22 January 2018

Rinnovato il contratto nazionale dei dirigenti d’albergo

[ 0 ]

hotelE’ stato rinnovato il contratto nazionale dirigenti alberghi, siglato ieri da Manageritalia e Federalberghi: «Con questo rinnovo – ha detto Guido Carella, presidente Manageritalia – diamo al settore, anche grazie alla lungimiranza di Federalberghi, uno strumento indispensabile all’aumento di competitività. Da oggi sarà infatti più facile motivare e trattenere il management alberghiero nominando dirigenti direttori o altri manager presenti in azienda. Ma soprattutto, le tante strutture ancora a gestite dall’imprenditore e da suoi familiari potranno più agevolmente attrarre bravi manager dell’hotellerie per fare il salto di qualità manageriale che serve per stare in modo vincente sul mercato e crescere». Il contratto prevede un rafforzamento delle politiche attive con un voucher di 5 mila euro da utilizzare per servizi di ricollocazione presso società convenzionate o come consulenza per l’avvio di attività imprenditoriali e una riduzione di quelle passive, agendo sui termini di preavviso del licenziamento e sulle indennità risarcitorie per il licenziamento ingiustificato; un aumento retributivo di 300 euro lordi (2017/2018), un incremento del valore del vitto e dell’alloggio di 50 euro lordi e della previdenza complementare Mario Negri di circa 400 euro (2015/2018); un aumento delle tutele previste in caso di malattie gravi e una diminuzione per quelle che lo sono meno; un articolo denominato “Produttività e benessere” per promuovere e sostenere azioni volte a favorire le buone pratiche di age management e di welfare aziendale. Poi una forte novità per la competitività del settore: agevolazioni contributive per tre anni sul welfare contrattuale per attrarre o trattenere manager nelle imprese alberghiere e favorire la nomina e presenza di dirigenti anche in quelle prive di un valido management esterno alla famiglia dell’imprenditore. L’accordo decorre dal 1° gennaio 2015, salvo quanto previsto da singole norme, ed ha scadenza il 31 dicembre 2018.




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti