24 April 2019

Al museo del Mare di Genova il quarto Incontro in Blu

[ 0 ]

Porto genova

Prosegue al museo del Mare di Genova Incontri in Blu: un format ideato da Fabio Pozzo e fortemente voluto da MuMa – Istituzione musei del mare e delle migrazioni -, Associazione promotori musei del mare onlus, Costa Edutainment spa, nonché realizzato con il contributo del gruppo Cambiaso Risso e di Ucina Confindustria Nautica e con il sostegno della casa di cura Montallegro, della dimora storica Palazzo Grillo e di Genovarent.

Si tratta di un ciclo d’incontri che vanta il patrocinio dello Yacht Club Italiano, con cui il MuMa ha stipulato un protocollo d’intesa per la promozione congiunta delle attività per l’anno 2019, e della Fiv (Federazione italiana vela). Il quarto Incontro in Blu – dopo Alessia Zecchini, primatista mondiale di apnea, Max Sirena skipper di Luna Rossa e Hugo Vau surfista che ha cavalcato un’onda di 35 metri – si terrà il 18 aprile, sempre alle 18, in concomitanza con la World Cup delle classi olimpiche ospitata a Genova, con un altro nome importante della vela, quello di Santiago Lange; il velista che nel 2016 a 54 anni, dopo aver sconfitto un cancro che gli ha causato l’asportazione del polmone sinistro, ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro nella classe Nacra17, i catamarani volanti. Lange dialogherà con il pubblico testimoniando come il suo impegno sportivo gli abbia dato la forza di vincere la malattia e di guardare avanti e come l’età sia soltanto un numero.

All’incontro saranno presenti le istituzioni locali, il presidente della Fiv, Francesco Ettorre, il presidente dello Yacht Club Italiano, Nicolò Regio, e il presidente della Clinica Montallegro, Francesco Berti Riboli. In sala i ragazzi della scuola di mare e dell’agonistica dello Yacht Club Italiano.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti