23 May 2019

Apicella, Welcome Travel: «Il futuro è nell’interazione digitale»

[ 0 ]

La soddisfazione per un 2018 di grande crescita, le prime positive evidenze del 2019, il boom del “Ferraprile” con il conseguente rallentamento sull’estate. E poi, il futuro del network e del ruolo dell’agente di viaggio, la necessità di digitalizzarsi per combattere il potere dell’online, i nuovi segmenti su cui investire. Adriano Apicella (nella foto), amministratore delegato di Welcome Travel, ha approfittato della convention annuale del network – eccezionalmente ad Istanbul per festeggiare alla grande, con mille ospiti tra agenti e operatori del settore, il ventesimo compleanno del gruppo – per fare il punto sullo stato di salute e sui piani di sviluppo dell’azienda.

Venti anni di Welcome Travel: cos’è cambiato in due decenni? «Praticamente tutto: nel 1999, quando abbiamo iniziato, internet era agli albori e la concorrenza per le agenzie era rappresentata dalle altre agenzie. In vent’anni il web ha stravolto il processo di acquisto e di vendita all’interno del sistema turistico. Dal 2007 al 2017 le agenzie hanno perso il 51% di passeggeri gestiti e il 46% di fatturato. Si sono ridotte di numero, passando dalle oltre 13 mila del 2009 alle attuali 8 mila 500, e nel frattempo si sono riunite sempre più: nel 2004 due su tre erano indipendenti, oggi due su tre sono affiliate ai network. Perché? In un mercato così competitivo servono strumenti e servizi altamente efficienti, e i network li mettono a disposizione».

Come può un’agenzia, oggi, combattere la concorrenza del web? «E’ una grande sfida, difficilissima: nel 2018, l’80% della spesa complessiva per le vacanze è stata fatta online e solo il 20% in agenzia. Vent’anni anni fa quasi il 100% andava alla rete agenziale. Però vedo il bicchiere mezzo pieno: dal 2017 assistiamo ad una netta inversione di tendenza, con un forte ritorno del cliente di agenzia. Per due motivi. Il primo è il valore della consulenza di un esperto, il secondo è questione di tempo: l’agente trova in 10 minuti la soluzione a cui il cliente arriva dopo ore di ricerche online. La vera svolta, per le agenzie, sarà riuscire ad ingaggiare i clienti online, e poco importa se non verranno mai fisicamente in negozio: il futuro è l’interazione digitale».

La convention è stata anche l’occasione per fare il punto sulle prime evidenze del 2019, che registra un trend di crescita complessivo del 14% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, pari a 155 milioni di euro di fatturato. Per quanto riguarda le destinazioni, Welcome Travel vede confermate le tendenze del 2018 con l’ottima performance dell’oceano Indiano (+10%), trainato dalle Maldive, degli Stati Uniti (+15%) e degli Emirati Arabi (+127%), vera sorpresa di quest’inverno, grazie anche all’affermazione del Qatar come nuova destinazione balneare. Prosegue anche la crescita esponenziale dell’Egitto che, dopo l’ottima performance del 2018, segna in questo avvio di anno un incremento del 145%. Positivo è anche l’andamento dell’Italia, a +42%.

L’ottima partenza del 2019 è in continuità con l’esercizio 2017-2018 che si è chiuso con una crescita del 13% in ambito leisure e un del 3% di Bsp, con un volume d’affari complessivo in valore assoluto di 1 miliardo e 205 milioni di euro.

L’intervista completa ad Adriano Apicella sul futuro di Welcome Travel verrà pubblicata su Travel Quotidiano del 20-22 febbraio 2019.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti