18 June 2018

Imputato alzatevi!

[ 0 ]

Che il fuel surcharge fosse “vergognoso” lo dicevamo da molto tempo. Ma che la superassociazione di adv europee le mettesse nero su bianco, non ce lo aspettavamo. La parola ora ai vettori.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276302 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Traveltool cresce nel fatturato ed attrae i giovani in agenzia di viaggio. «Nel 2016 abbiamo avuto una crescita del 69% sul 2015 - spiega il direttore commerciale Maika Gonzalez -, mentre nei primi tre mesi del 2017 abbiamo registrato un più 46% sullo stesso periodo del 2016». Una crescita il cui merito è da imputare anche ai costi competitivi dei prodotti per tutti i target, che nel caso di destinazioni come Grecia e Spagna sono anche del 20% in meno «Ma anche grazie alla filosofia di Traveltool che presenta un interfaccia web snella, dove i clienti finali posso prenotare direttamente il pacchetto o singolo prodotto, acquistandolo on line recandosi poi comodamente in seguito in agenzia. Proprio questa caratteristica ha permesso di portare in agenzia di viaggio ragazzi tra i 18 ed i 22 anni, per weekend in capitali europee nel periodo invernale». Attualmente sono 567 le agenzie di viaggio contrattualizzate, che possono contare su una assistenza costante grazie ai 10 key account manager sul territorio. Inoltre roadshow con i fornitori, fam trip e la partecipazione ai Travel Open Day completano i momenti di formazione e comunicazione. [post_title] => Gonzalez, Traveltool: «Portiamo in agenzia i Millennials» [post_date] => 2017-04-21T15:44:18+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492789458000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276064 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal 29 aprile al 30 luglio Arona ospiterà "Passing Through, Moving Forward", un evento internazionale che rende omaggio all'Arco di Palmira grazie ad una riproduzione in 3D del celebre monumento, già esposta a Londra, New York, Dubai e Firenze, in occasione del G7 culturale. L’Arco di Palmira trionferà in piazza San Graziano ad Arona quale simbolo globale del trionfo della cooperazione in materia di conflitti, e dell’ingegno dell'uomo sulla distruzione insensata. Il 29 aprile la cerimonia d’inaugurazione prevede un’introduzione da parte della nuova Filarmonica aronese, seguita da una performance della cantautrice Matilde Mirotti, al termine il tenore Giorgio Casciarri e il soprano Sara Cervasio, diretti dal maestro Paolo Beretta, condurranno con le loro voci all'unveil dell’Arco, che avverrà verso le 20.30; alle ore 21 un emozionante spettacolo di luci e musica ideato dallo scenografo Sebastiano Romano, che sarà poi ripetuto ogni sera fino al 30 luglio. La struttura originale, situata nel sito archeologico di Palmira e distrutta nell'ottobre 2015 da un gruppo jihadista, è stata ricostruita in scala utilizzando la stampa in 3D dall'Institute for Digital Archaeology di Oxford e realizzata da Torart, un’azienda di Carrara. «La struttura ha un forte valore simbolico – commenta Alberto Gusmeroli, sindaco di Arona - ed è un importante esempio di come la tecnologia possa mettersi a servizio della cultura per ricostruire pezzi di storia che non ci sono più. Il suo arrivo ad Arona sarà celebrato da un evento inaugurale di grande impatto emotivo e la permanenza animata da numerose iniziative, tra cui la possibilità di accedere gratuitamente a una mostra di approfondimento allestita nell’adiacente Civico Museo Archeologico, intitolato a Khaled al-Asaad, l’archeologo siriano custode del sito di Palmira, motivo per cui l'Institute for Digital Archaeology di Oxford ha scelto proprio Arona per la tappa italiana». [post_title] => L'Arco di Palmira trionfa ad Arona con uno spettacolo di suoni e luci [post_date] => 2017-04-19T15:21:03+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492615263000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276034 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sabato 22 aprile Best Western celebra la Giornata mondiale della terra: il gruppo compenserà le emissioni di Co2 derivanti dai soggiorni effettuati il 22 aprile dagli ospiti in tutti gli alberghi italiani, in linea con il progetto di sostenibilità ambientale Stay for the Planet. Grazie all’adesione a “Impatto Zero”, progetto di LifeGate, Best Western contribuisce così alla tutela e creazione di oltre 30 mila mq di aree boschive nel Parco del Ticino e di oltre 50 mila mq di foreste in Madagascar. In quest’ultimo caso il progetto consente inoltre di ristrutturare i villaggi, costruire un sistema idrico per portare acqua al villaggio, realizzare pozzi per sostenere le coltivazioni e il mantenimento dei vivai. La Giornata della terra coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in 192 Paesi del mondo: un fenomeno globale a favore di fonti rinnovabili, consumo sostenibile e di un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali. L’iniziativa voluta da Best Western Italia sarà ampiamente promossa all’interno dei 160 hotel Best Western, sul sito Best Western e sui canali social del gruppo e dei singoli alberghi. [post_title] => Best Western Italia partecipa alla Giornata mondiale della Terra [post_date] => 2017-04-19T14:03:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492610639000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275688 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è svolta oggi l’inaugurazione del DeltaPo Family Destination con un suggestivo spettacolo, legato al Grande Fiume, alla sua storia e ai suoi miti: "Miti e leggende intorno al fiume Po". E' questo il titolo dello rappresentazione che ha sancito finalmente l'apertura dell'hub di Occhiobello, ma che finalmente -  grazie alla visione di Bruno Contini, amministratore unico della società che gestisce il progetto, e da uno staff di innovatori -  prende forma e si apre al pubblico di visitatori. Una struttura con una vocazione completamente innovativa: il primo hub di retailtainment di nuova generazione in Italia, in grado di proporre un’esperienza di viaggio dove convivono turismo, cultura, arte, spettacolo, sport, enogastronomia, wellness, realtà virtuale, ospitalità in hotel, dove lo shopping, quindi, si pone come capitolo finale di un viaggio alla scoperta delle tante ricchezze, ancora sconosciute al turismo internazionale e ancora non pienamente scoperte dai viaggiatori italiani, nel Delta del Po. «Sono particolarmente emozionato - ha dichiarato Bruno Contini - quando ho cominciato questa avventura, mi sono interrogato su cosa poter fare per creare qualcosa di veramente innovativo e durevole che avesse un impatto importante e valorizzante il territorio. Realizzare un semplice outlet sarebbe stato forse più facile, cercando di imitare standard già visti, ma meno durevole e con meno benefici per il territorio. DeltaPo Family Destination poggia la sua essenza e visione nel turismo come architrave di un progetto multistrato in cui lo shopping -  assieme alla natura, la cultura, l'enogastronomia, gli eventi, lo sport - costituisce una leva. L’idea alla base del rilancio è stata quella di creare un brand territoriale e di pubblicizzarlo all’estero a spese proprie per attrarre turisti a beneficio di tutti gli attori del territorio. Lo shopping, dunque, non sarà l’unico motivo di visita al centro, ma un tassello integrato in un’offerta culturale e turistica già articolata sul territorio che tramite il nostro progetto, ci auguriamo, non potrà che beneficiare di maggiore attenzione e promozione. A regime, nel 2018, questo nuovo quartiere culturale, mi piace pensarlo e continuare a svilupparlo così, dovrebbe occupare circa 300 dipendenti diretti; nel progetto ci sono perfino un attracco sul Po per i tour fluviali e l’organizzazione di una tappa del Giro d’Italia femminile». [post_title] => Inaugurato il DeltaPo Family Destination [post_date] => 2017-04-13T11:54:59+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492084499000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275640 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tour 2000 lancia il nuovo sito, www.tour2000.it, pensato per facilitare il lavoro degli agenti di viaggio, consentendo loro di affinare la ricerca durante la costruzione di un itinerario con l’introduzione di nuovi parametri, come le Esperienze, ovvero la suddivisione dei tour in base a tematiche e interessi, tra cui archeologia, family tour, musica in viaggio, sentieri del gusto o tour studiati per chi vuole partire da solo. Il sito è ideato per racchiudere tutta la programmazione dell’operatore, comprese le destinazioni centroamericane e va quindi a sostituire il sito www.gocentroamerica.it. Novità importanti riguardano anche la veste grafica, che si rinnova presentandosi come elemento di totale rottura rispetto al passato: la tradizionale cartina, che ha da sempre caratterizzato i siti dell’operatore, viene ora sostituita da foto a colori, selezionate tra numerose fotografie professionali, che coinvolgeranno l’utente in un viaggio emozionale. Non solo la home page accoglie il visitatore con una fotogallery ad alto impatto visivo, ma anche ogni tour pubblicato prevede un’immagine che lo rappresenti. «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto - afferma Marino Pagni, titolare di Tour 2000 -; il restyling, che riguarda non solo l’aspetto grafico ma anche la struttura del sito con l’introduzione di nuove categorie e contenuti, piace molto alle agenzie. Abbiamo voluto incoraggiare la navigazione, stimolando la curiosità dell’agente tramite le bellissime immagini selezionate e puntando sulla maggiore funzionalità e performance del sito». [post_title] => Tour 2000 lancia il nuovo sito [post_date] => 2017-04-13T10:13:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492078406000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275474 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair paladina d'Europa. La low cost è stata promotrice di una tavola rotonda presso il Parlamento Europeo sull’allineamento dei programmi politici relativi al turismo e all'aviazione, in cui ha annunciato il suo sostegno all’iniziativa “Capitale europea del turismo”, dedicata alla promozione del turismo in tutto il continente. L'evento è stato supportato dai parlamentari europei Istvan Ujhelyi (S&D, Ungheria), Salvo Pogliese (Partito Popolare Europeo, Italia) e Claudia Ţapardel (S&D, Romania) e moderato da Kenny Jacobs, chief marketing officer di Ryanair, il quale ha evidenziato come il trasporto aereo low cost sia un fattore chiave della crescita del turismo regionale e dei posti di lavoro. Jacobs ha inoltre sottolineato quanto un marketing dinamico e innovativo nell’aviazione possa sostenere la diversificazione del turismo. «Oltre 130 milioni di persone voleranno con Ryanair in tutto il continente quest'anno - ha dichiarato Jacobs - e abbiamo assistito in prima persona alla crescita del turismo e alla creazione di posti di lavoro supportati dall'aviazione low cost, soprattutto per i giovani europei. Siamo lieti di avere l'opportunità di lavorare a stretto contatto con i membri del Parlamento europeo e con la Commissione Ue sul progetto Capitale europea del turismo e non vediamo l'ora di poter avere un ruolo chiave per il suo sviluppo nei prossimi anni». David O'Brien, cco di Ryanair, ha sottolineato l’impatto positivo generato dalle compagnie aeree low cost su turismo, occupazione e mobilità sociale nei viaggi tra le regioni europee, e come al contrario i regimi di monopolio degli aeroporti e le tasse governative sui passeggeri alterino il mercato a svantaggio delle regioni. Amar Breckenridge di Frontier Economics ha invece dimostrato l'enorme impatto potenziale della Brexit sul turismo in quanto i viaggi verso il Regno Unito rappresentano tra il 10% e il 40% del totale dei viaggi nell’Ue degli stati membri. È stata quindi evidenziata l'urgente necessità di fare chiarezza sull’accesso aereo a seguito della Brexit. All'iniziativa “Capitale europea del turismo”, che segue il successo del concetto di “Capitale europea della cultura”, è stato stanziato un budget di 2,5 milioni di euro per i prossimi tre anni, e per il quale città e regioni si potranno candidare presentando alla Commissione europea piani di sviluppo turistico innovativi e all’avanguardia. [post_title] => Ryanair sostiene l'iniziativa “Capitale europea del turismo” [post_date] => 2017-04-12T09:02:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491987775000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274924 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il ddl Concorrenza non interverrà sulla vicenda FlixBus, nonostante lo stesso governo italiano avesse individuato in quello strumento il primo provvedimento utile per risolvere la vicenda. Dopo le promesse ufficiali, una petizione che ha raccolto oltre 50 mila firme in pochissimi giorni, un parere dell'Antitrust secondo cui «l’ingresso nel mercato italiano di nuovi operatori nazionali e stranieri ha delineato un contesto competitivo molto vivace e sfidante», ancora il problema sembra senza soluzione. Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia: «Il tempo delle promesse è scaduto, non possiamo più permetterci di restare in attesa della correzione di una norma che viola i principi di libera concorrenza e lede la certezza del diritto, con un impatto drammatico sul futuro della nostra azienda, oltre che sull’economia e sull’occupazione. È l'ennesimo danno di immagine nei confronti del nostro Paese di cui saremo tutti chiamati a rispondere: se ne è capace, il Governo dimostri di saper intervenire subito”. » [post_title] => Salva FlixBus non inserito nel ddl Concorrenza. Incondi: «Tempo scaduto» [post_date] => 2017-04-05T15:07:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491404831000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274836 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_274837" align="alignright" width="300"] Hisham El Demrey con Emad Abdalla[/caption] Il 4 e 5 aprile la Coppa Uefa sarà esposta sotto le Piramidi del Cairo, per due giorni. «Questa è la miglior testimonianza possibile per far capire al mondo intero che il nostro Paese è oggi più che mai tornato sullo scacchiere turistico mondiale pronto ad accogliere nuovamente coloro che apprezzano la nostra storia, la nostra cultura, la nostra ospitalità». Con queste parole, il chairman dell’ufficio del turismo Egiziano, Hisham El Demrey ha sancito la fortissima volontà dell’Egitto di tornare ad essere la meta di riferimento di tanti mercati. «Non vogliamo più parlare di sicurezza; la miglior testimonianza è il ritorno di tanti turisti da Paesi che avevano sancito il “ban”, ora completamente, e da tutti, sollevato - prosegue El Demrey - L'Egitto ha ben compreso che il turismo non può essere scisso dall’attenzione all'aspetto sociale ed economico. Un fatto importante che va sottolineato è la composizione dell’High Supreme Council of Tourism, che vede 12 Ministri seduti allo stesso tavolo presieduto dal Presidente Abd al-Fattah al-Sisi, in persona,  che dimostra la sinergia in atto fra tutti i ministeri per convergere sul turismo che ha un forte impatto su ogni settore della vita del Paese». E i risultati si iniziano a vedere. «Stanno riprendendo flussi tutti i Paesi europei, e non solo,ritornano i turisti perché l’Egitto è nel loro cuore - conclude Emad Abdalla, direttore dell’Ente a Roma - dall'Italia sono in ripresa i voli per Sharm, Marsa Alam, Marsa Matrouh. Da ogni nazione (compresi gli USA che sono cresciuti in percentuale più dell’Italia), abbiamo ripreso traffico e per questo sale la nostra fiducia verso il futuro. Il successo del nostro roadshow, che ha visto sei tappe, affollate di agenti di viaggio interessatissimi a noi ed ai nostri partner, tre delle quali organizzate con il gruppo Travel, è un indicatore di gradimento per noi importantissimo».. [post_title] => Egitto: la Coppa Uefa in mostra a Giza nel tour mondiale [post_date] => 2017-04-04T12:09:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491307765000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274725 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delphina hotels & resorts, il brand sardo con strutture 4 e 5 stelle lungo la costa del Nord Sardegna, in Gallura, (12 hotel, 2 residence esclusivi, 6 spa e 23 ville) dal 2017 è la prima catena alberghiera italiana a utilizzare energia verde interamente proveniente da un set di fonti rinnovabili e da sistemi di trasformazione a basso impatto ambientale. Energia verde utilizzata sia nella sede centrale di Palau che in tutte le strutture del gruppo. A certificarlo, una garanzia di origine (GdO), documento introdotto a livello europeo dalla Direttiva 2001/77 CE. Una modalità di fornitura energetica che consente a Delphina di risparmiare 3.536 tonnellate di Co2 all’anno, l’equivalente di quanto assorbono circa 25000 alberi piantati. Un nuovo impegno che si aggiunge a una cultura del rispetto dell’ambiente iniziata già da diversi anni con il Protocollo We are green®, una raccolta di buone pratiche adottate nelle strutture a Cannigione, Palau, Santa Teresa Gallura, Isola Rossa e Badesi. Protagonsiti per la savaguardia dell'ambiente anche  gli ospiti: aderendo all’iniziativa “We are green”, ogni soggiorno acquistato corrisponde a una quota di Co2 risparmiati, oltre alla possibilità di vivere un’esperienza nella natura autentica del Nord Sardegna. Basta cercare il simbolo nelle migliori agenzie viaggio italiane che collaborano con Delphina per contribuire alla protezione ambientale. E per l’agenzia più virtuosa, in palio una vacanza al mare in uno degli hotel e resort del gruppo. [post_title] => Delphina punta sull'energia rinnovabile [post_date] => 2017-04-04T08:35:57+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491294957000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti