21 September 2019

Tour operator seleziona promoter per Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Piemonte

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: siramani tour operator
Telefono:
Email: commerciale@siramani.it
Provincia: • , , , ,
Comune:

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Tour Operator:
Seleziona risorse per le zone:
Lombardia, Emilia Romagna/Marche, Lazio, Piemonte.
Richiesta esperienza nel settore.
Offresi plurimandato in regime Enasarco.
Inviare curriculum e foto a: commerciale@siramani.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352859 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus celebra la consegna del suo 12.000° aeromobile da quando è stata creata 50 anni fa. Si tratta di un A220-100, assemblato a Mirabel, in Canada, e consegnato a Delta Air Lines. L'aeromobile è il 12° A220 consegnato ad oggi a Delta Air Lines, da quando il vettore ha ricevuto il suo primo A220 nell'ottobre 2018. L'A220 ha iniziato il servizio di linea con Delta nel febbraio 2019. La compagnia è il primo vettore statunitense ad operare l’A220 ed è il più grande cliente dell’A220, con un ordine fermo per 90 aeromobili. Questa importante consegna di un aeromobile Airbus prodotto in Canada ad un vettore con sede negli Stati Uniti, evidenzia la crescente presenza di Airbus nel Nord America. Airbus gestisce il programma A220 dal 1° luglio 2018 e lo scorso gennaio sono iniziati a Mobile, in Alabama, i lavori di costruzione di una seconda linea di assemblaggio per questa famiglia di aeromobili. Questo sito servirà i clienti statunitensi dell’A220 e inizierà ad effettuare le sue prime consegne nel 2020. Airbus ha consegnato il suo primo aeromobile, un A300B2, ad Air France nel 1974. Nel 2010, 36 anni dopo, Airbus ha consegnato il suo 6.000° aeromobile. Il ritmo ha continuato ad accelerare, portando Airbus in soli nove anni a raddoppiare la propria velocità di produzione, raggiungendo il 20 maggio 2019 la consegna del suo 12.000° aeromobile. [post_title] => Airbus consegna il suo 12.000° aeromobile: un A220 Delta Air Lines [post_date] => 2019-05-22T13:06:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558530400000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352268 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I risultati conseguiti da Club Med nel 2018 sono stati molto incoraggianti, con la maggiore crescita del volume d'affari negli ultimi sei anni (+ 8% rispetto al 2017). L'incremento ha interessato tutte le aree geografiche. Anche il numero dei clienti è aumentato in modo significativo (+6,6%) e il margine operativo lordo ricorrente ha raggiunto quota 126,4 milioni di euro, con un incremento del 13%. Alla luce di questi dati, Club Med prevede un aumento costante anche nel 2019. «Con una crescita in tutti i principali mercati, compresa l’Italia - dichiara Henri Giscard d’Estaing, presidente Club Med -  un numero maggiore di clienti e un ulteriore miglioramento sul fronte della redditività, Club Med ha conseguito dei risultati molto incoraggianti nel 2018, a conferma del trend positivo dell’anno precedente, e prevede di continuare a crescere anche nel 2019. Grazie al supporto del nostro azionista Fosun e ai tre pilastri della strategia - ossia upscaling, global e happy digital», Club Med è oggi in grado di soddisfare appieno le esigenze delle famiglie, specialmente quelle 3G (nuclei familiari composti da tre generazioni), nonché dei millennial e delle coppie. Con ben 1,44 milioni clienti nel 2018, Club Med ha quindi conseguito un altro rilevante aumento (+6,6%). Dato significativo, è la crescita più veloce dei clienti italiani con un aumento sull'anno precedente del 9%. In Cina, il secondo mercato dopo la Francia, il numero di clienti ha raggiunto le 243 mila unità, ossia il 22% in più rispetto al 2017.       [post_title] => Club Med conferma il trend di crescita. Cina secondo mercato [post_date] => 2019-05-16T15:33:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558020812000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352190 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus ha consegnato primo A330neo del continente americano ad Azul Linhas Aéreas, nell’ambito di un contratto di leasing da Avolon. Azul diventa così il primo vettore delle Americhe a operare un A330neo-900. L’A330neo sarà utilizzato dal vettore per espandere la propria rete di collegamenti internazionali tra il Brasile, l'Europa e gli Stati Uniti. Con una configurazione in tre classi, che conta 34 poltrone in business, 96 in Economy Xtra e 168 in Economy, l’A330neo offre ai passeggeri livelli di comfort elevati unitamente a un’esperienza di volo moderna e avanzata, mentre il vettore può beneficiare di una redditività ineguagliabile. Fondata nel 2008, Azul è un vettore brasiliano che serve 108 destinazioni in Sud America, Stati Uniti e Portogallo.  Airbus ha venduto 1.200 aeromobili, ha un portafoglio ordini di quasi 600 aeromobili e circa 700 sono in attività in America Latina e nei Caraibi, rappresentando una quota di mercato del 56% della flotta in servizio. Dal 1994, Airbus ha totalizzato quasi il 70% degli ordini netti nella regione. [post_title] => Azul è la prima compagnia delle Americhe ad operare con un A330neo [post_date] => 2019-05-16T11:27:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558006074000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Rinascimento Fiammingo non è solo da ammirare con gli occhi, ma anche da ascoltare: da maggio ad agosto Bruges, Lovanio e Anversa risuoneranno con tre festival di musica polifonica. Un ricco programma, che spazia dall’esecuzione di opere classiche a moderni arrangiamenti, permetterà ai cultori e ai semplici appassionati di questo genere musicale di godere, spesso in location estremamente suggestive. Si comincia a Lovanio con Voices of Passion, il festival di musica polifonica che si svolge dal 9 al 12 maggio nell’elegante cornice della chiesa barocca di Park Abbey: pietre miliari del genere verranno riviste e reinterpretate attraverso un ricco programma che include, tra gli altri, l’esecuzione di opere di Johannes Tourout, uno dei principali compositori del tardo XV secolo, e di Claudio Monteverdi con i suoi Madrigalii. L’abbazia ha ritrovato tutto il suo splendore originario grazie a un lungo restauro terminato nel 2017 con l’inaugurazione del nuovo museo PARCUM. Dal 2 all’11 agosto Bruges ospiterà MAfestival, uno dei più importanti festival di musica antica che omaggia la tradizione attraverso una visione innovativa e moderna, valorizzando in particolar modo i giovani artisti. Il festival si svolgerà all’interno del Concertgebouw: inaugurato nel 2000 alla presenza del re e della regina del Belgio, l'imponente sala da concerti, opera degli architetti Paul Robbrecht e Hilde Daem, prende ispirazione dalle torri e dai mattoni della città. Dal 15 al 25 agosto Anversa diventerà un luogo di incontro per tutti i cultori di musica polifonica grazie a Laus Polyphoniae, uno dei più interessanti festival di musica antica d’Europa, che dal 1994 propone ogni estate un programma di concerti eseguiti dalle migliori orchestre. Il festival sarà caratterizzato da musica sia laica che religiosa eseguita da ensemble provenienti dal Belgio e dall'estero, per ascoltare la musica dell’epoca in voga in Italia, Inghilterra, Austria e Lituania. Oltre ai concerti, quest’anno il focus potrà essere approfondito con conferenze, workshop, passeggiate e attività dedicate ad appassionati e curiosi di ogni età.   [post_title] => Fiandre, festival e concerti estivi per vivere la destinazione [post_date] => 2019-05-13T12:36:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557750993000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351663 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È una della partecipazioni importanti quella di Cipro alla Biennale Arte di Venezia 2019, aperta al pubblico dall’11 maggio, anche perché avviene all’insegna di un significativo ritorno: protagonista del padiglione cipriota, con la retrospettiva Untimely, again [Di nuovo fuori tempo] allestita presso la sede dell’Associazione Culturale Spiazzi, sarà, infatti, Christoforos Savva, scelto nel 1968, con altri 5 artisti, per rappresentare Cipro nel suo padiglione inaugurale e deceduto improvvisamente pochi giorni dopo l’apertura. L’esposizione veneziana curata da Jacopo Crivelli Visconti, che riprende parzialmente nei contenuti la mostra Untimely on time: Christoforos Savva (1924-1968), allestita lo scorso gennaio per inaugurare con un omaggio all’artista la nuova Galleria Statale di Arte Contemporanea – SPEL di Lefkosia (Nicosia), è una preziosa occasione per avvicinarsi a una delle figure più rivoluzionarie del panorama artistico cipriota del XX secolo. Le opere esposte daranno vita a un vero e proprio viaggio attraverso la visione artistica di Savva. La coesistenza di stili e l'ampia gamma di temi e riferimenti che compaiono nelle sue opere - arte classica greca, arte africana, artigianato cipriota, arte popolare, arte informale, pop art e movimenti d'avanguardia - sembrano suggerire che gli aspetti prettamente formali non fossero per lui un ostacolo o un vincolo. La partecipazione della repubblica di Cipro alla Biennale Arte 2019 è organizzata dal Ministero dell’Istruzione e della Cultura Cipriota, in collaborazione con il Point Centre for Contemporary Art di Lefkosia.     [post_title] => Cipro alla Biennale di Venezia, retrospettiva di Christophoros Savva [post_date] => 2019-05-13T09:36:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557740167000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_351544" align="alignright" width="300"] Il presidente di Iberia linee aereee spagnole, Luis Gallego[/caption] Iberia, compagnia di bandiera del paese ospite d’onore a FitCuba 2019, la Spagna, ha ratificato il suo impegno sui collegamenti con la Isla Grande, nonostante l'intensificazione del blocco economico, finanziario e commerciale imposto dagli Stati Uniti, facendo seguire i fatti alle parole pronunciate nel discorso di apertura dal ministro del turismo iberico, Maria Reyes Maroto Llera. Questo impegno è stato confermato dal presidente della compagnia aerea, Luis Gallego, che presente all’evento fieristico a La Habana, giunto a bordo del nuovo Airbus A330 / 200, intitolato proprio alle capitale cubana. «È un piacere portare il nostro aereo nella città da cui prende il nome - ha affermato Gallego dopo essere atterrato al José Martí, rivolgendosi al ministro del turismo cubano, Manuel Marrero - e soprattutto festeggiare 70 anni di collegamenti con Cuba, iniziati il 21 aprile 1949. Il nostro impegno a Cuba è a lungo termine e la nostra vocazione è quella di rimanervi ancora per molti anni». Iberia firmerà un memorandum d'intesa con il Ministero del Turismo cubano per la promozione turistica di Cuba nei circa 50 paesi che tocca, con l’organizzazione di diversi eventi commerciali e culturali nei prossimi mesi. Nella fattispecie l'A330-200 che collega Madrid a l'Avana è utilizzato su molte rotte, comprese quelle asiatiche, (mercati molto interessanti per l’Isola) ulteriore forma di promozione del turismo verso Cuba nel mondo. L'offerta di Iberia per Cuba arriva dopo che l'amministrazione Donald Trump della scorsa settimana ha attivato il Titolo III della Legge Helms-Burton, che indurisce il blocco blindato di Washington contro l'Avana. [post_title] => Iberia: il presidente Luis Gallego riconferma l’impegno verso Cuba [post_date] => 2019-05-13T08:35:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557736558000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350566 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' partita la nuova sfida di Italo in collaborazione con l’organizzazione umanitaria Humana People to People Italia per l’utilizzo delle Ecobox, contenitori per la raccolta indumenti, nelle sede centrale di Italo e negli staff corner di Napoli, Roma e Milano, con l’obiettivo di sensibilizzare tutti sui temi del recupero dell’abbigliamento usato e sull’economia circolare. Per ogni Kg raccolto Italo ha previsto inoltre un contributo economico per sostenere ulteriormente tutte le attività di Humana. Più del 70% dei vestiti donati a Humana sarà destinato al riutilizzo. Il 25% circa degli abiti raccolti da Humana sarà poi riciclato per recuperare le fibre, in quanto troppo usurati, e solo una minima parte (meno del 5%)  sarà destinata al recupero energetico. Un progetto con un grande impatto ambientale, grazie alla riduzione delle emissioni di Co2, al non utilizzo di pesticidi e fertilizzanti e alla riduzione di spreco di miliardi di litri di acqua che sarebbero serviti per generare nuovi capi. In particolare in questa prima fase con la raccolta stimata di circa 600 kg di abiti usati si avrà una riduzione di 2250 kg di emissioni Co2, 3,6M di litri di acqua risparmiata e 144 alberi piantumati. Infine, nell’ambito dei vari progetti di Ecosostenibilità è iniziata già dal 9 aprile  la raccolta differenziata nella sede centrale di Roma con l’eliminazione di tutti i cestini dagli uffici (prevista a breve anche negli uffici equipaggi, nelle biglietterie, nelle Lounge Italo Club e negli impianti  di formazione treno) e la riduzione dei consumi attraverso una campagna informativa sulle abitudini virtuose da tenere in ufficio.   [post_title] => Italo e Humana insieme per sensibilizzare i passeggeri sui temi del recupero [post_date] => 2019-05-08T08:25:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557303907000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Giardini botanici nazionali della università de La Habana, si trovano a circa 25 km dalla capitale. In uno scenario che passa dalla foresta primaria al bosco vi sono conservate, catalogate e studiate oltre 3000 specie botaniche. La grande estensione del complesso, 550 ettari, non deve spaventare i visitatori che possono coprire un esaustivo “recorrido” in circa due ore. «E’ una solida istituzione scientifica e pedagogica - ha rimarcato la direttrice del complesso Nora F. Hernandèz Monterrey – un preludio all’ecoturismo cubano. Qui si può trovare un valido concentrato della biodiversità per cui Cuba è famosa con la maggiore densità di piante differenti per kmq sul pianeta». Dapprima una fattoria per l’allevamento del bestiame, il giardino botanico è stato fondato nel 1968 e aperto al pubblico nel 1984. Lo visitano circa 50mila cubani e 30mila stranieri l’anno e si sta affermando come una delle nuove attrazioni dell’area habanera, stimato quale uno dei 10 più grandi giardini botanici del mondo. Uno dei punti di forza è il così detto “palmetum” che ospita 250 varietà di palme, di cui una novantina endemiche, su un’area di 50 ettari. Un altro gioiello è il “giardino giapponese” l’unico del paese, inaugurato nel 1989, e in via di ampliamento per il 500° compleanno de La Habana. Nell’ambito turistico e specificatamente per il settore incentive, è possibile organizzare eventi in questa location davvero suggestiva.I progetti futuri prevedono anche l’apertura della Casa del Campesino, una sorta di lodge ospitale che dovrebbe aprire nel 2020 e fra le attrazioni una zipline in un ambiente del tutto naturale. [post_title] => Cuba: l’eredità “campesina” al servizio del turismo verde con i giardini botanici [post_date] => 2019-05-07T15:12:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557241974000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350201 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350202" align="alignleft" width="300"] Lelio Carfora[/caption] Lelio Carfora, classe 1954, partenopeo, con un passato nel mondo del turismo di tutto rispetto, ci ha lasciati. Indimenticato protagonista del panorama turistico nazionale per oltre 20 anni, da Best Tours, alla Rallo viaggi di Mestre che fece crescere in mete e penetrazione sul mercato, Lelio Carfora terminò la carriera nel tour operating a Roma rilevando i Viaggi del Capitano. Profondo conoscitore dell’Oceano Indiano, e non solo, amava il suo lavoro tanto che quando decise di chiudere con il turismo italiano si trasferì in Madagascar a dirigere un boutique hotel e poi, sfruttando le proprie capacità in cucina a dare vita alla sua creatura, il ristorante Chez Angeline, a Nosy Be. Di lui ricorderemo di certo la professionalità, la capacità comunicativa, l’amore per il mare. Per chi volesse porgergli l'estremo saluto, il funerale verrà celebrato lunedì 6 maggio alle ore 15:00 presso la chiesa dei Missionari Comboniani, in via Luigi Lilio 80, a Roma [post_title] => L'ultimo saluto a Lelio Carfora [post_date] => 2019-05-06T10:14:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557137687000 ) ) )