24 November 2017

Usa: un 2017 promettente. Mazzoni: «La domanda è forte»

[ 0 ]
Il Presidente dell'Associazione Visit Usa, Olga Mazzoni

Il Presidente dell’Associazione Visit Usa, Olga Mazzoni

Un importante stand in Bit animato non solo dai to e partner di Visit Usa Italy, ma da parecchi degli USA Ambassadors, i migliori agenti di viaggio specializzati sulla destinazione, hanno accolto il pubblico che ha affollato lo stand a “stelle e strisce” nella giornata dedicata al pubblico.
«Richieste di informazioni e chiacchierate sugli Usa a bizzeffe sono state il risultato del nostro villaggio americano (Visit Usa) diviso in aree esperienziali – spiega Olga Mazzoni, presidente Visit Usa Italy -. Metropoli, città e villaggi, outdoor e parchi, mare, spiagge ed isole, trasporti, ospitalità, sport».
Gli operatori e le destinazioni sono ottimisti per l’andamento delle prenotazioni, il cui unico ostacolo potrebbe essere il valore del cambio dollaro-euro.
«Esiste una forte domanda, che cerchiamo di veicolare in un flusso turistico continuo – prosegue Mazzoni – vogliamo mantenere il milione di passeggeri così faticosamente raggiunto nel 2015, notevole muro psicologico. Le destinazioni che vanno per la maggiore sono la California che incarna il sogno americano, gli stati del Pacifico, Seattle (emergenti) New York e Miami e la Florida. Ma stanno facendo parlare di sé gli astati del “sud” come Georgia e Alabama, senza scordare una curiosità notevole verso le Hawaii. Non smette di incuriosire i romantici, e non solo, la “Route 66” mentre nonostante il volo diretto da Roma Dallas,con American Airlines, la città texana, resta ancora sospesa».
Intanto chi si prepara a giungere “forte” sul mercato italiano è Washington D.C.
«”The capital city” sarà la sede del prossimo IPW, a giugno – aggiunge Massimo Loquenzi, rappresentante in Italia di U.S. Travel – e come ogni città che ospita l’evento ne riceverà una grande ricaduta nel triennio successivo, soprattutto ora che alcune compagnie “comode” per l’Italia la collegano come Brussels Airlines, via Bruxelles, e United, che dispone del diretto da Roma su Dulles o tutte le altre europee (e americane) che hanno comode coincidenze fra cui spicca il grande investimento di Tap Portugal sul nord America».




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti