6 August 2020

L’Enac ha subito un attacco informatico. Nessun dato sottratto

[ 0 ]

Da venerdì 10 luglio l’Enac, ha subito un attacco di pirateria informatica che ha reso inaccessibili alcune informazioni contenute nei sistemi dell’ente.

Sulla base di quanto emerso nel corso delle attività di ripristino avviate dall’Ente nell’immediato, non sono stati sottratti dati. I dati contenuti nel sistemi informatici dell’Ente sono, in ogni caso, salvaguardati in un sistema di backup.

L’Enac ha già presentato una denuncia alla Procura della Repubblica e al Centro nazionale anticrimine informatico per la Protezione delle infrastrutture critiche e ha tempestivamente messo in atto tutti gli interventi tecnici necessari a ripristinare, nel minor tempo possibile, la piena operatività dei sistemi e delle infrastrutture informatiche dell’Ente.

Si precisa che l’Enac non conserva dati personali dei passeggeri che utilizzano il trasporto aereo, ma ha esclusivamente dati di traffico complessivi, relativi al numero dei passeggeri che transitano negli aeroporti nazionali.

Si evidenzia, inoltre, che il sistema di gestione della documentazione classificata Nato-Ueo gira su un sistema separato che non è in rete e non è stato oggetto di attacco. Non ci sono conseguenze nemmeno per l’operatività degli aeroporti che l’Ente ha in gestione diretta.

L’ente, in contatto con le autorità di riferimento per gli attacchi di pirateria informatica, sta continuando le azioni di ripristino per garantire al più presto la ripresa dello svolgimento del servizio pubblico reso attraverso le attività proprie dell’Ente e dei suoi dipendenti




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353867 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => #dimmiperché. È questo l’hashtag scelto da Uvet Personal Travel Specialist per la sua nuova campagna social che partirà su Facebook dal 3 giugno. Saranno direttamente i Personal travel specialist, attraverso dei brevi video informativi, a condurre la campagna di “social reality”. I Personal travel specialist sono cento professionisti presenti su tutto il territorio nazionale che offrono un servizio e un’assistenza di vendita personalizzata per viaggi e vacanze leisure. Ogni Personal travel specialist racconterà in una breve clip quali sono i “Tre buoni motivi” per scegliere di acquistare viaggi e vacanze con questo tipo di servizio evidenziando quello che i loro clienti hanno indicato e percepito come un vero valore distintivo. «Si tratta di una positiva e semplice operazione di storytelling animato - ha detto Glauco Auteri, responsabile Personal travel specialist -. Un live realizzato da persone che fanno questo lavoro e raccontano cose vere. Gli utenti di Facebook dimostrano sempre di apprezzare molto questo genere di contenuti. Un certo tipo di animazione sui social produce sempre dati positivi in termini di visibilità. I Personal Travel Specialist così diventano protagonisti e si lavora per un interessante obiettivo di ‘client engagement’». [post_title] => Uvet lancia #dimmiperché, la campagna social per i Personal travel specialist [post_date] => 2019-05-31T10:20:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => glauco-auteri [1] => personal-tarvel-specialist [2] => uvet ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Glauco Auteri [1] => Personal tarvel specialist [2] => Uvet ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559298055000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353438 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un pool di cinque istituti di credito, guidato da Ubi Banca, ha messo a punto un’operazione di finanza strutturata per supportare il piano di investimenti di Aeroporti di Puglia mirato alla crescita del traffico aereo, agli investimenti sulle infrastrutture e all’accesso a nuove rotte internazionali. «Con Il finanziamento per il quale firmiamo il relativo contratto – dichiara Tiziano Onesti, presidente di Aeroporti di Puglia – creiamo le condizioni per rafforzare la situazione patrimoniale aziendale orientata al raggiungimento degli obiettivi di lungo periodo definiti dal nostro piano strategico. Parliamo di investimenti in infrastrutture, organizzazione interna e sviluppo del network che consentiranno di rendere gli scali pugliesi generatori di ricchezza per il territorio più ancora di quanto già non lo siano. Ma, a nostro avviso,  vi è un aspetto ancor più importante da sottolineare: la decisione di Aeroporti di Puglia di acquisire una propria autonomia finanziaria ha comportato la necessità di confrontarsi sul mercato e di verificare il proprio livello di credibilità, affidabilità e valore reputazionale». ll finanziamento, di durata 12 anni, ha lo scopo di supportare il piano di investimenti previsto nel contratto di programma di AdP con Enac 2019-2022 (di circa 101 milioni) e di sostenere lo sviluppo di nuove rotte. AdP ha adottato il piano strategico con orizzonte 2028 ridisegnando le strategie di sviluppo per garantire ulteriori margini di crescita e valorizzare il brand “Puglia” attraverso la qualità delle infrastrutture, l’attrazione dei passeggeri e l’interesse dei vettori a sviluppare traffico aereo a beneficio dei cittadini e delle imprese. Il raggiungimento dell’obiettivo al 2028 di circa 11 milioni di passeggeri sugli scali pugliesi, consentirà un utilizzo ottimale della capacità ricettiva delle infrastrutture aeroportuali pugliesi che già dispongono delle potenzialità necessarie a soddisfare l’ulteriore domanda.     [post_title] => Aeroporti di Puglia: 60 milioni da un pool di banche per lo sviluppo degli scali [post_date] => 2019-05-28T08:53:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559033634000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353149 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Affaire Atlantide. Appaiono sempre meno chiari i contorni della vicenda relativa all'acquisizione (vera o presunta?) del ramo d'azienda de I Viaggi di Atlantide da parte di Arkus. Dopo un primo annuncio dato per certo dal network Arkus, durante la scorsa edizione della Bmt, sono seguiti una serie di prese di posizioni e passi indietro delle realtà coinvolte nella vicenda. Dalla nota di Enac che annuncia di aver ricevuto ricevuto da parte di Neos una comunicazione relativa alla decisione della compagnia di non proseguire i servizi charter per Partours, al contrattacco di Arkus fino alla recente posizione di Aiav secondo la quale I Viaggi di Atlantide avrebbe operato senza copertura assicurativa. Tanto è stato detto fino ad oggi che il to di Brescia ha deciso di mette nero su bianco, chiarendo la propria versione sui fatti: «Il tour operator bresciano ha, fino ad oggi, onorato tutti i propri impegni verso le agenzie e verso i clienti garantendo agli stessi tutte le partenze charter previste fino alla metà di maggio e, allo stesso modo, per i principi sopra enunciati, per le prenotazioni relative ai viaggi su misura – circa 40 -  sta provvedendo a garantire i servizi coperti dagli acconti versati dalle agenzie e a rimborsare invece le agenzie che hanno versato gli acconti ma alle quali non sono stati, ad esempio, emessi i biglietti aerei. Al di là di ogni dietrologia, questa decisione è maturata a seguito di una situazione di immobilità operativa, dovuta ad inadempienze non certo imputabili a I Viaggi di Altantide ma semmai a chi, tuttora utilizza a seconda dei propri vantaggi, il nome dello stesso come di sua proprietà laddove faccia comodo – leggasi conferenza stampa del 09 Maggio relativa alla presentazione dell’acquisto di un noto club calcistico ndr – mentre si distacca da situazioni più meramente operative. Si riconferma, per correttezza di informazioni, che non è stato formalizzato alcun atto finale di acquisizione di ramo di azienda, ma il preliminare sottoscritto è vincolante con efficacia operativa a partire dai primi giorni di aprile, tanto più che Partours, contrariamente a quanto dichiaro, ha emesso estratti conto recanti la propria ragione sociale ed ha incassato dei pagamenti da parte di alcune agenzie di viaggio. Cosi come risulta siano stati siglati dei contratti con alcune strutture alberghiere. Allo stesso modo, va chiarito che la sospensione dei voli a Partours è derivata dal fatto che la compagnia aerea Neos aveva sottoscritto con Partours il contratto charter per i voli di aprile e maggio e le obbligazioni in esso previste non sono state onorate dalla medesima società e non certo da I Viaggi di Atlantide. Il quale ha, piuttosto, dovuto garantire le partenze stesse alla compagnia che, a quanto risulta, non ha mai in alcuna sede dichiarato che la sospensione dei voli fosse dovuta ad inadempienze di Viaggi di Atlantide, anche perché non avrebbe potuto farlo, bensì sono dichiarazioni di terzi e/o interpretazioni degli organi di stampa i quali, sulla base di “fonti di mercato” non meglio precisate, sono unilateralmente giunti a quella conclusione. Il comparto del turismo che, potrebbe in un futuro non lontano perdere I Viaggi di Atlantide, dovrebbe, in determinati segmenti, forse essere rivisto e ridisegnato se oggi si assiste ad una messa alla gogna di un Tour Operator che nel corso di tutta la sua attività (oltre ad aver portato qualche novità in termini di prodotto e di approccio al mercato) ha svolto il proprio lavoro nel pieno rispetto delle regole vigenti ma, soprattutto, con correttezza, serietà e dedizione, valori che negli anni hanno soddisfatto migliaia di agenzie di viaggio e centinaia di migliaia di clienti.. In merito a quanto dichiarato dal sig. Avataneo, a capo dell’associazione degli agenti di viaggio, che l’azienda aveva già avuto occasione di incrociare qualche anno fa, si precisa che, come accaduto in quell’occasione, lo stesso avrebbe potuto senza alcun problema prendere contatto con i vertici di Viaggi di Atlantide e gli stessi sarebbero stati più che disponibili a fornire ogni qualsivoglia informazione e, apprese le stesse – tutte quante supportate da relative documentazione – avrebbe sicuramente capito e compreso la situazione in maniera adeguata, probabilmente rivedendo alcune considerazioni". [post_title] => Arkus: la versione di Atlantide [post_date] => 2019-05-24T11:31:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558697468000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352692 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si rinnova la collaborazione tra Albatravel e il parco divertimenti più famoso d’Europa, di cui il gruppo è partner ufficiale in Italia, con il lancio di un progetto speciale volto a selezionare le migliori agenzie per la promozione delle offerte e dei pacchetti Albatravel dedicati a Disneyland Paris completamente personalizzabili. Sono 50 le agenzie scelte in tutta Italia, sulla base di criteri quali potenzialità e risultati sul prodotto Disneyland Paris, che riceveranno entro la fine del mese del materiale promozionale esclusivo. Il kit permetterà loro di allestire un corner dedicato all’interno della propria agenzia con materiale informativo e gadget a misura di bambino. «Il progetto ha lo scopo di consolidare la partnership con Disneyland Paris - commenta Luca Riminucci, direttore vendite Albatravel – Whl -  incentivando l’acquisto di biglietti di ingresso e fornendo un ulteriore validissimo supporto alle vendite degli agenti di viaggio. Quella con Disneyland Paris è una collaborazione sempre più importante grazie ai numeri che stiamo sviluppando: nel 2018 abbiamo chiuso con un +80% sulla destinazione e il 2019 sta già registrando ottimi risultati. Quella a Disneyland Paris è una vacanza personalizzabile in base alle proprie esigenze: i viaggiatori italiani possono infatti prenotarla come unica destinazione oppure combinarla a una visita a Parigi. In questo senso Albatravel è un partner strategico, e il progetto non solo promuove il prodotto, ma mira anche a rafforzare il legame sempre più forte tra le due destinazioni».   [post_title] => Albatravel seleziona le 50 adv migliori per l'offerta Disneyland Paris [post_date] => 2019-05-21T13:02:28+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558443748000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352005 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Assoporti, l’associazione che riunisce tutte le Autorità di Sistema Portuali italiane ha lanciato quest’anno un’iniziativa comune che ha come scopo quello di avvicinare le comunità portuali e quelle urbane attraverso eventi, incontri e visite volti ad illustrare a tutti coloro che vorranno partecipare il lavoro e la cultura portuali, ma soprattutto i luoghi dove si svolgono le attività legate a questo settore. Anche l’AdSP ha aderito coinvolgendo i porti della Spezia e di Marina di Carrara ed i rispettivi comuni che hanno dato il loro patrocinio.  Le iniziative, sotto l’egida del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, si svolgeranno in tutta Italia nei giorni compresi tra il 15 e il 21 maggio con diversi calendari. «Abbiamo aderito volentieri a questa iniziativa, che coinvolge tutti i porti italiani; questo è il primo anno, ma speriamo che l’iniziativa abbia successo e che possa essere implementata di contenuti negli anni a venire -  ha dichiarato la presidente Carla Roncallo - E’ importante che chi vive in città portuali come le nostre, possa essere informato e coinvolto, se lo desidera, nelle diverse e interessantissime attività quotidiane che si svolgono in porto, sentendosi parte di questa bella realtà, che produce non solo effetti negativi,  ma produce soprattutto occupazione e ricchezza per il territorio».  «L’iniziativa Port Days ha lo scopo di facilitare, attraverso la conoscenza, il rapporto tra città e porto- ha detto la vicesindaco della Spezia Genziana Giacomelli - . La nostra è una città che vede nel mare la sua grande opportunità di sviluppo, abbiamo di fronte una grande sfida, dobbiamo essere capaci di far convivere il nostro porto commerciale con quello turistico, con le attività legate alla nautica, la pesca, la mitilicoltura e vivere appieno le opportunità che il mare ci offre. Abbiamo spazi ristretti ma grandi prospettive e dobbiamo assieme lavorare per costruire una città vivibile e che offra opportunità ai nostri giovani». Alla Spezia l’Autorità di Sistema Portuale e LSCT-Gruppo Contship Italia, per un’edizione straordinaria del progetto Porto Lab,  metteranno a disposizione, nei giorni 15 e 16 maggio dalle ore 9:00-12:30 e dalle ore 14:00-16:30, un bus speciale per visitare gratuitamente l’interno del porto della Spezia. La fermata del bus sarà posizionata in Viale Italia all’altezza di via Diaz, lato parcheggio antistante i moli dei traghetti per le Isole. Il bus partirà ogni 35 minuti circa, ma nell’attesa il pubblico potrà dialogare con un tutor chiedendo informazioni sul porto e le sue attività.   [post_title] => La Spezia - Marina di Carrara Ports Day, dal 15 al 21 maggio visite guidate [post_date] => 2019-05-15T12:31:11+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557923471000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350624 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inaugurazione del nuovo Palasport e nuove partnership per rilanciare il territorio. Nei giorni scorsi a Chianciano Terme è stata presentata la nuova partnership tra la società energetica multiutility  Estra ,  il Comune di Chianciano Terme e  il Comitato Chianciano Terme Città Europea dello Sport 2019, insieme  a Terme di Chianciano Spa e UPMC Institute for Health Chianciano Terme. «L’inaugurazione del Palasport è un giorno importante non solo per Chianciano, ma per l’intera “community” dello sport, che tanto ha bisogno di impianti funzionali e accoglienti - commenta il presidente della LBF, Massimo Protani - Il fatto poi che l’inaugurazione si svolga in coincidenza con la presenza per tre giorni della Nazionale femminile, e che nel progetto “Chianciano terme European Town of sport 2019” la pallacanestro sia molto presente tra Finali Nazionali Under 16 e Opening Day del prossimo campionato di Serie A1, mi rende oltremodo orgoglioso. L'inaugurazione del nuovo palasport - conclude Protani - rappresenta il primo passo per riportare la città di Chianciano Terme ai massimi livelli per quanto riguarda l’ospitalità e l’impiantistica sportiva». Mauro della Lena, direttore generale di Terme di Chianciano, pone il focus sulle proprietà delle acque termali. «Grazie alla loro versatilità, le cure e i trattamenti in acqua termale sono l’ideale anche per gli sportivi, in quanto preparatori all´attività fisica come potenziamento muscolare, oltre che riabilitativi e defaticanti post attività. Praticare sport a Chianciano Terme rappresenta per gli atleti agonisti e non, un grande valore aggiunto». [post_title] => Chianciano Terme punta sullo sport per rilanciare il territorio [post_date] => 2019-05-10T10:15:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557483305000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350781 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350783" align="alignleft" width="300"] Manuel Marrero Cruz inaugura FitCuba con il ministro del turismo spagnolo, ospite d'onore, Maria Reyes Maroto Llera[/caption] E’ una road map che non si è fermata mai, nonostante le avversità naturali (Irma) e umane (embargo) quella che vede Cuba rafforzare giorno dopo giorno il proprio assetto turistico lanciato verso i 5.1 milioni di passeggeri nel 2019. «Un percorso verso l’implementazione del settore trasporto è necessario per sostenere questi flussi - spiega il ministro – abbiamo 51 aerolinee da 38 città del mondo per 450 voli settimanali che utilizzano il nostro aeroporto principale, il Josè Martì dell'Avana, e su questo tema è già stato approvato il contratto con un’azienda aeroportuale per la modernizzazione e successiva gestione dello scalo. Inoltre sono in corso lavori negli aeroporti secondari per aumentare la capacità ricettiva. Blu Panorama porterà due Boeing 737 che garantiranno voli internazionali e miglioreranno i voli interni al paese e per quel che attiene il settore del “fly & drive” stiamo acquisendo 8mila auto da destinare al noleggio». Il settore delle crociere è altrettanto cruciale con 12 delle 17 compagnie di navigazione che attraccano a L'Avana la quale ospita metà dei turisti che arrivano a cuba. «Il nostro prossimo passo si chiama Mice perché con le strutture sparse per il paese - prosegue Marrero - siamo in grado di offrire un mix incomparabile di spazi, tecnologia, capienza, teatri speciali per eventi, professionalità degli addetti per fare di questo segmento del turismo un ulteriore tassello del successo della nostra destinazione. Il 6 maggio scorso abbiamo raggiunto i 2 milioni di passeggeri, ben 12 giorni prima del 2018, il che ci fa sperare di centrare l’obiettivo prefissato: 5.1 milioni di arrivi». A questo si aggiungano le nuove aperture alberghiere u tutta l’isola, l’implementazione dell’attività sul web sia istituzionale che informativa che social, e ben 741 nuovi progetti turistici, e il quadro è completo. [post_title] => Manuel Marrero Cruz: tracciata la rotta del turismo cubano dei prossimi anni [post_date] => 2019-05-09T11:27:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557401255000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350778 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Enac e la società di gestione dell’Aeroporto Marconi di Bologna, hanno annunciato l’adesione dello scalo di Bologna al progetto “Autismo – In viaggio attraverso l’aeroporto” ideato da Enac con la collaborazione di Assaeroporti, delle società di gestione aeroportuale italiane e con il coinvolgimento delle Associazioni di categoria, al fine di facilitare gli spostamenti aerei delle persone con autismo e dei loro accompagnatori. Avviato in forma sperimentale sull’aeroporto di Bari nel 2015 e progressivamente adottato da diversi scali italiani nel corso degli ultimi anni, da oggi il progetto è attivo anche a Bologna, dove ADB si è avvalsa della collaborazione di Angsa – Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici di Bologna e di Ausl Bologna. Nel dettaglio, il progetto di Bologna è così articolato:  Sezione informativa sul sito internet dell’Aeroporto di Bologna, con materiali scaricabili in formato pdf;  Brochure dedicata agli accompagnatori dei passeggeri autistici, con suggerimenti per introdurre le persone autistiche al viaggio; Guida sotto forma di “storia sociale” destinata alle persone autistiche, che illustra in anticipo il percorso attraverso l’aeroporto tramite testi e immagini, riducendo così l’impatto emotivo che la nuova situazione comporta;  Video che permette di visualizzare tutto il percorso che dovrà fare il passeggero autistico dall’arrivo in aeroporto fino all’imbarco, per familiarizzare con l’esperienza di viaggio;  Possibilità di far effettuare al passeggero con autismo una visita dell’aeroporto preparatoria al viaggio, per familiarizzare con la struttura; Attivazione di un percorso riservato per i passeggeri con autismo e loro familiari in viaggio. [post_title] => Bologna, l'aeroporto aderisce al progetto Enac Autismo [post_date] => 2019-05-08T16:09:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557331793000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350566 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' partita la nuova sfida di Italo in collaborazione con l’organizzazione umanitaria Humana People to People Italia per l’utilizzo delle Ecobox, contenitori per la raccolta indumenti, nelle sede centrale di Italo e negli staff corner di Napoli, Roma e Milano, con l’obiettivo di sensibilizzare tutti sui temi del recupero dell’abbigliamento usato e sull’economia circolare. Per ogni Kg raccolto Italo ha previsto inoltre un contributo economico per sostenere ulteriormente tutte le attività di Humana. Più del 70% dei vestiti donati a Humana sarà destinato al riutilizzo. Il 25% circa degli abiti raccolti da Humana sarà poi riciclato per recuperare le fibre, in quanto troppo usurati, e solo una minima parte (meno del 5%)  sarà destinata al recupero energetico. Un progetto con un grande impatto ambientale, grazie alla riduzione delle emissioni di Co2, al non utilizzo di pesticidi e fertilizzanti e alla riduzione di spreco di miliardi di litri di acqua che sarebbero serviti per generare nuovi capi. In particolare in questa prima fase con la raccolta stimata di circa 600 kg di abiti usati si avrà una riduzione di 2250 kg di emissioni Co2, 3,6M di litri di acqua risparmiata e 144 alberi piantumati. Infine, nell’ambito dei vari progetti di Ecosostenibilità è iniziata già dal 9 aprile  la raccolta differenziata nella sede centrale di Roma con l’eliminazione di tutti i cestini dagli uffici (prevista a breve anche negli uffici equipaggi, nelle biglietterie, nelle Lounge Italo Club e negli impianti  di formazione treno) e la riduzione dei consumi attraverso una campagna informativa sulle abitudini virtuose da tenere in ufficio.   [post_title] => Italo e Humana insieme per sensibilizzare i passeggeri sui temi del recupero [post_date] => 2019-05-08T08:25:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557303907000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti