25 June 2018

Fincantieri – Stx: oggi il vertice a Roma

[ 0 ]

E’ atteso per oggi, nel tardo pomeriggio, il nuovo incontro tra Italia e Francia per l’ennesimo capitolo della vicenda Fincantieri – Stx. Come in occasione del vertice dei primi di agosto, sarà ancora una volta il ministro dell’economia francese, Bruno Le Maire, l’uomo scelto da Macron per portare avanti le istanze dell’Eliseo che sarà accolto da Carlo Calenda, titolare del ministero dello Sviluppo Economico.

L’obiettivo, per entrambi i Paesi, è quello di arrivare a un accordo per la creazione di un maxi polo navale, sia civile, sia militare europeo, con un patto a tre: Fincantieri, Stx France e Naval Group.
Nel pomeriggio quindi, il grosso del lavoro dei due ministri sarà quello di preparare un terreno più “fertile” per l’incontro di Lione del 27 settembre.

Appianare le divergenze sull’oggetto della contesa, ovvero i cantieri di Saint-Nazaire, è un passaggio fondamentale per arrivare alla creazione del maxi polo, determinante sia per l’industria navale europea ma anche per quella militare, come sottolineato dal ministero della Difesa, Roberta Pinotti e ripreso da Il Sole 24 Ore: «Riuscire a costruire un grande player militare europeo sarebbe importante dal punto di vista industriale e ci permetterebbe di competere ad altissimi livelli nel mondo».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 259293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi orizzonti di sviluppo per l'aeroporto di Brescia Montichiari: Save, Aeroporto Catullo di Verona Villafranca e Società Aeroporto Brescia e Montichiari (AbeM) - società partecipata da Cciaa di Brescia, Associazione Industriale Bresciana, Comune di Brescia e altri azionisti istituzionali – hanno infatti siglato un accordo per la gestione futura dello scalo Gabriele D’Annunzio. L'accordo, sospensivamente condizionato all’ottenimento di tutte le necessarie autorizzazioni da parte delle autorità competenti, prevede la gestione dell’aeroporto di Brescia Montichiari attraverso una joint venture in cui ABeM parteciperà al 20% e Catullo all’80%. Il valore della partecipazione di ABeM è previsto pari ad euro 6.000.000. L'intesa prevede che la gestione dell’aeroporto spetti alla Catullo, che nominerà l’amministratore delegato della joint venture. Il D’Annunzio si trova nel territorio di Montichiari (Brescia); l’infrastruttura di volo è costituita da una pista di una lunghezza di 2.990 metri e da piazzali per la sosta adatti ad ospitare contemporaneamente cinque aeromobili di grandi dimensioni (B747). Nel sedime è presente un terminal passeggeri la cui superficie è pari a circa 7.500 mq ed ha una capacità annua pari a 1,5 milioni di passeggeri. Sono presenti ulteriori aree adibite a magazzini merci per un totale di oltre 10.000 mq con una capacità di oltre 100.000 tonnellate. Nel corso del 2015 sono state movimentate circa 30.000 tonnellate di merce. La joint venture valorizza il ruolo dell’aeroporto di Brescia all’interno del polo aeroportuale del Nord Est, dando slancio alle potenzialità di un’infrastruttura di riferimento del territorio attraverso la collaborazione con i key player dell’area. [post_title] => Brescia Montichiari: joint venture con Save che entra con l'80% [post_date] => 2016-10-18T09:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1476783410000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti