26 May 2019

Il governo azzera i vertici di Ferrovie dello Stato. Salta l’accordo con Anas

[ 0 ]

Colpo di scena delle Ferrovie dello Stato, infatti, Il ministro delle Infrastrutture Toninelli ha annunciato di avere aazerano l’intero consiglio di amministrazione della controllata pubblica. “Ho appena firmato la decadenza dell’intero cda di Fs per chiudere con il passato”, ha scritto su Facebook. Il cda della società, compreso l’ad Renato Mazzoncini, in scadenza a primavera 2018, era stato rinnovato a fine 2017 dal governo Gentiloni.

“Siamo il governo del cambiamento e pensiamo che non esista attività industriale, soprattutto se prodotta al servizio dei cittadini, che non abbia un risvolto etico”, ha scritto Toninelli. “Ora la barra si sposta sui treni regionali e sui pendolari in termini di sicurezza e di qualità dei loro spostamenti. E in tutto questo la ‘cura del ferro’ ha un ruolo fondamentale”.

Tra i punti di rottura tra il governo e l’attuale cda c’era soprattutto la fusione Anas-Fs, sostenuta dal board e sancita ufficialmente all’inizio dell’anno, contro cui si è però schierato l’esecutivo, con il ministro Di Maio che nei giorni scorsi ha parlato di “operazione sbagliata”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti