24 April 2019

Sardegna, il paesaggio come risorsa turistica ed economica per tutta l’isola

[ 0 ]

«Stiamo finalmente facendo un grande passo avanti, dalla tutela passiamo alla messa a valore del paesaggio: se rispettato e regolato, il paesaggio è una risorsa economica straordinaria per i territori costieri e interni della Sardegna»: lo ha detto Barbara Argiolas, assessore regionale del turismo della Sardegna, in occasione della tavola rotonda “La valorizzazione del paesaggio (anche costiero) attraverso le nuove direttive tecniche regionali in materia di sentieri (ciclo)escursionistici e ippovie”, organizzata dall’agenzia Forestas nell’ambito delle iniziative ospitate dal Turisport 2018. La Res, istituita formalmente con la legge regionale 16 del luglio 2017, nasce con circa 1000 km di percorsi censiti e due obiettivi: accatastare nei prossimi anni all’interno del sistema “sira” dell’assessorato della Difesa dell’Ambiente i 4000 km stimati di sentieri esistenti e includere nella rete tutti gli attrattori archeologici, culturali, ambientali presenti sul territorio regionale.

Inoltre, grazie al progetto “intense” cofinanziato dal programma interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020, si arricchirà la res connettendola al circuito della vie del cicloturismo su strada grazie ai cosiddetti “hub ciclo-escursionistici”, punti di contatto tra le ciclovie ed i sentieri escursionistici.  «Oltre alla nascita della RES – ha spiegato Argiolas – abbiamo progetti importanti sulle ciclovie, sul circuito dei giardini storici, sui borghi, sui cammini minerari e gli itinerari religiosi, oppure legati al turismo enogastronomico, coi quali vogliamo creare nuove stagionalità che amplino il richiamo turistico della destinazione Sardegna oltre i mesi estivi e generino sviluppo col ruolo fondamentale delle imprese, il coinvolgimento attivo delle comunità e la valorizzazione delle loro peculiarità».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti