17 July 2019

A Disneyland Paris è già Natale

[ 0 ]

Disneyland, Natale, E’ già nel clima natalizio Disneyland Paris. Il parco tematico parigino infatti ha infatti lanciato un offerta dedicata al mercato italiano per promuovere la festività più attesa dell’anno. Fino al 28 novembre sarà possibile sfruttare la promo che prevede uno sconto fino al 20% sul pacchetto soggiorno 2 notti/3giorni + mezza pensione gratuita da sfruttare per gli arrivi dal 7 novembre al 1° aprile 2019.(La mezza pensione non è inclusa per arrivi dal 21 dicembre 2018 al 5 gennaio 2019).

Le stagioni incluse negli arrivi promozionali sono davvero magiche e adatte ad un pubblico di tutte le età: Il Magico Natale Disney (dal 10 Novembre 2018 al 6 Gennaio 2019): quest’anno tra lucine colorate, palline di Natale e omini di neve che adornano ogni angolo di Main Street, U.S.A., il protagonista indiscusso è Topolino che celebra 90 anni di magia con nuovi spettacoli e parate; Leggende della Forza – Una Celebrazione Star Wars- (dal 12 Gennaio al 17 Marzo 2019): allaccia le cinture tra nuovi spettacoli ed incontri emozionanti con gli eroi della saga intergalattica Star Wars pronti a lasciare tutti con il fiato sospeso ; Festival Pirati e Principesse (dal 19 Gennaio al 17 Marzo 2019): dopo il grande successo dello scorso anno tornano Pirati e Principesse Disney pronti a ballare, scherzare e divertisi con grandi e piccini in giro per il Parco Disneyland.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353854 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Msc Opera dice addio ai Caraibi e torna a navigare nel Mare Nostrum con due suggestivi itinerari. Si tratta di un riposizionamento, questo di Msc Opera, fortemente auspicato dagli agenti di viaggio, per via del successo riscosso negli scorsi anni dalle tratte invernali nel Mediterraneo. L’offerta invernale si amplierà infatti con due long cruises di 12 giorni a bordo di Msc Opera con partenza da Genova e Civitavecchia. Il primo itinerario toccherà Spagna con Malaga e le Isole Canarie, Portogallo con Funchal, il Marocco con Tangeri, la città bianca, e infine la Tunisia con Cartagine, prima di fare di nuovo rotta verso l’Italia. Il secondo ha come protagonisti i paesi del Mediterraneo Orientale, scoprendo i mari più belli e le culture di alcune delle più antiche civiltà di tutto il mondo. Si parte anche in questo caso da Genova e Civitavecchia e si naviga verso Katakolon nel Peloponneso, punto di partenza ideale dove poter esplorare la città di Olimpia. A seguire si raggiunge Creta, la più grande isola greca, per poi approdare ad Haifa ed immergersi nella cultura israeliana. L’itinerario continua poi con tappe a Cipro e a Rodi, prima di tornare in Italia, nella città di Messina e arrivare infine nei porti di Civitavecchia e Genova. In occasione di Natale e Capodanno verrà inoltre aggiunta una crociera di 13 giorni che si fermerà eccezionalmente due intere giornate in Israele, con visita in Terra Santa. Msc Crociere, infatti, propone un tour nei luoghi descritti nella Bibbia. Si potranno visitare città dal fascino unico come Betlemme, Nazareth, Cana o la stessa Gerusalemme.   [post_title] => Msc Opera torna nel Mediterraneo dal prossimo inverno [post_date] => 2019-05-31T10:41:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559299267000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353774 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Visit Brescia invita turisti ed appassionati di musica ad accomodarsi in platea e prendere appunti su una stagione infinita che mescola manifestazioni, concerti, festival. Sabato 8 giugno 2019, dall’alba alla mezzanotte, oltre 50 luoghi della città di Brescia offriranno un palcoscenico d’eccezione all’ottava edizione della Festa dell’Opera, progetto della Fondazione del Teatro Grande di Brescia, per la prima volta programmato alle porte dell’estate.  Tra giugno e luglio, il Teatro Grande di Brescia apre nuovamente il proprio sipario alla città, proponendo un vero e proprio Grand Tour alla scoperta delle storie, delle curiosità, degli aneddoti e dei nascondigli di un luogo sacro per lo spettacolo. A proposito di teatri, vale la pena allontanarsi per qualche ora da Brescia alla volta di Montichiari per accomodarsi in uno dei 300 posti del delizioso Teatro Bonoris. Costruito nel 1773, ma inaugurato solo nell’ottobre del 1890 con una rappresentazione de “Il Trovatore”, la struttura è un gioiello dell’acustica. Ospita importanti spettacoli di opera, di operetta, di prosa e anche i famosi concerti speciali di Santa Lucia e di Natale. La conca marmorea sotto le stelle nella splendida cornice del Vittoriale degli Italiani, che Gabriele d’Annunzio aveva immaginato per ospitare i propri spettacoli, vide la luce solo dopo la morte del Vate e venne inaugurata con un concerto dell’Orchestra del Teatro alla Scala diretta da Carlo Maria Giulini l’8 agosto del 1953. Brescia, Museo degli Strumenti musicali e della Liuteria bresciana: è solo grazie all’ostinata passione di Virginio Cattaneo per la musica e per ciò che la produce che questo piccolo museo privato ha lentamente preso corpo nel cuore di Brescia.   [post_title] => Visit Brescia, eventi musicali per scoprire il territorio [post_date] => 2019-05-31T09:05:49+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559293549000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353745 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Federico Lucarelli legale di Fiavet nazionale e in rappresentanza dell'associazione degli adv ha partecipato all'audizione  dalla Commissione X della Camera dei deputati, in relazione al Disegno di legge C. 1698 “Delega al governo in materia di turismo”, promosso dal ministro del turismo Gian Marco Centinaio, per intervenire con Decreti delegati su aspetti nodali della normativa di settore, che rappresentando una risorsa chiave del Paese necessita della giusta attenzione e di un efficace rilancio. Fiavet ha evidenziato ai deputati l’importanza di due tematiche che rientrano nell’oggetto della delega. Da una parte la necessità, non più rinviabile, di adottare una riforma organica e completa delle professioni turistiche, tra cui la figura del direttore tecnico di agenzia di viaggi, essendo rimasta inattuata la previsione dell’art. 20 del Codice del Turismo del 2011, che ha lasciato un quadro normativo regionale datato e frammentario, oltre a causare una stasi degli esami di abilitazione dei nuovi direttori tecnici. Si rende quindi fondamentale l'emanazione della normativa che fissi i requisiti professionali uniformi a livello nazionale, previa intesa con la Conferenza permanente Stato–Regioni e provincie autonome Dall'altra l'improrogabile esigenza di mettere in atto concrete misure di contrasto a forme di abusivismo nel comparto dei viaggi organizzati, attraverso l’accoglimento dell’emendamento che chiede di potenziare e implementare il portale Infotrav, data base pubblico già esistente e che raccoglie tutte le agenzie di viaggio regolarmente abilitate ad esercitare sul territorio nazionale. Attraverso l’implementazione dello stesso, anche con i dati delle associazioni no-profit, che le regioni hanno abilitato a organizzare viaggi per i propri Associati, si verrebbe a creare un unico riferimento per tutti i soggetti legalmente operanti, ai quali si potrebbe assegnare un Codice identificativo nazionale (Cin), così come prevede lo stesso disegno di legge per il comparto ricettivo. Ciò consentirebbe alle Istituzioni e alle forze di polizia che vigilano e reprimono gli abusi nel settore di verificare, tramite i dati obbligatoriamente pubblicati dai soggetti operanti sui siti e-commerce, o dall’esame dei voucher e della documentazione consegnata alla clientela, l’esistenza del Cin. Uno strumento di grande deterrenza e di facile e immediato utilizzo per verifiche e controlli nei confronti di soggetti abusivi, che sottraggono ogni anno 800 milioni di fatturato al mercato agenziale. [post_title] => Fiavet in audizione al Parlamento. Obiettivi: riformare i direttori tecnici e l'abusivismo [post_date] => 2019-05-30T12:23:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559218988000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Centinaia di fotografie inedite, ricordi personali, vestiti, accessori, memorabilia e souvenir di viaggi in tutto il mondo: a 90 anni esatti dalla nascita nel quartiere di Ixelles, in un’elegante palazzina a 3 piani di rue Keyenveld, Audrey Hepburn è protagonista di “Intimate Audrey”, mostra evento in programma alla Galleria Vanderborght di Bruxelles fino al 25 agosto. L’esposizione, creata e organizzata dal figlio Sean Hepburn Ferrer, lascia l’icona sullo schermo e si concentra sulla donna, entrando in punta di piedi nella sua vita privata: i fan, ad esempio, possono ammirare gli schizzi degli abiti che amava disegnare e leggere le lettere scritte nel corso dei viaggi nei paesi più disagiati del mondo in qualità di ambasciatrice speciale dell’Unicef. “Intimate Audrey” occupa uno spazio di circa 800 metri quadrati, è allestita su due piani ed è divisa in diverse sezioni che ripercorrono i momenti più importanti della vita dell’attrice. Un viaggio lungo una vita tra glamour, stile ed eleganza con un fil-rouge rappresentato dall’impegno a favore dei più deboli: non a caso, “Intimate Audrey” è stata organizzata a scopo benefico. Tutto il ricavato della mostra sarà devoluto agli ospedali Brugmann e Bordet di Bruxelles e a Eurordis - Rare Disease Europe – una federazione di associazioni non governativa che rappresenta circa 30 milioni di persone affette da malattie rare in Europa. «Audrey Hepburn è stata una delle prime “influencer” della storia e ancora oggi è molto amata da un pubblico trasversale, che spazia dagli adulti ai più giovani - spiega Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Questa mostra ha il pregio di svelare la persona che si celava dietro alla star, permettendo di comprendere meglio il suo carattere, il suo innegabile carisma e la sua profonda umanità. Ai fan più sfegatati consiglio inoltre un selfie davanti alla casa natale in rue Keyenveld, riconoscibile da una targa dorata».           [post_title] => Bruxelles, fino al 25 agosto la mostra evento "Intimate Audrey" [post_date] => 2019-05-27T15:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971950000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «C'è un importante ritorno in agenzia: vi racconto come sfruttare questa occasione con il nostro aiuto». In chiusura del roadshow di 15 tappe dal nord al sud dell'Italia e a pochi giorni dall'apertura di tutti i villaggi italiani Nicolaus e Valtur, Roberto Pagliara alza il velo sui prossimi step del piano di sviluppo del gruppo e racconta, per la prima volta, gli investimenti nel digital e nell'innovazione che l'azienda ha messo in campo per portare il cliente in agenzia. «Siamo vicini al traguardo dei primi 10 milioni di fatturato per il brand Valtur» dichiara con un sorriso. Un obiettivo che sarà raggiunto prima del previsto, grazie alle ottime performance di alcuni prodotti, come Bodrum e Djerba. Buone notizie anche per il Mar Rosso, su cui Nicolaus è riuscito a mantenere un buon margine. «Abbiamo avuto tante richieste - spiega Pagliara - e portato circa 2 mila clienti durante i ponti di primavera». L'obiettivo di fatturato per il 2019, a livello di gruppo, è di 100 milioni di euro, «e siamo già al 40 per cento», precisa il presidente. Attenzione, però, a fare il passo più lungo della gamba. «Non ci interessano i volumi senza margine - avverte Pagliara -. Vogliamo una crescita graduale e sostenibile, anche per Valtur». Solidità, lungimiranza, vicinanza al mercato. Sembrano essere queste le direttrici su cui i Pagliara vogliono muoversi. «Stiamo valutando l'inserimento di nuove strutture per il prossimo inverno - anticipa il presidente -, ma senza forzature». L'obiettivo è di arrivare a 10 villaggi Valtur nel 2020.«Da Natale probabilmente avremo un villaggio neve e poi lavoreremo sul lungo raggio, con una struttura nell'Oceano Indiano e una alle Maldive». Le vendite del gruppo sono veicolate al 95 per cento dalla distribuzione ed è anche per questo motivo che i fratelli Pagliara vogliono rafforzare ulteriormente l’alleanza con le adv. «Quello che proponiamo alla distribuzione è una ‘partnership for leadership’ - sottolinea il presidente -. Aiuteremo le agenzie a dotarsi degli strumenti più innovativi per intercettare il cliente finale, grazie anche ad un modulo di intelligenza artificiale e ad un algoritmo che permetterà di prevedere la domanda di mercato e di fare revenue». L'investimento messo in campo è di 1 milione di euro in tre anni. «È così  che si può vincere la concorrenza di grandi portali come Booking ed Expedia - conclude Pagliara -. Questo è il momento giusto, perché c’è un ritorno importante in agenzia». [post_title] => Roberto Pagliara: «I primi 10 mln di Valtur e il ritorno in agenzia» [post_date] => 2019-05-27T13:51:19+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => agenzia-di-viaggi [1] => animazione [2] => in-evidenza [3] => mar-rosso [4] => mare-italia [5] => montagna [6] => nicolaus [7] => offerte-estate [8] => pacchetti [9] => roberto-pagliara [10] => valtur [11] => villaggi [12] => villaggi-valtur ) [post_tag_name] => Array ( [0] => agenzia di viaggi [1] => animazione [2] => In evidenza [3] => Mar Rosso [4] => Mare Italia [5] => montagna [6] => Nicolaus [7] => offerte estate [8] => pacchetti [9] => Roberto Pagliara [10] => Valtur [11] => villaggi [12] => villaggi Valtur ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558965079000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353375 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non è solo Arkus a rispondere alla nota difensiva Viaggi di Atlantide. Anche l'Aiav, che aveva sollevato la questione della presunta mancanza di copertura assicurativa con cui l'operatore bresciano avrebbe operato per cinque mesi, ha deciso di pubblicare una replica immediata: «È bene chiarire - sostiene il presidente dell'Associazione italiana degli agenti di viaggio, Fulvio Avataneo - che le questioni legate ad Arkus non possono ricadere sul mercato trasformandosi in una cortina fumogena che impedisca di vedere la realtà». Inoltre, per Aiav, se le difficoltà con Arkus erano così marcate fin dall'inizio del rapporto, Viaggi di Atlantide avrebbe dovuto sospendere le vendite fino a fare chiarezza, senza arrivare all'attuale punto di "paralisi operativa" come da loro definita. Tutto ciò comunque non tocca il punto peggiore della situazione, rimarca Avataneo, che «è rappresentato dalla probabile assenza di tutele a favore del consumatore per cinque lunghi mesi, come invece previsto dalla legge. Infine, il punto che le strade di Aiav e Viaggi di Atlantide si siano già incrociate in passato, è cosa che ci dispiace perché avremmo sperato di non dover cogliere nuovamente in fallo lo stesso operatore». Nella sua lunga nota difensiva, è bene ricordare, I Viaggi di Atlantide aveva sottolineato che «in merito a quanto dichiarato dal sig. Avataneo, a capo dell’associazione degli agenti di viaggio, che l’azienda aveva già avuto occasione di incrociare qualche anno fa, si precisa che, come accaduto in quell’occasione, lo stesso avrebbe potuto senza alcun problema prendere contatto con i vertici di Viaggi di Atlantide e gli stessi sarebbero stati più che disponibili a fornire ogni qualsivoglia informazione». Un'affermazione che evidentemente non ha convinto l'associazione: «In seguito alle dichiarazioni di Pierre Radici, titolare del to Viaggi di Atlantide seguite all'allarme sulle coperture assicurative - specifica l'associazione - la stessa Aiav intende precisare come abbia pur tentato di avere risposte in merito dai diretti interessati, ricevendo però finora solo risposte dai loro avvocati, risposte peraltro solo parziali». [post_title] => Aiav: «Abbiamo ricevuto risposte solo dagli avvocati» dei Viaggi di Atlantide [post_date] => 2019-05-27T12:33:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => aiav [1] => arkus [2] => fulvio-avataneo [3] => i-viaggi-di-atlantide [4] => in-evidenza [5] => pierre-radici ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Aiav [1] => Arkus [2] => Fulvio Avataneo [3] => i viaggi di atlantide [4] => In evidenza [5] => Pierre Radici ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558960434000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352951" align="alignleft" width="225"] Alessandro Azzola[/caption] Lusso, servizio, haute cusine, ospitalità, butler, overwater, mare cristallino, romanticismo, honeymoon, sono tutte parole che ben si sposano ad un resort maldiviano. Ce ne sono più di 120 che occupano isole più o meno piccole in una area enorme dell’Oceano Indiano, ormai divenuta un sogno ad occhi aperti, fatta di grandi distanze e atolli da non crederci. E allora come fare a differenziarsi? Lo ha capito Azemar e lo ha capito la mente imprenditoriale della famiglia Azzola, della quale, Alessandro, rappresenta il motore dell’accoglienza alle Maldive. Cocoon è un resort situato sull’isola di Ookolhufinolhu, atollo di Lhaviyani. Fa parte dell’ampia programmazione Azemar sull’arcipelago (50 resort in commercializzazione più due in comproprietà, Cocoon, appunto e You & Me by Cocoon aperto il 1° marzo). Ci sono delle menti creative che hanno concettualizzato il primo hotel di design delle Maldive. Si tratta di Daniele Lago, Simona Fabini, Tomaso Schiaffino e Gian Luca Innocenzi, insieme a Vito Di Bari, il “core” di designer coinvolti nella formazione e nella costituzione di Cocoon. [caption id="attachment_352952" align="alignright" width="225"] Un particolare del doppio lavabo con fondo in vetro[/caption] «Cocoon Maldives è il frutto di uno sforzo collaborativo - spiega Alessandro Azzola, managing director di Cocoon Maldives – fra Daniele Lago, ceo e chief designer della principale società di design italiana, Lago e me. Il nostro incontro è stato foriero di un concetto che oggi rappresenta un successo imprenditoriale innegabile. Leader creativo, inventivo e innovativo, Daniele Lago ha lanciato il successo del marchio Lago sin dal suo esordio ed oggi è molto affermato e riconosciuto in tutto il mondo, in particolare nel settore del mobile. Il marchio ha anche una forte presenza sui social media, con un milione e mezzo di followers». L'alleanza di Cocoon con un'azienda di design come Lago ha portato ad un connubio vincente, un rapporto “win win” dove Lago ha interpretato l'immagine di Cocoon come un marchio di sostenibilità, leggerezza, ospitalità ed empatia con l'ambiente circostante. «Ogni mobile è selezionato per allinearsi al concetto dell'azienda; letti sospesi su lastre di vetro che danno l’effetto “fluttuante”, lavabi con il sistema di scarico contemporaneo di legno antico con il fondo di vetro, appositamente creati, autentici tavoli in ceramica siciliana dipinta a mano e altalene nelle camere e nelle parti comuni, fanno parte di questo concept - spiega ancora Azzola – Ma c’è anche altro...». [post_title] => Cocoon by Azemar: il primo resort di design alle Maldive. Ma cosa c’è dietro? [post_date] => 2019-05-25T09:15:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558775721000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352956" align="alignleft" width="300"] L'albero della Luce[/caption] A completare l'arredamento d'avanguardia che caratterizza il Cocoon, resort di Azemar nell'isola di Ookolhufinolhu, atollo di Lhaviyani alle Maldive, vi sono diverse opere d'arte davvero uniche. Un esempio è l'installazione “Light” di Tomaso Schiaffino, art director di Bellaria Design, azienda specializzata in "mobili illuminati e prodotti di design unici": l'Albero della luce di Bellaria Design, presentato nel film vincitore del premio Oscar "The Great Beauty", è un'innovazione top-rated di Cocoon. Progettato e realizzato esclusivamente in Italia, l'Albero della luce ha ricevuto grande plauso. Ispirate come sono queste innovative installazioni luminose agli alberi, esse sono particolarmente apprezzate dagli ospiti per scatti degni di figurare nelle top di Instagram. [caption id="attachment_352957" align="alignright" width="300"] Tree of Wellbeing" di MyEquilibra[/caption] Responsabile dello sviluppo di Cocoon dalle sue primissime fasi, è Simona Fabini: capo architetto di Cocoon, vent’anni di esperienza alle spalle in progetti residenziali e turistici, ha guidato lo sviluppo di Cocoon, trasformandolo in quello che conosciamo oggi. Il suo talento è responsabile dell'integrazione e dell'armonizzazione dei vari elementi che costituiscono il resort, qui come al Gold Zanzibar Beach House & Spa: una lussuosa struttura a 5 stelle situata nell'isola delle spezie (Unguja) sempre di comproprietà Azemar. Un'altra caratteristica unica di Cocoon è il Tree of Wellbeing di MyEquilibra. Gian Luca Innocenzi e Vito Di Bari integrano l'allenamento all'aperto, la tecnologia, l'arte e la comunità: Tree of Wellbeing è il primo sistema di fitness all'aperto al mondo basato su movimenti istintivi del corpo, integrato in una struttura ispirata alla natura, modellato per emulare un'elegante opera d'arte, con dettagli raffinati, stile e sofisticatezza tecnologica, adatti a Cocoon. E con questo, Cocoon è il primo hotel delle Maldive con una palestra all'aperto completamente attrezzata. [post_title] => Cocoon di Azemar: un successo visivo che arricchisce il primo design resort maldiviano [post_date] => 2019-05-24T09:30:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558690247000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353088 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al Four Seasons Hotel Milano, l’Executive Chef Fabrizio Borraccino presenta la nuova cucina italiana del ristorante La Veranda: ricette regionali e materie prime della tradizione interagiscono in piatti contraddistinti da estetiche essenziali e sapori autentici. La rinnovata offerta gastronomica dello chef abruzzese è pronta a rivelare la sua nuova veste: due proposte rispettivamente dedicate a una leggera pausa pranzo e a una cena gourmet. Piatti leggeri per un pranzo all’insegna di un incontro di lavoro o tra amici, da gustare all’aperto nell’incantevole corte quattrocentesca dell’albergo: la Tartare di manzo selezione Macelleria Damini con puntarelle, Capperi di Pantelleria IGP e Parmigiano Reggiano DOP, la toscana bresaola di razza Maremmana Podere Aia Colonna, Pecorino di Pienza con giardiniera e infine il delicato Salmone Upstream delle Isole Fær Øer alla griglia, radicchio, spinacini e limone. Viceversa la discreta informalità del giorno lascia spazio alla sofisticata atmosfera serale, la cornice perfetta per un’esperienza gastronomica in cui spiccano l’Animella di vitello con crema di pomodoro verde, papavero in foglie, briciole di pane e caviale Calvisius, il Risotto “Gran Gallo Riserva” carnaroli con robiola di capra, piselli, limone candito e capperi, il Maialino “Cinturello Orvietano” con cipollotto, rapa rossa acidula e salsa al timo. L'arrivo di Fabrizio Borraccino a Four Seasons Hotel Milano porta quindi con sé la sua cucina dell’autenticità: una visione contemporanea della gastronomia italiana che mira alla riscoperta di sapori nostalgici e ricette tradizionali con influenze regionali, esaltazione delle materie prime e del terroir che le contraddistingue.     [post_title] => Four Seasons Milano, il ristorante La Veranda rinnova con Fabrizio Borraccino [post_date] => 2019-05-24T08:34:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558686873000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti