18 August 2019

Aruba, oltre un mese di iniziative per la 65esima edizione del Carnevale

[ 0 ]

Con oltre un mese di festeggiamenti, parate, feste e competizioni, il Carnevale è la festa più spettacolare di Aruba. In questa piccola isola dei Caraibi del Sud, la tradizione del Carnevale ha avuto inizio negli anni ’50 con piccoli festival di strada, fino ad arrivare alla creazione di un Ente Ufficiale del Carnevale costituito l’11/11/66 alle ore 11:22. E così che, ogni anno alla stessa ora, la stagione del Carnevale ha ufficialmente inizio.La 65esima edizione del Carnevale di Aruba si svolgerà fino al 5 marzo 2019. Alcuni tra i momenti più spettacolari includono la Lightling Parade, una scintillante parata notturna di costumi luminosi, le Children’s Parades pomeridiane dove sfilano i protagonisti più piccini del Carnevale, e infine la Grand Carnival Parade nella capitale Oranjestad, la più lunga, partecipata e spettacolare parata di tutto il Carnevale. Il falò di mezzanotte di King Momo, la rappresentazione dello spirito del carnevale, segna la fine dei festeggiamenti. Le competizioni di musica Tumba, Calypso, Roadmarch e Soca non servono solo ad intrattenere il pubblico. Questi eventi musicali sono un appuntamento fisso per famiglie e amici che ogni anno si ritrovano per festeggiare insieme.  Ogni cosa viene travestita: ballerine, artisti di strada, carri da parata, spettatori grandi e piccini. L’elezione della regina del Carnevale è uno degli eventi più amati del Carnevale di Aruba: dal 1955 ad oggi le giovani ragazze dell’isola si sono messe in gara per il titolo più prestigioso della stagione, il Carnival Queen. Durante il Carnevale, il cibo deve essere facile da prendere e sgranocchiare mentre si assiste ai festeggiamenti! Secondo i locali, caffè e pastechi sono il modo migliore di iniziare la giornata (anche se, sempre secondo i locali, il sapore del pastechi è perfetto ad ogni ora del giorno, caldo o freddo). Si può proseguire con finger-food fritti come croquette, dedito e empanada, oppure panini al tonno e uova alla diavola, disponibili nei vari food truck sparsi lungo i percorsi delle sfilate.

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352251 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La primavera irlandese apre ufficialmente l’attesa stagione dedicata ai festival che si svolgeranno su tutto il territorio irlandese. Raggiungerli è semplicissimo con i voli diretti Aer Lingus in partenza da 9 aeroporti italiani. I clienti Aer Lingus ora possono usufruire delle opzioni di autonoleggio più convenienti - tramite il sito cars.aerlingus.com – insieme ad Avis e Budget che offrono una varietà di soluzioni di mobilità per tutti i viaggiatori. Domenica 9 giugno, presso North Bull Island, isola locata nella Baia di Dublino, si svolgerà il Dublin Kite Festival che vedrà volare aquiloni unici provenienti da tutto il mondo. L’evento è alla portata di tutti, anche dei meno esperti che potranno cimentarsi con l’aiuto di professionisti ad hoc. Dal 10 al 16 giugno nella città di Dublino si terrà il Bloomsday Festival, evento dedicato alla commemorazione dello scrittore irlandese James Joyce. La festività rievoca gli eventi dell'Ulisse. L’agenda del 16 è ricca, si parte dalla colazione, poi appuntamento con un giro in bus sino al tour a piedi, un tè pomeridiano per poi proseguire con letture, cabaret e spettacoli. Dal 13 al 23 giugno nella cornice di Cork si svolgerà il Cork Midsummer Festival, evento multidisciplinare dedicato alle arti ispirato alla città che lo ospita. Il festival offre eventi di artisti locali e internazionali per un pubblico di tutte le età con un alto tasso di coinvolgimento e partecipazione. Dal 13 al 16 giugno, nella cornice degli Iveagh Gardens di Dublino, si svolgerà Taste of Dublin, una quattro giorni di degustazioni e intrattenimento interamente dedicata alla celebrazione della cucina irlandese dove i migliori ristoranti prepareranno squisiti piatti con ingredienti a Km 0. A Galway, dal 15 al 28 luglio, torna il Galway International Arts Festival, che con la sua 42esima edizione si conferma come il vero e proprio carnevale culturale dove meravigliosi spettacoli e concerti avranno come sfondo l'epica città di Galway. Tra i festival estivi per le famiglie, ci sono l’armoniosa combinazione di musica, arte, danza, scultura e poesia dello Stendhal Festival  a Limavady, Contea di Londonderry, dal 10 all’11 agosto.       [post_title] => Irlanda, i festival estivi come spunti per un itinerario [post_date] => 2019-05-16T15:03:57+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558019037000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352253 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Successo annunciato e ora confermato alla grande per la ‘geo-intelligence’ di Costa Crociere, il sistema che combina big data di molte provenienze – sociodemografici, dalle carte di credito e altre fonti sul territorio – con i database della compagnia. E poi coinvolge le agenzie nella ricerca, finalmente miratissima, di nuovi clienti culturalmente e commercialmente pronti per partire in crociera, scovati dall’avanzatissimo sistema nei luoghi in cui vivono, lavorano, spendono e si divertono. Lo aveva annunciato un anno fa Massimo Brancaleoni, senior vice president world wide sales di Costa Crociere. Ne ha parlato oggi Daniel Caprile, direttore commerciale Italia di Costa Crociere, accogliendo le agenzie ospiti di Costa Favolosa per I protagonisti del Mare 2019, l’evento che ogni anno festeggia i top seller della compagnia, alla 26esima edizione. Da gennaio sono partite 160 attività di marketing strutturate e mirate in base ai dati forniti dalla geo-intelligence di Costa Crociere. «Chi se ne è servito – ha annunciato orgogliosamente Caprile – ha fatto crescere i ricavi su Costa del 168% in media». Il dato fa colpo, e promette sviluppi importanti. Del sistema ha approfittato ad esempio Antonio Tedesco con la sua Andirivieni Travel a Corigliano Calabro, uno dei primi premiati de I Protagonisti del Mare 2019, che nella foto sopra ritira il premio ‘geo-intelligence’ da Daniel Caprile.   [post_title] => Costa Crociere geo-intelligence: ricavi più che raddoppiati in agenzia [post_date] => 2019-05-16T14:55:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558018548000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352161 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 600 agenti di viaggio Geo si riuniranno dal 24 al 26 maggio al Voi Tanka Resort a Villasimius (CA) per la Convention Nazionale del Network. Geo offre alle agenzie due voli charter riservati  e altri voli dai principali aeroporti (Milano, Roma, Verona, Bologna, Bari, Brindisi, Palermo, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Catania e Pisa), oltre ai relativi transfer dall’aeroporto di Cagliari alla struttura. Grazie all’accordo con Sea ViaMilano Parking e ParkinGo, agli agenti è concessa la gratuità per i parcheggi aeroportuali. Event sponsor: Allianz Global Assistance, Flexible Autos, Aruba Tourism Authority e PromPerù. Oltre 50 i fornitori tra tour operator, crocieristi, compagnie aeree, compagnie di parcheggi e noleggi auto, hotel, enti del turismo, assicurazioni, gds e carte di credito. «Dal Cambia-Mente" dello scorso anno, proseguiamo oggi nel percorso che intende portare i nostri agenti a riflettere sulla visione del futuro del settore travel - commenta l’ad Geo Luca Caraffini - La tecnologia e l’Intelligenza artificiale saranno il fulcro del nostro dibattito, con un’attenzione sempre viva al valore umano della relazione col cliente, che diventa sempre più strutturata. Oggi sono fondamentali la customer experience e la fidelizzazione: noi per primi come Network stiamo lavorando in questo senso verso i nostri affiliati». In convention Geo presenterà gli sviluppi su crm e mondo social, vòlti a portare un cliente in più in agenzia, rendendo possibile per il cliente l’acquisto di offerte di viaggio direttamente da Facebook ed Instagram, passando attraverso il sito web dell’agenzia su cui è attivo l’e-commerce.             [post_title] => Geo "backtothefuture": il network incontra in Sardegna 600 adv [post_date] => 2019-05-16T10:39:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558003151000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351893 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da diversi anni, l’Isola di Aruba viene soprannominata la One Happy Island dei Caraibi. Questo claim non è il risultato di una lungimirante invenzione di un’agenzia di marketing, ma un’etichetta che l’isola si è guadagnata naturalmente da quando i viaggiatori hanno iniziato ad arrivare sull’isola. I visitatori rimanevano infatti colpiti dall’innata cordialità del popolo arubano e da quanto, in questo luogo, chiunque sembrasse felice. E così che il titolo di “Isola Felice” prese vita da sé. Le testimonianze dei viaggiatori su blog e riviste spesso alludono all’apertura mentale e alla cordialità della popolazione locale. Persino nell’inno nazionale di Aruba si parla della “gran cordialidad” (grande cordialità) come caratteristica principale di questa popolazione. Ma può Aruba sostenere di essere davvero un Isola Felice e, cosa ancora più importante, può sostenere di esserlo autenticamente? Gli studiosi sostengono infatti che la sua posizione nel Sud dei Caraibi, il suo passato di colonia olandese, la sua prossimità con l’America latina e l’influenza culturale degli Stati Uniti, così come la storia delle sue migrazioni, siano fattori che abbiamo contribuito a formare l’identità di Aruba oggi, definendone la sua naturale attitudine all’ospitalità e all’accoglienza. Gli Arubani orgogliosamente si dipingono come “multiculturali, multietnici e multilingue”. In particolare, gli arubani sono molto orgogliosi di saper parlare diverse lingue (almeno 4 per l’esattezza: la lingua creola locale il papiamento, l’inglese, lo spagnolo e l’olandese), riuscendo così a comunicare facilmente con diverse culture. A tutto ciò si aggiunge il fattore clima: l’isola gode infatti di una temperatura media di 28 gradi con un po’ di vento tutto l’anno, anche d’estate quando il resto dei Caraibi è a rischio piogge. Sicuramente il sole tutto l’anno, la brezza costante dei Caraibi e le poche giornate di pioggia aiutano la popolazione di Aruba a sorridere sempre, anche ai visitatori.         [post_title] => Aruba, perché è la One Happy Island dei Caraibi? [post_date] => 2019-05-14T12:31:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557837114000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348798 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo di Aruba è attivo da anni nella promozione dell’uso di energie rinnovabili e nell’incentivazione dell’eco-turismo. L’isola è infatti un esempio di ciò che è possibile fare per combattere il cambiamento climatico globale ed è intenzionata a diventare una delle prime isole totalmente eco-sostenibili del pianeta. Tra le priorità c’è quella di ridurre la dipendenza da combustibili petroliferi e le emissioni di Co2, per arrivare a rendere l’isola la prima economia basata al 100% su energia sostenibile. Le iniziative intraprese nel corso degli anni vanno dal riutilizzo di spazi e costruzioni già esistenti alla promozione di un turismo sostenibile e consapevole. Ma ad ulteriore conferma del suo impegno per un pianeta più green, il Governo di Aruba ha deliberato 2 importanti provvedimenti. Il primo è il divieto di utilizzo di materiali in plastica monouso. Nel 2017 era già stato vietato l'utilizzo dei sacchetti di plastica monouso. Il secondo riguarda invece l’utilizzo delle creme solari contenenti Oxybenzone, composto organico che riduce la capacità di sopravvivenza dei coralli provocandone lo sbiancamento. Entrambi i divieti entreranno in vigore nel 2019 ma prevedranno un anno di transizione, fino ad una completa attuazione nel 2020. Ma l’impegno verso un pianeta green è condiviso anche dagli attori privati dell’isola, e soprattutto da uno dei resort più premiati dei Caraibi: il Bucuti & Tara Beach Resort. Il Resort, situato sulla meravigliosa spiaggia di Eagle Beach, ha recentemente vinto il primo Tourism for Tomorrow Climate Action Award al World Travel & Tourism Council, il forum dei più importanti attori dell’industria di viaggi e turismo a livello mondiale. L’evento, svoltosi a Siviglia lo scorso 2 aprile, ha visto tra gli oratori di spicco l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama.           [post_title] => Aruba, obiettivo utilizzare al 100% energia sostenibile [post_date] => 2019-04-17T08:50:14+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555491014000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346818 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 16 navi, 121 paesi, 323 destinazioni. Norwegian Cruise Line (NCL) vanta una delle flotte più moderne al mondo, offrendo ai propri ospiti libertà e flessibilità in mare. A partire dal 2 aprile 2019, NCL offre agli ospiti europei ancora più libertà di scelta con il prodotto Free at Sea per personalizzare ulteriormente la propria esperienza di crociera. In base alle esigenze individuali, gli ospiti sono liberi di scegliere due pacchetti i tra i seguenti: Pacchetto bevande di marca Premium per bevande alcoliche e non alcoliche di marca fino a $15 a bicchiere. Pacchetto Ristoranti di Specialità per vivere esperienze culinarie gratuite nei ristoranti tematici di NCL. Il numero dei pasti inclusi varia in base alla lunghezza della crociera. Pacchetto Connessione WiFi per rimanere in contatto con familiari e amici a casa. Il pacchetto è valido per cabina e varia in base alla lunghezza della crociera Credito di $50 per le escursioni per cabina e porto di scalo, valido per le escursioni a terra in offerta. I gruppi di amici e le famiglie pagano le sole tasse (le sole tasse si applicano sul terzo e quarto ospite in cabina e su crociere selezionate) I costi variano in base alla durata della crociera: per una crociera di 7-9 giorni il costo è di €99. [gallery columns="4" size="medium" ids="346823,346824,346825,346826"] Chi sceglie di soggiornare in categorie superiori tra cui le cabine Concierge, le Suite e le Suite del complesso The Haven potrà invece beneficiare di tutti e 5 i vantaggi. NCL si è affermata come compagnia innovatrice nel settore delle crociere, introducendo il concetto di Freestyle Cruising nel 2000. L'esperienza di crociera dei singoli ospiti è sempre stata al centro del concetto Feel Free della compagnia. A bordo di Norwegian Cruise Line si può godere della varietà e flessibilità in tutte le aree della nave: dall’ampia scelta di tipologie di alloggio fino alle opzioni di ristorazione ed intrattenimento. Sia che si viaggi da soli, in famiglia oppure in gruppo, le navi della compagnia Norwegian Cruise Line offrono diverse categorie di cabine per ogni esigenza, dagli studi per viaggiatori singoli alle suite di lusso del complesso The Haven by Norwegian®. NCL offre anche la migliore cucina in mare, offrendo fino a 28 opzioni di ristorazione a bordo delle proprie navi e grazie al concetto di Freestyle Dining non esistono turni e orari fissi e nemmeno un dress code. Cosa c'è di meglio che assistere a uno spettacolo di Broadway dopo cena? Oltre a produzioni proprie, NCL mette ins scena successi originali di Broadway, come "Footloose", "Burn the Floor" o "Kinky Boots" a bordo di Norwegian Encore, la 17esima nave della flotta NCL. [post_title] => Sentitevi liberi con il prodotto Free at Sea a bordo di Norwegian Cruise Line [post_date] => 2019-04-02T08:30:40+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554193840000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346766 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un recente studio di Get Going Travel Insurance, ha stimato che la spesa globale per il turismo è vicino a 1,5 trilioni di dollari. Con l’avvento del low cost ed economie in crescita sul pianeta, si allargano gli orizzonti di molti paesi ed il turismo si conferma industria di inestimabile valore per tanti paesi. La Cina è il campione di viaggio: con l'aiuto della massiccia popolazione, l'aumento del turismo in Cina è stato notevole, con una spesa stimata di oltre un quarto di trilioni di dollari. Questa cifra supera le spese di Stati Uniti e Germania messi insieme. Al secondo posto nella lista globale per i viaggi outgoing, gli Stati Uniti hanno aumentato la spesa annuale del turismo del 9% a oltre  135 miliardi di dollari. Con solo il 42% degli americani che possiedono un passaporto, questa cifra va considerando come estremamente significativa. Per l’Europa, in termini di spesa, nessuna nazione europea supera la Germania, che lo scorso anno ha registrato una spesa di poco inferiore ai 90 miliardi di dollari. Sono oltre 1000 dollari a persona in media, spese in viaggi, in un anno. Il Regno Unito si piazza al IV posto con la spesa salita a 71 miliardi di dollari. I paesi con grande popolazione ed economie importanti hanno sempre la possibilità di spendere molto per i viaggi, ma dove preferiscono andare? Al confine con gli Stati Uniti ci sono due tipi di destinazioni di vacanza molto diverse a seconda delle condizioni meteo che si cercano. Circa35,1 milioni di persone attraversano il confine con il Messico ogni anno, mentre poco più di 14,3 milioni si avventurano nel nord, in Canada. Inoltre, 5 milioni combinati lasciano il continente per dirigersi nel Regno Unito e in Francia. Non sorprenderà nessuno sapere che la destinazione preferita del Regno Unito sia la Spagna (15,9 milioni) seguita dalla Francia (8,86 milioni). Il Canada, paese relativamente remoto nella sua posizione verso altre nazioni, è impressionante quando si tratta di viaggiare. Oltre ai viaggi negli Stati Uniti, il Canada si dirige verso Uk, Cuba e Germania. E’ interessante notare anche come il numero di arrivi turistici annuali sia sproporzionato rispetto alla loro dimensione. Le piccole isole e le nazioni con poca popolazione sono spesso molto popolari tra i turisti con una sproporzione per queste due cifre, evidente. ​​Andorra - Stretta tra Francia e Spagna, principato senza sbocco sul mare è divenuta un punto di riferimento per il turismo sciistico negli ultimi anni. Con oltre 3 milioni di arrivi l'anno scorso, il rapporto tra turisti e residenti è un enorme 1:39. Macao - Situata sulla costa meridionale della Cina, questa regione autonoma attrae molti per il gambling e l’intrattenimento. Più di 17 milioni di persone l’hanno visitata l'anno scorso e, con una popolazione di 630mila abitanti, sono al secondo posto nella lista. Isole al sole - Il Commonwealth statunitense, le Isole Marianne settentrionali, che vantano un rapporto di 12 turisti per ogni cittadino, uniti a Turks e Caicos e poco prima di Aruba sono altre mete iper affollate, rispetto alla popolazione. [post_title] => La spesa sul turismo sfiora i 1,5 trilioni di dollari. Cina in pole position [post_date] => 2019-04-01T10:49:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554115794000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346654 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’ospitalità italiana cattura il Sud America: in aumento numero di turisti e spesa. Oltre alla scelta della comodità degli hotel, si fa spazio l’avanzata dell’extralberghiero. Sono i brasiliani in vacanza all’estero a spendere di più. Gli arrivi aeroportuali dall'Area Sud America nel 2018 sono cresciuti del +6,7% rispetto al 2017.  Enit partecipa alla Wtm Latin America 2019, la principale fiera mondiale per l’industria di viaggi del continente, dal 2 al 4 aprile prossimi a San Paolo. Nella tre giorni di eventi b2b attesi migliaia di visitatori presso lo stand Italia allestito dall’Agenzia Nazionale del Turismo.  Prevista (il 2 aprile ore 15), sempre allo stand Italia, la presentazione (con il direttore dell’IF - ImolaFaenza Tourism Company, Erik Lanzoni) degli eventi legati al ricordo del pilota Ayrton Senna che si terranno all’autodromo di Imola nel 25esimo anniversario della morte del campione il prossimo primo maggio. L’Italia è sempre più attrattiva per i flussi latino americani. Gli hotel ospitano la maggioranza dei flussi da ogni paese, anche se nel biennio considerato cresce maggiormente la ricettività extra-alberghiera per entrambi gli indicatori, arrivi e presenze. In aumento il totale dei viaggiatori alle frontiere (+17,1%) e la spesa (+11,2%) dei turisti provenienti dai Paesi latino americani in Italia mentre risultano in leggera flessione i pernottamenti (-0,3%). In termini di spesa turistica, si registra un +12,5% degli introiti dal Brasile, pari a 720 milioni di euro, e dall’Argentina (+25,5%), ma anche è aumentato anche il numero di turisti messicani. Sono ancora una volta i brasiliani a spendere di più superando per budget Argentina e Messico. --  [post_title] => Sud America, gli arrivi in Italia cresciuti del 6,7% [post_date] => 2019-03-29T12:37:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553863055000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 345841 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inaugurata ufficialmente la 23esima edizione della Bmt di Napoli. «Siamo orgogliosi dei risultati che abbiamo ottenuto e che stiamo ottenendo - ha sottolineato il patron della fiera Angioletto de Negri -. Anche quest'anno siamo in crescita con un numero di espositori maggiore rispetto allo scorso anno. Pensiamo che rafforzando questa tendenza si arriverà ad avere solo due fiere strutturate: quella di Rimini e la nostra. Una polarizzazione che serve a concentrare ancora di più il sistema turistico italiano. «Il presidente dell'Enit Giorgio Palmucci e il ministro sono stati bloccati a Roma dalla delegazione cinese. Ma io dico: venite domani. È infatti fondamentale sentire la voce di chi coordina il turismo in Italia perché la parcellizzazione di promozione, di investimenti delegati alle regioni dalla costituzione crea troppe difficoltà di comunicazione e di strategia univoca». Al di là delle parole di De Negri la fiera è sul serio molto affollata. E propone un panel di interlocutori di primo piano. [post_title] => De Negri apre Bmt: «Serve unità di intenti con le istituzioni centrali» [post_date] => 2019-03-22T12:42:58+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553258578000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti