22 March 2019

Indagine cicloturismo: una risorsa per turismo e Pil

[ 0 ]

bike biciclettaUn trend decisamente in auge ma ancora sottovalutato. Si parla di clciloturismo, all’interno della prima “Twissen Room”, svoltasi a Treviso negli scorsi giorni e voluta proprio per accendere i riflettori su questo comparto.

«Quello del cicloturismo è un settore da tenere decisamente in considerazione – spiegano Francesco Redi e Debora Oliosi, fondatore di Twissen -. Negli ultimi anni gli investimenti si sono concentrati sulle infrastrutture da costruire ed è ora il momento di lavorare perché quanto realizzato generi autentico valore per il mercato e per l’economia del territorio».
Spostando l’attenzione sull’Europa, la cosiddetta “bike economy” ha un valore di 200 miliardi di euro all’anno e il solo cicloturismo muove circa 44 miliardi all’anno.

«In Italia, secondo le stime dell’Enit – proseguono i fondatori -, questo stesso mercato potrebbe arrivare a generare fino a 3,2 miliardi di euro ogni anno. Di più: il cicloturismo non si limita ad un’unica stagione (può coprire il 70% di un anno solare, ndr.) ed è questo un ulteriore incentivo per cui credere ed investire in questo segmento decisamente in crescita».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Risultati positivi per il nono anno di seguito per il Gruppo Ferrovie dello Stato, che ha presentato oggi il bilancio 2016, in cui spicca un risultato netto record di 772 milioni di euro, il 66,4% rispetto al precedente. «Sono ormai nove anni che presentiamo un bilancio con risultati positivi e profitti - ha detto Gioia Ghezzi, presidente di Ferrovie dello Stato -. Quest'anno siamo contenti anche di aver restituito un buon dividendo all'azionista, 300 milioni, e di essere stati in grado di restituire molto all'Italia. Tra le cifre davvero notevoli, quella che preme di più è il valore economico distribuito, pari a 6,83 miliardi di euro, che dà il senso di come tutta l'attività che facciamo restituisca al paese in termini di valore aggiunto. Siamo consapevoli che c'è ancora molto da fare e delle sfide che il piano industriale ci chiede di affrontare, però siamo anche orgogliosi dei miglioramenti e dei risultati che si cominciano a vedere in termini di investimenti in servizi, treni e infrastrutture per i cittadini, e gli indicatori ci dicono che siamo nella giusta direzione, con una customer satisfaction cresciuta del 3,5%». Nel dettaglio, il bilancio 2016 presenta un ebitda di 2,3 miliardi di euro e un ebit a 892 milioni, il +38,5% dell'anno scorso. Ferrovie dello Stato si è anche confermata il primo Gruppo in Italia per investimenti, con 6 miliardi investiti. «Sfioriamo i 9 miliardi di fatturato e siamo particolarmente contenti di contribuire a delle risorse, che poi tornano sempre tutte in infrastrutture - ha detto Renato Mazzoncini, ad Ferrovie dello Stato -. I ricavi dal trasporto sono cresciuti relativamente poco, ma ricordiamo che il 2015 è stato un anno straordinario per Expo. I ricavi per l'infrastruttura sono cresciuti perché sono aumentati i treni che circolano. Continuiamo ad investire anche sui mercati internazionali. Il nostro riferimento geografico è l'Europa: siamo il primo gruppo ferroviario in Italia, primo in Grecia, secondo in Germania e presenti in Francia e Uk. Stiamo partecipando ad altre gare nel Regno Unito e in Olanda e a livello intercontinentale in California». [post_title] => Ferrovie dello Stato chiude il 2016 con utili record [post_date] => 2017-04-21T16:04:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492790653000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276284 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 7,5 milioni di italiani in viaggio per il ponte del 25 aprile. E’ questa la stima di Federalberghi che, attraverso un’indagine previsionale, ha stimato un incremento del 2,2% sullo scorso anno e vede un cielo sereno per i ponti di primavera e più in generale per la tendenza al viaggio dei connazionali. «Gli italiani non rinunciano al piacere del viaggio seppur breve anche a ridosso delle festività pasquali, cogliendo l’occasione del 25 aprile – osserva il presidente Bernabò Bocca -: la ricorrenza della Liberazione che quest’anno cade di martedì, ha invogliato 7 milioni e mezzo di italiani a trascorrere qualche giorno fuori casa, per la maggior parte nel proprio paese privilegiando le località di mare. L’incremento di un 2,2% rispetto allo scorso anno fa ben sperare sia in termini di movimentazione per il mercato turistico, sia in termini di prospettiva per l’imminente ponte del 1 maggio». L’indagine, che riguarda tutti i tipi di vacanza, non solo quella in albergo, è stata effettuata dall’Istituto Acs Marketing Solutions dal 10 al 14 aprile intervistando con sistema C.A.T.I. un campione di 3mila italiani maggiorenni rappresentativo di oltre 50 milioni di connazionali. Il 92% del campione non varcherà i confini nazionali, registrando un incremento rispetto all’89,4% del 2016. La spesa complessiva per ogni membro della famiglia, comprensiva di vitto, alloggio e divertimenti, sarà pari a 309 euro. Il giro di affari previsto sarà pari a circa 2,32 miliardi di euro, contro i 2,30 miliardi del 2016 (+0,9%). «L’auspicio è – conclude Bocca - che gli italiani stiano riacquistando lentamente e con un po’ di fatica quella fiducia messa a dura prova dal perdurare della crisi, e che non intendano rinunciare oltremodo ad un bene primario quale è ormai la vacanza. Chi opera nel settore ha piena consapevolezza di quanto sia importante che governo e istituzioni offrano al comparto tutto il supporto necessario affinché il trend positivo non subisca flessioni». [post_title] => Il ponte del 25 aprile mette in viaggio 7,5 milioni di italiani [post_date] => 2017-04-21T14:45:04+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492785904000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276194 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Social market-place dedicato ai servizi turistici delle Cinque Terre, del Golfo dei Poeti e delle zone limitrofe, il portale 5terre.com è nato circa un anno fa dall'esperienza internazionale di una 22enne, Margherita Freccia (nella foto), che ha deciso di investire la sua esperienza, i suoi studi e l'amore nella propria terra creando uno strumento di pianificazione della propria vacanza che può contare sui consigli di chi vive sul posto. Tra i punti di forza di 5terre.com la conoscenza del territorio e l'amore per le sue tradizioni, con l'obiettivo di mettere in contatto viaggiatori e comunità locale. «Il portale scardina la visione a senso unico dell'esperienza di viaggio e si pone come collante tra il viaggiatore e il mondo proprio di ogni comunità locale, con i suoi segreti, i suoi riti, le sue tradizioni più intime, il folklore, il paesaggio, il cibo che solo un advisor locale può conoscere» dice Margherita Freccia. Focalizzato su tre aree di riferimento – dove dormire, dove mangiare e cosa fare – il portale va oltre la tradizionale offerta turistica incoming, proponendo un servizio di booking e planning della propria vacanza che spazia dal settore accomodation a quello dei servizi, con un occhio attento alle autenticità del territorio. «Rilanciare il turismo significa creare le condizioni per sviluppare una cultura dell'accoglienza, un'attenzione al dettaglio e un'apertura alla condivisione» spiega la giovane, tornata da pochi giorni dall'evento 100 Startup Turismo, selezionata dal Ministero e da Invitalia con il suo progetto che ha portato al tavolo tecnico sull'economia sostenibile. Quali sono gli obiettivi? «5terre.com vuole diventare un volano per rilanciare l'occupazione, soprattutto giovanile, e una cultura dell'accoglienza quanto mai necessaria per una corretta percezione delle destinazioni turistiche. Intendiamo raggiungere il nostro obiettivo attraverso un'integrazione intelligente delle risorse del nostro territorio: i nostri progetti puntano sulla salvaguardia del verde e sul coinvolgimento dei giovani nelle attività e nella promozione territoriale, su cui investiamo capitale, tempo ed energie». [post_title] => Una start up rilancia il turismo verso le Cinque Terre [post_date] => 2017-04-20T16:02:00+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492704120000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276162 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le isole esotiche dell’oceano Indiano, le città e la natura del lontano Oriente sono le mete di punta di KiboTours. Il tour operator, attivo da un decennio, ha scelto di specializzarsi in queste destinazioni per offrire il massimo ai viaggiatori che cercano un’esperienza autentica: «La chiave è la ricerca di vicinanza profonda ai luoghi che si vanno a visitare – spiega Roberto Narzisi, managing director di KiboTours – per un viaggio che diventa un percorso, una parte della propria vita». La scelta di concentrarsi su questa parte del mondo nasce da una passione personale e da una profonda conoscenza maturata grazie ad esperienze precedenti nel settore del turismo. «Conoscere a fondo una realtà – prosegue Narzisi – è la premessa necessaria per poter garantire servizi d’eccellenza in tema di escursioni esclusive, soggiorni in strutture qualificate e trasferimenti nelle diverse zone. Con un’attenzione speciale riservata alla sicurezza dei viaggiatori». Proprio in questa ottica KiboTours si avvale di 500 agenzie esclusiviste in Italia, tra location fisiche e travel agency online, ben distribuite sul territorio, che diventano i punti di riferimento del marchio. «Mi piace definire Kibo un tour operator di avanguardia – continua l’amministratore unico – proprio perché ciò che vogliamo trasmettere è un approccio al viaggio differente. Con noi si opta per un tipo di esperienza pensata per vivere i luoghi a tutto tondo, avvicinandosi in modo completo alle persone, alla cultura, alla realtà vera del Paese che si va a conoscere». Ogni viaggio propone escursioni incredibili, trekking in location insolite, esperienze da condividere con le popolazioni indigene, dai paradisi naturali di Maldive, Mauritius e Seychelles al Borneo, dalla Thailandia - dove si possono esplorare le isole meno note - al Giappone, con itinerari a tema come quello dedicato ai samurai. E ancora Cambogia, Laos, Indonesia, con idee che riescono sempre a stupire. [post_title] => KiboTours, viaggi da specialisti tra le Maldive e il Giappone [post_date] => 2017-04-20T15:59:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492703977000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276114 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Il Tibet è ormai in rapido cambiamento: la presenza cinese ha fortemente condizionato la cultura tibetana, il Dalai Lama ha dovuto lasciare Lhasa e ora vive a Dharamsala, in India, dove cerca di mantenere viva la cultura del proprio Paese. La presenza cinese ha modernizzato il Paese nel campo delle telecomunicazioni e della rete stradale, ma un viaggio in Tibet riserva ancora un affascinante spaccato della vita che si svolge nei monasteri, consente di vivere il fascino di spazi immensi, altissime montagne e una solitudine dove la natura esprime se stessa in tutta la sua potenza» sostiene Willy Fassio, titolare di Tucano Viaggi Ricerca, il tour operator torinese con oltre 30 anni di esperienza nell'organizzazione di viaggi in Tibet. Per la prossima estate l'operatore ha previsto diverse partenze con accompagnatore professionista dall'Italia, che conosce i segreti e le particolarità della destinazione e favorisce la migliore coesione all'interno del gruppo. Un esempio di itinerario è "Nepal e Tibet - Nel regno del cielo" di 16 giorni, dal 9 al 24 luglio, con quote a partire da 4 mila 350 euro. Gli esperti Patrizia Corona e Roberto Tessaro, del settore operativo Asia di Tucano Viaggi Ricerca, sono a disposizione per progettare la migliore soluzione di viaggio. [post_title] => Tucano Viaggi Ricerca, Tibet e Nepal con accompagnatore dall'Italia [post_date] => 2017-04-20T12:03:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492689822000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275878 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lusso, natura, gastronomia e benessere: sono gli atout su cui punta Shamwari Game Reserve per incentivare il segmento nozze. Situata a poca distanza da Port Elizabeth, in Sudafrica, su un'area di 25.000 ettari di paesaggio verdeggiante e malaria-free a poca distanza da Port Elizabeth, il resort è una destinazione ideale per gli amanti della natura e per chi desidera praticare un turismo fair, equo per le popolazioni locali e interessato al benessere della fauna e della flora autoctone, ma anche per chi desidera immergersi nella natura senza rinunciare al lusso e alle comodità. Raggiungibile da Cape Town con un breve volo e a soli 75 km da Port Elizabeth, è ideale per gli sposi che scelgono di trascorrere in Sudafrica il proprio viaggio di nozze: un safari di lusso rappresenta infatti il completamento ideale di un viaggio lungo la Garden Route o di un soggiorno a Città del Capo. Shamwari ospita infatti non solo i Big 5 africani e 5 dei 7 biomi presenti in Sudafrica, ma garantisce ai visitatori la possibilità di partecipare ad attività di educazione ambientale; la presenza di una ricca fauna locale, unita alla professionalità delle guide e all’estrema varietà dei paesaggi, consente di vivere l’esperienza di un safari di altissima qualità. A completare l’offerta per il segmento honeymoon l’elevato livello delle accommodation, in particolare del Bayethe tented lodge, una struttura tendata di grande charme con autentiche suite dallo stile contemporaneo, curate in ogni dettaglio e provviste di ogni comfort, dalla piscina privata alla sauna fino all’amaca, in grado di creare un’atmosfera romanticissima e avvolgente, e il Lobengula lodge, costruito ad immagine dei kraal tradizionali, un lodge di grande stile provvisto di 6 eleganti suite dotate di piscine private, caminetti e di un portico che affaccia direttamente sulle valli e sulle montagne circostanti; il Lobengula lodge è anche fornito di spa, area fitness e di un ristorante dove gustare piatti di alta gastronomia, in grado di trasformare una luna di miele in un’esperienza esclusiva che coinvolge tutti i sensi. Proposta ideale per gli sposi in luna di miele, la Safari SPA Experience, una serie di trattamenti di coppia per il benessere del corpo, della mente e dell’anima. [post_title] => Shamwari Game Reserve: viaggi di nozze tra safari e spa di lusso [post_date] => 2017-04-18T11:58:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492516731000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275871 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A tre mesi dalla sua prima uscita ufficiale, Maxyma Viaggi tour operator invita gli agenti di viaggio a bordo di Msc Fantasia e presenta la nuova programmazione. «Abbiamo deciso di organizzare questa convention perché avevamo importanti novità da comunicare al trade» ha dichiarato il general manager, Massimiliano Romano. Il tour operator è cresciuto e dopo aver ampliato la propria programmazione su Indonesia, Brasile, Stati Uniti, Caraibi e Hawaii, grazie all’inserimento nello staff di nuove risorse ha aperto anche a due importanti macroaree come l’Africa (Africa australe, East Africa e oceano Indiano) e l’oceano Pacifico. «Si tratta di due professioniste di indiscussa competenza, con numerosi anni di esperienza nel settore che, abbracciando a pieno la nostra filosofia e il nostro pensiero, hanno deciso di unirsi a noi. Questo ampliamento dell’organico ci ha consentito di proporre al mercato nuove destinazioni che vanno ad accrescere e a rendere più completa la nostra offerta».   [post_title] => Maxyma Viaggi in convention con gli adv [post_date] => 2017-04-18T11:32:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492515173000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275838 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un trend decisamente in auge ma ancora sottovalutato. Si parla di clciloturismo, all’interno della prima “Twissen Room”, svoltasi a Treviso negli scorsi giorni e voluta proprio per accendere i riflettori su questo comparto. «Quello del cicloturismo è un settore da tenere decisamente in considerazione – spiegano Francesco Redi e Debora Oliosi, fondatore di Twissen -. Negli ultimi anni gli investimenti si sono concentrati sulle infrastrutture da costruire ed è ora il momento di lavorare perché quanto realizzato generi autentico valore per il mercato e per l’economia del territorio». Spostando l’attenzione sull’Europa, la cosiddetta “bike economy” ha un valore di 200 miliardi di euro all’anno e il solo cicloturismo muove circa 44 miliardi all’anno. «In Italia, secondo le stime dell’Enit – proseguono i fondatori -, questo stesso mercato potrebbe arrivare a generare fino a 3,2 miliardi di euro ogni anno. Di più: il cicloturismo non si limita ad un’unica stagione (può coprire il 70% di un anno solare, ndr.) ed è questo un ulteriore incentivo per cui credere ed investire in questo segmento decisamente in crescita». [post_title] => Indagine cicloturismo: una risorsa per turismo e Pil [post_date] => 2017-04-14T12:43:58+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492173838000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275797 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Russia Trekking continua a crescere e punta al mercato italiano. L'operatore russo ha infatti organizzato un evento fuori Bit, intitolato "Esplorando la Siberia", presentato da Roberto Canedoli, responsabile dello sviluppo del brand in ambito internazionale. Presente anche Gigi Donelli, giornalista di Radio 24 Il Sole 24 Ore, appassionato di storia delle esplorazione in Russia e nell’Artico. Filo conduttore della serata il blog channel.russiatrekking.com che raccoglie articoli, video, fotografie, mappe e informazioni sulla Siberia raccolte dai vari appassionati che hanno viaggiato in questo territorio sconfinato. Sono stati presentati, tra gli altri, i video che accompagnano la descrizione della spedizione, leggibile sul blog, nella riserva naturale federale della Tofalaria effettuata lo scorso mese di settembre da un gruppo composto anche da Gigi Donelli e da Stefano Brambilla del Touring Club Italiano. Russia Trekking è stato scelto dall'ente governativo che gestisce la riserva per organizzare le spedizioni per un numero chiuso di viaggiatori nel periodo da fine giugno a metà settembre. La direzione della riserva pone la massima attenzione nel preservare il territorio mai aperto al pubblico in passato e totalmente vergine.  Alla destinazione della Tofalaria che è presente nell'offerta siberiana di Russia Trekking insieme alla Kamchatka, monti Altai, Putorana si aggiunge ora anche il più noto lago Baikal. Il lago Baikal è una destinazione molto particolare ed amata dai russi per la sua bellezza sia in estate che in inverno. Il lago vanta un record per dimensioni e volume delle acqua e viene proposto in diverse forme: trekking semplice nella foresta lungo le sponde del lago con pernotti in albergo e visite guidate nelle località più importanti come la cittadina di Irkutsk, Listvanka sul lago e i borghi costituiti da antiche abitazioni in legno completamente ristrutturate; trekking più completo con pernottamento in tenda nella foresta; viaggi misti con escursioni sul lago a bordo di battelli. [post_title] => Russia Trekking: spedizioni nella riserva della Tofalaria in Siberia [post_date] => 2017-04-14T10:40:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492166415000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti