2 June 2020

Forum del Turismo in Friuli: si tracciano le linee guida per il futuro

[ 0 ]

Friuli, Fvg, BerteroSi è chiuso con grande soddisfazione di partecipanti e organizzatori il Forum del Turismo in Friuli Venezia Giulia. Un appuntamento fondamentale anche per tracciare le linee guida del piano del turismo 2018/2025.

Il forum, una due giorni di lavoro che ha raccolto al Molo IV di Trieste 270 presenze confrontatesi in 19 tavoli di dibattito, si è sviluppata su cinque focus tematici il significato del turismo, la sostenibilità, le nuove imprenditorialità, le nuove tecnologie e la formazione life long learning.

«Portare in progettazione partecipata 270 operatori, che ragionano sui temi del turismo e restituiscono argomenti quali formazione, prodotto e territorio, fa capire che l’intervento che possiamo fare oggi all’interno della dmo PromoTurismoFVG ha un ampio spettro di attività su cui lavorare – commenta Bruno Bertero, direttore marketing PromoturismoFVG -. Non solo la formazione del prodotto, ma soprattutto la costruzione e lo sviluppo di un sistema di reti in grado di portare il prodotto Friuli Venezia Giulia sui mercati in maniera efficace, nuova e soprattutto in un’ottica di promocomercalizzazione».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 343155 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Bravo Club pesa circa il 5% sul totale del fatturato Alpitour, ed è una linea innovativa a cui teniamo molto. Presentiamo un concetto nuovo di villaggio con standard di qualità elevati ed i nostri clienti viaggiano a bordo dei quattro aerei Neos Boeing 787 di proprietà, un investimento importante (circa 130 milioni l’uno), ma che registra un ottimo ritorno. Bravo è un soggetto con il quale vogliamo continuare a crescere - dichiara Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato del gruppo Alpitour -. Continuiamo a crescere anche grazie all’acquisizione di Eden che determinerà un cambio di numeri, quest’anno puntiamo a raggiungere i due miliardi di fatturato. Abbiamo iniziato a lavorare sull'integrazione con i diversi marchi del gruppo, un procedimento lungo che oltre al cambio ed al riordino dei nominativi coinvolge anche un’operazione informatica notevole. Siamo l’unica realtà che ha un numero di sedi maggiore al fatturato - scherza Burgio -. Attendiamo i primi risultati l’estate prossima». [post_title] => Burgio: «Cresciamo con Bravo e Eden. In estate i risultati dell’integrazione» [post_date] => 2019-02-28T16:29:41+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1551371381000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 343117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bravo Club, il marchio glamour del mondo Alpitour, a più di 20 anni dalla nascita, rivoluziona la vacanza in villaggio lanciando un form completamente rinnovato. L’Animazione, seguita dal gruppo Stars Be Original, prevede un ricco e diversificato programma di appuntamenti per i giovani, con l’iniziativa della startup Labsitters per insegnare l’inglese ai bambini in collaborazione con Clementoni ed il progetto innovativo Bravo B. Free dedicato ai ragazzi. Le attività non mancano anche per i più grandi, grazie alle proposte fitness e wellness, sport,  discipline olistiche, musica, spettacolo e tecnologia, grande protagonista dei villaggi decisamente social oriented. Un capitolo a parte è riservato al food, con i programmi Bravo Cucina e Bravo Natura e per rendere l’esperienza culinaria ancora più straordinaria Bravo ha scelto la star televisiva Simone Rugiati per firmare una selezione di 20 primi esclusivi pensati per la clientela dei villaggi. «Il villaggio resta  una vacanza attuale nella misura in cui saprà rispondere alle nuove richieste e ai bisogni dei nostri clienti. Non basta garantire una “proposta di italianità”, ma occorre andare oltre, elevando il livello dell’animazione, della gastronomia, del mini club, delle attività ludiche e sportive, rendendo l’esperienza qualificata e qualificante, unica ed innovativa», annuncia Pier Ezhaya, direttore tour operating di Alpitour. E con la stessa idea di innovazione, freschezza ed originalità Andrea Cortese, direttore marketing Bravo Club, presenta il nuovo catalogo trendy. «Un catalogo che si trasforma in magazine, un prodotto di design editoriale, con un nuovo formato, un materiale fotografico e contenuti editoriali piacevoli da leggere. Incuriosisce e trasporta le persone». [post_title] => "Quanto è bello essere Bravo!". Rivoluzione Bravo Club [post_date] => 2019-02-28T16:25:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1551371137000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 327670 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Italia ha il minor numero di voli in ritardo o cancellati rispetto a Germania, Inghilterra e Francia. Questo è il risultato dell’ultima indagine di AirHelp, società di supporto ai passeggeri per il rimborso di voli aerei a seguito di ritardi e cancellazioni. L’Italia è al quinto posto della classifica di AirHelp, con il 24,28% di voli che hanno subito ritardi e cancellazioni, dopo la Germania (28,8%), l’Inghilterra (25,31%) e la Francia (28,16%). Secondo lo studio, le compagnie aeree sui voli in Italia hanno accumulato una responsabilità finanziaria di oltre 286 milioni di euro da inizio anno, il 65% in meno rispetto alla Germania che invece deve più di 800 milioni ai suoi passeggeri. La percentuale di voli in ritardo e cancellati dalle compagnie aeree in Germania supera infatti il 28%, con più di 180 mila voli interrotti. Anche la Francia ha performance peggiori dell’Italia: nonostante le due nazioni abbiano un numero equivalente di voli, le compagnie aree in Francia devono ai passeggeri oltre il doppio dei rimborsi, con ben il 28,16% di voli problematici. Subito dopo la Germania si colloca l’Inghilterra che, nonostante il numero maggiore di voli complessivi, deve ai propri passeggeri 110 milioni in meno. Al terzo e quarto posto la Francia e la Spagna che rispettivamente registrano 141 e 133 mila voli in ritardo e cancellati dall’inizio dell’anno. L’Italia è quindi l’ultima della top 5 delle big d’Europa, con più del 75% di voli on time. «Il fenomeno dell’overtourism, l’aumento dell’offerta delle compagnie aeree e la diminuzione della qualità dei servizi e del personale aereo hanno raddoppiato i voli in ritardo e cancellati in tutta Europa - afferma Roberta Fichera, portavoce di AirHelp Italia -. Quest’anno è stato un anno difficile per il traffico aereo di tutta Europa e gli scioperi e alcuni fallimenti di compagnie aeree hanno influito negativamente sul mercato. La Germania è stato il paese con maggiori conseguenze sui passeggeri, ma i dati emersi da questa indagine si inseriscono in un quadro più ampio: la domanda aumenta, ma le compagnie aeree non riescono a stare al passo. La continua battaglia dei prezzi e i conseguenti disservizi non fanno che aumentare i disagi ai passeggeri e se le compagnie aeree non faranno la loro parte per aiutarli, continueremo a farlo noi. Per questo motivo è stato creato AirHelp cinque anni fa e continueremo a lavorare instancabilmente per aiutare i viaggiatori a ottenere il giusto risarcimento. La legge è la legge e deve essere rispettata». I diritti dei passeggeri Per voli in ritardo, cancellati o imbarchi negati, tutte le compagnie aeree (low cost comprese) devono corrispondere da 250€ a fino 600 euro di rimborso a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto acquistato. Si tratta di un diritto dei passeggeri il più delle volte a loro sconosciuto (o omesso dalle compagnie aeree), tant’è che meno del 2% degli aventi diritto ha richiesto e ottenuto il risarcimento. Il diritto al risarcimento finanziario deve essere richiesto entro tre anni dalla data di ritardo del volo. Circostanze straordinarie come condizioni meteo o emergenze mediche esentano la compagnia aerea dall'obbligo di risarcire i passeggeri aerei.I passeggeri possono verificare il diritto ad un rimborso grazie ad AirHelp e richiederlo in maniera facile e rapida, attraverso l’app gratuita per dispositivi mobile e il sito web. [post_title] => Italia batte Germania e Francia nella puntualità dei voli [post_date] => 2018-10-16T10:53:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1539687189000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 322601 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' arrivato a Malpensa il secondo 787 Dreamliner di Neos. Con questo secondo aeromobili la compagnia porta avanti il rinnovamento della sua flotta e si riconferma la prima e unica compagnia aerea italiana ad avere questi aeromobili, che sono i più evoluti al mondo per le prestazioni e il comfort. Interni spaziosi ed eleganti, oblò più grandi del 65%, un innovativo sistema di umidificazione e pressurizzazione ed un sistema di illuminazione a led modulabile per ogni fase del volo sono solo alcune delle caratteristiche che rendono straordinaria l’esperienza di bordo con Neos. «La nostra compagnia aerea oggi festeggia perché segna un’altra importante tappa di un sogno iniziato 4 anni fa – commenta Carlo Stradiotti, amministratore delegato di Neos –. Con l’introduzione di questo secondo 787 Dreamliner proseguiamo anche nel continuo lavoro di scoperta e sviluppo di nuove destinazioni da offrire alla nostra clientela. L’anno scorso il debutto avvenne con Phu Quoc, in Vietnam, quest’anno sarà la volta di un altro nuovo collegamento, sempre nel Sud-est asiatico». «Questo è il secondo capitolo nella storia della partnership fra Boeing e Neos sul 787. La consegna del secondo Dreamliner ad una compagnia aerea italiana è motivo di orgoglio e soddisfazione, oltre a rappresentare un successo importante anche per l’industria italiana, che costruisce con Leonardo il 14% dell’aerostruttura - ha dichiarato Antonio De Palmas, presidente di Boeing Italia e managing director per il Sud Europa -. Il 787, per range, efficienza e confort, è l’aereo giusto per il lungo raggio e si adatta molto bene alle esigenze di Neos. Siamo particolarmente orgogliosi della grande fiducia che Neos continua a riporre in Boeing». [post_title] => Neos accoglie in flotta il secondo 787 Dreamliner [post_date] => 2018-06-29T16:28:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1530289696000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti