21 April 2019

Visit Tuscia: Viterbo pronta al rilancio del sistema termale.

[ 0 ]

Da sinistra Alessandra Sensi, Antonio Castello, Vincenzo Peparello, Aurelio Crudeli, Umberto Fusco

Viterbo è decisa a rilanciare il suo antico sistema termale, per farne un nuovo forte attrattore in un sistema di offerta che integra paesaggio, cultura, buona tavola genuina, la bellezza degli antichi borghi e il fascino misterioso dell’Etruria. 
Ne hanno parlato uomini delle istituzioni, delle associazioni di settore e analisti in un panel riunito da Visit Tuscia, decima edizione della Borsa del Turismo e dell’Agroalimentare del viterbese, rassegna itinerante fortemente voluta da Vincenzo Peparello, presidente di Confesercenti Viterbo. 
Ad accogliere buyer e giornalisti, nel convegno moderato da Antonio Castello, sono venuti il sindaco di Viterbo Giovanni Arena, con gli assessori al termalismo Claudia Nunzi e alle politiche sociali Antonella Sberna; con il senatore Umberto Fusco, responsabile nazionale termalismo della Lega; il presidente nazionale di Federterme Aurelio Crudeli, e Stefano Landi di S.L & A, analista specializzato con una importante esperienza sul segmento termale. 
L’incontro ha definito i contorni di un sistema termale ricchissimo che nel raggio di circa 12 chilometri pullula di sorgenti, delle quali per ora solo due strutturate in impianti modernamente attrezzati: Le Terme dei Papi, struttura pubblica affidata da 25 anni alla gestione della famiglia Sensi, e le Terme Salus, di proprietà e gestione privata. 
Ma la nuova amministrazione in carica da maggio scorso, come ha spiegato il sindaco Arena con i suoi assessori, intende fare del termalismo il nuovo volano di crescita dell’economia della Tuscia: anzitutto con la riapertura delle ex Terme INPS, grande impianto chiuso da 25 anni – un advisor è già al lavoro sul progetto – e poi con la creazione di un percorso termale ‘lilla’ accessibile ai portatori di handicap, sfruttando presto altre sorgenti da mettere a regime.
Per tutto questo Viterbo conta sull’appoggio dichiarato del senatore Fusco, «anzitutto con la revisione della legge 303 «che ha 18 anni – ha detto – che è obsoleta, va rimodernata per affiancare i numerosi imprenditori che vogliono investire sul termalismo». 
Perché sta crescendo l’interesse «intorno al prodotto che può integrare nel modo più produttivo le sue due componenti – ha sottolineato Stefano Landi – quella terapeutica e quella preventiva, lanciata con successo dagli operatori del wellness». Come ad esempio nel caso virtuoso dell’Alto Adige, dove ora «si curano i sani, e la motivazione wellness cresce più di quella terapeutica. Perché richiama nuove fasce di consumatori sempre più giovani e anche le famiglie, un pubblico che oltre le terme esplora il territorio con le sue attrattive. Così che il visitatore per terapia a conti fatti lascia sul territorio una media di 6 euro al giorno, quello delle termalismo turistico circa 80 euro al giorno». 
Ma per coltivare il turismo termale, ha avvertito il presidente di Federterme Crudeli, sarà necessario affrontare nodi cruciali come il diffuso sfruttamento abusivo delle acque, e nel contempo aggiungere nei percorsi delle Università la formazione termalistica, «per sensibilizzare tutti i nuovi medici, ed evitare che continuino a prescrivere farmaci dove le terme sarebbero al contrario la terapia più efficace».



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Risultati positivi per il nono anno di seguito per il Gruppo Ferrovie dello Stato, che ha presentato oggi il bilancio 2016, in cui spicca un risultato netto record di 772 milioni di euro, il 66,4% rispetto al precedente. «Sono ormai nove anni che presentiamo un bilancio con risultati positivi e profitti - ha detto Gioia Ghezzi, presidente di Ferrovie dello Stato -. Quest'anno siamo contenti anche di aver restituito un buon dividendo all'azionista, 300 milioni, e di essere stati in grado di restituire molto all'Italia. Tra le cifre davvero notevoli, quella che preme di più è il valore economico distribuito, pari a 6,83 miliardi di euro, che dà il senso di come tutta l'attività che facciamo restituisca al paese in termini di valore aggiunto. Siamo consapevoli che c'è ancora molto da fare e delle sfide che il piano industriale ci chiede di affrontare, però siamo anche orgogliosi dei miglioramenti e dei risultati che si cominciano a vedere in termini di investimenti in servizi, treni e infrastrutture per i cittadini, e gli indicatori ci dicono che siamo nella giusta direzione, con una customer satisfaction cresciuta del 3,5%». Nel dettaglio, il bilancio 2016 presenta un ebitda di 2,3 miliardi di euro e un ebit a 892 milioni, il +38,5% dell'anno scorso. Ferrovie dello Stato si è anche confermata il primo Gruppo in Italia per investimenti, con 6 miliardi investiti. «Sfioriamo i 9 miliardi di fatturato e siamo particolarmente contenti di contribuire a delle risorse, che poi tornano sempre tutte in infrastrutture - ha detto Renato Mazzoncini, ad Ferrovie dello Stato -. I ricavi dal trasporto sono cresciuti relativamente poco, ma ricordiamo che il 2015 è stato un anno straordinario per Expo. I ricavi per l'infrastruttura sono cresciuti perché sono aumentati i treni che circolano. Continuiamo ad investire anche sui mercati internazionali. Il nostro riferimento geografico è l'Europa: siamo il primo gruppo ferroviario in Italia, primo in Grecia, secondo in Germania e presenti in Francia e Uk. Stiamo partecipando ad altre gare nel Regno Unito e in Olanda e a livello intercontinentale in California». [post_title] => Ferrovie dello Stato chiude il 2016 con utili record [post_date] => 2017-04-21T16:04:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492790653000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276232 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Criand consolida la programmazione su Cuba e lancia la Tunisia. «Alla fine del 2016 abbiamo aperto un nostro ufficio a L'Avana - spiega il sales & marketing director, Danilo Gorla - per assistere direttamente sul posto - e in lingua italiana - la nostra clientela. Cuba resta il nostro core business, in grado di produrre circa il 70-80% dell'intero fatturato». Anche il Brasile è per Criand una meta di spicco: «Grazie al volo Meridiana Milano - Recife - Fortaleza, miriamo a raggiungere buoni risultati. Fra gli obiettivi il rilancio di Natal che, malgrado non sia collegata da un volo diretto, può essere raggiunta da Recife in meno di tre ore». L'America Latina firmata Criand si compone anche di Panama, new entry 2017 e Colombia, destinazione ideale per mare e tour. «Un altro fronte importante è quello relativo all'oceano Indiano, con programmi alle Maldive, Mauritius, Seychelles, Zanzibar e Madagascar. Bene in particolare le Maldive e il Madagascar, dove secondo quanto dichiarato dalle autorità locali siamo il terzo tour operator italiano per importanza. La nostra filosofia prevede di selezionare poche strutture garantendo elevati standard di qualità». L'estate 2017 vede poi il lancio di Djerba, in Tunisia, con quattro strutture dalle 3 alle 5 stelle e un volo diretto Tunisair in programma da Milano Malpensa dal 12 giugno all'11 settembre. «Nel 2016 - conclude Gorla - abbiamo registrato un incremento di fatturato del 12% e di clienti dell'8%. Quest'anno, anche alla luce del potenziamento dell'offerta, miriamo a un +12-14% di clientela e a un +8-10% di fatturato». In maggio sarà pronto anche il sistema online che consentirà agli adv la prenotazione di voli e pacchetti in tempo reale. [post_title] => Criand lancia la programmazione su Djerba [post_date] => 2017-04-21T11:33:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492774389000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276221 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet rilancia la crescita a Napoli dove, nel 2016, ha trasportato 2,3 milioni di passeggeri, in crescita del 16% rispetto all’anno precedente. In totale sono stati più di 17 milioni i viaggiatori che dal 2000, anno in cui easyJet ha iniziato ad operare nel capoluogo campano, hanno scelto easyJet da e per Napoli; un trend positivo che dal 2010 ha visto raddoppiare i passeggeri del vettore a Capodichino. Nel 2017 easyJet continua a credere e puntare su Napoli con un investimento in crescita del 17%, che porta a 2,8 milioni il totale dei posti offerti dalla base campana, e si conferma la prima compagnia per dimensione di investimento e quindi di scelta dei passeggeri in città. Con l’arrivo del quinto aeromobile basato e 8 nuove destinazioni salgono a 36 i collegamenti easyJet nazionali e internazionali con 14 paesi in Europa a disposizione dei passeggeri campani. «Da anni easyJet crede e investe nella città - dichiara Frances Ouseley, direttore di easyJet per l’Italia -. Sono lieta che questo impegno riscuota apprezzamento da parte dei cittadini campani che anno dopo anno ci scelgono sempre più numerosi. Sono anche molto soddisfatta del ruolo strategico e funzionale che easyJet riveste nello sviluppo turistico di Napoli, settore trainante per l’economia italiana, in particolare per le regioni del Sud per le quali è fondamentale intercettare i flussi turistici provenienti dall’estero e dall’Italia. Bene anche le iniziative che le istituzioni e gli attori locali che sostengono il turismo stanno predisponendo perché sarà sempre più fondamentale fare sistema per rilanciare la crescita a beneficio del territorio e dei cittadini. Noi come easyJet continueremo a fare la nostra parte». [post_title] => EasyJet avanza su Napoli: +16% i passeggeri del 2016 [post_date] => 2017-04-21T10:17:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492769856000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti