della normativa più recente, la garanzia fallimento fornitori è stata già adottata da importanti network. “Entro l’anno – prosegue Panetta – abbiamo in programma anche la revisione di alcune polizze Trade e il potenziamento di determinate aree commerciali. Stiamo lavorando inoltre alla nuova release della polizza RC Professionale, che sarà ancora più completa nelle coperture e perfettamente allineata ai requisiti imposti dalla direttiva pacchetti”. E a chi le chiede le motivazioni del cambio di denominazione da ERV a ERGO Assicurazione Viaggi la Manager risponde: “Questo rebranding è stato voluto da ERGO, nostro azionista di riferimento dal 2009, per potenziare l’immagine globale del marchio. A parte il nome, tutti gli altri riferimenti societari sono rimasti invariati, senza alcuna conseguenza per gli assicurati. Abbiamo cambiato brand, ma l’esperienza e l’affidabilità restano le stesse della Compagnia che ha inventato le polizze viaggi, scrivendone la storia dal 1907 a oggi”. b2b.ergoassicurazioneviaggi.it [gallery size="medium" ids="352532,352533,352534"] ERGO ha sedi in 30 Paesi e nel 2018 ha raccolto premi per 19 miliardi di euro: oltre al ramo Viaggi e Mobilità, opera nei settori Danni, Salute e Vita e fa parte di Munich Re, tra i principali riassicuratori sul mercato.   Per maggiori informazioni: Tel. 02 76416652 da lunedì a venerdì dalle 9 alle 20; sabato dalle 9 alle 14 E-mail: info@ergoassicurazioneviaggi.it Piattaforma Trade: b2b.ergoassicurazioneviaggi.it    Impara a organizzare pacchetti per i tuoi clienti senza rischi. Leggi le novità per il Trade di ERGO Assicurazione Viaggi. Scopri la garanzia inedita contro il fallimento dei fornitori. [post_title] => Organizzazione diretta senza rischi: la soluzione di Ergo [post_date] => 2019-05-20T10:25:39+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => assicurazione [1] => assicurazione-viaggi [2] => assicurazioni-viaggio [3] => ergo [4] => ergo-assicurazione-viaggi [5] => erv [6] => insurance [7] => travel-insurance ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Assicurazione [1] => assicurazione viaggi [2] => assicurazioni viaggio [3] => ERGO [4] => ergo assicurazione viaggi [5] => erv [6] => insurance [7] => travel insurance ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558347939000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352253 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Successo annunciato e ora confermato alla grande per la ‘geo-intelligence’ di Costa Crociere, il sistema che combina big data di molte provenienze – sociodemografici, dalle carte di credito e altre fonti sul territorio – con i database della compagnia. E poi coinvolge le agenzie nella ricerca, finalmente miratissima, di nuovi clienti culturalmente e commercialmente pronti per partire in crociera, scovati dall’avanzatissimo sistema nei luoghi in cui vivono, lavorano, spendono e si divertono. Lo aveva annunciato un anno fa Massimo Brancaleoni, senior vice president world wide sales di Costa Crociere. Ne ha parlato oggi Daniel Caprile, direttore commerciale Italia di Costa Crociere, accogliendo le agenzie ospiti di Costa Favolosa per I protagonisti del Mare 2019, l’evento che ogni anno festeggia i top seller della compagnia, alla 26esima edizione. Da gennaio sono partite 160 attività di marketing strutturate e mirate in base ai dati forniti dalla geo-intelligence di Costa Crociere. «Chi se ne è servito – ha annunciato orgogliosamente Caprile – ha fatto crescere i ricavi su Costa del 168% in media». Il dato fa colpo, e promette sviluppi importanti. Del sistema ha approfittato ad esempio Antonio Tedesco con la sua Andirivieni Travel a Corigliano Calabro, uno dei primi premiati de I Protagonisti del Mare 2019, che nella foto sopra ritira il premio ‘geo-intelligence’ da Daniel Caprile.   [post_title] => Costa Crociere geo-intelligence: ricavi più che raddoppiati in agenzia [post_date] => 2019-05-16T14:55:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558018548000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352161 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 600 agenti di viaggio Geo si riuniranno dal 24 al 26 maggio al Voi Tanka Resort a Villasimius (CA) per la Convention Nazionale del Network. Geo offre alle agenzie due voli charter riservati  e altri voli dai principali aeroporti (Milano, Roma, Verona, Bologna, Bari, Brindisi, Palermo, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Catania e Pisa), oltre ai relativi transfer dall’aeroporto di Cagliari alla struttura. Grazie all’accordo con Sea ViaMilano Parking e ParkinGo, agli agenti è concessa la gratuità per i parcheggi aeroportuali. Event sponsor: Allianz Global Assistance, Flexible Autos, Aruba Tourism Authority e PromPerù. Oltre 50 i fornitori tra tour operator, crocieristi, compagnie aeree, compagnie di parcheggi e noleggi auto, hotel, enti del turismo, assicurazioni, gds e carte di credito. «Dal Cambia-Mente" dello scorso anno, proseguiamo oggi nel percorso che intende portare i nostri agenti a riflettere sulla visione del futuro del settore travel - commenta l’ad Geo Luca Caraffini - La tecnologia e l’Intelligenza artificiale saranno il fulcro del nostro dibattito, con un’attenzione sempre viva al valore umano della relazione col cliente, che diventa sempre più strutturata. Oggi sono fondamentali la customer experience e la fidelizzazione: noi per primi come Network stiamo lavorando in questo senso verso i nostri affiliati». In convention Geo presenterà gli sviluppi su crm e mondo social, vòlti a portare un cliente in più in agenzia, rendendo possibile per il cliente l’acquisto di offerte di viaggio direttamente da Facebook ed Instagram, passando attraverso il sito web dell’agenzia su cui è attivo l’e-commerce.             [post_title] => Geo "backtothefuture": il network incontra in Sardegna 600 adv [post_date] => 2019-05-16T10:39:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558003151000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352162 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Michael O'Leary ribadisce per l'ennesima volta l'interesse di Ryanair per Alitalia. Lo fa in un'intervista al Corriere della Sera, dove mette in evidenza come Alitalia «sia un brand incredibile» nonché la volontà della low cost ad alimentare i voli a lungo raggio di Alitalia, magari servendo «le rotte dagli aeroporti secondari d’Italia e del Vecchio continente portando i clienti a Roma da far imbarcare sugli aerei di Alitalia». O'Leary non nasconde di aver incontrato i commissari, «ci siamo visti, anche se per ora restiamo nelle retrovie» e sottolinea che il loro «è stato un lavoro fenomenale. Dovrebbero far gestire la compagnia a loro per altri dieci anni. Luigi Gubitosi e Stefano Paleari hanno fatto cose eccezionali».  Il ceo di Ryanair è convinto che Alitalia sopravviverà «anche per il bene del Paese» e il governo troverà una soluzione. Sul perché non sia la stessa Ryanair a comprare la compagnia italiana la risposta di O'Leary è chiara: «Noi siamo la compagnia numero uno nel Paese e loro sono la seconda: l’Antitrust europea ci fermerebbe». [post_title] => O'Leary e quella voglia di partnership con Alitalia sul corto-medio raggio [post_date] => 2019-05-16T09:44:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557999849000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti