20 May 2019

Rafael de Góes Brito: lo stato di Alagoas sempre più turistico

[ 0 ]

Rafael de Góes Brito

Lo stato di Alagoas si trova nel nord est brasiliano e, con una superficie di 27mila kmq e una popolazione di oco più di 3 milioni di abitanti non è certo un gigante. Ma è grande la vocazione turistica dell’area che vanta in Maceiò, la località più nota.
Rafael de Góes Brito, ministro del turismo e dello sviluppo economico dello stato traccia un profilo della regione, partendo dalla “fotografia” degli arrivi nazionali e internazionali, con particolare riferimento all’Italia negli ultimi anni.
«Maceió ha ricevuto il primo charter proveniente dall’Europa negli anni ’90, proprio dall’Italia – spiega Rafael de Góes Brito – Molti italiani sbarcarono nella regione di Alagoas dove disponevamo di resort esclusivi e, a seguito alla crisi economica del 2008, gli arrivi cessarono. Ciononostante gli italiani residenti nella nostra meravigliosa regione continuano ad essere numerosi. Oggi non ci sono voli diretti dall’Italia con destinazione Maceió (capoluogo della regione); le connessioni disponibili portano con volo diretto alle città di Recife e Salvador, che vengono utilizzati come porti di entrata».
La regione dispone di 34mila posti letto, dei quali 18mila a Maceió, con buone prospettive di crescita nei prossimi anni.
«Alagoas rappresenta una delle poche regioni in costante sviluppo per quanto riguarda l’installazione di nuovi hotel – prosegue de Góes Britonel 2018 sono stati inaugurati 2mila posti letto e si prevede che entro il 2019 saranno aggiunti 17 nuovi alberghi, distribuiti nelle varie mete turistiche della regione».Il nodo infrastrutturale è quello che sempre condiziona gli arrivi.
«A questo proposito negli ultimi anni abbiamo rinnovato le strade principali. AL 101 Sud e AL 220 sono state allargate con il raddoppio della carrggiata per facilitare l’accesso alle più rinomate mete turistiche della regione, rendendo più fluido il transito nei weekend e nei giorni festivi quando il traffico si intensifica – spiega de Góes Brito – Un ulteriore passo avanti è stato l’allargamento della strada tra Maceió e Recife (Pernanmbuco), che connette le due capitali e facilita l’ingresso dei visitatori alla regione. Sono stati anche costruiti degli due ospedali nell’area metropolitana e un altro è in via di costruzione nel Nord della regione».
Alagoas intende rivolgersi ad un turismo di famiglie, persone di terza età e coppie in viaggio di nozze. Ma quali sono le maggiori attrattive della regione?
«Le mete più gettonate sono Maceió e Maragogi, ma non possiamo dimenticarci delle spiagge paradisiache di São Miguel dos Milagres, Barra de Santo Antonio, Praia do Francês e molte altre – conclude il ministro – bagnate da acque che godono di una temperatura gradevole che le rendono irresistibili per tutto l’anno. Alagoas offre ai visitatori esperienze indimenticabili anche grazie alla ricca gastronomia che varia e trova le sue particolarità di luogo in luogo. È una piccola regione costellata di diverse mete caratteristiche, l’una vicino all’altra , quindi facilmente raggiungibili in auto. Tra le maggiori attrattive possiamo elencare il fiume São Francisco, con la sua foce e il suo canion, che incantano sempre più turisti da molte parti del Brasile, il Quilombo dos Palmares (la più grande fortezza di rifugio dalla schiavitù in America), situata nella città di Uniao dos Palmares, tappa necessaria per esplorare al meglio la cultura afro – brasiliana, e poi le attività ricreative.Siamo in grado di soddisfare tutti i palati, con i nostri ristoranti di cucina locale e internazionale e con bar e pub per chi vuole godersi la notte alagoana. Oltre alle infinite bellezze naturali, troviamo anche città storiche (come Marechal Deodoro, Penedo e Porto Calvo), musei e monumenti e per gli amanti dello shopping vi sono molte opportunità di esercizio dai centri commerciali sparsi per la regione ai mercatini ricchi di artigianato locale».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti