18 August 2018

La Croazia presenta la Slavonia al Principe di Savoia

[ 0 ]
Il ministro del turismo della Croazia, Gari Cappelli

Il ministro del turismo della Croazia, Gari Cappelli

La Croazia continua sulla scia di numeri positivi e invita gli operatori di settore a una serata al Principe di Savoia di Milano per presentare l’offerta dell Slavonia. “Quello italiano è per noi un mercato di riferimento – spiega il ministro del turismo, Gari Cappelli, giunto in Italia in occasione della Bit – che lo scorso anno ha fruttato un milione 250 mila visitatori e circa 6 milioni di pernottamenti”. Numeri positivi che si associano a un trend soddisfacente anche su scala globale. “I turisti che hanno  scelto la Croazia lo scorso anno sono stati complessivamente 16 milioni, con 91 milioni di pernottamenti e una crescita del 10%. L’obiettivo anche per quest’anno è quello di riconfermare un’ulteriore crescita del 10%”. Le opportunità non mancano, in quanto la Croazia si sta affacciando sulla scena internazionale non solo come località balneare, ma anche come destinazione da scoprire sotto l’aspetto culturale, sportivo e legato al segmento Mice. “Il turismo rappresenta oltre il 18% del nostro Pil – aggiunge il direttore per l’Italia dell’ente del turismo croato, Branko Curic – e anche quest’anno proseguiremo sulla via della destagionalizzazione dell’offerta e della formazione dei nostri partner agenti di viaggio”. Durante la serata, la Slavonia, regione continentale della Croazia, ha proposto un’offerta che ha nella tradizione, dell’enogastronomia, nella natura e nella storia i suoi punti focali. E prima di una cena a base di prodotti tipici della Slavonia, definita “il segreto più bello della Croazia”, è stato estratto un biglietto premio offerto in collaborazione con Croatia Airlines.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 270777 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Questa sera saranno assegnati i tanto ambiti riconoscimenti al Traveller Made Gala Dinner a Deauville, nell’ambito di Essence of Luxury Travel® show. I partner del network dedicato al lusso riconosceranno il valore di hotel e dmc partners, che sono stati in gradi di produrre servizi di rango agli agenti associati e ai loro clienti. Allo stesso modo i partner di Traveller Made riconosceranno il valore dei Travel Designer per la loro capacità di interpretare ed eccellere nelle 5 “extra-ordinary expertises” che derivano dal luxury travel design e dalla capacità di forgiare e proporre un viaggio indimenticabile nel 2016. I premi vedranno nelle 5 categorie, dedicate ai Travel Designers,  ben sei italiani in lizza per la vittoria. Per il il più completo designer, votato dai partner DMC, con criteri di selezione, rigore, affidabilità, rispetto, capacità risolutiva,  Stefano Bajona presidente e fondatore di Onirikos, Milano. Per il travel disigner più creativo, votato dai partner DMC secondo criteri di immaginazione, conoscenza, curiosità, inventiva, ingegnosità e ispirazione due dei 5 finalisti sono itlaiani: Ico Inanç, managing director de Il Viaggio Journeys & Voyages, Milano e Roberto Pasqua di Bisceglie, ceo di Ruta 40. Per la categoria conoscenza del cliente, Aronne Frigerio, owner di Lariotour, Cernobbio è fra i cinque finalisti, come Chiara Zampogna owner di Dreams Team, Novara. Per la categoria designer più esperto, conoscenza dei fornitori, compare Andrea Mereghetti, owner di Dreams Team, Novara. [gallery ids="270903,270910,270905,270904,270900,270901"] [post_title] => Luxury Travel Industry Award, stasera a Deauville: sei italiani in lizza [post_date] => 2017-02-27T16:22:06+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1488212526000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 267903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Data decisa per lo sciopero di Alitalia: «Una prima azione di sciopero di quattro ore, dalle 14 alle 18, giovedì 23 febbraio per l'ostinazione dell'azienda a perseguire una condotta di chiusura». L'iniziativa è stata presa dai sindacati di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl TA, secondo cui «lo sciopero si conferma in questa fase l'unico strumento democratico per la tutela dei diritti dei lavoratori». [post_title] => Alitalia conferma lo sciopero di 4 ore per il 23 febbraio [post_date] => 2017-01-27T16:42:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1485535334000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 262589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Olimpiadi si sono chiuse da tempo e si può proprio dire che ormai i Giochi sono fatti. Per Rio la kermesse a cinque cerchi è stata sicuramente non solo un’importante vetrina mediatica ma anche una consistente fonte di appeal turistico. Almeno nell’immediato. Può essere tuttavia utile provare a confrontare tra loro gli effetti sul mercato alberghiero delle ultime Olimpiadi disputate. Si scopre così che, secondo una recente analisi Str, sono proprio gli hotel della città brasiliana ad aver beneficiato maggiormente dei Giochi, con un aumento dei ricavi medi per camera disponibile del 278,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Una percentuale impressionante e soprattutto sensibilmente superiore a quella registrata dagli alberghi delle città ospitanti le due edizioni precedenti: a Londra nel 2012 il revpar salì infatti del 44,4%, mentre a Pechino l’incremento fu del 184,2%. In entrambi i casi il dato meno positivo fu quello relativo all’occupazione, in calo nella capitale inglese e stagnante in quella cinese. Tuttavia, avverte l’area director per il Centro e Sud America di Str, Patricia Boo, le cifre su Rio vanno anche lette alla luce del livello di partenza piuttosto basso della destinazione: «La vera sfida sarà quindi nei prossimi anni, quando la città dovrà fare i conti con un’offerta di camere cresciuta di ben il 23% in un anno. Rio è un mercato molto differente e soprattutto meno stabile rispetto a quelli di Londra e Pechino. E bisogna pure ricordare che la città in riva al Tamigi, nell’anno successivo alla manifestazione a cinque cerchi, seppe attirare un 6% di domanda in più, approfittando proprio della visibilità ottenuta grazie ai Giochi». [post_title] => Olimpiadi: Rio batte Londra e Pechino in fatto di revpar [post_date] => 2016-11-22T12:26:55+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1479817615000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 260247 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un evento in stile “Country” dedicato alle agenzie di viaggio. Così Reimatours, in collaborazione con Global/Hertz e la scuola di line dance Go West ha incontrato ieri le agenzie di viaggio di Roma e dintorni e annunciato la nuova release del sito internet per l'inizio del 2017. «L'idea è nata dalla voglia di organizzare un evento piacevole, durante il quale presentare le novità per la prossima stagione e condividere la nostra passione per gli Usa con gli amici agenti – ha detto Franco Cesaretti, direttore generale Reimatours -. La cultura country non è solamente musica, ma anche stile di vita, amore per la natura e line dance, un ballo che ha origine in Texas. L'idea è stata quella di far vivere, divertendosi, una parte importante della cultura nordamericana, dove ballo e musica danno origine a molte tradizioni e sono lo spunto per viaggi originali alla scoperta del'America più autentica, nostra destinazione consolidata insieme al Canada. In un momento di continua trasformazione della mappa turistica mondiale, noi continuiamo a puntare sulle nostre mete storiche, su cui siamo specializzati da 27 anni. Ci rinnoviamo con proposte sempre diverse, stimolando i desideri dei viaggiatori che già conoscono il Nord America e hanno voglia di approfondirlo nei suoi aspetti più veri, com nuovi itinerari che dal prossimo anno saranno online sul nuovo sito internet, più accattivante e facile da utilizzare». Il nuovo sito avrà una nuova veste grafica e sarà maggiormente fruibile, con più contenuti multimediali, fotografie randomizzate, mappe dei percorsi interattive ed arricchite di informazioni, Inoltre, all’interno del sito ci sarà anche un motore di ricerca che guida il cliente alla scelta del programma di viaggio più adatto, secondo area di interesse, durata del viaggio e budget disponibile. I Paesi in programmazione si confermano Stati Uniti, Canada, Messico, Caraibi, Polinesia Francese ed Isole Fiji, in altre parole, le mete storiche dell'operatore romano. [gallery ids="260258,260259,260260,260261,260262,260263"] [post_title] => Reimatours incontra gli agenti di viaggio a suon di Country [post_date] => 2016-10-27T16:05:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1477584307000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti