23 February 2018

Toscana, itinerari nuovi per catturare millennials e second comers

[ 0 ]

La Toscana cambia passo e punta su Millennials e Second  Comers, scommettendo sul fascino contemporaneo del suo patrimonio artistico e culturale e sugli angoli inesplorati di un territorio che è necessario visitare più volte. Un approccio alla promozione turistica completamente nuovo, quello che è stato illustrato dal direttore di Toscana Promozione Turistica, Alberto Peruzzini alla BIT di Milano. «Quella che lanciamo  da Milano – ha aggiunto Peruzzini – è una Toscana che lavora per tracciare nuovi itinerari, che si rivolge alle nuove generazioni di viaggiatori e a coloro che hanno già visitato il nostro territorio e desiderano tornarci. Il nostro obiettivo è arrivare ad avere un segmento turistico per ogni motivazione di viaggio. Creando una narrazione e un’offerta sempre più orientata alla dimensione emozionale e esperienziale».  «Per il futuro – ha spiegato il direttore di Toscana Promozione Turistica – l’attenzione è rivolta a al Turismo Slow e al Turismo Avventura per rispondere ad un trend crescente di domanda che sceglie di trascorrere le vacanze nell’anima verde della nostra regione; un maggior stile esplorativo dei clienti che si concretizza in ricerca di “esperienze” ed è mosso da una maggior motivazione culturale, dove con “cultura” di intende anche la scoperta di un’identità, tradizioni locali, riti e storia di piccole realtà rurali».  La Toscana è una delle regioni più visitate in Italia ed in Europa: 25 milioni di turisti nel 2017, con l’obiettivo di investire anche sul mercato cinese e giapponese, oltre che sui mercati di riferimento.




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti