13 December 2019

Bruxelles e Vallonia: tornano a crescere gli italiani

[ 0 ]

bruxellesjpg«Nel primo semestre del 2014 i pernottamenti degli italiani sono cresciuti a Bruxelles del 16% ed in Vallonia del 8,4%, rispetto allo stesso periodo del 2013. Dopo tre anni di calo gli italiani sono tornati, anche grazie all’attività svolta sulla comunicazione verso i turisti ed il trade – indica Silvia Lenzi, direttore dell’ufficio belga del turismo Bruxelles – Vallonia -. L’Italia è il sesto mercato estero su Bruxelles ed il quinto in Vallonia, sui dati delle carte di credito, quindi potrebbero essere di più: in Vallonia esistono molte aree di immigrazione italiana dove troviamo un turismo visit friendly&family. Per il 2015 la città di Mons sarà capitale europea della cultura, inoltre il 18 giugno 2015 si festeggerà il bicentenario della battaglia di Waterloo. Molti dunque gli appuntamenti e gli eventi in calendario».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Choice Hotels International ha stipulato un accordo strategico con Amresorts, un brand correlato a Apple Leisure Group noto per il suo portfolio di resort di lusso all-inclusive in rinomate destinazioni di Spagna, Messico, Caraibi e America Centrale. L'accordo farà crescere il pluripremiato programma fedeltà di Choice Hotels, Choice Privileges, consentendo ai membri di guadagnare e riscattare punti nelle oltre 50 premiate proprietà di Amresorts entro la fine dell'anno. «La nostra iniziativa con Amresorts offrirà ai nostri 40 milioni di soci Choice Privileges l'opportunità di guadagnare e riscattare punti in un portfolio di resort di livello mondiale in destinazioni di grande attrazione - ha affermato Pat Pacious, President and chief executive officer, Choice Hotels - Offrendo questa nuova opzione di vacanza ideale, stiamo rafforzando ulteriormente il nostro programma di fidelizzazione e stiamo offrendo ai soci un altro motivo per soggiornare in tutto il nostro portfolio di hotel per viaggi di lavoro o di piacere. Inoltre, Choice è ben posizionata per portare business ad Amresorts attraverso il nostro premiato sistema di prenotazione globale e piattaforma di distribuzione, choiceEdge, che porta oltre 9 miliardi di dollari di fatturato nei 7.000 hotel del nostro sistema ogni anno». Si prevede che l’accordo aggiungerà più di 25.000 camere di fascia alta, tra cui quelle di 4 resort in Spagna, alla rete di Choice Hotels, compresi i ben noti brand di resort di Amresorts, raddoppiando il numero di camere di fascia alta che Choice offre a livello globale. Inoltre, posizionerà Choice Hotels come quella con la più grande offerta di resort di lusso all-inclusive tra le principali compagnie alberghiere basate negli Stati Uniti. [post_title] => Choice Hotels, un accordo con Amresorts per il programma fedeltà [post_date] => 2019-05-31T14:55:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559314507000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353765 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Europa ha presentato oggi, all’aeroporto di Alghero-Fertilia, alla presenza di alcune delle più importanti agenzie di viaggio presenti in Sardegna, la nuova tratta che collegherà Alghero a Madrid. Dal prossimo 27 giugno sarà attiva la nuova rotta operata, due volte la settimana, con Boeing 737-800 da 185 posti, dotati di wifi e streaming di bordo. «Siamo lieti di annunciare questa nuova iniziativa che permetterà a Air Europa di consolidare la sua presenza sul mercato italiano - commenta Renato Scaffidi, general manager Italia di Air Europa -. Un mercato in crescita di oltre il 10% rispetto al pari periodo dello scorso anno. L’Italia, continua così ad essere il secondo mercato per importanza, solo dopo la Spagna e riserva potenzialità ancora da cogliere» «Questa operazione non solo collegherà la Sardegna con la Spagna e l’America facendo crescere l’outgoing ma avrà un impatto molto importante sull’incoming, andando innanzitutto a potenziare l’offerta di Travelplan. ll tour operator del gruppo Globalia potrà infatti ampliare la sua offerta, rispondendo ad una crescente richiesta di soggiorni in quest’isola meravigliosa, abbinandoli a comodissimi collegamenti aerei, creando nuovi flussi turistici» Conclude Scaffidi. «Siamo lieti di dare il benvenuto ad Air Europa, vettore di riferimento per la Spagna e per i voli tra l’Europa e l’America, con una flotta tra le più moderne ed un servizio di bordo di qualità a prezzi contenuti. Un’iniziativa che permette all’aeroporto di Alghero di ampliare il proprio network che conta oltre 50 destinazioni per 17 Paesi, un’ottima occasione per promuovere il nord Sardegna ed un’opportunità per i sardi di volare a Madrid o in sud America»Commenta Fabio Gallo, cfo & business development director. [post_title] => Air Europa vola da Alghero verso Madrid [post_date] => 2019-05-30T14:52:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227921000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353739 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il marchio W di Marriott International debutta in italia con l'hotel W Rome. Il progetto vede protagonista Eclettico, il brand del gruppo Lombardini22 dedicato alla progettazione nel settore dell’hospitality e del residenziale di lusso. Eclettico si sta occupando della progettazione architettonica e restauro dell’edificio e della gestione della documentazione nel rispetto degli standard della catena alberghiera. Inoltre è responsabile della progettazione impiantistica, acustica e site supervision. L’interior design sarà firmato dallo studio newyorchese Meyer Davis. L’hotel, nei pressi di via Veneto, si svilupperà su due edifici di pregio architettonico risalenti al XIX secolo. I due edifici, di 6 piani fuori terra, saranno uniti attraverso un corpo centrale adibito a nuova reception. L’hotel ospiterà 159 camere e suites. Grande importanza verrà data agli spazi per la socialità: W Living Room, Lobby, due ristoranti e più di 120 metri quadri di spazio eventi, oltre a palestra, la spa e l'esclusivo roof top bar sulle terrazze all’ultimo piano. Work in progress e per l’estate 2019 sarà finalizzata la MockUp Room, la camera campione. Gli hotel a marchio W nel mondo sono più di 50 e diventeranno 75 entro il 2020. W continua a crescere in Europa dove gestisce attualmente proprietà ad Amsterdam, Barcellona, Londra, Parigi, Verbier, San Pietroburgo, in Algarve, e ancora Madrid, Ibiza, Praga e Budapest nei prossimi mesi. Oltre a Roma, il 2021 vedrà il debutto di W Hotels anche a Marbella ed Edimburgo. [post_title] => Debutta in Italia il marchio W di Marriott International [post_date] => 2019-05-30T14:42:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227335000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Un anno di transizione e preparazione». Così l'amministratore delegato Luca Boccato definisce il 2018 di Hnh Hotels & Resorts: il secondo esercizio della società dopo la riorganizzazione della capogruppo avvenuta con l’ingresso del fondo di private equity Siparex, che ha investito 8,5 milioni di euro acquisendo una quota di minoranza pari al 36,65%. Hnh ha chiuso in particolare l'anno scorso con un utile netto consolidato di quasi 620 mila euro, un ebitda (margine operativo lordo) di poco più di 4 milioni di euro e un'ebit (utili ante interessi e imposte) di 1,352 milioni. Nel 2018 il perimetro operativo del gruppo è inoltre rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2017. Sono invece previste almeno due nuove aperture nel corso del 2019, oltre alla recente acquisizione della gestione del Grand Hotel Des Arts di Verona. «Dopo l’ingresso del socio di capitale di due anni fa, nel 2018 abbiamo rafforzato la struttura organizzativa per la prossima crescita dimensionale prevista dal nostro piano di sviluppo - aggiunge Boccato -. In questo contesto, l’aumento dei costi conseguente, a fronte di una crescita minima dei ricavi, ha ridotto i margini, fatto questo che ha penalizzato il bilancio appena approvato. Siamo certi, tuttavia, che la crescita del perimetro di gruppo, già prevista con le prossime aperture di Trieste e Roma, ci consentirà di tornare a marginalità anche superiori a quelle che abbiamo espresso nel corso del 2017. Siamo solidi patrimonialmente. Abbiamo poco debito, peraltro in calo, e rimaniamo comunque efficienti. Dobbiamo solo crescere dimensionalmente, allargando il perimetro e cogliendo le opportunità di mercato». [post_title] => Hnh chiude un 2018 di transizione con un ebitda sopra i 4 milioni di euro [post_date] => 2019-05-27T14:44:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558968272000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353386 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sartorialità, proposta di itinerari esclusivi e una grande esperienza sull'Oriente. Sono questi i punti di forza di DGV Travel, il tour operator nato nel 2006 dalla visione di Michele Vignieri e che ha ormai consolidato la sua leadership nel segmento di viaggi su misura per viaggiatori amanti dell'indipendenza e dell'originalità. «DGV Travel nasce proprio dalla passione per l'Oriente - racconta Michele Vignieri, managing director - e dal desiderio di non vendere solo viaggi, ma sogni. Tre le nostre destinazioni di punta: Cina, da cui tutto è partito, Vietnam e India, ma negli anni abbiamo esteso la nostra offerta ad altre affascinanti Paesi come Thailandia, Nepal, Cambogia, Giappone, Corea del Sud, ma anche al Medio Oriente, con Emirati Arabi, Oman e Armenia». Non mancano le estensioni mare, con un focus sull'Oceano Indiano, in particolare Maldive e Seychelles. I Tour della Birmania [gallery columns="2" ids="353604,353610"]   La Birmania offre ai suoi visitatori atmosfere lontane ed esotiche, nella cornice di paesaggi unici. Per immergersi nella bellezza affascinante di questo Paese, DGV Travel ha studiato itinerari più particolari: i visitatori potranno vivere un'esperienza da cartolina sulle mongolfiere colorate sospese sulla suggestiva Valle dei Templi di Bagan, o tornare indietro nel tempo tra siti archeologici, monasteri e antiche pagode, o ancora trovare pace e relax in un contesto naturalistico unico, quello del lago di Inle. Sul sito, sono prenotabili tre viaggi di gruppo: ✔️ Birmania Magica 11 giorni e 9 notti ✔️ Perle di Birmania 9 giorni e 7 notti ✔️ Birmania magica e Angkor 14 giorni e 12 notti L'offerta sulla destinazione di DGV Travel è a questo link: www.dgvtravel.com/viaggi/Birmania   Le bellezze dell'Oceano Indiano I viaggiatori che sono alla ricerca di una vacanza sulle spiagge più belle dell'Oceano Indiano, potranno scegliere tra tre destinazioni di incredibile bellezza: Maldive, Sri Lanka e Seychelles. «Abbiamo aperto queste tratte per rispondere ad una richiesta crescente da parte del mercato - racconta Michele Vignieri -, perché si tratta di destinazioni perfette per chi desidera fuggire dalla frenesia delle nostre città per immergersi nella pace e nel relax, ma anche per chi vuole entrare a contatto con culture diverse e lontane». Sulle Maldive, DGV Travel propone viaggi privati in resort a 4 e 5 stelle, con trattamenti che vanno dalla colazione all'all inclusive, passando per la mezza pensione. Tutta l'offerta di DGV Travel sulle Maldive è a questo link: www.dgvtravel.com/viaggi/Maldive Sartorialità, esperienze, innovazione Ma è la vocazione alla sartorialità l'asso nella manica di DGV Travel. «Il nostro valore aggiunto è senza dubbio l'approccio consulenziale - spiega Vignieri -. Siamo specializzati nell'offrire risposte personalizzate a ogni tipo di esigenza per ogni tipologia di viaggiatore, compresa la ricerca di esperienze esclusive, autentiche, uniche, come le cooking class in Vietnam e Giappone, o le sessioni di yoga nei luoghi di meditazione e spiritualità dell'India».  Tutte le proposte sono raggiungibili attraverso il sito www.dgvtravel.com, su cui l'azienda ha focalizzato molti investimenti. «Tutti i nostri prodotti sono visibili sul web - sottolinea il managing director - e, in un solo clic, si arriva ad una richiesta di preventivo. Puntiamo molto sul web marketing, sui social e sulla digitalizzazione, per un'offerta che sia sempre di appeal e al passo con i tempi».    [post_title] => L'Oriente tailor made di DGV Travel [post_date] => 2019-05-27T14:37:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967846000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353177 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è svolto ieri uno dei due eventi annuali tradizionalmente organizzati dal Best Western Hotel Galles di Milano. Una serata alternativa, rivolta principalmente alla clientela business, con attività di socializzazione e conoscenza accompagnate da un aperitivo al ristorante con vista al sesto piano dell'hotel. Quella di Milano, targata Best Western dal 1999, è una struttura di punta, parte delle 20 presenti nel capoluogo lombardo e delle 120 in Italia. Numero destinato a crescere, ancora. Infatti, dopo un periodo dedicato al perfezionamento degli standard dei livelli di comfort e qualità, torna un anno positivo per le nuove aperture. «In cantiere nuovi progetti in Triveneto e Centro Italia - dichiara Sara Digiesi, chief marketing officer del gruppo alberghiero -. Lo sviluppo del brand ha voluto coinvolgere più imprenditori per estendere l'offerta e includere target diversi: dalla linea economy Sure Hotel, al segmento luxury con la catena Worldhotels, acquisita a febbraio». Riguardo quest'ultima, le intenzioni sono quelle di «potenziare il brand nelle sue caratteristiche. Circa le modalità ci chiariremo presto le idee e forniremo dettagli più precisi riguardo l'operazione entro fine estate». [post_title] => Best Western sul futuro di Worldhotels: novità entro fine estate [post_date] => 2019-05-24T14:26:24+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558707984000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un aumento di volumi e fatturato del 20% a parità di perimetro. Sono gli effetti più che lusinghieri, generati nei primi tre mesi dal nuovo format Bravo Club lanciato a fine febbraio. Lo ha rivelato, a margine dell'evento sardo del Voi Tanka Resort  per la presentazione dell'ultimo singolo di Giusy Ferreri, il brand manager del marchio di villaggi all inclusive Alpitour, Gianmaria Patti: «I feedback sono stati da subito molto positivi e ci confortano sulla bontà della nostra strategia incentrata sulla creazione di un prodotto a maggior valore aggiunto, per liberarci dalla necessità di competere esclusivamente sulla leva del prezzo». Il brand, che ha chiuso l'anno fiscale novembre 2017 - ottobre 2018 con un fatturato complessivo di 155 milioni di euro, generato da 19 villaggi complessivi, presenta anche per questa stagione un portfolio stabile: 11 resort per la stagione invernale, che salgono a 19 per l'estate. «Il nostro obiettivo è quello di crescere con moderazione, perché vogliamo preservare la promessa del marchio - prosegue Patti -. Per l'anno prossimo posso però già annunciare l'apertura di un nuovo Bravo Club a Kao Lack in Thailandia. Abbiamo infatti chiuso con la proprietà un contratto di commercializzazione, che come sempre punta a instaurare un rapporto di lungo periodo. Anche perché, per portare a regime i nostri villaggi, per far sì in altre parole che tutto il personale sia in grado di interpretare al meglio il nostro format, occorrono almeno due anni. Quando non gestiamo direttamente le strutture, sigliamo perciò sempre accordi di almeno 3 + 3 anni se non 5 + 5». [post_title] => Bravo Club: il nuovo format funziona. In arrivo un resort in Thailandia [post_date] => 2019-05-24T12:28:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => bravo-club [1] => gianmaria-patti [2] => in-evidenza [3] => kaolack [4] => thailandia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Bravo Club [1] => Gianmaria Patti [2] => In evidenza [3] => Kaolack [4] => thailandia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558700913000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353170 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «E' stato un investimento importante, che ci ha visto impegnati nella parte organizzativa degli spostamenti della troupe e nella fase di individuazione delle location», spiega la responsabile marketing consumer di Alpitour World, Elena Usilla. Il riferimento è  alla partnership tra il to piemontese e Sony Music, per la realizzazione del videoclip del pezzo Jambo, che debutta proprio oggi in radio e in digitale ed è stato ufficialmente presentato ieri notte presso il Voi Tanka Resort. Giusy Ferreri e i produttori Takagi & Ketra sono infatti partiti alla volta di Zanzibar a bordo di un 787 Dreamliner di Neos per realizzare alcune delle riprese lungo la spiaggia del Bravo Club Kiwengwa. «L'anno scorso il video di Amore e Capoeira, curato dagli stessi produttori, ha raggiunto un numero record di 150 milioni di visualizzazioni su Youtube - sottolinea Elena Usilla -. Noi confidiamo che Jambo possa andare anche oltre».  L'idea alla base dell'operazione è quella di lavorare sull'emozione, sul ricordo che gli ospiti si portano a casa da una vacanza. E la partnership con Sony, che ha avuto come corollario anche la realizzazione di una versione speciale di Amore e Capoeira tutta dedicata ai villaggi Bravo Club, si muove proprio in questa direzione: «La musica aiuta a generare il ricordo e soprattutto a farlo riaffiorare persino a distanza di mesi, se non di anni. Ci è sembrato perciò subito l'elemento più immediato su cui lavorare», conclude Elena Usilla. L'iniziativa si inserisce nel contesto del lancio del nuovo form Bravo Club annunciato a fine febbraio, che prevede una lunga serie di iniziative in ambito di intrattenimento e animazione, soprattutto per la fascia più giovane degli ospiti, nonché in fatto di proposte enogastronomiche ed esperienze delle destinazioni in cui i villaggi del brand sono inseriti.     [post_title] => Alpitour e Sony insieme per il lancio del nuovo singolo Jambo con Giusy Ferreri [post_date] => 2019-05-24T12:03:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558699413000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti