17 October 2018

CaseVacanza.it: ecco la price list degli affitti per Capodanno

[ 0 ]

CapodannoArchiviato il Natale, parte automaticamente il conto alla rovescia per Capodanno. E se per molti coincide con località esotiche, per altri per un più autarchico veglione casalingo, per altri ancora vuol dire qualche giorno in case in affitto, per lo più in località montane. Arriva quindi puntuale l’analisi di CaseVacanze.it sui prezzi per gli affitti brevi per il weekend di Capodanno.
Dalla ricerca si evince che la spesa media in Italia è pari a 30 euro a notte per persona, con le destinazioni di montagna che arrivano a superare gli 80 euro.

«Il turismo nelle località di montagna vive un periodo di grande fermento – dichiara Francesco Lorenzani, ceo di Feries Srl – e qui i prezzi raggiungono picchi da record rispetto al resto dell’anno. Questo anche a causa di un’offerta di alloggi molto più ridotta che nelle città d’arte, dove i costi invece riescono a mantenersi più stabili in tutte le stagioni.»

I budget più alti per affittare una casa vacanza a Capodanno sono quelli a Livigno, la meta più costosa in assoluto, con una cifra media richiesta di 83 euro a notte a persona, seguita da Selva di Val Gardena e Pré-Saint-Didier, dove si spendono rispettivamente 75 e 70 euro.

Undici delle 15 località più costose per i soggiorni a Capodanno sono mete di montagna dell’arco alpino e di quello appenninico dell’Abruzzo, con Rivisondoli e Castel di Sangro, in provincia de L’Aquila. Molto richiesto anche il lago di Como, dove si registrano costi medi tra i 49 euro di Bellagio e i 58 euro di Como città.

Evergreen è la Costiera Amalfitana: nella top15 delle mete più costose per affittare una casa vacanza a Capodanno compare anche Amalfi, all’undicesimo posto, con una richiesta media di 52 euro a notte a persona. Unica città d’arte in classifica è Venezia, dove per dare il benvenuto al 2018 si spendono mediamente 50 euro a notte a persona.
Diverse anche le mete low cost, come Palermo dove una casa vacanza per l’ultimo week end dell’anno costa in media 13 euro a notte a persona, ma anche Olbia dove si spendono 14 euro, oppure Cervo e Loano, rispettivamente 15 e 16 euro a persona per notte.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna l’imbarco del bagaglio avviene in self-service in meno di un minuto grazie ai terminali Scan&Fly bag drop di Sita, specialista IT nel settore del trasporto aereo. L’aeroporto di Bologna è il primo scalo italiano a installare i terminali Scan&Fly di Sita; inizialmente proposto ai passeggeri Ryanair – che presso lo scalo opera su più di 20 destinazioni con 170 voli alla settimana – l’uso della nuova tecnologia self-service sarà poi esteso alle altre aerolinee. Le unità Scan&Fly ampliano le opzioni self-service di Sita a Bologna, dovec all’inizio di quest’anno sono stati introdotti gli e-Gate automatizzati per i controlli di frontiera, permettendo ai passeggeri un transito senza intoppi, completamente automatizzato.  Nazareno Ventola, Ceo dell’Aeroporto di Bologna, ha dichiarato: «Con oltre 7 milioni di passeggeri, nel 2016 l’aeroporto di Bologna è stato lo scalo a più rapida crescita fra i 15 più trafficati d’Italia; in otto anni abbiamo visto il volume del traffico crescere a un ritmo di due volte più rapido di quello registrato in media negli altri scali nazionali. La tecnologia è un supporto indispensabile per fare fronte a questi numeri. La soluzione di Sita per l’imbarco bagagli self-service è l’ultima di una serie di opzioni che stiamo sviluppando per offrire ai passeggeri un’esperienza di viaggio positiva, senza intoppi né sforzi, con un diretto beneficio sulle operazioni delle compagnie aeree e sulla gestione dei flussi di viaggiatori». [post_title] => Imbarco bagagli self service firmato Sita all'aeroporto di Bologna [post_date] => 2017-04-21T13:46:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492782379000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia ha presentato ufficialmente a Madrid il primo Airbus A340/600 configurato con la nuova Premium Economy. «Questo aeromobile dimostra come un grande progetto possa prendere forma - ha dichiarato Marco Sansavini, chief commercial officer di Iberia -. Siamo certi che in Europa, così come negli Stati Uniti, Colombia, Messico, Cile, Argentina e altri paesi, i nostri passeggeri saranno disposti a pagare un po' di più per avere maggior comfort». Le prime destinazioni che beneficieranno della nuova cabina Premium, a partire dal prossimo maggio, saranno quelle di Chiacago, New York e Bogotà; in giugno si uniranno i voli per il Messico, in luglio quelli tra Madrid e Miami e in agosto quelli per Boston. Entro la stagione estiva del 2018 la classe Premium Economy sarà disponibile su tutte le rotte lungo raggio operate da Iberia con gli Airbus A340-600, con gli A330-300s e con gli Airbus A350 che si uniranno alla flotta proprio a cominciare dal prossimo anno. La Premium economy prevede il 20% in più di spazio tra le file di poltrone (94 cm contro i 78,8 cm dell'economy); sedute più larghe (48 cm); poltrona reclinabile con un 40% in più di inclinazione; maggiore comfort per appoggiare la teste e riposare le gambe; migliore intrattenimento (schermi touch da 12" full HD, prese per connettere i device personali); servizio a bordo dedicato (welcome drink, menu speciale, tovaglietta di lino e toilet kit); maggiore franchigia bagaglio (due pezzi), oltre a check-in e imbarco prioritari. [gallery ids="276228,276229,276230"] [post_title] => Iberia: Premium Economy su tutto il long haul entro l'estate 2018 [post_date] => 2017-04-21T11:00:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492772459000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275801 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Molto positiva la reazione  di Confindustria alberghi, alla nuova norma che introduce le imposte anche a chi affitta attraverso Airbnb. «Pensiamo sia importante aver considerato nella “manovrina di primavera” l’introduzione di un meccanismo che consentirà la tassazione anche a chi offre alloggi turistici attraverso Airbnb – dichiara Giorgio Palmucci, presidente di associazione italiana Confindustria alberghi - . È innegabile che il mercato si stia arricchendo di forme alternative di accoglienza ed è impensabile voler arrestare un fenomeno così importante e contemporaneo legato alla share economy turistica. Quello che vogliamo, e che speriamo si attiverà già nei prossimi mesi con il meccanismo della cedolare secca, è il pagamento delle imposte anche a chi offre un soggiorno inferiore ai 30 giorni. Ora ci aspettiamo che l’articolo superi gli step successivi in consiglio dei Ministri e in Parlamento per avviare un percorso di regolamentazione necessario al turismo, settore importante per l’intera economia del Paese». [post_title] => Palmucci: «Bene la tassazione su Airbnb» [post_date] => 2017-04-14T10:43:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492166581000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275727 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_275728" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Vincenzo Cella e Alberto Melgrati[/caption] Halldis plaude alla flat tax per gli affitti brevi al 21% prevista dal Def, Documento di economia e finanza approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Secondo la società italiana leader negli affitti temporanei e con più di 1.600 proprietà gestite in 25 località europee, il provvedimento - che riguarderà il mezzo milione di proprietà che si ritiene siano affittate a uso turistico ogni anno nel nostro Paese - sarà un vantaggio per tutta la filiera, farà emergere il nero del settore oggi stimato al 75% e libererà per lo Stato un fatturato potenziale di 3,5 miliardi di euro. «Abbattimento delle imposte, trasparenza, semplificazione – afferma Vincenzo Cella, consigliere delegato di Halldis –: i proprietari avranno notevoli vantaggi. La flat tax al 21% con gestori, portali e siti web che faranno da sostituto di imposta, porterà gettito allo Stato e eviterà ogni ambiguità ai turisti sulla modalità di pagamento. I proprietari non dovranno più preoccuparsi dell’adempimento fiscale e molti godranno di un carico minore dell’attuale perché la flat tax è a prescindere dall’imponibile complessivo. Per noi gestori sarà un'ulteriore incombenza, ma ne guadagnerà tutto il sistema». «Il settore – aggiunge l'ad Alberto Melgrati - è in forte crescita per la diffusione di portali online quali Booking.com, Airbnb, HomeAway. Il vuoto legislativo aveva promosso fenomeni per certi aspetti positivi, come la disintermediazione, del resto propria di altri comparti, ma determinato una non sana competizione con gli alberghi e favorito il nero. La questione fiscale è decisiva, il provvedimento permetterà al settore di svilupparsi in trasparenza e con regole certe e sarà un importante volano per il turismo e quindi per l’economia del Paese». [post_title] => Halldis: soddisfazione per la flat tax sugli affitti brevi [post_date] => 2017-04-13T14:58:46+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492095526000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275711 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha debuttato negli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa la "Book Fly Zone", un’iniziativa organizzata da Sea con l’associazione degli editori Aie e il Comune di Milano in vista della fiera «Tempo di libri» (dal 19 al 23 aprile) per promuovere uno scambio di libri secondo la pratica del book-crossing. Per i prossimi mesi quindi Linate e Malpensa saranno forniti di nove postazioni di book-crossing, nove librerie in cui i viaggiatori potranno lasciare e prendere libri. Per i passeggeri appena atterrati sarà possibile trovare nell'area degli arrivi le postazioni dove lasciare il libro appena finito durante il volo in cambio di uno diverso lasciato da un altro lettore. «È un atto di generosità, un consiglio a uno sconosciuto di un libro che ci è caro» sottolinea Filippo Del Corno, assessore alla cultura del Comune. Gli scaffali delle librerie, in attesa del responso positivo dei viaggiatori, sono stati riempiti da una selezione di 6.000 volumi donati dall’associazione NoiSea e dall’associazione italiana editori in occasione del progetto #ioleggoperché. Tutti hanno all’interno un codice personale che permetterà ai lettori più curiosi di ricostruire, grazie al sito internet dedicato, il viaggio attraverso gli aeroporti internazionali che li ha portati nelle loro mani. «Milano è sempre più una città di prime volte - aggiunge Pietro Modiano, presidente Sea -. Prime volte che si traducono in grandi iniziative e tante altre che prendono forma in piccole iniziative come quella che avviamo oggi con orgoglio». [post_title] => A Malpensa e Linate decolla la "Book Fly Zone" [post_date] => 2017-04-13T12:59:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492088372000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275640 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tour 2000 lancia il nuovo sito, www.tour2000.it, pensato per facilitare il lavoro degli agenti di viaggio, consentendo loro di affinare la ricerca durante la costruzione di un itinerario con l’introduzione di nuovi parametri, come le Esperienze, ovvero la suddivisione dei tour in base a tematiche e interessi, tra cui archeologia, family tour, musica in viaggio, sentieri del gusto o tour studiati per chi vuole partire da solo. Il sito è ideato per racchiudere tutta la programmazione dell’operatore, comprese le destinazioni centroamericane e va quindi a sostituire il sito www.gocentroamerica.it. Novità importanti riguardano anche la veste grafica, che si rinnova presentandosi come elemento di totale rottura rispetto al passato: la tradizionale cartina, che ha da sempre caratterizzato i siti dell’operatore, viene ora sostituita da foto a colori, selezionate tra numerose fotografie professionali, che coinvolgeranno l’utente in un viaggio emozionale. Non solo la home page accoglie il visitatore con una fotogallery ad alto impatto visivo, ma anche ogni tour pubblicato prevede un’immagine che lo rappresenti. «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto - afferma Marino Pagni, titolare di Tour 2000 -; il restyling, che riguarda non solo l’aspetto grafico ma anche la struttura del sito con l’introduzione di nuove categorie e contenuti, piace molto alle agenzie. Abbiamo voluto incoraggiare la navigazione, stimolando la curiosità dell’agente tramite le bellissime immagini selezionate e puntando sulla maggiore funzionalità e performance del sito». [post_title] => Tour 2000 lancia il nuovo sito [post_date] => 2017-04-13T10:13:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492078406000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275631 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 24 aprile prossimo a Zurigo, durante la tradizionale festa di primavera Sechseläuten Spring Festival, il fantoccio Böögg svelerà le previsioni metereologiche dei prossimi mesi: meno tempo ci metterà ad esplodere, più bella sarà l’estate. Oggi, scommettendo online sul tempo che impiegherà il fantoccio ad esplodere, si possono vincere viaggi, pernottamenti e ZürichCard. Tutti possono scommettere sulle previsioni meteorologiche estive con un gioco che mette in palio premi alla scoperta di Zurigo. Sul sito https://www.zuerich.com/it/visitare/sechselaeuten si può tentare la fortuna cercando di indovinare in quanto tempo la testa del Böögg esploderà e vincere due pernottamenti per due persone in camera Classic Superior al Platzhirsch Hotel & Bar, un volo per Zurigo per due persone con Swiss International Air Lines in economy class e una ZürichCard da 72 ore per due persone o ancora una delle nove ZürichCardda 72 ore per due persone. In occasione della festa, manifestazioni tradizionali e un corteo di bambini attraversano la città in costumi storici e di fantasia accanto al “Böögg”, che è un enorme pupazzo di ovatta bianca alto più di tre metri.     [post_title] => A Zurigo per il festival di primavera [post_date] => 2017-04-13T09:55:26+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492077326000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275380 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_172767" align="alignright" width="300"] Massimo Tocchetti[/caption] Lo scenario internazionale dei viaggi di alta gamma è in una fase di radicale trasformazione: se ne è occupato il convegno “The New Way of Luxury” organizzato da Aigo - società di marketing e comunicazione per turismo, trasporti e ospitalità - nell’ambito di Bit 2017, presentando in anteprima la ricerca a cura di Wouter Geerts, Senior Travel Analyst di Euromonitor, dal titolo "Post-Luxury Travel: The Changing Expectations of Luxury Travellers". Le evidenze degli studi sono state poi commentate da Joakim Everstin (Sabre), Antonella Bertossi (Global Blue), Maurizio Saccani (Rocco Forte Hotels), Mimma Posca (Ceo, Vranken-Pommery), con la conduzione di Ettore Mocchetti, direttore di Condé Nast Traveller e AD. Tutti gli esperti concordano: il luxury travel è in crescita. Secondo Geerts, gli hotel di categoria superiore attraggono sempre più visitatori; in particolare, il segmento "affordable luxury" è destinato a crescere. Per Antonella Bertossi anche le vendite tax free stanno vivendo un momento di ripresa, grazie all’aumento di spesa dei turisti russi che sono tornati a viaggiare in modo importante; segno positivo anche per un prodotto di lusso per antonomasia come le bollicine secondo Mimma Posca. Si può parlare a buon titolo di "democratizzazione dell’esperienza di lusso" alla luce dell’incremento della capacità di spesa della fascia media, come indicato da Euromonitor. «La tecnologia sta trasformando l’esperienza del viaggio molto rapidamente. Dai robot umanoidi che accolgono e registrano gli ospiti in hotel alle vacanze virtualmente immersive fino ai chatbot basati sull’intelligenza artificiale con tratti di personalità ben definiti - ha detto Joakim Everstin, Head of Innovation per Sabre in EMEA. - Grazie all’abbondanza di tecnologia cui tutti noi abbiamo accesso, il viaggio sta diventando un’esperienza sempre più fluida, più personalizzata e più interattiva, soprattutto nel caso dei viaggi di lusso, dove il concetto di status va sempre meno verso “quello che ho” e molto di più verso “quello che sono”. Sabre esplora tutte le nuove tecnologie che si affacciano sul mercato per trovare il modo migliore di implementarle nell’industria dei viaggi, con l’obiettivo di migliorare l’intera esperienza e renderla esclusiva, sartoriale». Per Maurizio Saccani (Rocco Forte Hotels), l’industria dell’ospitalità ha raggiunto le vette dell’eccellenza al punto tale che si può fare la differenza solo sul piano del servizio, fattore immateriale. Pertanto per rendersi riconoscibili bisogna investire nello human touch, ovvero nell’approccio personalizzato con il cliente. In un’ottica di evoluzione del servizio sono esemplificative le attività mirate a sviluppare la rete dei servizi accessori come, ad esempio, gli eventi e le iniziative su misura per i clienti del gruppo Vranken-Pommery nelle cantine a Reims e le nuove lounge a Milano e Roma di Global Blue Italia, realizzate per accogliere i clienti e garantire il rimborso delle tasse pagate con lo scontrino direttamente in città e non in aeroporto. Secondo Wouter Geerts, «gli hotel di lusso hanno sofferto in maniera minore dell’aumento degli affitti da parte dei privati, che hanno sottratto quote di mercato agli alberghi tradizionali, in particolare nelle città. Il 2015 e il 2016 sono stati anni ottimi per il segmento più alto dell’offerta. Gli hotel di medio costo, invece, hanno registrato una crescita modesta. Si prevede che, in termini di vendite, gli hotel di lusso registreranno il 2,9% di crescita media annua tra il 2016 e il 2020». «E’ risaputo che la vecchia concezione del lusso, legata all’esibizione di status e a un consumismo appariscente, ha ormai lasciato il posto a valori connessi alla sfera personale come la disponibilità di tempo per sé, la gratificazione di aspettative e passioni, la possibilità di condividere emozioni e momenti con persone care» ha commentato Massimo Tocchetti, Presidente Aigo e Chairman di Pangea Network. «Tutto ciò si traduce in esperienze quanto più uniche e gratificanti e in un nuovo concetto di servizio che il viaggiatore di alta gamma ricerca. Esiste una profonda riscoperta delle tradizioni e della cultura propria dei territori e delle genti. Sono pertanto vincenti quei paesi in grado di offrire unicità, qualità e artigianalità, oggi percepita come vera espressione del lusso a fronte della standardizzazione (o globalizzazione) di prodotti e servizi. Va anche rilevata la crescente importanza che gli high spender attribuiscono all’arte, in tutte le sue forme, che sempre di più costituisce un fattore di grande importanza nella scelta di luoghi e destinazioni. Se numerosi sono i Paesi che possono ambire ad accogliere una clientela alto spendente, l’Italia ha nel proprio Dna le caratteristiche atte a soddisfarla ed è chiamata, quasi obbligata, a giocare le proprie carte in questa partita. Ma per farlo con successo è necessario comprendere e anticipare le reali esigenze e le tendenze che caratterizzeranno il mercato» Conclude Tocchetti: «Aigo ha sentito il dovere di dare il proprio contributo creando un osservatorio che si occuperà di studiare i trend di un mercato globale in continua crescita e il comportamento del consumatore dei viaggi di alta gamma (di oggi e domani) attraverso studi e ricerche, scambi di visioni, esperienze e progetti di professionisti specializzati in diversi ambiti. "The New Way of Luxury" è la prima espressione di quello che idealmente diventerà un appuntamento annuale e un momento di incontro tra professionisti e imprenditori che operano nel mercato dell’alto di gamma». [post_title] => I nuovi trend del luxury travel, convegno Aigo a Bit 2017 [post_date] => 2017-04-11T13:46:29+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491918389000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275261 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel corso del mese di aprile Miami propone una serie di offerte speciali dedicate al mondo del wellness, degli eventi sportivi e del fitness grazie al programma mensile “Miami Sports & Wellness Month”, promosso da Greater Miami Convention & Visitors Bureau con la sponsorizzazione di Citibank. Un lungo mese di iniziative speciali che prevede promozioni legate ad attività e manifestazioni di carattere sportivo per tutte le età e livello di allenamento. Per la lista completa delle iniziative e offerte in corso di validità, visitare il sito www.MiamiSportsMonth.com. «Miami ha visto un forte sviluppo nell’ambito fitness, tanto da diventare una delle più note destinazioni Usa in cui praticare ogni tipo di sport. Gli atleti professionisti trascorrono molto tempo a Miami durante la bassa stagione, lavorando con alcuni dei migliori trainer del settore. Greater Miami and the Beaches è davvero la scelta ideale per gli appassionati di sport e vita all’aria aperta» afferma Andrew De Chellis, fondatore di StayFit305.com, sito di informazioni sul mondo fitness numero uno nel sud della Florida, attraverso cui reperire notizie e informazioni su eventi, cibo salutare e non solo. Miami Sports & Wellness Month fa parte del Miami Temptations Program, promosso da Greater Miami Convention & Visitors Bureau e sponsorizzato da Citibank, che propone iniziative per promuovere il meglio che Miami ha da offrire durante tutto l’anno e ai prezzi più convenienti. Gli altri programmi Temptations includono: Cruise Month (gennaio), Romance Month (febbraio), Shop Month (marzo), Museum Month (maggio), Film Month (giugno), Spa Month (luglio-agosto), Spice Restaurant Month (agosto-settembre), Attractions Month (ottobre), Live Month (novembre) e Heritage Month (dicembre). [post_title] => Miami Temptations, aprile all'insegna dello sport e del wellness [post_date] => 2017-04-10T14:39:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491835147000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti