21 June 2018

Toscana, a Lucca il 56° Congresso di Euhofa sull’universo dell’hotellerie

[ 0 ]

Far crescere la cultura dell’accoglienza e della capacità di saper trasferire a visitatori ed ospiti le emozioni del territorio. Allargare il proprio punto di vista guardando alle esperienze dei big del sistema formativo dedicato al settore che operano a livello internazionale. Saranno questi ed altri gli spunti al centro del 56esimo congresso di Euhofa, il più importante appuntamento annuale sull’universo hotellerie che dopo 10 anni fa il suo ritorno in Italia, a Lucca. L’evento, che è organizzato dalla Fondazione Campus, si terrà dall’8 al 12 novembre prossimi. «Ancora Lucca – spiega Stefano Ciuoffo, assessore al turismo della Toscana – con un’altra occasione per aumentare ulteriormente il proprio prestigio internazionale, insieme a quello di tutta la regione, dopo tutti gli eventi che negli ultimi tempi l’hanno vista vera e propria protagonista. L’evento rappresenta un momento di riflessione e approfondimento che ci permetterà di entrare a fondo nelle politiche attive per il turismo, non limitandosi a trattare i soliti temi della valorizzazione e promozione, ma affrontando uno dei tasselli fondamentali del grande progetto del rafforzamento del settore turistico toscano: la formazione e la sua qualità. Possiamo avere a disposizione il miglior prodotto del mondo ma è indispensabile apprendere come proporlo, valorizzarlo e soprattutto venderlo».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276273 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Due miliardi di aumento di capitale a disposizione di Alitalia da parte di tutti i soci, forte discontinuità manageriale rispetto al recente passato, con l'arrivo di un manager italiano di valore al comando, nuove rotte e nuovi aerei. Questi sono gli impegni degli azionisti italiani e di Abu Dhabi in Alitalia». Sono le parole di Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Alitalia, riportate oggi da l'Ansa, mentre era in partenza dall'aeroporto di Abu Dhabi diretto a Roma in merito alla consultazione tra i lavoratori della compagnia aerea sul pre-accordo raggiunto a Palazzo Chigi. «Il no al referendum significa assumersi la responsabilità di mettere l'azienda in liquidazione» ha sentenziato Montezemolo. [post_title] => Montezemolo sul referendum Alitalia: «Il no equivale alla liquidazione» [post_date] => 2017-04-21T14:32:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492785173000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276259 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_276261" align="alignright" width="300"] Luca Buonpensiere[/caption] Uno dei maggiori asset di Glamour è il settore tour operating, ma la sezione consolidatore di biglietteria aerea è la parte preminente. Ne parla il titolare Luca Buonpensiere, incontrato in una destinazione esotica dove si trova per testare un nuovo prodotto da mettere in catalogo. «Facciamo il consolidatore di biglietteria aerea ormai da 20 anni - spiega - e oggi più che mai si tratta di un segmento interessante. Non si tratto solo di rivendere biglietteria ad adv non dotate di piastrina o che non si possono permettere fidejussioni, bsp e quat’altro. Oggi si deve vedere la cosa ad ampio spettro». Un sorta di "consolidatore 2.0"? «Il nostro lavoro, che nel complesso muove un fatturato di 30 milioni di euro, oggi deve fornire una piattaforma di servizi alla agenzia, dal biglietto, alla postazione gds più appropriata, alla facilitazione del rapporto con una carta di credito per la biglietteria. Così facendo formiamo un servizio molto più ampio e apprezzabile. Poi vi sono le operazioni mirate, con la possibilità di utilizzare un ampio range di tariffe: corporate, business, flat, bulk, to, o anche per fattispecie particolari con flussi di traffico con biglietti originanti fuori Italia». Glamour lavora principalmente con le compagnie aeree mediorientali e con quelle di Star Alliance. [post_title] => Glamour: non solo tour operator [post_date] => 2017-04-21T14:20:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492784424000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276260 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => South African Airways, rappresentata in Italia da Aviareps, ha ottenuto per il quindicesimo anno consecutivo un ranking 4 stelle, sia in Economy sia in Business Class. Il ranking è stilato dagli esperti di aviazione di Skytrax, il cui nome è associato in tutto il mondo a qualità ed eccellenza nel settore dell’industria aerea, per i suoi approfonditi controlli degli standard di prodotto e servizio delle compagnie aeree. Nel ranking Skytrax è stato incluso il nuovo Airbus A330-300. La classificazione di 4 stelle significa che la compagnia aerea offre un buono standard di prodotto e di servizio in tutte le categorie di viaggio, tra cui posti a sedere, standard di sicurezza, pulizia della cabina, comfort e servizi, catering, offerte tax-free, materiali di lettura, intrattenimento di bordo e servizio dello staff. South African Airways, membro di Star Alliance, serve 56 destinazioni in Sudafrica e nel continente africano (in partnership con SA Express, SA Airlink e il suo vettore low cost Mango) e nove rotte intercontinentali collegate dal suo hub di Johannesburg. Di recente ha incrementato le frequenze verso Victoria Falls e rinnovato il code share con Ethiopian Airlines. [post_title] => South African Airways riconferma le quattro stelle Skytrax [post_date] => 2017-04-21T14:03:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492783413000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_275994" align="alignleft" width="300"] Jean Claude Ghiotti, presidente e ad di B&B Hotels Italia[/caption] Sono salite a 25, con l’acquisizione di Trento, le strutture in Italia gestite direttamente da B&B Hotels, il gruppo francese di proprietà al 95% del private equity fund Pai Partners. Jean Claude Ghiotti, presidente e ad di B&B Hotels Italia, spiega: «Siamo un gruppo in espansione e ci vogliamo posizionare su un segmento dedicato a quella clientela che preferisce un servizio senza fronzoli, pragmatico e comunque personalizzato. Siamo in Italia da sette anni, ma vogliamo crescere con un ritmo tale da farci arrivare a 50 strutture entro il 2020». B&B Hotels è presente in Triveneto, Emilia-Romagna, Lazio, Abruzzo, Campania, Lombardia, Piemonte e Toscana, e ha un costo medio camera di 58 euro, iva compresa, tutti i servizi inclusi, tranne la colazione (7,20 euro, prodotti di alta gamma) ma con wi-fi a 100 mega e Sky, il che garantisce un’ottima redeem da parte degli ospiti, che hanno attribuito alla catena un voto medio di “8” su tutti i portali di comparazione e ranking alberghiero. Il fatturato Italia, terzo mercato dopo Francia e Germania, è di 35 milioni di euro, con 2.400 camere, 600.000 notti e un incremento del 6% sul 2015, con un tasso di occupazione medio del 70,7%. «Un punto importante è che ci sono pochissimi hotel in franchising, forse il 10%, perché per noi è importante l’omogeneità del modello di business, che tale deve rimanere». [post_title] => B&B Hotels Italia: 25 strutture oggi, 50 previste per il 2020 [post_date] => 2017-04-21T09:03:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492765416000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276101 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_276102" align="alignleft" width="300"] Davide Rosi[/caption] Si allarga il novero di partner di TrustForce. La squadra di venditori in out source, creata da Gian Paolo Vairo, dà infatti il benvenuto a Travelgood, piattaforma del Gruppo Ventura che ha scelto i servizi di TrustForce negli scorsi giorni.  «L'obiettivo di TrustForce è di portare in agenzia prodotti, servizi e strumenti in grado di migliorare lavoro e i ricavi degli agenti di viaggio – afferma Gian Paolo Vairo, Founder & Ceo TrustForce –. La piattaforma Travelgood rispetta perfettamente questo scopo, grazie alla sua completezza e semplicità di utilizzo. Inoltre si contraddistingue per qualità tecnologica e questo garantisce un costante aggiornamento dei servizi in base alle esigenze che riscontriamo su mercato. Siamo molto soddisfatti di quest’accordo, perché con Travelgood possiamo distribuire un prodotto che, oltre ad arricchire il portfolio TrustForce, ci permette di portare innovazione alle agenzie che visitiamo». Per Travelgood l’idea di outsourcing ha solo evidenti vantaggi, anche in virtù del proprio segmento di business che è davvero specifico: suite di motori per la prenotazione di servizi, emissione di biglietteria, pacchetti multi gds e consulenza per l’analisi racchiusi in diversi livelli di offerta commerciale. «Per fare di una buona idea, un’idea convincente servono le persone giuste - dichiara Davide Rosi, managing director di Travelgood –. L’intuizione di Gian Paolo è arrivata senza dubbio nel momento di mercato giusto e ci ha trovati ben ricettivi nei confronti di un’innovazione che in altri settori è prassi. Da parte nostra, distribuiamo servizi alle agenzie di viaggio esattamente dal 1977 e per pensare che qualcun altro possa fare come noi, o addirittura – come speriamo – meglio di noi, nel nostro business, vogliamo avere a che fare con interlocutori di spessore». [post_title] => Travelgood sceglie TrustForce: cresce la squadra di partner [post_date] => 2017-04-20T10:28:56+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492684136000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276093 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Alitalia ce la può fare», migliorando l'accordo raggiunto per il quale «non vedo alternative». Ma serve una «forte discontinuità» a partire dal management: così il presidente designato della compagnia Luigi Gubitosi in un'intervista al Messaggero.«Se il referendum sul pre-accordo siglato tra azienda e sindacati nei giorni scorsi vedrà prevalere il sì vi sarà un aumento di capitale di circa 2 miliardi, di cui oltre 900 di nuova finanza per far ripartire la compagnia e assumerò i pieni poteri. Non voglio pensare all'alternativa. E poi aggiungo che la cura giusta, già sollecitata dal presidente uscente Luca Cordero di Montezemolo che si è molto impegnato su questo fronte, richiede forte discontinuità per cambiare rotta». L'alternativa all'accordo, secondo Gubitosi «non c'è, non esiste. O meglio c'è: un accompagnamento verso la liquidazione dell'azienda, il fallimento». Per il rilancio della compagnia «bisogna accelerare con l'apertura di nuove rotte a lungo raggio e con l'arrivo di nuovi aerei per servirle». Necessario anche un intervento sul management. Se da una parte «nei quadri intermedi e tecnici ho trovato grande competenza e attaccamento all'azienda e incontrato piloti e assistenti di volo di grandissima competenza, per quanto riguarda il top management ci sono luci e ombre». Alla domanda se siano in arrivo sostituzioni, Gubitosi risponde «penso proprio di sì. E' normale che ci possano essere degli avvicendamenti, bisogna aspettarsi una forte discontinuità». Intanto, i dipendenti chiamati a decidere sul pre-accordo da questa mattina si stanno recando alle urne aperte a Fiumicino, Linate e Malpensa. Al termine della consultazione, nella notte di domenica, ci sarà una conta dei voti, senza quorum. [post_title] => Gubitosi: «Alitalia ce la può fare. Ma serve forte discontinuità» [post_date] => 2017-04-20T09:40:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492681249000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275934 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è concluso dopo mesi di trattativa il passaggio di proprietà di Boscolo Hotels: la nuova proprietà è il fondo statunitense Varde. Come precisa oggi Milano Finanza, si tratta dello stesso soggetto che lo scorso anno aveva rilevato l’intero ammontare del credito maturato nei confronti della catena italiana dal consorzio bancario composto da 13 banche, pari a 310 milioni di euro. La famiglia Boscolo non parteciperà alla gestione delle strutture. [post_title] => Boscolo Hotels cambia proprietà: arriva il fondo Varde [post_date] => 2017-04-18T15:41:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492530116000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275800 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines rilancia da Milano Malpensa: dal prossimo 7 maggio la compagnia inizierà ad operare due nuovi voli non-stop da Malpensa per Addis Abeba, che si aggiungeranno agli altri tre voli già operativi dallo scalo lombardo con stop tecnico a Fiumicino. I voli non-stop da Roma Fiumicino verso Addis Abeba restano giornalieri. I collegamenti voli non-stop saranno operati con aeromobili Boeing 787 Dreamliner, configurati in classe economy e Cloud-Nine-Business.  Ethiopian Airlines, membro di Star Alliance, vola su Addis Abeba con coincidenze immediate verso 56 destinazioni in Africa, tra cui Antananarivo, Cape Town, Comoros, Durban, Johannesburg, Kilimanjaro, Mombasa, Nairobi, Seychelles, Victoria Falls, Windhoek e Zanzibar. [post_title] => Ethiopian Airlines: volo non-stop da Malpensa ad Addis Abeba [post_date] => 2017-04-14T10:42:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492166547000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275798 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Transavia inaugura oggi il nuovo collegamento da Pisa per Rotterdam/L’Aia. Il volo sarà operato quattro volte a settimana (martedì, venerdì, sabato e domenica) con tariffe a partire da 29 euro a tratta, tasse e spese incluse. Da Pisa, Transavia opera inoltre già per Amsterdam un collegamento di linea su base annua fino a 9 frequenze settimanali. «Nell’ultimo mese, in Transavia, abbiamo lavorato duramente per rafforzare ed espandere la nostra presenza a Rotterdam - sottolinea Anita Sunter, portavoce di Transavia - Rotterdam è la seconda città dei Paesi Bassi dopo Amsterdam in termini di popolazione, mentre L'Aia è la sede del governo olandese. Inoltre l’aeroporto di Rotterdam/L’Aia, come bacino di utenza, serve la parte meridionale dei Paesi Bassi, che lo rende un mercato in uscita interessante quando si tratta di raggiungere altre destinazioni in Europa, come, ad esempio, la splendida regione Toscana servita da Toscana Aeroporti. Viceversa, gli italiani che voleranno da Pisa avranno a disposizione un’ulteriore connessione per i Paesi Bassi, per viaggi di turismo o di lavoro». «Aggiungere una nuova destinazione aeroportuale - aggiunge Marco Carrai, presidente di Toscana Aeroporti - significa creare nuove opportunità di turismo e di lavoro in entrata e in uscita: è questa la più importante soddisfazione che premia il nostro lavoro quotidiano». Il collegamento è parte della nuova espansione Transavia all’aeroporto di Rotterdam, da dove la compagnia ha annunciato il lancio di cinque nuove destinazioni. L’aggiunta porta a 22 il totale delle mete servite dal vettore dall’aeroporto di Rotterdam/L’Aia. Allo scopo di servire le nuove destinazioni, come Pisa, Transavia ha stazionato un sesto Boeing 737 nella sua base di Rotterdam. Transavia offre già la rotta da Roma Fiumicino per Rotterdam, e ha iniziato a volare da Venezia a Rotterdam lo scorso 6 aprile 2017. [post_title] => Transavia apre oggi la rotta Pisa Rotterdam/L'Aia [post_date] => 2017-04-14T10:37:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492166269000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti