17 August 2017

Federalberghi, il turismo estivo vale 22 miliardi di euro

[ 0 ]

Federalberghi, turismo estivo, Bernabò Bocca, Un giro d’affari di 22 miliardi di euro, in crescita del 2,2%. Questi i numeri più eclatanti dell’indagine last minute sulle vacanze estive degli italiani condotta da Federalberghi. I nostri connazionali in vacanza crescono del 3,2% sui dati del 2016, raggiungendo quota 34,4 milioni.

«Il bilancio positivo dei mesi di giugno e luglio e le previsioni relative ai mesi di agosto e settembre confermano che l’estate 2017 sarà caratterizzata da un’ottima performance – commenta il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca -. Saranno oltre 34 milioni gli italiani tra maggiorenni e minorenni che si metteranno in movimento nei mesi estivi, pari al 56,6% dei connazionali, con un aumento del 3,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Agosto si conferma il mese per eccellenza dedicato alle vacanze, ma si rileva anche un’apprezzabile crescita del mese di settembre, scelto dal 12,4% degli italiani (contro il 9,2% del 2016) per trascorrere la propria vacanza principale. Si tratta di un dato che lascia ben sperare e che merita di essere accompagnato con adeguate politiche di destagionalizzazione».

L’Italia si conferma attrattiva, sia per il mercato domestico che per quello internazionale e, come spiega Bocca, «è percepita come un Paese sicuro».

I numeri danno l’assist al presidente per risollevare alcune tematiche. «L’economia del turismo continua a creare posti di lavoro e a distribuire ricchezza nonostante i mille ostacoli disseminati sul percorso – osserva Bocca -. E’ in queste circostanze che bisogna spingere sull’acceleratore e fare di tutto per non perdere l’abbrivio. Gli imprenditori che credono e investono in questo settore ribadiscono la necessità di misure capaci di sostenerne la crescita, incentivando la riqualificazione delle strutture, riducendo il peso della pressione fiscale, contrastando con decisione ogni forma di esercizio abusivo delle attività turistiche, e si augurano che l’agenda autunnale delle istituzioni, così come i programmi delle forze politiche per la prossima legislatura, pongano finalmente il turismo al centro delle politiche di sviluppo del nostro Paese».

La durata media della vacanza è di 10 notti, in lieve calo sulle 11 notte dello scorso anno, mentre le mete scelte vedono la Penisola al primo posto, nel 78,6% dei casi, ovvero più di 27 milioni di viaggiatori.

Il mare domina, scelto dal 68,3% dei vacanzieri, seguono la montagna con il 10,% delle preferenze, le località d’arte maggiori e minori con il 5,8%, le località lacuali con il 3,2% e le località termali e del benessere con il 2,1%.

Guardando all’estero, sono 7,3 milioni gli italiani che varcheranno i confini, preferendo le grandi capitali europee (40,6%) e le località marine (stabili al 14,2%).
Infine, la spesa media, che si assesta su 838 euro a persona, in flessione rispetto agli 869 euro dello scorso anno.




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti