18 July 2019

Agente di viaggio offresi per Torino e provincia

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Cristina
Telefono: 338 3433334
Email:
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • , , , ,


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio, con esperienza ventennale come responsabile punto vendita, in posseso del patentino di direttore tecnico, ottima conoscenza crs Sabre, sistemi gestionali Aves, Festa, Zucchetti, vendita pacchetti individuali, di gruppo e viaggi su misura, emissione di tutte le biglietterie, approfondita conoscenza in campo amministrativo e contabile, disponibile sia come addetta vendite sia per copertura titolo. Zona di lavoro Torino e provincia. Cristina, 338 3433334.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una masseria polo di arte contemporanea su una collina che guarda a Matera, in Basilicata, tra infiniti campi di grano, lenticchie e un uliveto biologico. Rinata nel 2016 per mano dei fratelli baresi Fausta e Gianlorenzo Bolettieri, nel segno della buona accoglienza e della residenza per artisti, Fontana di Vite fu costruita nella seconda metà del 1700 in una delle tenute dei conti Gattini. A 7 chilometri dall’incanto delle chieste rupestri e dei Sassi d’argento di Matera, ha conosciuto il suo primo momento di celebrità nel 1975, quando il fotografo Beni Trutmann si trovò a passare tra queste colline al seguito di una Fiat 126 gialla. Lo svizzero fece qualche buono scatto. La Masseria apparve sulla pagina del mese di maggio del calendario Fiat di quell’anno in compagnia dei mulini olandesi e dei fari di Bretagna. Per Fontana di Vite, il progetto di recupero in chiave di ospitalità prende forma nel 2014 per volontà di mamma Annamaria Lorusso e papà Roberto Bolettieri.  La passione per l’arte contemporanea dei giovani proprietari della masseria fa nascere, nel 2018, il progetto Matera Artist Residency. Il suo scopo è fare dell’antica masseria lucana un hub culturale e un polo di arte contemporanea offrendo la possibilità, due volte l’anno, ad artisti da tutto il mondo, di alloggiare in masseria e lavorare nei grandi capannoni dove si essiccava il tabacco, con l’accordo di lasciare almeno un’opera d’arte al parco scultoreo della Masseria. Fontana di Vite ha 15 camere doppie di cui 1 suite e 1 junior suite distribuite tra il corpo principale e il fabbricato di “lamielle”, dotate di tv, minibar, aria condizionata, wifi e possibilità di letti aggiunti. La Masseria propone un ricco ventaglio di visite guidate a Matera e dintorni, lezioni di cucina, tour e noleggio biciclette e, in autunno, una partecipazione alla raccolta delle olive. I prezzi partono da € 80 per la camera doppia, in pernottamento con la prima colazione.   [post_title] => Masseria Fontana di Vite, come immergersi nella storia e scoprire Matera [post_date] => 2019-05-27T10:48:58+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558954138000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352859 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus celebra la consegna del suo 12.000° aeromobile da quando è stata creata 50 anni fa. Si tratta di un A220-100, assemblato a Mirabel, in Canada, e consegnato a Delta Air Lines. L'aeromobile è il 12° A220 consegnato ad oggi a Delta Air Lines, da quando il vettore ha ricevuto il suo primo A220 nell'ottobre 2018. L'A220 ha iniziato il servizio di linea con Delta nel febbraio 2019. La compagnia è il primo vettore statunitense ad operare l’A220 ed è il più grande cliente dell’A220, con un ordine fermo per 90 aeromobili. Questa importante consegna di un aeromobile Airbus prodotto in Canada ad un vettore con sede negli Stati Uniti, evidenzia la crescente presenza di Airbus nel Nord America. Airbus gestisce il programma A220 dal 1° luglio 2018 e lo scorso gennaio sono iniziati a Mobile, in Alabama, i lavori di costruzione di una seconda linea di assemblaggio per questa famiglia di aeromobili. Questo sito servirà i clienti statunitensi dell’A220 e inizierà ad effettuare le sue prime consegne nel 2020. Airbus ha consegnato il suo primo aeromobile, un A300B2, ad Air France nel 1974. Nel 2010, 36 anni dopo, Airbus ha consegnato il suo 6.000° aeromobile. Il ritmo ha continuato ad accelerare, portando Airbus in soli nove anni a raddoppiare la propria velocità di produzione, raggiungendo il 20 maggio 2019 la consegna del suo 12.000° aeromobile. [post_title] => Airbus consegna il suo 12.000° aeromobile: un A220 Delta Air Lines [post_date] => 2019-05-22T13:06:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558530400000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352672 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La catena Riu Hotels & Resorts ha appena aperto due nuovi hotel nelle isole Maldive: Il Riu Atoll e il Riu Palace Maldivas hanno rispettivamente 4 e 5 stelle e si trovano sull'atollo di Dhaalu. Entrambe le strutture offrono ai clienti suite sul magnifico Oceano Indiano. «Questo è un momento straordinario per la nostra catena -spiega Luis Riu, ceo dell'azienda - in quanto da oltre sette anni aspiravamo ad aprire un albergo alle Maldive. Potere aprire due hotel contemporaneamente, vincendo un'entusiasmante sfida logistica e tecnica dovuta alla loro posizione geografica, è per me, sia personalmente sia professionalmente, un sogno che diventa realtà». In questo progetto nulla è stato lasciato al caso. Ha comportato un arduo lavoro, iniziato all'inizio del 2017 e durato oltre due anni. Il tutto per dare vita a due resort all inclusive, situati in due isole diverse, uniti tra loro tramite un’impressionante passerella di 800 metri sull'acqua, su entrambi i lati della quale si trovano le 72 suite sull'acqua del Riu Palace Maldivas. Sull'isola privata di Maafushi si trova quindi il Riu Atoll: un Riu Classic 4 stelle dotato di 264 camere, 36 delle quali suite sull'acqua. L'hotel dispone di un ristorante principale, il "Dhoni", del ristorante italiano "Sophia" e della "Beef Steak House". A questi si aggiungono uno Sport Bar aperto 24 ore su 24, il lounge bar "Bodeberu" e il bar acquatico "Tequila". Inoltre, il Riu Atoll offre una piscina, un parco giochi per bambini e il club per bambini RiuLand. Sulla vicina isola di Kedhigandu, anch'essa privata, si trova invece il Riu Palace Maldivas: un resort 5 stelle con 176 camere. A livello gastronomico, i clienti del Riu Palace Maldivas potranno godere dei ristoranti e dei bar del Riu Atoll, e disporranno anche dell'esclusivo ristorante principale "Palm" con terrazza, nonché del ristorante fusion "Krystal" e del ristorante giapponese "Yu hi". Inoltre, la struttura offre il bar "Paradise", ubicato in una piscina infinity e un'area chill out. Il resort offre bevande Premium in tutto l'hotel e servizio in camera. Il design degli interni di entrambi gli hotel rispetta l'ambiente che li circonda, impiegando materiali caldi come il legno e introducendo elementi come il vetro per dare più spazio e sfruttare la luce e il clima della destinazione. Inoltre, offre anche molti spazi aperti, conferendo protagonismo alle spettacolari viste di cui è possibile godere da qualsiasi punto delle isole. Nelle suite e nelle camere predominano i colori chiari, la sabbia e l’acquamarina, che evocano il mare, ma anche le albe e i tramonti che è possibile ammirare solo in questa recondita e incredibile destinazione turistica.         [post_title] => Riu sbarca alle Maldive con due hotel sull'atollo di Dhaalu [post_date] => 2019-05-21T13:14:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558444482000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352528 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Clima tropicale, oceano e giardini lussureggianti: questi sono i principali ingredienti di una vacanza a Mauritius. A questi scenari di impareggiabile bellezza si aggiunge una vasta gamma di incantevoli resort, disseminati lungo i 330 chilometri della costa dell'isola, ciascuno con caratteristiche di grande pregio e facilities di ogni genere. Il mercoledì è il giorno dedicato al benessere nei Constance Hotels & Resorts, che invitano gli ospiti a prendersi cura di sé con «Wellness Wednesday», un esclusivo programma per ritemprarsi e rilassarsi. Heritage Le Telfair Golf and Wellness Resortoffre uno splendido rifugio per chi è alla ricerca di una pausa benessere presso la spa Seven Colours: 2500mq di rigenerante perfezione. Tra lussureggianti giardini tropicali, il LUX Grand Gaube è avvolto da calette ondulate, una tranquilla laguna e vanta due spiagge riparate e due piscine spettacolari. Sulla costa est, The Residence Mauritius racchiude The Sanctuary, l’unico centro benessere dell’Oceano Indiano firmato Carita, il prestigioso marchio francese fondato nel 1956.  I giardini di Trou aux Biches Beachcomber Golf Resort & Spa si estendono per circa 111 ettari. Lo stress semplicemente si dissolve mentre gli ospiti Sun Resorts si concedono  qualche ora in uno degli spettacolari centri termali dei quattro resort della catena a Mauritius. Immersi in aree appartate e delimitati da lussureggianti paesaggi tropicali, i centri benessere sono stati progettati con cura per garantire un’esperienza termale sensazionale. L’impareggiabile bellezza degli accoglienti bungalow dal tetto di paglia, strutture uniche nel loro genere, situate in un lussureggiante giardino di palme da cocco, di fronte ad una spiaggia inondata dalla luce del tramonto: è questa la splendida cornice de La Pirogue, un’oasi di pace e intimità. Oltre alle numerose attività sportive proposte, La Pirogue offre un centro fitness interamente attrezzato firmato Aura e una Spa tropicale unica del suo genere targata Cinq Mōndes, che propone diversi trattamenti di salute e benessere. I principali pilastri sono i trattamenti di bellezza e rilassamento per il recupero mentale e fisico, Yoga, recupero profondo & meditazione. [post_title] => Mauritius: vacanze wellness lungo 330 chilometri di costa [post_date] => 2019-05-20T12:54:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356876000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352057 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Viaggi dell’Airone potenzia la rete commerciale in Lombardia. L'operatore continua a crescere e fa segnare un +14,5% la produzione generale delle vendite che ha dovuto rinforzare il booking unificato di Napoli già dall’inizio dell’anno. In più è stata rinforzata la forza commerciale con due new entry nel Lazio, due figure già conosciute nel campo del turismo con specifiche qualità  commerciali e raffinate capacità professionali che saranno molto apprezzate dal mercato di riferimento. Tante anche le novità sulle incentivazioni offerte al mercato per la vendita dei tradizionali prodotti lungo raggio dell’Airone proposti dal 1975 con numeri a 5 cifre per i normali vacanzieri Oltreoceano e con numeri altrettanto interessanti per i viaggi di nozze. Fra le incentivazioni offerte si va dal transfer da casa all’aeroporto di partenza per tutti i viaggi lungo raggio alla Porche o alla Maserati gratis per il giorno del matrimonio agli sposi che scelgono il viaggio dall’opuscolo Viaggi di Nozze dell'Airone. Oppure dal porta depliant di ferro realizzato da Ciro Pepe al set di carte da gioco o al week end a Napoli al raggiungimento di vendita da uno a cinque pratiche, e così via. Il gruppo cresce anche nel settore dell’offerta alberghiera con l’hotel Airone e le cinque strutture extra alberghiere di lusso in pieno centro a Napoli e con una sesta struttura in dirittura d’arrivo per un totale di oltre cinquanta camere, proposte anche con prezzi convenzionati ai colleghi operatori turistici che decidono di concedersi in soggiorno  a Napoli.     [post_title] => I Viaggi dell'Airone cresce e potenzia la rete commerciale [post_date] => 2019-05-15T10:42:28+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557916948000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche quest'anno Air France è partner e vettore ufficiale del Festival di Cannes, la cui 72ma edizione si terrà dal 14 al 25 maggio 2019. Per l'occasione, l'azienda festeggia 39 anni di collaborazione con la più grande mostra internazionale della settima arte. Air France sta adattando la propria offerta di intrattenimento ‘movie’ a bordo dei voli a lungo raggio con una selezione di film pluripremiati delle precedenti edizioni del Festival di Cannes. A maggio, in particolare, potranno vedere Capharnaüm di Nadine Labaki (2018), Sofia di Meryem Benm'Barek (2018) e Hyènes di Djibril Diop Mambéty (1992). Air France è orgogliosa di aver ospitato le riprese del film Sibyl, della regista Justine Triet e di due delle sue attrici Virginie Efira e Adèle Exarchopoulos, presentato al concorso ufficiale del Festival di Cannes! Il film sarà proiettato il 24 maggio 2019 sulla Croisette, contemporaneamente all'uscita al cinema.  Sin dal primo film proiettato - Un americano a Parigi - a bordo di un Costellation sulla tratta New York - Parigi nel 1951 e successivamente, nel maggio 1966, quando Viva Maria! di Louis Malle ha segnato l'introduzione di due film nel proprio programma di voli a lungo raggio, il cinema fa parte del dna di Air France ed è ora una parte fondamentale dell'esperienza di viaggio.   [post_title] => Air France, 39 anni di collaborazione con il Festival di Cannes [post_date] => 2019-05-14T12:29:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557836962000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351216 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea investe sull’aeroporto di Milano Bergamo e ripristina i collegamenti estivi per Pantelleria (dall’11 maggio, fino a 2 frequenze settimanali nei periodi di maggiore traffico, il sabato e la domenica, per un totale di 10.500 biglietti in vendita), Lampedusa (dall’11 maggio, 2 frequenze settimanali - il sabato e la domenica - per un totale di 12.600 biglietti in vendita) e Olbia (rotta esclusiva del vettore disponibile dal 31 maggio, fino a 9 frequenze settimanali nei periodi di più intenso traffico per un totale di 33.000 biglietti in vendita). Non vanno poi dimenticati i voli esclusivi Volotea per la Croazia: dal 4 giugno si ricomincia a volare per Spalato mentre, dal giorno successivo, per Dubrovnik. «Siamo molto felici di tornare a offrire ai nostri passeggeri collegamenti comodi, veloci e diretti verso tre tra le isole più belle del Mar Mediterraneo – afferma Valeria Rebasti, commercial country manager Volotea Italy & Southeastern Europe -. Grazie ai nostri voli, durante i prossimi mesi estivi, sarà ancora più facile raggiungere Olbia, Lampedusa e Pantelleria per uno short break all’insegna di mare, sole e ottimo cibo. Inoltre, per gli appassionati della Sardegna, quest’anno scendiamo in pista presso lo scalo milanese incrementando del 60% le nostre frequenze verso la Costa Smeralda a luglio e agosto». L’offerta Volotea a Milano Bergamo per il 2019 prevede 62.000 posti in vendita da e per lo scalo (+20% vs 2018). Nel 2018, inoltre, il vettore ha trasportato a Milano Bergamo 52.000 passeggeri, pari ad un incremento del 196% rispetto all’anno precedente.   [post_title] => Volotea riapre i voli da Milano per Pantelleria, Olbia e Lampedusa [post_date] => 2019-05-10T11:36:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557488170000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350629 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350630" align="alignright" width="300"] I ministri del turismo di Spagna e Cuba: Maria Reyes Maroto Llera e Manuel Marrero Cruz[/caption] Maria Reyes Maroto Llera è stata l’ospite d’onore assieme alla Spagna alla presentazione ai media presenti (198 da 38 paesi) di FitCuba, come rappresentante istituzionale del paese iberico. «E’ un incontro che da 39 anni si è affermato come il più importante dell’area caraibica - esordisce Maroto Llera, ministro dell’Industria, commercio e turismo del governo Sanchez - e il suo palcoscenico, qui a San Cristobal de La Habana, è la celebrazione della cultura della luce dell’ispirazione artistica di questa città unica al mondo, così come è ammantata da un velo di decadenza che, se solo guardate oltre questo, potrete immaginare lo splendore che ha caratterizzato a partire dal XVI secolo, questa capitale speciale». La Spagna è sempre stata un partner importante del sistema turistico cubano che oggi più che mai si dirige verso una qualificazione del modello andando verso la sostenibilità. «Anche noi, nel comparto turistico iberico, abbiamo fatto notevoli sforzi per accelerare il processo di trasformazione del modello turistico per la conservazione del patrimonio e il miglioramento del servizio, la digitalizzazione, insomma una implementazione con un piano decennale che porti a questi risultati», ha proseguito Maroto Llera. Naturalmente anche gli investimenti spagnoli a Cuba sono aumentati e si sono riqualificati secondo queste guideline, perché comunque il turismo è un driver economico incredibile che non ha ancora raggiunto il proprio massimo delle potenzialità, anche indiretta, su vari aspetti dello sviluppo del paese. Il modello turistico cubano è in evoluzione costante. «Per quel che ci riguarda la Spagna - ha concluso il ministro - non accettiamo la recrudescenza del blocco nei confronti di Cuba da parte degli Usa, e l’applicazione del terzo comma della legge del 1966 Helms Burton, cosa che riteniamo contraria al diritto internazionale. La Spagna non solo intende difendere i propri interessi a Cuba, ma vuole tendere la mano al popolo cubano che non merita queste misure». [post_title] => Cuba: la Spagna paese ospite d’onore nel 500° compleanno dell'Avana, contro l'embargo [post_date] => 2019-05-08T09:47:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557308844000 ) ) )