25 March 2019

Fto: «Agenzie regolari scambiate per abusive. Aggiornare Infotrav»

[ 0 ]

«Invece di combattere l’abusivismo e di aggiornare e rendere accessibile ai consumatori l’elenco delle agenzie regolari» che dovrebbero comparire in Infotrav, strumento invece che è largamente lacunoso «alcune amministrazioni locali stanno creando preoccupazione alle agenzie in regola con controlli burocratici sbagliati e paradossali, ai danni di uno dei settori chiave dell’economia italiana. E’ l’effetto del trasferimento di competenze sul turismo dalle province ai capoluoghi di provincia o ai comuni». L’allarme lo lancia Fto, dopo il caso di un’agenzia associata che «non risulta iscritta nel database Infotrav del Mibac»

E per contestualizzare, Fto riporta testualmente la richiesta pervenuta dall’ufficio turismo di un comune: «Come noto la competenza in materia di agenzia di viaggi è confluita dalla provincia all’amministrazione comunale. Lo scrivente ufficio sta provvedendo a riallineare le procedure e i processi amministrativi alla luce dei nuovi disposti normativi in essere. Da un’indagine di merito è emerso che l’agenzia opera dal 2015 (estratto camerale), ma non risulta iscritta nel data base Infotrav del Mibac».

Fto, nella nota, punta ad utilizzare questa situazione paradossale per evidenziare la confusione che regna in questo settore. Il trasferimento dalle provincie ai capoluoghi di provincia o ai comuni è stato mal gestito con scarso passaggio di competenze su un settore chiave come quello del turismo, con tutte le sue peculiarità.

«Ci auguriamo non succeda lo stesso nel passaggio tra ministeri. E apparentemente, ad oggi, Infotrav non ha seguito la T (Turismo) ma è rimasto nel Mibac. Inoltre, è allarmante che un importante comune oggi utilizzi Infotrav per controllare la regolarità amministrativa di un’agenzia, non essendo a conoscenza che questa piattaforma non è affidabile, non è aggiornata con le adv in essere e ne contiene alcune chiuse oramai da anni.

Ma non è finita qui: l’amministrazione in questione, al posto di prendere in considerazione le carte che dimostrano la regolarità dell’agenzia, ha offerto come soluzione quella di presentare una nuova Scia come se l’agenzia avesse operato abusivamente negli ultimi anni.

Alla luce di ciò, Fto spera che quello in questione resti un caso isolato e che non si creino situazioni analoghe in altri comuni che comportano perdite di tempo, costi legali e chi sa quali altre conseguenze per l’agente di viaggi. Infotrav potrebbe in futuro diventare un riferimento pubblico per controllare operatori abilitati e magari anche il possesso dei requisiti di licenza, direttore tecnico, Rc e fondo di garanzia. Ma per farlo è urgente aggiornarsi con la realtà, mettendo in atto dei processi chiari, veritieri e tempestivi di aggiornamento delle informazioni e che quindi permettano di comunicare al viaggiatore chi è in regola ed essere più efficaci nella lotta all’abusivismo. La disponibilità di tutte le associazioni è già stata offerta. È forse arrivato il momento di raccoglierla, altrimenti al posto di combattere gli abusivi si continuano a ostacolare quelli in regola».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via gli appuntamenti formativi Welcome Travel. Il network è infatti partito con il percorso “We Training”, dedicato alle agenzie del network che prevede oltre 30 incontri in tutta Italia e che termineranno a Genova il 19 maggio. Un ricco programma di formazione attivato a favore di chi, ogni giorno, opera sul campo e richiede di aggiornare le proprie conoscenze e acquisire nuove competenze. Le tappe, infatti, sono state studiate in modo da coprire in maniera capillare il territorio nazionale con l’obiettivo di raggiungere le agenzie con location molto vicine a loro, agevolandole così negli spostamenti per le trasferte. Una formula voluta e pensata proprio per dare la possibilità anche agli addetti alle vendite di partecipare agli incontri. «Il nostro intendimento non è solo quello di mettere a disposizione formule di vendita più competitive e iniziative finalizzate ad attrarre nuovi clienti presso le agenzie del network - commenta Massimo Segato, direttore rete indiretta e sviluppo -, ma soprattutto quello di aiutare i colleghi che lavorano in agenzia a sfruttare quanto più possibile queste opportunità. Durante i We Training, cui partecipano addetti vendita di quasi tutte le agenzie del network, abbiamo la possibilità di entrare nei particolari e, grazie all’interazione con i presenti, stimolare l’emulazione delle esperienze più positive in termini di redditività per il punto vendita e capacità di catalizzare l’attenzione di nuovi clienti». Focus dei We Training la condivisione di tutti gli strumenti di comunicazione e marketing messi a disposizione delle agenzie partner. Fra tutti spicca WElgo!, strumento di ricerca pacchetti che sarà spiegato nel dettaglio e Digital Signage, il totem digitale per il punto vendita, ricco di contenuti promozionali aggiornati e gestiti a livello centralizzato. [post_title] => Welcome Travel: al via la formazione con i “We Training” [post_date] => 2017-04-21T09:59:18+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492768758000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276156 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Morfimare è sinonimo di trasporto marittimo da oltre 130 anni. La sua storia ha inizio nel 1882, quando a Bari viene fondata la "Morfini & Figli" che si occupa di gestire il traffico commerciale via mare. Dopo un lungo periodo di crescita, la svolta arriva nel 1942: viene costituita la Morfimare, dedita al servizio traghetti e di crociera, con sede a Bari e uffici nei porti di Molfetta e Taranto. Da allora la storia dell'azienda, giunta alla quarta generazione, corre di pari passo con lo sviluppo del traffico marittimo, commerciale e passeggeri, in una funzione di ponte soprattutto verso i paesi dell'Est, dai Balcani alla Grecia, con ruoli sempre più importanti tra cui quello di agente portuale delle più importanti compagnie che scalano il porto di Bari. Morfimare è infatti agente generale in Italia dal 1965 della Montenegro Lines, compagnia di bandiera del paese balcanico che, dopo una breve sospensione, riprenderà a breve il servizio regolare tra Bari e Bar con alcune novità operative. Il servizio traghetti viene gestito da un team multilingue ed è organizzato in modo da svolgere tutte le operazioni di assistenza con numeri verde dedicati e una piattaforma online b2b su www.morfimare.it , in fase di completo restyling, che offre uno strumento veloce e intuitivo per tutte le destinazioni. Attraverso il nuovo sistema online che vedrà la luce a breve Morfimare sarà in grado di offrire ad agenzie e tour operator i preventivi per tutte le compagnie di navigazione, con orari, tariffe e disponibilità in tempo reale. [post_title] => Morfimare lancia una nuova piattaforma b2b per i traghetti [post_date] => 2017-04-20T14:19:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492697981000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Creato nell'ottobre 2015 da sette soci fondatori allo scopo di riunire i migliori tre stelle del territorio svizzero, Best 3 Star Hotels raduna una serie di strutture indipendenti e, per la maggior parte, gestite direttamente dai proprietari. «Per essere ammessi nel club - spiega Fiorenzo Faessler, direttore dell'associazione - un hotel deve possedere valutazioni eccellenti da parte della clientela, ovvero 4,2 punti su una scala di 5, e soddisfare numerosi criteri di qualità. I controlli vengono effettuati da specialisti esterni e indipendenti prima che la richiesta di adesione venga accettata e, successivamente, avvengono a scadenze regolari. Gli alberghi membri hanno a disposizione un nuovo canale distributivo e servizi di revenue management, marketing online, formazione e riduzione dei costi grazie agli acquisti di gruppo». Best 3 Star Hotels si è ufficialmente presentata a Milano durante un evento al ristorante Nordic Grill al quale, oltre a Faessler, sono intervenuti i rappresentanti di tre strutture: l'Hotel Waldhaus am See di St. Moritz, l'hotel Florhof di Zurigo e l'Hotel International au Lac di Lugano. Come gli altri membri dell'associazione, tutti vantano una peculiarità che li rende unici: il Waldhaus possiede il più grande whisky bar del mondo, regolarmente registrato nel Guinness dei primati grazie alla presenza di 2.500 etichette; il Florhof, nella città vecchia di Zurigo a 10 minuti a piedi dalla Stazione Centrale, serve agli ospiti vini come il Crémant brut e rosé che, come pure la birra, vengono prodotti in Alsazia dalla famiglia della direttrice, Isabelle Zeyssolff; l'Hotel International au Lac di Lugano, nella centralissima via Nassa, vanta un museo interno che testimonia i cambiamenti epocali che hanno coinvolto l'albergo e ha realizzato l'anno scorso una camera Belle Epoque con tappezzerie in seta d'epoca, mobili d'antiquariato e stucchi originali. Altre strutture della collezione sono, fra gli altri, l'Hotel Ochsen & Lodge di Lenzburg, l'Hotel Spitzhorn di Saanen, l'Hotel Chesa Randolina, l'Hotel Restaurant Engel di Stans, l'Hotel Gasthaus Krone di La Punt, l'Hotel Ochsen & Lodge di Lenzburg e il Lofthotel di Murg, sul lago di Walenstadt.   [post_title] => Best 3 Star Hotels, ecco i migliori tre stelle della Svizzera [post_date] => 2017-04-20T14:07:10+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492697230000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276093 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Alitalia ce la può fare», migliorando l'accordo raggiunto per il quale «non vedo alternative». Ma serve una «forte discontinuità» a partire dal management: così il presidente designato della compagnia Luigi Gubitosi in un'intervista al Messaggero.«Se il referendum sul pre-accordo siglato tra azienda e sindacati nei giorni scorsi vedrà prevalere il sì vi sarà un aumento di capitale di circa 2 miliardi, di cui oltre 900 di nuova finanza per far ripartire la compagnia e assumerò i pieni poteri. Non voglio pensare all'alternativa. E poi aggiungo che la cura giusta, già sollecitata dal presidente uscente Luca Cordero di Montezemolo che si è molto impegnato su questo fronte, richiede forte discontinuità per cambiare rotta». L'alternativa all'accordo, secondo Gubitosi «non c'è, non esiste. O meglio c'è: un accompagnamento verso la liquidazione dell'azienda, il fallimento». Per il rilancio della compagnia «bisogna accelerare con l'apertura di nuove rotte a lungo raggio e con l'arrivo di nuovi aerei per servirle». Necessario anche un intervento sul management. Se da una parte «nei quadri intermedi e tecnici ho trovato grande competenza e attaccamento all'azienda e incontrato piloti e assistenti di volo di grandissima competenza, per quanto riguarda il top management ci sono luci e ombre». Alla domanda se siano in arrivo sostituzioni, Gubitosi risponde «penso proprio di sì. E' normale che ci possano essere degli avvicendamenti, bisogna aspettarsi una forte discontinuità». Intanto, i dipendenti chiamati a decidere sul pre-accordo da questa mattina si stanno recando alle urne aperte a Fiumicino, Linate e Malpensa. Al termine della consultazione, nella notte di domenica, ci sarà una conta dei voti, senza quorum. [post_title] => Gubitosi: «Alitalia ce la può fare. Ma serve forte discontinuità» [post_date] => 2017-04-20T09:40:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492681249000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276014 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo fronte per l'amministrazione Trump: i visti d'ingresso in Usa dei cittadini dei paesi europei e quindi anche dell'Italia. E le notizie, almeno a sentire i rumors, non sono affatto confortanti. Infatti per andare negli Stati Uniti potrebbe diventare obbligatorio il visto d’ingresso, anche per i turisti provenienti dall’Europa, Italia compresa. Dopo la stretta sui visti lavorativi  usati dalla Silicon Valley, per importare talenti da tutto il mondo, i cosiddetti H1-B, Donald Trump vuole smantellare anche il sistema Esta. Quello che facilita gli ingressi dall’Europa e altri paesi convenzionati per chi approda sul suolo statunitense al solo scopo di una vacanza. Il sistema Esta consente ai viaggiatori provenienti da una serie di Paesi alleati e considerati sicuri, di soggiornare negli States per un massimo di 90 giorni a scopo turistico. [post_title] => Gli Usa pensano ad un visto d'ingresso anche per gli italiani [post_date] => 2017-04-19T12:26:12+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492604772000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275722 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il prossimo 21 aprile sarà un'altra giornata di agitazioni nel settore del trasporto aereo, a causa di uno sciopero generale, così come riportato anche sul sito aggiornato del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Con modalità diverse, infatti, incroceranno le braccia il personale Enav (per otto ore, dalle 10 alle 18) e quello degli aeroporti di Venezia Tessera, di Roma Ciampino, di Milano Malpensa e di Torino Caselle. In sciopero anche i dipendenti di Meridiana Fly, che si fermeranno dalle 12 alle 16, di Alitalia e di easyJet, per otto ore dalle 10 alle 18. [post_title] => Trasporto aereo: giornata di sciopero il 21 aprile [post_date] => 2017-04-13T14:34:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492094049000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275574 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è conclusa poco fa la prima sessione del webinar dedicato alla Croazia. Il direttore dell’ente del turismo croato, Branko Curic, ha condotto gli agenti di viaggio partecipanti, in un viaggio ideale attraverso la destinazione, dalle spiagge tanto conosciute e amate dalla clientela italiana, fino ai “segreti” dell’entroterra, con regioni ricche di tradizioni, festival e avvenimenti culturali, oltre che di un’offerta enogastronomica capace di conquistare anche la “difficile” clientela tricolore. «Sono molto soddisfatto, mi è piaciuto e mi sono anche divertito – racconta Branko Curic -, per essere la mia “prima volta” in webinar, credo sia andata molto bene. Ogni mercato nel quale lavoriamo ha esigenze diverse ma penso che per l’Italia, questa formula sia l’ideale per scambiare contatti con gli agenti di viaggio e avviare un dialogo necessario per promuovere ogni aspetto della nostra destinazione». La Croazia tornerà protagonista di nuovi webinar, a ridosso dell’estate, il 6 giugno e in seguito nella stagione autunnale, il 17 ottobre. Nei prossimi giorni, per chi se lo fosse perso, sarà disponibile una registrazione integrale del webinar Croazia, sempre sul portale Travel Open Training. [post_title] => Grande successo per il primo webinar Croazia [post_date] => 2017-04-12T15:16:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492010196000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275538 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggiare con Trenitalia e le sue Frecce si arricchisce di nuove opportunità: da aprile l’area meeting della carrozza Executive è prenotabile insieme al biglietto di viaggio da tutti i passeggeri dei livelli Standard, Premium, Business; inoltre i servizi dei Freccia Club sono acquistabili dai clienti sia delle Frecce sia degli Intercity. Tutti i clienti Frecciarossa possono quindi utilizzare l’area meeting presente all’interno della prima carrozza, livello Executive, di tutti i Frecciarossa. Basterà richiedere e acquistare il servizio aggiuntivo, al prezzo di € 30, contestualmente al biglietto di viaggio. Così un gruppo fino a sei passeggeri potrà fruire dell’intera saletta che, insieme alle postazioni di lavoro intorno al tavolo riunioni (sono cinque sul Frecciarossa 1000 e sei sul Frecciarossa 500), dispone di un monitor HD 32” collegabile al Pc per videoproiezioni. Chi ha bisogno di sfruttare al meglio il tempo di attesa in stazione può acquistare il biglietto per un singolo ingresso ai Freccia Club al costo di € 25 a passeggero, contestualmente al biglietto Trenitalia di qualsiasi tipologia, classe o livello di servizio, valido per viaggiare sui treni del servizio nazionale (sono esclusi gli abbonamenti e i carnet e i biglietti del trasporto regionale e internazionale). Le lounge Freccia Club sono presenti nelle stazioni di Milano Centrale, Milano Rogoredo, Roma Termini, Roma Tiburtina, Torino P. Nuova, Torino P. Susa, Bologna, Firenze Santa Maria Novella, Napoli Centrale, Padova, Venezia Santa Lucia, Bari, Salerno e Verona. Dal 10 aprile è cambiato anche il “welcome drink” che offre adesso una maggiore scelta e confezioni riciclabili e compostabili. Il nuovo servizio di benvenuto a bordo dei Frecciarossa, nei livelli di servizio Premium e Business, e nella prima classe dei Frecciargento, è disponibile dalla domenica al venerdì e comprende cinque diverse opzioni a scelta, con bevande e snack: dolce, salato, light, gluten free e bimbi. Il benvenuto a bordo si completa con l’offerta di un cioccolatino o di una caramella e di una bottiglietta d’acqua, oltre alla tradizionale copia di La Freccia, il magazine gratuito di Trenitalia, e di un quotidiano a scelta, durante i viaggi del mattino. [post_title] => Trenitalia estende l'uso dei FrecciaClub e delle carrozze Executive [post_date] => 2017-04-12T13:48:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492004923000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275370 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Periodicamente l’Osservatorio Astoi fornirà le rilevazioni sui comportamenti e le tendenze dei consumatori italiani nei confronti del turismo organizzato.  Prenotazioni decisamente positive sono state registrate da numerosi associati, alcuni dei quali con tutto esaurito. Varie le coordinate: chi ha approfittato delle promozioni early booking (dato in crescita), chi, pensando a destinazioni intercontinentali, ha unito Pasqua e 25 Aprile. Alcuni hanno scelto la crociera per la prima volta nella loro vita per celebrare questa Pasqua. La spesa media pro capite, in incremento rispetto agli anni passati, varia in funzione di destinazioni e tipologia di viaggio e va da 1.150 a 3.000 euro.  Se i croceristi, in incremento rispetto allo scorso anno, prediligono il Mediterraneo, i viaggiatori mostrano un forte interesse per gli Emirati Arabi  e mete cosiddette a lungo raggio. Le più gettonate sono Giappone, Oceano Indiano e Caraibi. Un discorso a parte merita il Mar Rosso, che negli ultimi mesi sta riconquistando le preferenze degli italiani. Marsa Alam, Sharm El Sheikh e Hurgada sono mete apprezzate per la vicinanza con l’Italia, per il clima costantemente caldo e per l'ottimo rapporto qualità-prezzo. Sono aumentati i collegamenti aerei, sintomo di rinnovata fiducia da parte dei vettori, e i tour operator hanno ripreso le regolari programmazioni. Traspare una ritrovata serenità, sintomo di un’auspicabile continuità nei flussi.  «Siamo reduci da un inverno in cui gli operatori hanno avuto buone marginalità - ha commentato il presidente di Astoi Nardo Filippetti -, anche se a fronte di numeri non eclatanti, dovuti alla non brillante performance dei Caraibi, compensata da un buon andamento di Oman, Kenya e Zanzibar. Le prenotazioni per i ponti festivi, soprattutto per la Pasqua, sono positive, registriamo, infatti, un incremento del 5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Possiamo dirci cautamente ottimisti per l’estate: assistiamo infatti alla ripresa dei consumi anche per quanto riguarda i viaggi, le prenotazioni sono partite in anticipo rispetto ai dati storici. Nonostante il clima fluido sul fronte dell’economia nazionale e rispetto al generale contesto socio politico, gli italiani manifestano, con rinnovato entusiasmo, la propria propensione a viaggiare. È confortante constatare che molti di loro decidano di affidarsi a Tour Operator, garanti di viaggi "senza sorprese spiacevoli" e unici professionisti che si assumono la responsabilità per tutti i servizi offerti al cliente. Possiamo essere ricettivi verso ogni target, in grado di intercettare le esigenze della famiglia con bambini piccoli, dei clienti che cercano il soggiorno mare low cost o della coppia che sogna il viaggio esperienziale in luoghi esotici e lontani”. [post_title] => Osservatorio Astoi: prenotazioni di Pasqua in segno positivo [post_date] => 2017-04-11T12:24:43+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491913483000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti