24 April 2018

Affitti brevi, norme antievasione in arrivo in Regione Lombardia

[ 0 ]

Arriva dal consigliere regionale lombardo Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega al Pirellone, una nuova proposta di legge per aiutare a distinguere gli annunci delle case vacanza regolari da quelle abusive: pubblicare nel testo dell’annuncio, qualunque sia il mezzo utilizzato per la promozione, il Cir, Codice Identificativo di Riferimento di ogni unità ricettiva. «Ogni privato che effettua la segnalazione di inizio attività della propria unità ricettiva – spiega Rolfi – ottiene un numero di protocollo identificativo che è unico per ciascuno, e che identifica con certezza la regolarità dell’alloggio. In questo modo sarebbe estremamente semplice distinguere tra appartamenti in regola e appartamenti che stanno evadendo le tasse». Gli emendamenti presentati, che andrebbero a modificare la legge 27/2015 della regione Lombardia, se approvati, andrebbero in vigore a partire dal 1° settembre 2018 e sanzionerebbero chi non si adegua con multe dai 500 ai 2500 euro per ogni annuncio pubblicato. La proposta ha già raccolto il plauso di Atr, l’associazione degli albergatori milanesi in seno a Confesercenti: «E’ una regola che tutela i consumatori – spiega il presidente Rocco Salamone – e che garantirebbe in maniera semplice la verifica della regolarità di un annuncio. In questo modo verrebbe tutelato dalla concorrenza sleale anche chi dà in locazione un appartamento con tutte le carte in regola». L’approvazione definitiva della proposta di legge in Consiglio regionale è prevista per la settimana prossima.




Articoli che potrebbero interessarti:

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti