28 March 2020

Al via tavolo Abi – Federturismo per moratoria sui mutui

[ 0 ]

Un tavolo di confronto specificamente dedicato alla gestione dei mutui e dei finanziamenti al comparto del turismo, a seguito degli effetti dell’emergenza coronavirus. Lo ha annunciato oggi il presidente dell’Associazione bancaria italiana (Abi), Antonio Patuelli, su sollecitazione del vicepresidente vicario di Federturismo, Marina Lalli.

Alla base delle discussioni ci sarà il prolungamento della validità dell’accordo sottoscritto nel novembre del 2018 con le principali associazioni di categoria italiane. Tale accordo prevede la possibilità, per le banche e gli intermediari finanziari aderenti, di poter sospendere fino a un anno il pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti, e di allungare la scadenza degli stessi, per le micro, piccole e medie imprese operanti in Italia che, al momento della richiesta, non presentano posizioni debitorie nei confronti della banche classificate come deteriorate (“non performing”).

L’Abi e il sistema bancario operante in Italia – si legge in una nota di Federturismo – in relazione all’emergenza in atto, stanno partecipando attivamente per ridurre i disagi e contenere le perdite delle imprese. Federturismo ringrazia per la sollecita risposta auspicando in una rapida definizione di misure a sostegno delle imprese, in particolare una moratoria sui mutui.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353759 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Clima mite tutto l’anno, offerta enogastronomica invitante, lunghe distese di sabbia e imponenti faraglioni: queste sono solo alcune delle meraviglie che il Portogallo regala, anche per una vacanza a misura di bambino. Ci sono moltissimi motivi per cui vale la pena organizzare una vacanza in Portogallo con la famiglia al completo. Ecco 5 idee alternative per scoprire il fascino portoghese insieme ai più piccoli. In Portogallo non è necessario recarsi al mare per trascorrere delle ore in acqua: in questo meraviglioso paese è possibile svagarsi nei numerosi parci acquatici sparsi su tutto il territorio e vivere esperienze mozzafiato su scivoli acquatici. L’Algarve ospita i parchi acquatici più popolari, come Slide & Splash e Aqualand Big One. Lo Zoomarine di Albufeira, sempre in Algarve, è, invece, un parco acquatico dove, tra uno scivolo e l’altro, delfini, leoni marini e foche intrattengono i turisti con spettacoli scenografici. Capitale cosmopolita, Lisbona rappresenta una meta che offre numerose attività capaci di soddisfare i turisti di ogni età. E' una città tutta da scoprire, a piedi o, perché no, in tram. Uno dei modi più autentici per visitare i quartieri tipici è, infatti, il tram numero 28, che percorre su e giù le vie più caratteristiche della città in vero stile portoghese. Al di fuori dei centri urbani, la bellezza di questo paese si rivela in tutta la sua varietà e un modo alternativo per visitare luoghi lontano dai classici circuiti turistici è organizzare un tour in bici.  Si possono percorrere diversi itinerari, ma l’Ecovia do Litoral è, senza dubbio, uno dei migliori percorsi che attraversa l’Algarve. Le Azzorre non sono solo sinonimo di relax e natura incontaminata, sono anche uno dei maggiori santuari al mondo di balene. Le loro acque, infatti, sono popolate da oltre 24 tipi diversi di cetacei ed esistono delle basi, sparse nelle 9 isole che compongono l’arcipelago. In Portogallo il surf è un tema serio.  Le località più note sono, senza dubbio, Nazaré, luogo ricercato dai surfisti più audaci e dove è stata cavalcata l’onda più alta in assoluto – 35 metri di altezza - ma anche Carcavelos, Ericeira o Peniche. Proprio qui, si trova un camp per impavidi bambini e ragazzi che vogliono imparare a sfidare le onde dell’Oceano. Non sarà difficile capire come il surf in Portogallo non è semplicemente uno sport, ma un vero e proprio stile di vita e i turisti che, anche solo per un giorno, abbracciano questo sport si sentiranno parte di questa popolazione solare.  [post_title] => Portogallo a misura di bambino, dai parchi ai bike tour fino al surf [post_date] => 2019-05-31T09:58:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559296689000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Centinaia di fotografie inedite, ricordi personali, vestiti, accessori, memorabilia e souvenir di viaggi in tutto il mondo: a 90 anni esatti dalla nascita nel quartiere di Ixelles, in un’elegante palazzina a 3 piani di rue Keyenveld, Audrey Hepburn è protagonista di “Intimate Audrey”, mostra evento in programma alla Galleria Vanderborght di Bruxelles fino al 25 agosto. L’esposizione, creata e organizzata dal figlio Sean Hepburn Ferrer, lascia l’icona sullo schermo e si concentra sulla donna, entrando in punta di piedi nella sua vita privata: i fan, ad esempio, possono ammirare gli schizzi degli abiti che amava disegnare e leggere le lettere scritte nel corso dei viaggi nei paesi più disagiati del mondo in qualità di ambasciatrice speciale dell’Unicef. “Intimate Audrey” occupa uno spazio di circa 800 metri quadrati, è allestita su due piani ed è divisa in diverse sezioni che ripercorrono i momenti più importanti della vita dell’attrice. Un viaggio lungo una vita tra glamour, stile ed eleganza con un fil-rouge rappresentato dall’impegno a favore dei più deboli: non a caso, “Intimate Audrey” è stata organizzata a scopo benefico. Tutto il ricavato della mostra sarà devoluto agli ospedali Brugmann e Bordet di Bruxelles e a Eurordis - Rare Disease Europe – una federazione di associazioni non governativa che rappresenta circa 30 milioni di persone affette da malattie rare in Europa. «Audrey Hepburn è stata una delle prime “influencer” della storia e ancora oggi è molto amata da un pubblico trasversale, che spazia dagli adulti ai più giovani - spiega Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Questa mostra ha il pregio di svelare la persona che si celava dietro alla star, permettendo di comprendere meglio il suo carattere, il suo innegabile carisma e la sua profonda umanità. Ai fan più sfegatati consiglio inoltre un selfie davanti alla casa natale in rue Keyenveld, riconoscibile da una targa dorata».           [post_title] => Bruxelles, fino al 25 agosto la mostra evento "Intimate Audrey" [post_date] => 2019-05-27T15:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971950000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352951" align="alignleft" width="225"] Alessandro Azzola[/caption] Lusso, servizio, haute cusine, ospitalità, butler, overwater, mare cristallino, romanticismo, honeymoon, sono tutte parole che ben si sposano ad un resort maldiviano. Ce ne sono più di 120 che occupano isole più o meno piccole in una area enorme dell’Oceano Indiano, ormai divenuta un sogno ad occhi aperti, fatta di grandi distanze e atolli da non crederci. E allora come fare a differenziarsi? Lo ha capito Azemar e lo ha capito la mente imprenditoriale della famiglia Azzola, della quale, Alessandro, rappresenta il motore dell’accoglienza alle Maldive. Cocoon è un resort situato sull’isola di Ookolhufinolhu, atollo di Lhaviyani. Fa parte dell’ampia programmazione Azemar sull’arcipelago (50 resort in commercializzazione più due in comproprietà, Cocoon, appunto e You & Me by Cocoon aperto il 1° marzo). Ci sono delle menti creative che hanno concettualizzato il primo hotel di design delle Maldive. Si tratta di Daniele Lago, Simona Fabini, Tomaso Schiaffino e Gian Luca Innocenzi, insieme a Vito Di Bari, il “core” di designer coinvolti nella formazione e nella costituzione di Cocoon. [caption id="attachment_352952" align="alignright" width="225"] Un particolare del doppio lavabo con fondo in vetro[/caption] «Cocoon Maldives è il frutto di uno sforzo collaborativo - spiega Alessandro Azzola, managing director di Cocoon Maldives – fra Daniele Lago, ceo e chief designer della principale società di design italiana, Lago e me. Il nostro incontro è stato foriero di un concetto che oggi rappresenta un successo imprenditoriale innegabile. Leader creativo, inventivo e innovativo, Daniele Lago ha lanciato il successo del marchio Lago sin dal suo esordio ed oggi è molto affermato e riconosciuto in tutto il mondo, in particolare nel settore del mobile. Il marchio ha anche una forte presenza sui social media, con un milione e mezzo di followers». L'alleanza di Cocoon con un'azienda di design come Lago ha portato ad un connubio vincente, un rapporto “win win” dove Lago ha interpretato l'immagine di Cocoon come un marchio di sostenibilità, leggerezza, ospitalità ed empatia con l'ambiente circostante. «Ogni mobile è selezionato per allinearsi al concetto dell'azienda; letti sospesi su lastre di vetro che danno l’effetto “fluttuante”, lavabi con il sistema di scarico contemporaneo di legno antico con il fondo di vetro, appositamente creati, autentici tavoli in ceramica siciliana dipinta a mano e altalene nelle camere e nelle parti comuni, fanno parte di questo concept - spiega ancora Azzola – Ma c’è anche altro...». [post_title] => Cocoon by Azemar: il primo resort di design alle Maldive. Ma cosa c’è dietro? [post_date] => 2019-05-25T09:15:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558775721000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353244 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arriva domani in Italia la nave che ha rivoluzionato il mondo delle crociere, Celebrity Egde è la prima nave creata interamente in 3D e firmata da designer di fama internazionale. Prima città toccata dalla nave è Civitavecchia che, con Barcellona, è uno dei due porti di imbarco per le crociere che questa rivoluzionaria e ultramoderna nave proporrà nel Mediterraneo per tutta l’estate. Celebrity Edge è stata firmata da architetti e designer di fama mondiale, tutti al loro primo incarico nello shipping, per un approccio creativo autenticamente innovativo rispetto alla tradizione, tra questi Tom Wright, Jouin Manku e Patricia Urquiola.Edge rappresenta, dunque, un concetto completamente innovativo nel settore crocieristico e offre alcune esperienze davvero uniche e mai viste prima in mare. Come Magic Carpet, la piattaforma mobile che rende unico e riconoscibile a distanza il profilo di Celebrity Edge: un’estensione “a sbalzo” sulla fiancata della nave, che può posizionarsi su quattro ponti diversi e trasformarsi secondo gli ambienti da ristorante con vista mozzafiato sul mare a zona relax o di imbarco per le escursioni a terra; Eden, un grande spazio su più piani che cambia colore e ambientazioni col passare delle ore del giorno e ospita un ristorante e un cocktail bar; Rooftop Garden, una terrazza in cima alla nave con piante, alberi e sculture di design e una vista davvero unica. Celebrity Edge è lunga 306 metri e dispone di 14 ponti; le camere a bordo sono 1.467 e può ospitare, in regime di doppia occupazione, 2.900 persone, mentre l’equipaggio è composto da 1.320 membri. Le crociere estive di Celebrity Edge in partenza dall’Italia salpano da Roma-Civitavecchia e offrono due itinerari: uno di 7 notti per scoprire il meglio del Mediterraneo Occidentale, con tappe a Capri, Pisa, Montecarlo, Cannes, Palma di Mallorca o Barcellona e uno di 10 giorni diretto alle località più belle e iconiche del Sud Italia e delle isole greche. L’itinerario in partenza da Barcellona si svolge in una settimana e prevede scali a Valencia, Ibiza, la Provenza e Nizza, Firenze e Roma-Civitavecchia. In totale saranno 68 gli scali di Celebrity Edge in Italia di cui 15 a Civitavecchia. [post_title] => Celebrity Edge, arriva in Italia la nave creata interamente in 3D [post_date] => 2019-05-24T15:13:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558710830000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353131 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le principali organizzazioni del turismo (Enit, Convention Bureau Italia, Aica, Astoi,  AIDiT;  Confturismo Confcommercio; Fto e Fiavet) hanno incontrato in Confindustria, grazie alla collaborazione del Mipaaft, il segretario generale dell'Organizzazione mondiale del turismo Zurab Pololikashvili in visita ufficiale in Italia. In un contesto in cui il mercato turistico internazionale sta cambiando sotto la spinta del fattore tecnologico e la partecipazione al mercato di nuovi paesi, l’Italia, con più di 58 milioni di visitatori all'anno, rimane sicuramente una destinazione di eccellenza, ma con un bacino di opportunità non pienamente sfruttate e con una difficoltà ad intercettare l’innovazione. Nel corso dell’incontro si è sottolineato come le presenze turistiche nel nostro Paese, ma anche a livello mondiale, abbiano ormai superato ogni aspettativa e affrontare questa incredibile opportunità richiede una programmazione strutturata e di lungo periodo che sappia compensare squilibri territoriali e di calendario a favore di politiche redistributive dei flussi turistici più sostenibili. E’ fondamentale che con l'aumento del numero di turisti, il turismo venga sviluppato e gestito in modo sostenibile sia per i visitatori che per le comunità locali. Coinvolgere le comunità nel ridurre la congestione turistica, destagionalizzare i flussi turistici, pianificare e rispettare i limiti di capacità delle destinazioni, sono aspetti imprescindibili per tracciare un percorso di crescita turistica sostenibile. Ma è anche giunto il momento di riconoscere il turismo come un settore industriale strategico per l’economia dei Paesi. Puntare su investimenti e innovazione, sostenibilità, accessibilità, digitalizzazione e formazione del personale turistico sono le principali proposte su cui si basa la nostra visione per il futuro dell’industria turistica italiana.     [post_title] => Federturismo e Unwto: l'obiettivo è puntare su una programmazione strutturata [post_date] => 2019-05-24T11:52:41+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558698761000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353169 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Apertura di Air Italy a un possibile accordo con Alitalia sulla condivisione della continuità territoriale da Olbia. Dopo la querelle delle ultime settimana, secondo quanto pubblicato dall'Ansa, sarebbe arrivato un ok di massima alla proposta della Regione Sardegna: l'accettazione definitiva dovrà però aspettare il via libera del cda della compagnia che si svolgerà oggi. Nella lettera inviata alla Regione Sardegna, Air Italy avrebbe sottoposto una sua controproposta che prevede, rispetto alle indicazioni date precedentemente al tavolo regionale, una diversa suddivisione delle rotte tra le due compagnie. Sempre secondo quanto ripreso dall'Ansa, le rotte offerte ad Alitalia passerebbero da una a due. Una decisione che sarebbe legata al numero di aeromobili attualmente a disposizione di Air Italy. Nel caso di accettazione dell'offerta Air Italy dovrà capire se sia possibile, in poco più di una settimana, riproteggere sui propri voli i passeggeri che hanno già prenotato con Alitalia dall'1 giugno in poi. L'ex compagnia di bandiera ha dichiarato di aver già venduto sino a fine 2019 circa 70mila biglietti tra Olbia-Roma e Olbia-Milano. «Nel dettaglio - spiega l'Ansa - la proposta conferma l'esclusività delle tratte in continuità ad Air Italy sino al 31 dicembre 2019 o sino all'entrata in vigore del nuovo regime di voli agevolati che la Regione sta predisponendo dopo i rilievi arrivati da Bruxelles. Ad Alitalia, che al momento è la sola compagnia a volare in regime di continuità territoriale senza compensazioni economiche, viene offerto un volo aggiuntivo nella fascia oraria centrale della giornata per il solo periodo estivo, dall'1 giugno al 31 agosto di quest'anno. [post_title] => Apertura di Air Italy a un accordo con Alitalia sulla continuità da Olbia [post_date] => 2019-05-24T11:26:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558697214000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353067 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_353068" align="alignleft" width="271"] Andrea Gargiullo, a sinistra[/caption] Nei giorni 14 e 15 maggio si sono svolti a Treviso e Bologna due workshop, dedicati al trade, organizzati dell’ente nazionale austriaco per il turismo. «La nuova formula adottata ha riscosso molto successo tra i nostri partner austriaci e soprattutto fra le agenzie di viaggio e i tour operator partecipanti, che finalmente sono riusciti a parlare con le realtà presenti ed a seguire le presentazioni di tutti gli espositori - spiega Andrea Gargiullo, responsabile marketing per l’Italia di Austria Turismo -. Per il mercato italiano crediamo sia ancora fondamentale questo tipo di approccio conoscitivo». La prima fase, riservata agli incontri one to one, ha introdotto la fase vera e propria del workshop, nella quale gli ospiti sono stati divisi in piccoli gruppi per seguire un percorso apposito con soste presso i tavoli di tutti i partner presenti. A seguire la cena servita al tavolo - ciascuno dei quali rappresentante un partner e composto da 6/8 posti - è stata animata da un gioco a quiz, che ha visto premiare il tavolo vincitore. I prossimi incontri saranno a Torino e Brescia il 5 e 6 novembre 2019.   [post_title] => Austria Turismo, la formula workshop per promuovere la destinazione [post_date] => 2019-05-23T14:19:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558621160000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352975 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'esperienza di volo completamente nuova sulle rotte a corto e medio raggio. Il Gruppo Lufthansa ha infatti ricevuto il suo primo A321neo a Francoforte, che sarà gestito da Lufthansa. La novità a bordo: un nuovo sedile migliorato per un'esperienza di viaggio ancora più confortevole, introdotto congiuntamente dalle tre compagnie del Gruppo, Lufthansa, Swiss e Austrian Airlines. Il produttore italiano Geven ha vinto il contratto per la produzione del sedile. Viaggiare non è più comodo unicamente durante il volo, ma anche durante il rullaggio, il decollo e l'atterraggio: invece dei precedenti 12 gradi durante queste tre fasi, gli ospiti viaggeranno comodamente con un'inclinazione di 20 gradi dello schienale; gli ospiti in business class potranno persino regolare lo schienale fino a 26 gradi durante la crociera. Ogni fila di sedili ha le sue porte Usb, che per la prima volta nel Gruppo Lufthansa saranno disponibili anche sui voli a corto raggio. In futuro, i passeggeri del gruppo Lufthansa potranno anche impostare i propri tablet ancora più comodamente. Una colonna speciale è stata infatti inserita sul tavolo per facilitare il supporto del tablet. Il primo A321neo vola ora per la prima volta con una cabina armonizzata per tutte e tre le compagnie del gruppo. I tre brand Lufthansa, Swiss e Austrian rimangono chiaramente riconoscibili grazie ai singoli elementi di design. La standardizzazione si applica a tutti gli aeromobili della famiglia A320, che saranno consegnati alle tre Compagnie aeree. La standardizzazione è concentrata sugli elementi più importanti e costosi, come il design della cabina e le cucine. Oltre ai vantaggi per i clienti, sia la diminuzione del peso e quindi delle emissioni di Co2, sia la riduzione dei costi di manutenzione sono stati al centro dello sviluppo. [post_title] => Lufthansa: debuttano sul primo A321neo i nuovi servizi su corto e medio raggio [post_date] => 2019-05-23T09:48:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558604905000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Dispiace constatare ancora una volta che una compagnia aerea ritenuta seria come Air Italy possa fare dichiarazioni totalmente prive di fondamento oltre che lesive della reputazione di altri vettori»: non si è fatta attendere la risposta di Alitalia dopo le dichiarazioni di ieri di Air Italy riguardo alla continuità territoriale da Olbia. «Come Air Italy sa benissimo, Alitalia ha regolarmente vinto il bando di gara e, su esplicita richiesta della Regione Sardegna, ha iniziato a vendere i voli al momento dell’aggiudicazione delle rotte da/per Olbia. Quando Air Italy, dopo quasi due mesi, ha inaspettatamente deciso di operare senza compensazione, Alitalia si è vista costretta a fare lo stesso proprio per tutelare i tanti passeggeri che avevano già prenotato e per evitare ulteriori esborsi economici visto che, a quel punto, non volare sarebbe stato più oneroso che operare le rotte (pur senza compensazione). Air Italy sostiene che vi fosse un accordo in base al quale Alitalia si sarebbe impegnata a lasciare le rotte su Olbia alla fine di maggio. Ricostruzione fantasiosa che lascia sconcertati: come sanno perfettamente i vertici di Air Italy presenti ai diversi incontri istituzionali, si stava tentando di trovare una soluzione di compromesso che consentisse ad Air Italy di operare le rotte in continuità a condizione che Alitalia fosse in grado di rispettare gli impegni presi con decine di migliaia di passeggeri, sia nazionali che internazionali. Peccato che Air Italy non abbia mai voluto confrontarsi veramente su questa ipotesi e anzi abbia fatto di tutto per far saltare l’accordo, rifiutandosi di rispondere ai reiterati appelli affinché presentasse proposte formali che dessero seguito al negoziato. Alitalia è rimasta in attesa di un interlocutore credibile e i passeggeri hanno continuato a prenotare sull’unica compagnia che aveva mantenuto in vendita i voli (visto che Air Italy aveva arbitrariamente chiuso le vendite). Alitalia si è così ritrovata con un numero sempre maggiore di prenotazioni: oggi sono circa 70.000 per l’intero periodo estivo. Ecco perché un passo indietro da parte della compagnia italiana non era e non è più possibile. Alitalia, per senso di responsabilità e rispetto delle Istituzioni, conferma comunque la presenza al tavolo convocato domani (oggi per chi legge, ndr) dalla Regione Sardegna e a eventuali futuri incontri istituzionali.   La verità è sotto gli occhi di tutti: Air Italy ha preferito, e preferisce tuttora, accusare altri di scelte strategiche che nulla hanno a che fare con la continuità territoriale. La sua volontà di abbandonare la Sardegna era palese da mesi. E ora che ha ottenuto il suo scopo vuole scaricare su altri la responsabilità delle sue scelte». [post_title] => Nuovo scontro Alitalia-Air Italy sulla continuità da Olbia [post_date] => 2019-05-22T09:15:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558516558000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti