18 June 2018

Sottoposti

[ 0 ]

Invece di inviare circolari, come in genere si fa con i sottoposti, gli operatori, quando fanno scelte che si riferiscono ai soldi, farebbero bene a negoziare con le adv. E’ una cosa sana.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275512 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo smalto per il VOI Grand Hotel Mazzarò Sea Palace, che riapre dopo cinque mesi di lavori forte di un totale rinnovo degli ambienti interni e nell’arredamento. Già caratterizzato da uno standard estremamente elevato, il resort parte della catena alberghiera del Gruppo Alpitour, è stato impreziosito da un’opera di riqualificazione al fine di rinfrescarne l’immagine classica e raffinata in chiave più moderna. I progetti sono stati curati da esperti architetti specializzati nel settore alberghiero che hanno saputo valorizzarne l’anima, accostando dettagli eleganti a materiali di grande pregio. Oltre al restyling, l’hotel ha inoltre innalzato ulteriormente il livello di servizio per offrire ai propri clienti molteplici soluzioni di soggiorno: un investimento per andare incontro al segmento leisure, al settore wedding e a quello sempre più proficuo del mercato Mice. Questi interventi vanno a sommarsi agli altri elementi che hanno confermato questo hotel anche sul mercato straniero: l’affascinante posizione sulla Baia di Mazzarò, la spiaggia privata, la breve distanza dal centro di Taormina, lo charme della struttura unita all’ospitalità tipica della Sicilia, la ricca selezione di vini e il menù gourmet dello chef del ristornate “Il Gattopardo”. Lo stesso connubio vincente che si ritrova anche al VOI Grand Hotel Atlantis Bay, l’altro resort di Taormina in lizza per il premio Italy's Leading Lifestyle Hotel ai World Travel Awards 2017 e anch’esso sottoposto a piccoli interventi che termineranno in questi giorni. Entrambe le strutture fanno parte, insieme al Donna Camilla Savelli di Roma, del progetto Lifestyle VOIhotels: la collezione, appena inaugurata, attualmente raccoglie i tre resort accomunati da lusso, raffinato design e da un format di accoglienza innovativo, ideale anche per la clientela straniera. [post_title] => Riapre dopo il restyling il VOI Grand Hotel Mazzarò Sea Palace [post_date] => 2017-04-12T12:07:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491998855000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274526 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian Jade di Norwegian Cruise Line ha fatto ritorno in una veste praticamente nuova al suo porto di base stagionale, ovvero Tampa, dopo tre settimane in cantiere dove è stata sottoposta a interventi pensati per rinnovare completamente l’esperienza a bordo, come l’aggiunta di due ristoranti e di due bar e saloni, nuovi design e arredi in molte aree pubbliche e la ristrutturazione di tutte le cabine. L’ampio rimodernamento della Norwegian Jade rientra nel programma di investimenti The Norwegian Edge. La vasta gamma di interventi migliorativi a cui è stata sottoposta la Norwegian Jade è stata terminata giusto in tempo per la stagione estiva che la vedrà protagonista in Nord Europa. Sarà inoltre la prima stagione completa di navigazione da Amburgo verso i fiordi norvegesi, con imbarco anche nel Regno Unito, nella storia della compagnia. «Siamo entusiasti di accogliere nuovamente la Norwegian Jade nella nostra flotta, con le sue nuove ed eleganti finiture e un’atmosfera più moderna - ha dichiarato Andy Stuart, presidente e ceo di Norwegian Cruise Line -. Intendiamo garantire una vacanza fantastica su tutta la nostra flotta e questo rimodernamento della Norwegian Jade rappresenta un’opportunità per migliorare il look dalla nave, così che possa eguagliare la meravigliosa esperienza offerta ogni giorno dal nostro equipaggio agli ospiti».   [post_title] => Norwegian Jade torna in servizio dopo il restyling [post_date] => 2017-03-31T11:31:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490959918000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Divieto, per un periodo di tre anni, di apertura di nuovi esercizi alimentari e di ristorazione, introduzione di limitazioni a tutela del centro storico di Firenze. Lo stabilisce lo schema di intesa tra Regione e Comune di Firenze. La misura è motivata dalla volontà di tutelare il centro storico fiorentino da attività economiche che rischiano di snaturarne l'identità culturale. Il centro storico del Comune di Firenze, sin dal 1982, fa parte dei siti italiani inseriti nella lista del patrimonio mondiale Unesco ed è sottoposto ad apposito piano di gestione.  «La peculiarità del centro storico fiorentino – ha detto l'assessore al turismo Stefano Ciuoffo - deve rimanere legata all'identità trasmessa anche da negozi e botteghe e dai suoi commercianti, non solo dai monumenti e dai palazzi. È un quadro che si tiene insieme e che dobbiamo cercare di preservare, perchè la peculiarità e tipicità delle nostre città ci sta a cuore e dobbiamo mantenerne l'attrattività». Da questa esigenza nasce l'Intesa con la Regione, che sarà firmata a breve, utilizzando lo strumento di recente introdotto dal d.lgs. 222 del 2016, grazie al quale il Comune, per le finalità di tutela delle aree di particolare pregio già indicate dal Codice dei beni culturali e del paesaggio, d'intesa con la Regione e sentito il competente soprintendente del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, può adottare deliberazioni volte a delimitare zone o aree aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico in cui possa essere vietato o subordinato ad autorizzazione l'esercizio di attività economiche ritenute incompatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale. [post_title] => Firenze, intesa tra Comune e Regione per mantenere la peculiarità del centro storico [post_date] => 2017-03-30T11:32:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490873577000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274182 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines ha acquisito il 2,76 % della compagnia cinese China Southern per 200 milioni di dollari. Gli Stati Uniti e la Cina sono rispettivamente il primo e secondo mercato del mondo per l’aviazione civile, con il Celeste Impero destinato a superare gli Usa per la metà del prossimo decennio. Dal suo hub di Guangzhou, il vettore a controllo pubblico China Southern effettua voli verso le città americane di New York, Boston, Chicago, oltre che nelle Hawaii. La compagnia cinese, prima del Paese asiatico per passeggeri trasportati, è membro dell’alleanza SkyTeam e ha accordi di code-share con Delta Airlines. American Airlines è invece parte di oneworld, alleanza che al momento non include vettori della Mainland cinese. Fa parte di onewolrld invece la compagnia di Hong Kong Cathay Pacific, che a suo volta controlla il 18% di Air China, terza aviolinea cinese per ordine di grandezza. Poichè i voli tra gli Stati Uniti e la Cina devono passare per l’autorizzazione dell’U.S. Department of Transportation (Dot), l’accordo con China Southern (anch’esso sottoposto a via libera governativo) permetterebbe ad American di lanciare più agevolmente nuovi voli verso la Cina. [post_title] => American Airlines guarda a Oriente e acquisisce il 3% di China Southern [post_date] => 2017-03-29T10:12:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490782351000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 273395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il divieto annunciato ieri dal governo Usa al trasporto di tablet e altri dispositivi elettronici a bordo di aerei provenienti da paesi a maggioranza musulmana, prende forme concrete: al provvedimento, che entrerà in vigore sabato, sono interessate nove compagnie aeree di otto Paesi, fra cui alcune di primo piano, a cui sono state date 96 ore per adeguarsi. La Gran Bretagna ha già seguito l'esempio statunitense mentre la Francia e il Canada lo stanno valutando sulla base dei rapporti delle intelligence. Al momento del check-in, i passeggeri dovranno portare a bordo solo cellulare e smartphone mentre dovranno imbarcare nel bagaglio in stiva qualunque dispositivo più grande, compresi iPad, consolle per videogiochi, lettori Kindle e laptop. Alla direttiva della Transportation Security Administration sono interessati i passeggeri dei voli, una cinquantina al giorno, che partono da alcuni degli hub più trafficati in Medio Oriente, Turchia e NordAfrica. I Paesi interessati sono: Giordania, Egitto, Turchia, Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Emirati Arabi e Marocco. Le nove compagnie coinvolte: Emirates, Qatar, Turkish, Royal Jordanian, Egyptair, Saudi Airlines, Kuwait Airways, Royal Air Maroc ed Etihad Airways. Si dovranno eseguire in controlli sui voli provenienti da Amman, Il Cairo, Istanbul, Gedda, Riad, Kuwait City, Doha, Dubai, Abu Dhabi e Casablanca. La Gran Bretagna ha adottato un provvedimento analogo: sarà vietato il trasporto in cabina di apparecchiature elettroniche di dimensioni superiori a quelle di un cellulare (lunghezza 16 centimetri, larghezza 9,3 e spessore 1,5) per i voli diretti nel Regno Unito da Turchia, Libano, Giordania, Egitto, Tunisia e Arabia Saudita. La Turchia ha chiesto agli Usa di "rivedere la decisione o di alleggerire" le misure a cui saranno sottoposti i passeggeri, sottolineando l'impatto negativo che avrebbero sul flusso dei viaggiatori. Anche i sauditi hanno protestato. C'è poi il rischio, evidenziato dagli esperti, di far viaggiare in stiva le apparecchiature elettroniche con un possibile aumento dei furti e il pericolo che alle batterie di certi laptop che possono incendiarsi. [post_title] => Divieto al trasporto di tablet e pc: Paesi e vettori coinvolti [post_date] => 2017-03-22T12:02:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490184178000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 271668 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E’ ripartito ieri, con le prime corse del traghetto Ichnusa, il servizio gestito da Blu Navy sulla linea marittima Santa Teresa di Gallura-Bonifacio. La nave, di proprietà di Blu Navy, aveva terminato la stagione 2016 a fine ottobre: durante l’inverno è stata sottoposta a lavori ordinari di bacino, fra cui anche la manutenzione dei motori, e alla revisione di alcuni certificati. Da oggi fino al 12 aprile la nave partirà dal lunedì al venerdì da Santa Teresa alle 8.30 e alle 15.30. Dal 13 aprile si passerà all’orario estivo, in vigore fino al 30 settembre, con un aumento delle partenze (da Santa Teresa alle 9, 12, 17 e alle 20). Rispetto al 2016, quando il servizio di Blu Navy iniziò l’8 aprile, l’unica variazione riguarda l’anticipo della prima corsa da Bonifacio, che quest’anno partirà alle 7 anziché alle 7.30. «Siamo molto lieti di iniziare la nostra seconda stagione su questa tratta - ha dichiarato Luca Morace, amministratore delegato di BN SarNav Srl - fornendo un servizio prezioso ad un territorio su cui ci stiamo radicando e al quale siamo molto legati. Continuiamo a collaborare con le istituzioni di Corsica e Sardegna e il dialogo con loro e tutti gli operatori è costante: Blu Navy vuole rafforzare la presenza su questo mercato». La nave Ichnusa è stata costruita proprio per operare sulla tratta Santa Teresa-Bonifacio, che a causa delle dimensioni dei porti richiede caratteristiche particolari: ha una lunghezza di 64 metri, una stazza lorda di 2182 tonnellate ed è in grado di ospitare 350 passeggeri e oltre 50 automobili. Il braccio di mare tra Corsica e Sardegna è lungo circa nove miglia: la traversata delle Bocche di Bonifacio, note anche per le forti correnti, dura circa un’ora. [post_title] => Blu Navy riprende il servizio Santa Teresa - Bonifacio [post_date] => 2017-03-03T12:25:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1488543936000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 263268 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La scorsa estate la Croazia ha registrato un aumento del numero di visitatori provenienti dall’Italia: l’ente nazionale croato per il turismo ha rivelato che gli arrivi dall’Italia sono stati più di un milione, mentre sono stati quasi cinque milioni i pernottamenti (+3% rispetto all’anno scorso). Per accogliere l’aumento della domanda di vacanze in Croazia, diverse compagnie aeree stanno aumentando il numero di voli per la destinazione, nonché la creazione di nuove rotte per rendere il Paese più accessibile ai turisti. Per far fronte all’aumento del turismo, a partire dal 2017 l’aeroporto di Spalato sarà sottoposto a un ampliamento dei terminal, che lo renderà in grado di accogliere fino a 3,5 milioni di passeggeri. A marzo 2017 è invece prevista l’apertura del nuovo aeroporto di Zagabria ed è stato recentemente annunciato che vi sarà annesso anche un nuovo hotel 4 stelle, che sarà collegato con l’aeroporto e offrirà 150 camere, negozi, centri fitness e un garage custodito. I principali tour operator inoltre implementeranno i viaggi organizzati in Croazia per il 2017, così come i molti operatori specializzati emergenti sul mercato. Anche il turismo nautico della Croazia ha registrato un aumento significativo di oltre 15 mila arrivi dall’Italia nei primi nove mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015 (+9,3%), - un anno record per il business dei charter. Recentemente nominata “La Terra di Crociera dell’Anno” da Sailing Today Magazine, la Croazia sta diventando sempre più popolare come destinazione di navigazione in quanto è famosa per la sua lunga costa e le numerose e pittoresche isole. [post_title] => La Croazia incrementa i numeri dall'Italia [post_date] => 2016-11-29T11:59:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1480420747000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 262541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trattamenti spa e attività personalizzate, per un sonno migliore e più riposante. È il cuore del nuovo pacchetto “Sleep with Six Senses”, che l’omonimo brand eco-luxury ha recentemente sviluppato, in collaborazione con il medico specializzato Michael Breus, per il proprio portafoglio di dieci resort e 29 spa distribuite tra Asia, Europa e America. Agli ospiti Six Senses in arrivo viene in particolare sottoposto un questionario online, sulla base del quale uno sleep ambassador dedicato prepara una serie di consigli e di prodotti, in grado di garantire ai viaggiatori un riposo perfetto. Oltre a utilizzare materassi, lenzuola e cuscini disegnati appositamente per favorire il relax, nonché amenities varie ad hoc, il programma prevede persino la registrazione del sonno delle persone tramite un’applicazione specifica. I dati così raccolti vengono poi esaminati durante un incontro di una trentina di minuti con uno specialista, incaricato di consigliare ai clienti il programma di trattamenti spa e attività personalizzate più adatte a migliorare il proprio rapporto con il riposo. [post_title] => Six Senses: un pacchetto per migliorare il sonno degli ospiti [post_date] => 2016-11-22T08:26:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1479803192000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 259938 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è conclusa in questi giorni a Phoenix la Global Convention di Best Western Hotels & Resorts. Il ceo David Kong ha guidato i festeggiamenti e analizzato i successi dell’azienda davanti ad oltre 2.500 imprenditori alberghieri provenienti da tutto il mondo. Folta anche la delegazione italiana guidata da Giovanna Manzi, ceo Best Western Italia, che ha preso parte al Leadership Panel che ha visto riuniti sei ceo da altrettanti Paesi in cui il brand è presente. Negli ultimi cinque anni Best Western è passato da uno a sette brand (tra cui i boutique hotel Vib e BW Premier Collection), introdotto programmi innovativi di sales e marketing, lanciato un nuovo sito, ridisegnato il programma fedeltà Best Western Rewards, mentre a livello locale numerosi hotel in tutto il mondo si sono sottoposti a significativi restyling. Recentemente è stato inaugurato il primo hotel Vīb a Chicago, seguito da Springfield, Illinois e Staten Island, New York. Altri due Vib apriranno a Miami, Florida nel 2017. Attualmente sono otto gli hotel Vib programmati in Nord America e dieci ulteriori progetti in location internazionali. Il primo Vīb aprirà in Turchia entro la fine del 2016. [post_title] => Best Western in convention a Phoenix, crescono i nuovi brand [post_date] => 2016-10-25T09:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1477386020000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti