19 December 2018

A Las Vegas un Natale scintillante

[ 0 ]

Il periodo delle festività natalizie è forse il più bello dell’anno in cui visitare Las Vegas. Con le sue luci natalizie e le molteplici attività tra cui scegliere, Las Vegas brilla più che mai in questi giorni, regalando emozioni uniche, con un tocco di magia. Fra le  attività che vengono organizzate in città, si segnalano il pattinaggio sul ghiaccio al The Cosmopolitan of Las Vegas e un’altra pista di pattinaggio al Toshiba Plaza, fuori dalla T-Mobile Arena. Inoltre, la famosa The Linq Promenade si trasforma per le festività natalizie, con addobbi, spettacoli di luci, musica natalizia e show con cantanti, ballerini e show girls. Anche la High Roller, la ruota panoramica più alta del mondo, verrà illuminata da tantissime luci colorate per l’occasione. Imperdibile il Conservatory & Botanical Garden del Bellagio, che fino al 6 gennaio accoglie l’inverno con migliaia di luci scintillanti, alberi innevati, oltre 28 mila stelle natalizie, riproduzioni di animali artici e un bianco abete alto 19 metri. L’area pedonale di The Park celebra le festività con Holiday at The Park, con intrattenimento, delizie culinarie ed esperienze interattive. E per immergersi ancora di più nell’atmosfera natalizia, non c’è niente di meglio che un giro a Las Vegas Christmas Town, al Wynn di Las Vegas, dove sono stati ricreati 6 piccoli villaggi natalizi ispirati ai viaggi di Gulliver e al Winter’s Village del Green Valley Ranch Resort, con pista da pattinaggio all’aperto e cocktail lounge che includono anche mocktails per bambini. La Las Vegas Motor Speedway, a soli 10 minuti da Downtown, incanta turisti e non con il suo spettacolo di luci natalizie, Glittering Lights, combinazione unica di musica e luci. Ben 3 milioni di luci LED vengono infatti disposte lungo più di 4 chilometri.  Nominato tra i “Best places to see Christmas lights in the U.S.” dalla Cnn Travel, Glittering Lights è una delle tradizioni più amate di Las Vegas.

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276232 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Criand consolida la programmazione su Cuba e lancia la Tunisia. «Alla fine del 2016 abbiamo aperto un nostro ufficio a L'Avana - spiega il sales & marketing director, Danilo Gorla - per assistere direttamente sul posto - e in lingua italiana - la nostra clientela. Cuba resta il nostro core business, in grado di produrre circa il 70-80% dell'intero fatturato». Anche il Brasile è per Criand una meta di spicco: «Grazie al volo Meridiana Milano - Recife - Fortaleza, miriamo a raggiungere buoni risultati. Fra gli obiettivi il rilancio di Natal che, malgrado non sia collegata da un volo diretto, può essere raggiunta da Recife in meno di tre ore». L'America Latina firmata Criand si compone anche di Panama, new entry 2017 e Colombia, destinazione ideale per mare e tour. «Un altro fronte importante è quello relativo all'oceano Indiano, con programmi alle Maldive, Mauritius, Seychelles, Zanzibar e Madagascar. Bene in particolare le Maldive e il Madagascar, dove secondo quanto dichiarato dalle autorità locali siamo il terzo tour operator italiano per importanza. La nostra filosofia prevede di selezionare poche strutture garantendo elevati standard di qualità». L'estate 2017 vede poi il lancio di Djerba, in Tunisia, con quattro strutture dalle 3 alle 5 stelle e un volo diretto Tunisair in programma da Milano Malpensa dal 12 giugno all'11 settembre. «Nel 2016 - conclude Gorla - abbiamo registrato un incremento di fatturato del 12% e di clienti dell'8%. Quest'anno, anche alla luce del potenziamento dell'offerta, miriamo a un +12-14% di clientela e a un +8-10% di fatturato». In maggio sarà pronto anche il sistema online che consentirà agli adv la prenotazione di voli e pacchetti in tempo reale. [post_title] => Criand lancia la programmazione su Djerba [post_date] => 2017-04-21T11:33:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492774389000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276002 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo “Hundredrooms.it” comparatore online di alloggi turistici nato nel 2014 come risposta all’aumento della domanda di alloggi alternativi alle strutture tradizionali, Roma compare nella classifica delle capitali più vegan – friendly. Numerose ricerche dimostrano che la scelta di mangiare sano e cruelty free è in forte crescita ed è in grado di stimolare anche il turismo. La classifica di Hundredrooms, basata sul numero di ristoranti vegan in relazione al numero di abitanti delle città,  è colma di sorprese: Lisbona, Portogallo, la città più vegan-friendly d’Europa conta più di un centinaio di ristoranti e negozi per vegani e vegetariani su una popolazione di appena 550 mila abitanti. Praga, Repubblica ceca si piazza al secondo posto nonostante la gastronomia ceca si basi su piatti a base di carne. A Praga vi sono 34 ristoranti vegani riconosciuti su circa 1milione 260mila abitanti. Terza Varsavia, Polonia che ha fatto accorgere anche il Financial Times, nel suo giro del mondo gastronomico del cambiamento culinario della capitale polacca.  Qui si trovano più di un centinaio di ristoranti e negozi che stanno riscrivendo la storia culinaria polacca, non fatta solo di vodka e pesce.  Appena fuori dal podio Barcellona, Spagna, considerata la città più vegan-friendly di tutta la Spagna sin dal 2009. Buona quinta, inaspettatamente, Roma! Riuscirà il Paese con la cucina più buona al mondo ad adattarsi all’universo vegano? La sfida è aperta, dato che la capitale d’Italia conta già una cinquantina di ristoranti di questo tipo. [post_title] => Roma, capitale... vegana [post_date] => 2017-04-19T11:33:29+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492601609000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275863 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_275869" align="alignleft" width="300"] Federico Gallo[/caption] Settemari lancia “Cuba, libera la tua voglia di vacanza”, promozione dedicata al pubblico e attiva fino al 31 maggio 2017. Per lo sviluppo dell’operazione, la divisione marketing guidata da Chantal Bernini ha collaborato già dalla fase progettuale con l’ente del turismo di Cuba e con la catena alberghiera Iberostar. La stagione estiva sta producendo buoni numeri e il to ha deciso di creare un’azione b2c per dare un ulteriore impulso alle vendite. «Siamo molto soddisfatti dell'andamento della destinazione. Da Natale alla data corrente abbiamo registrato oltre 2 mila passeggeri e un volume di fatturato che sfiora i 3 milioni di euro. Un altro dato interessante sono gli ottimi indici di gradimento de nostri SettemariClub: l’ammiraglio Iberostar Tainos evidenzia una percentuale complessiva del 90%, con un apprezzamento particolare per la spiaggia, il cuoco italiano e i giardini. L’esotico e informale Iberostar Daiquiri supera l’80% con indici elevati per la spiaggia, l’animazione e i giardini. Ultra-apprezzati anche i SettemariStar, hotel di eccellenza, rispettivamente, in ciascun polo. Fa inoltre piacere constatare dai questionari dei clienti che ben il 65% ha viaggiato per la prima volta con noi e il 97% dichiara che certamente “viaggerà ancora con Settemari”. Il soggiorno a Cuba firmato Settemari si dimostra un’esperienza fidelizzante. Anche alla luce di questi indicatori, la partnership con Iberostar e Blue Panorma esprime un grande gioco di squadra con la soddisfazione del cliente al centro» commenta Federico Gallo, direttore prodotto Settemari. Ancora una volta, Settemari ha privilegiato web e social media con un piano che associa differenti canali. Punto di forza della formula è la combinazione tra immagini coinvolgenti, caratterizzate da interventi grafici accattivanti e l’entità dello sconto di 300 euro a camera. «Ancora una volta ci rivolgiamo al pubblico e ci impegniamo per portarlo in agenzia. Il potenziamento degli strumenti di vendita a disposizione delle adv con promozioni b2c studiate ad hoc è imprescindibile per conquistare nuove fette di mercato e per questo abbiamo studiato una campagna specifica legata all’estate. Siamo soddisfatti di questa operazione perché è frutto di una collaborazione tra Settemari e due partner importanti come l’ente del turismo di Cuba e la catena alberghiera Iberostar, proprietaria dei nostri SettemariClub Iberostar Daiquiri e Tainos» commenta Chantal Bernini, marketing manager Settemari. [post_title] => Settemari in pista con "Cuba, libera la tua voglia di vacanza" [post_date] => 2017-04-18T11:24:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492514646000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275421 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il settimanale Topolino celebra il 25° anniversario di Disneyland Paris con un numero speciale: la copertina, ideata da Fabrizio Petrossi, raffigura Topolino e Minni, in compagnia di Walt Disney, mentre guardano affascinati il Castello della Bella Addormentata nel Bosco, più scintillante che mai. La storia, intitolata “Topolino alla ricerca della 25a Stella”, è ambientata proprio a Disneyland Paris: l’avventura di Topolino inizia in un cinema, dove l’incontro con un misterioso personaggio lo porta lontano, soprattutto con la fantasia: prima in un intricato labirinto e in un hotel spaventoso, poi in una miniera abbandonata e su una nave spaziale, e infine su un veliero volante, per trovare la 25a stella di una magica costellazione. Il soggetto e la sceneggiatura sono di Fausto Vitaliano e i disegni di Fabrizio Petrossi. «In redazione viviamo tutti i giorni a stretto contatto con la magia Disney – afferma la direttrice di Topolino, Valentina De Poli – ma quando sentiamo l’esigenza di tornare all’essenza della nostra disneyanità sappiamo che non c’è miglior cura di una full-immersion a Disneyland Paris. Quest’anno, per il 25° anniversario, abbiamo messo in campo le nostre risorse migliori: una storia a fumetti e un concorso creativo per famiglie per volare a Disneyland Paris. Ci aspettiamo migliaia di partecipanti: la festa è solo all’inizio!». I lettori di Topolino possono vincere uno dei premi in palio e i primi cinque fortunati vincitori potranno aggiudicarsi un soggiorno a Disneyland Paris per una famiglia di 4 persone. In palio anche 25 kit di due biglietti per l’ingresso giornaliero in entrambi i Parchi Disney e 25 abbonamenti annuali a Topolino (52 numeri). [post_title] => Disneyland Paris, numero speciale e concorso a premi su Topolino [post_date] => 2017-04-11T15:15:04+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491923704000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_275226" align="alignleft" width="300"] Andrea Parisi[/caption] Aon, in collaborazione con Roubini Global Economics e The Risk Advisory Group, ha presentato l’edizione 2017 della Risk map che per la prima volta comprende anche il Vaticano.  I rischi a livello generale sono in aumento, favoriti dalle azioni terroristiche compiute in tutto il mondo. Dall’ultima edizione della mappa - come riportato da Corriere.it  -, risulta che il 2016 ha visto un incremento del 14% degli attacchi terroristici nel mondo, passati dai 3 mila 633 attentati nel 2015 ai 4 mila 151. La crescita registrata all'interno dei Paesi occidentali è del 174%, con 96 attacchi nel 2016 rispetto ai 35 del 2015. Al centro degli attacchi, nel 41% dei casi sono le compagnie petrolifere e del gas . In vetta alla classifica dei Paesi più colpiti dal terrorismo per quanto riguarda il settore legato all'energia si trovano Nigeria e Colombia.  Per il secondo anno consecutivo si registra una crescita del numero dei Paesi - 19 - in cui sono in aumento i rischi politici, rispetto ai Paesi in cui sono diminuiti - 11 -. Tre zone a rischio molto elevato si estendono dall’Africa, passando per il Mediterraneo fino all’Atlantico, attraverso il Mediterraneo orientale e l’Asia meridionale. Il 2017 è però anche il primo anno degli ultimi quattro in cui si registra per gli investitori un calo del rischio politico in tanti Paesi quanti quelli in cui tale rischio è aumentato, probabilmente favorito da una timida ripresa economica.  «Nell’attuale contesto geopolitico, si conferma la crescente complessità per le aziende che operano a livello globale - dice Andrea Parisi, amministratore delegato e direttore generale di Aon in Italia -. Ma il gruppo continuerà ad essere al fianco delle imprese nella valutazione della loro esposizione ai rischi politici e nell’utilizzo di adeguati strumenti di Risk Management».   [post_title] => Aon presenta la Risk map 2017 sul rischio globale [post_date] => 2017-04-07T16:05:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491581147000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo mare fra i punti forti della penisola Calcidica. La destinazione greca si è  riconfermata una meta amata anche nell'estate 2016, registrando un flusso turistico consolidato nei mercati europei. Italiani in primis, sempre più attratti dalle spiagge incantevoli e dalla natura incontaminata, ma anche dalla storia, dalla cultura e dalla ricchezza archeologica di questa regione continentale della Grecia, che ha dato i natali ad Aristotele. Divisa in tre dita - Athos, Sithonia e Cassandra - che si spingono nell'Egeo del nord, la Calcidica è una foresta ininterrotta che si spinge fino al mare. Un mare che si è meritato 52 bandiere blu, ai vertici europei e primo in assoluto in Grecia. Un'attrazione irresistibile per gli amanti della spiaggia, alla quale la penisola dove nacque Aristotele aggiunge quindi archeologia, gastronomia e spiritualità. «Nel 2016 il turismo la Calcidica ha registrato buoni risultati - spiega Grigoris Tassios (nella foto), presidente dell'Organizzazione del turismo della Calcidica (Tox) e dell'associazione degli albergatori locali -. Nel mese di luglio, per esempio, i 55 mila posti letto degli alberghi e i 40 mila degli appartamenti erano pieni all'80%. Finora qui si veniva solo per il mare, ma noi vogliamo far sapere che ci sono anche la storia, la cultura, l'archeologia. Per questo vogliamo fare sistema con la città di Salonicco, dove c'è l'aeroporto, e far sď che chi la visita venga anche a vedere questa regione». E' una svolta epocale per il turismo greco, che in quest'area ha dato vita ad un modello di promozione del turismo unico, dove enti pubblici e organizzazioni private collaborano per conquistare mercati stranieri, contrastando la crisi del turismo nazionale greco. I mercati più forti? Un gran numero di turisti proviene dall'Europa centro settentrionale, soprattutto dai Balcani (Serbia, Romania, Bulgaria), ma anche l'Italia, grazie ai charter di un importante tour operator partiti a inizio giugno, inizia a conoscere in massa la regione. E poi ci sono i turchi, sempre più numerosi. «Il nostro è un modello unico per la Grecia - ha aggiunto Tassios -; abbiamo un budget di 450 euro euro l'anno e gli enti pubblici ci lasciano fare il nostro lavoro. Ora puntiamo molto sul digital marketing, ma abbiamo partecipato anche a 10 fiere di settore di respiro internazionale». [post_title] => Grecia: non solo mare nella penisola Calcidica [post_date] => 2017-04-07T12:30:22+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491568222000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alla Bit di Milano, l’Ente turistico egiziano ha fornito gli ultimi dati relativi ai visitatori in arrivo dall'Italia: «Abbiamo iniziato a vedere dei piccoli segnali di ripresa - commenta il direttore dell’Ente egiziano del turismo, Emad Fathy Abdalla - e in particolare, un segnale positivo viene dal mercato italiano: negli ultimi mesi, infatti, abbiamo registrato un aumento del flusso turistico verso l’Egitto. Nel periodo di Natale abbiamo accolto il 19% in più di turisti provenienti dall’Italia rispetto a dicembre 2015. I dati continuano ad essere incoraggianti anche nel 2017, tanto che a febbraio abbiamo avuto un incremento del 26% rispetto allo stesso periodo del 2016. Siamo fiduciosi che questi segnali positivi possano incoraggiare i turisti a tornare in Egitto e gli operatori a continuare ad investire nel Paese, come hanno di recente ripreso a fare. Per il 2017 prevediamo 8 milioni di turisti da tutto il mondo». A dimostrazione dell’importanza del Paese e del supporto dei tour operator, di recente sono stati incrementati i collegamenti tra Italia e l’Egitto con l’introduzione di nuovi voli charter da alcune delle principali città italiane tra cui Napoli, Bari e Roma Fiumicino. Il Ministro del turismo egiziano, Mohamed Yehia Rashed, e il chairman dell’Ente del turismo egiziano al Cairo, Hisham El Demery, hanno incontrato i principali player del mercato nel corso della fiera. Focus dei meeting one to one sono stati il tema della sicurezza, specialmente aeroportuale, per la quale il governo egiziano ha speso 60 milioni di dollari, e anche il recente incremento dei collegamenti verso Sharm el Sheikh. [post_title] => Egitto in crescita, nuovi voli charter dall'Italia [post_date] => 2017-04-06T15:14:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491491678000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alle Canarie è sempre estate. Scopri con Voyage Privé l'isola su misura per te Voglia di sole, di mare e di un'abbronzatura che spazzi via il grigiore e il freddo dell'inverno? Chi sogna un assaggio d'estate non deve per forza volare dall'altra parte del globo. A poche ore di aereo dall'Italia ci sono le Canarie, isole spagnole bagnate dall'Oceano Atlantico e scaldate dal sole africano. Una costa intessuta di baie, di dune sabbiose e di insenature suggestive, oltre a una varietà sorprendente di paesaggi, fanno delle Canarie la destinazione perfetta per un break di sole e mare. La grande offerta di resort e hotel disseminati sulle isole principali permette poi di confezionare una vacanza perfetta, tagliata su misura. L'ideale, per riuscire a soggiornare nei resort più confortevoli e lussuosi, a prezzi vantaggiosi, è tenere costantemente d'occhio le offerte che vengono selezionate periodicamente dai siti specializzati, magari iscrivendosi anche alle newsletter, così da essere sempre al corrente dei last minute. Voyage Privé, per esempio, offre questo servizio con cadenza settimanale. Qual è la destinazione perfetta? Gran Canaria, Lanzarote, Tenerife, Fuerteventura: sono queste le isole principali dove ritagliarsi una vacanza calda anche in inverno. Qui il clima è sempre mite, l'aria dolce e il sole non si stanca mai di colorare la pelle. Quale isola scegliere dipende da tanti fattori. Si può studiare il profilo delle diverse destinazioni per identificare quello che meglio si adatta all'idea personale di vacanza. Oppure ci si può lasciare tentare dalle proposte più allettanti che si trovano in rete, come quelle realizzate da Voyage Privé, e che offrono viaggi last minute in resort esclusivi a prezzi vantaggiosi. A Tenerife se cerchi il divertimento. Questa è l'isola più movimentata e vivace delle Canarie. Con i suoi tanti locali, le discoteche e i quartieri sempre animati offre tutto il divertimento che il popolo della notte può desiderare. Ma anche il giorno sulle spiagge più mondane di Las Teresitas, Punta Brava e Las Americas il divertimento non manca. A Fuerteventura se desideri vacanze attive. Chi in vacanza non vuole perdere tempo a stare fermo è qui che deve venire. Saltare su una jeep ed esplorare l'isola selvaggia, poi balzare sulla tavola per sfidare le onde e il vento, sotto il sole cocente dell'isola più vicina al Marocco e al deserto: ecco il genere di vacanza che si vive a Fuerteventura. Spiagge Barlovento, playas de Cofete e Sotavento sono il paradiso per chi pratica windsurf e kitesurf. A Lanzarote se sogni mare, silenzio e natura. Ecco un vero paradiso naturale. Non a caso Lanzarote è in larga parte riserva della Biosfera e Parco nazionale. I suoi paesaggi vulcanici, dalle suggestioni quasi lunari, sono bordati da chilometri di coste che alternano scogliere di lava nera a spiagge sabbiose e calette rocciose. Questa è la destinazione perfetta per chi desidera staccare dalla routine e dal caos metropolitano e calarsi in una vacanza all'insegna del relax. A Gran Canaria se da una vacanza vuoi tutto. Centinaia di spiaggia da esplorare, tantissime piste ciclabili da percorrere con calma, splendidi sentieri di montagna da attraversare e un'infinità di sport acquatici proposti negli splendidi resort disseminati sull'isola. Gran Canaria è sicuramente la meta ideale per accontentare tanto gli amanti dell’avventura quanto i cultori delle comodità e del relax. Qui vacanza fa rima con bella vita.   Cosa vedere alle Canarie? Una volta scelta la destinazione, prenotato il volo e l'hotel e infilato in valigia tutto l'occorrente per le vacanze conviene segnarsi su un taccuino le spiagge o le meraviglie da vedere una volta arrivati a destinazione. Isola per isola, ecco i consigli di Voyage Privé: A Tenerife: fai una gita al vulcano Teide. Con i suoi 3.718 metri è la vetta più alta della Spagna, il percorso regala un'emozione unica e offre panorami spettacolari nella natura. Prendi l'aperitivo sulla promenade di Los Cristianos, zona chic e vivace circondata da negozi e boutique interessanti per lo shopping. A Fuerteventura: vai alla scoperta delle perle dell’entroterra. La valle dei mulini a vento di Tefia, la Pajara con la chiesa de Nuestra Senora de Regla del 1600 con bassorilievi di sapore azteco, e la penisola di Jandia, dove pascolano le capre con il cui latte si producono i meravigliosi formaggi majoreros, sono tre must. A Lanzarote: visita il Parco Nazionale del Timanfaya, tra straordinari panorami lunari arriverai al cratere del vulcano ancora attivo. Visita anche le cantine più importanti dell'isola, come quelle nella valle della Geria, con i muretti a mezzaluna, dove si produce l'ottimo Malvasia. A Gran Canaria: addentrati nell'entroterra fino ad arrivare al belvedere della Degollada de las Yeguas dove ti aspetta una vista spettacolare. Potrai fotografare il panorama sul burrone di Fataga, canyon di 15 chilometri che si tuffa in scogliere vertiginose. [post_title] => Scopri le Canarie e parti in vacanza con Voyage Privé [post_date] => 2017-04-05T10:20:47+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491387647000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274814 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_227473" align="alignleft" width="300"] Neil Palomba[/caption] Per Costa Crociere, "Uno degli obiettivi primari è ridurre al minimo possibile l'impatto ambientale". Neil Palomba, direttore generale di Costa Crociere, lancia la prossima sfida della compagnia crocieristica. L'edizione 2017 di "Protagonisti del mare", in corso di svolgimento a bordo di Costa Pacifica, è l'occasione giusta per anticipare alcune novità, a cominciare dalla sostenibilità. "Le nostre nuove ammiraglie saranno alimentate a gas naturale liquefatto, il top per quanto riguarda i combustibili di ultima generazione. Il green design è il modello al quale tendiamo" ha dichiarato Palomba. Oltre alle migliorie tecniche, Costa Crociere punta anche a sensibilizzare i propri passeggeri sul tema dello spreco alimentare. "Presto comincerà la campagna "Taste, not waste", un'iniziativa che intende promuovere un consumo più responsabile del cibo, evitando gli sprechi. Il denaro risparmiato verrà investito in progetti agricoli  a scopo benefico in Afric". A tale proposito, la compagnia ha già avviato uno studio su Costa Diadema, per quantificare il cibo avanzato dai passeggeri. [post_title] => Costa Crociere, obiettivo sostenibilità [post_date] => 2017-04-04T08:47:05+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491295625000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti