20 May 2019

Ecco la Rete d’imprese Naturalmente Capodimonte, alla scoperta del territorio della Tuscia

[ 0 ]

La Rete di Imprese Naturalmente Capodimonte è un’aggregazione di piccole e medie imprese della filiera turistica, commerciale e dei servizi del Comune di Capodimonte. Naturalmente Capodimonte raggruppa 56 aziende capodimontane che si sono poste degli obiettivi comuni e collaborano a progetti condivisi. La Rete si pone come un driver di valorizzazione di un intero territorio e, grazie alla forma di cooperazione attiva scelta, è capace di realizzare un’offerta ampia, uniforme e di qualità per il cliente finale. Con il desiderio di offrire una proposta commerciale variegata nasceNaturalmente Capodimonte per crescere insieme e insieme fare la differenza.

Capodimonte è un piccolo e incantevole centro affacciato sulla riva sud occidentale del Lago di Bolsena, il piú grande lago vulcanico d´Europa, a nord del Lazio.

Arroccato su un promontorio scosceso, il suggestivo borgo è dominato dalla Rocca Farnese. Per la splendida posizione e la bellezza del paesaggio viene definito La perla del Lago di Bolsena. Capodimonte è anche una località balneare ideale per gli amanti della natura e delle attività outdoor, disponendo di una lunga passeggiata con ampie aree di verde, fiancheggiata da spiaggia di sabbia nera vulcanica attrezzata anche per il relax.

Nella parte piú a est c’è il porto turistico, punto di partenza dei traghetti per le due isole del Lago: l´Isola Bisentina e l´Isola Martana.

A ovest di Capodimonte si trova il Monte Bisenzio, oggi sito archeologico, testimonianza delle origini etrusche del luogo. Capodimonte offre ai visitatori molti altri incantevoli scorci panoramici da scoprire in un’atmosfera tranquilla e rilassante.

Piccola Guida a Capodimonte

PIAZZA UMBERTO I – LA PIAZZETTA E CHIESA DI SAN CARLO

Questa graziosa “piazzetta”, sottostante il muraglione del giardino pensile della Rocca, é il punto di partenza ideale per risalire la parte originaria del paese. Si contraddistingue per la presenza della Chiesa intitolata a San Carlo Borromeo e del monumento ai Caduti delle due guerre mondiali. La Chiesa di San Carlo fu costruita con i fondi raccolti della comunità e con l’appoggio della famiglia Farnese agli inizi del 1600 per concedere ai fedeli un nuovo luogo di preghiera.

“LA MERGONARA”

Un angolo di paradiso di Capodimonte. Una rampa pavimentata conduce a un sentiero pedonale che termina con una spiaggetta di ciottoli e scogli e a un isolotto denominato “Monte Cuculo”, luogo di tranquillità e di pesca. Da qui la vista si apre verso l’abitato di Marta, la località denominata Cava e l’Isola Martana.

PIAZZA DELLA ROCCA

Sulla piazza, di forma rettangolare che prende il nome dall´imponente Rocca che domina il promontorio sulla sua sommità, si concentrano gran parte degli edifici di interesse storico e artistico del paese.

CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA

In posizione privilegiata con vista panoramica sul lago e le due isole, costituisce la chiesa principale del paese, dove oggi avvengono le maggiori celebrazioni religiose. Nel XVI secolo Alessandro Farnese, commissionò a Jacopo Barozzi detto il Vignola l´ampliamento della struttura originale. All´interno le opere di maggiore rilievo artistico sono costituite da una statua della Madonna Assunta e una riproduzione del quadro di Maria Santissima delle Grazie attribuito alla scuola del pittore napoletano Sebastiano Conca (1680-1764).

ROCCA FARNESE

L´imponente edificio ottagonale, in posizione elevata sul promontorio, contraddistingue il paese di Capodimonte. Tra il XV e il XVI secolo, la famiglia Farnese commissionò a Antonio da Sangallo il Giovane il progetto di ampliamento e restauro della preesistente fortezza militare a torre quadrata. Oggi è di proprietà della Famiglia Brenciaglia e la visita, su richiesta, é riservata a una parte dell´edificio e al giardino pensile.

LA PORTICELLA

Uno scorcio romantico che si apre sul paesaggio come un quadro a cielo aperto. Dell´originaria porta secondaria di accesso alla Piazza della Rocca, oggi rimane solo una parte della struttura ad arco; oltrepassandolo si ridiscende il promontorio attraverso vicoletti e terrazzine infiorate con una meravigliosa vista sul porto e il lungolago alberato.

IL PORTO

Zona di ormeggio di barche a motore e a vela (circa 350 posti) e punto di imbarco dei traghetti turistici per la circumnavigazione guidata alle due Isole, Martana e Bisentina, durante tutto l´anno.

IL MUSEO DELLA NAVIGAZIONE NELLE ACQUE INTERNE

Situato dinanzi il primo tratto del lungolago, é costituito da tre sale che illustrano diverse imbarcazioni usate dall´uomo in un viaggio tra epoche storiche. All´interno sono custodite: l´antichissima piroga monossila,costituita da un unico tronco di legno di faggio,dell´etá del bronzo, la barca tradizionale da pesca del Lago di Bolsena e la barca del Lago di Posta Fibreno, al confine tra Lazio e Abruzzo. La visita è gratuita.

LA PASSEGGIATA de “LE PIOPPE”

Questa passeggiata alberata lunga circa 2 Km è fiancheggiata da spiaggia di sabbia scura vulcanica e con ampie aree verdi e per bambini, chioschi, stabilimenti balneari e punti di noleggio di vari tipi di imbarcazione.

CHIESA DI SAN ROCCO

La piccola chiesa situata sul viale del lungolago, fu dedicata a San Rocco per la sua intercessione contro il periodo del colera della prima metá del 1800. La festività di San Rocco si celebra il 15 agosto con una suggestiva processione religiosa, cui segue un grandioso spettacolo pirotecnico sul lago

NECROPOLI DI BISENZIO

Questo promontorio sulla sponda sud-occidentale del lago, a circa 4 Km a ovest di Capodimonte, è un luogo selvaggio ricco di fascino. In epoca etrusca fu l´importante cittá di Vesentum( VI e V secolo a.C. ) che continuò ad essere abitata anche dopo la conquista della cittá da parte dei Romani e in epoca medievale, quando poi la popolazione si trasferì pian piano in quello che è oggi il promontorio di Capodimonte. Un sentiero pedonale conduce fino alla sommità del monte e da qui si raggiunge un colombario di epoca medievale, localmente denominato “Piccionara”, un luogo misterioso a strapiombo sul lago.

ISOLA BISENTINA

Residuo di un cratere vulcanico è la piú grande delle due presenti nel Lago (Isola Bisentina e Martana). Durante il periodo etrusco e romano fu luogo di abitazione, poi divenne un rifugio durante le incursioni saracene dal IX all´XI secolo mentre in seguito, a partire dal quattrocento, divenne proprietà della Famiglia Farnese e dopo varie vicissitudini è oggi di proprietà della famiglia Rovati. L’isola non è visitabile internamente, ma puó essere circumnavigata con un servizio giornaliero di battello dal molo di Capodimonte.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti