21 September 2019

Promoter regione Lazio

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 328 4726504
Email:
Provincia: • 
Comune:

Settore:
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Promoter Area Lazio, decennale esperienza, ottima conoscenza rete agenzie di viaggio, valuta proposte di collaborazione.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353757 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il consiglio di amministrazione di Four Seasons ha confermato John Davison nel ruolo di ceo e presidente della compagnia. Con un'esperienza di quasi 18 anni nel gruppo canadese dell'ospitalità del lusso, Davison era dalla fine del 2018 amministratore delegato a interim della società, dopo che il suo predecessore, Allen Smith, aveva deciso di non rinnovare il proprio contratto. Il nuovo ceo è entrato in Four Seasons nel 2002, assumendo nel 2005 la carica di chief financial officer, dopo essersi occupato della supervisione del business residenziale della compagnia. Prima di lavorare nel gruppo canadese, Davison ha quindi collaborato per 14 anni con la società specializzata in apparecchiature audiovisive Imax, arrivandone a ricoprire i ruoli di presidente, coo e cfo. Prima ancora aveva invece avuto a che fare con Kpmg. «Sono molto felice della sua nomina - ha dichiarato il fondatore e presidente della compagnia, Isadore Sharp -. Anche perché, da quando John ha assunto la carica a interim, abbiamo registrato dati finanziari record». «E' un vero privilegio continuare a collaborare con il cda di Four Seasons, nonché con il suo team di oltre 45 mila collaboratori - ha quindi rimarcato lo stesso Davison -. Grazie al grande numero di hotel e progetti residenziali in pipeline, il gruppo sta oggi crescendo ai ritmi più veloci della sua storia quasi sessantennale». Fondata nel 1960 da Isadore Sharp, Four Seasons vanta oggi un portfolio di 115 hotel e resort, nonché di 48 proprietà residenziali, distribuiti in 48 differenti Paesi del mondo. [post_title] => John Davison confermato alla guida di Four Seasons [post_date] => 2019-05-30T14:52:23+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => allen-smith [1] => four-seasons [2] => in-evidenza [3] => isadore-sharp [4] => john-davison ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Allen Smith [1] => Four Seasons [2] => In evidenza [3] => Isadore Sharp [4] => John Davison ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227943000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352751 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il 65% del prodotto estivo già esaurito, i dati del Centro studi Veratour confermano: Nord Africa in cima alle preferenze, Grecia e Italia in linea con l'anno scorso e Spagna in calo. Grazie a un rapporto qualità prezzo decisamente più accattivante, il Mar Rosso egiziano (Sharm el Sheikh e Marsa Alam) vede raddoppiare i volumi rispetto all'anno scorso. A questo si aggiungono le destinazioni alternative del Nord dell'Egitto, come Marsa Matrouh che affaccia sul Mediterraneo, già vicine al tutto esaurito per giugno e con ottimi dati su luglio e agosto.Molto bene anche la Tunisia che nel caso di Veratour si giova dell'apertura di due nuove strutture a Djerba e a Kelibia: nel 2019 per il tour operator questa destinazione è vicino a un +140% di affluenze. L'ottima performance del Nord Africa consolida la progressiva crescita registrata negli ultimi anni e il rafforzamento della domanda è confermato dall'aumento dello scontrino medio di circa il 10%. Le più tradizionali destinazioni europee reggono con Grecia e Italia stabili rispetto al 2018, mentre la Spagna risente degli aumenti dei prezzi degli ultimi anni perdendo l’8% in termini di presenze. «I viaggiatori italiani hanno ritrovato un approccio più aperto nei confronti delle mete estere - spiega Stefano Pompili direttore generale Veratour – Sardegna, Puglia, Calabria e Sicilia restano comunque apprezzate al pari delle isole greche. Tuttavia l’ottimo rapporto qualità prezzo ha portato molti a scegliere il Nord Africa o ha avvicinato al viaggio estivo una fascia di clienti che negli anni scorsi ha rinunciato alla vacanza». La crescita generale infatti di Veratour per l'estate 2019 rispetto allo scorso anno mostra un +15%. Uno sguardo infine al lungo raggio denota una preferenza degli italiani per l'Africa orientale rispetto ai Caraibi: Zanzibar, Kenya e Madagascar superano Santo Domingo e Messico, soprattutto quest'ultimo fatica a ritrovare i fasti del passato. [post_title] => Veratour: Egitto e Tunisia tra le mete preferite dagli italiani per l'estate [post_date] => 2019-05-22T10:17:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558520226000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352407 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la recente inaugurazione del nuovo Venice – Sant’Elena, Hnh Hospitality ha chiuso un ulteriore accordo con il marchio Indigo del gruppo Ihg, in vista del prossimo rebranding del Grand Hotel Des Arts di Verona. La società di gestione alberghiera italiana ha infatti appena annunciato di aver aggiunto la struttura scaligera al proprio portfolio attuale di 11 alberghi nella Penisola. Costruito agli inizi degli anni Venti, il palazzo che ospita oggi il Des Arts venne inizialmente adibito a residenza privata della famiglia Reichenbach, di nobile dinastia austriaca, per poi essere successivamente trasformato in hotel. Dal 1990 a oggi, la struttura è stata quindi gestita da una famiglia di imprenditori veronesi, che lo hanno reso uno degli indirizzi di riferimento dell'ospitalità cittadina. Dotato di 62 camere e suite distribuite su cinque piani, l'hotel dispone anche di bar, sala colazioni, due spazi meeting capaci di ospitare fino a 120 delegati e un giardino con cortile annesso. L'albergo andrà ora incontro a un piano di ristrutturazione, per poi riaprire come un hotel Indigo. Hnh agirà quindi in qualità di "white label company". «È con grande soddisfazione che oggi aggiungiamo un tassello importante al piano di crescita e di espansione del nostro gruppo - dichiara Luca Boccato, amministratore delegato di Hnh Hospitality -. Verona è una città strategica per noi e con il Grand Hotel Des Arts entriamo nel centro storico nel segmento Leisure, affiancandoci al Best Western Ctc Hotel Verona: altra struttura del nostro portfolio. Importanti sinergie operative, una volta completata l’attività di rebranding, si svilupperanno anche con l’Hotel Indigo Venice – Sant’Elena che il nostro gruppo ha appena inaugurato a Venezia». [post_title] => Prosegue la collaborazione tra Hnh e Indigo: presto un nuovo hotel a Verona [post_date] => 2019-05-17T15:15:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558106131000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352155 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento del 140% nelle ricerche su Dubrovnik da parte degli italiani da quando la puntata è andata in onda. Avis ha rivelato che le ricerche per Dubrovnik, in Croazia – location in cui è ambientata Approdo del Re – sono aumentate del 140% da quando è andato in onda il penultimo episodio de Il Trono di Spade. Nel corso della puntata sono state riprese ampie vedute degli spettacolari paesaggi intorno e all’interno della città. Approdo del Re è stato ricreato nella città croata sin dall’inizio dell’acclamata serie e i suoi tetti di terracotta, la costa spettacolare e le antiche mura della città affacciata sul mare Adriatico - zona conosciuta come Baia delle Acque Nere - sono ormai immediatamente riconoscibili per i fan. In attesa della conclusione della serie la prossima settimana, sembra che gli spettatori siano più desiderosi che mai di visitare la città distrutta dal fuoco di Drogon. «Che si tratti di fan della serie - spiega  Gianluca Testa, managing director Avis Budget Italia - ansiosi di rendere omaggio ad Approdo del Re, o di persone che vogliono semplicemente godersi lo splendido panorama e la cultura croata in un viaggio on the road, ci aspettiamo che l’interesse per questa destinazione continui a crescere anche dopo la fine della serie». [post_title] => Avis, boom di richieste per Dubrovnik sulla scia de Il Trono di Spade [post_date] => 2019-05-16T10:37:44+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558003064000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352078 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nh Hotel Group e Green Key annunciano la loro partnership, grazie alla quale Green Key supporterà Nh Hotel Group nel raggiungimento dei suoi ambiziosi obiettivi di sostenibilità. Nel corso del 2018, sono stati sei i nuovi hotel del Gruppo a ricevere questa certificazione, portando a 46 il totale delle strutture contraddistinte dall’eco-label in Belgio, Francia, Messico, Sud-Africa e Paesi Bassi.  I sei nuovi alberghi con certificazione Green Key sono: Nh Brussels Bloom e Nh Brussels EU Berlaymont, Nh Messico City Centro Histórico e Nh Collection Guadalajara Providencia; Nh Cape Town The Lord Charles e NH Collection Eindhoven Centre. «La sostenibilità ambientale - ha dichiarato Rufino Pérez, Chief Operations Officer di Nh Hotel Group -  è uno dei pilastri fondamentali di Nh Hotel Group. Tutti i nostri hotel mettono la sostenibilità e l’ecoinnovazione al primo posto, e infatti sono ben 140 le strutture Nh ad aver ottenuto la certificazione Green Key o altri riconoscimenti per le loro iniziative. Siamo davvero felici di poter continuare a collaborare con Green Key e con altre organizzazioni ambientali per rafforzare le nostre relazioni». «Essere partner ufficiale di Nh Hotel Group ci rende orgogliosi. A oggi sono 46 gli hotel tra Paesi Bassi, Belgio, Francia, Messico e Sud Africa ad aver ricevuto la certificazione Green Key, e altri stanno lavorando per poter raggiungere i requisiti necessari a ottenerla. Attraverso il nostro supporto, vogliamo ispirare e motivare gli hotel di Nh Hotel Group a raggiungere risultati di sostenibilità ambientale ancora maggiori» spiega Finn Bolding Thomsen, International Director di Green Key. [post_title] => Nh Hotels, sei nuove certificazioni Eco-Label International Green Key [post_date] => 2019-05-15T11:48:52+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557920932000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_351544" align="alignright" width="300"] Il presidente di Iberia linee aereee spagnole, Luis Gallego[/caption] Iberia, compagnia di bandiera del paese ospite d’onore a FitCuba 2019, la Spagna, ha ratificato il suo impegno sui collegamenti con la Isla Grande, nonostante l'intensificazione del blocco economico, finanziario e commerciale imposto dagli Stati Uniti, facendo seguire i fatti alle parole pronunciate nel discorso di apertura dal ministro del turismo iberico, Maria Reyes Maroto Llera. Questo impegno è stato confermato dal presidente della compagnia aerea, Luis Gallego, che presente all’evento fieristico a La Habana, giunto a bordo del nuovo Airbus A330 / 200, intitolato proprio alle capitale cubana. «È un piacere portare il nostro aereo nella città da cui prende il nome - ha affermato Gallego dopo essere atterrato al José Martí, rivolgendosi al ministro del turismo cubano, Manuel Marrero - e soprattutto festeggiare 70 anni di collegamenti con Cuba, iniziati il 21 aprile 1949. Il nostro impegno a Cuba è a lungo termine e la nostra vocazione è quella di rimanervi ancora per molti anni». Iberia firmerà un memorandum d'intesa con il Ministero del Turismo cubano per la promozione turistica di Cuba nei circa 50 paesi che tocca, con l’organizzazione di diversi eventi commerciali e culturali nei prossimi mesi. Nella fattispecie l'A330-200 che collega Madrid a l'Avana è utilizzato su molte rotte, comprese quelle asiatiche, (mercati molto interessanti per l’Isola) ulteriore forma di promozione del turismo verso Cuba nel mondo. L'offerta di Iberia per Cuba arriva dopo che l'amministrazione Donald Trump della scorsa settimana ha attivato il Titolo III della Legge Helms-Burton, che indurisce il blocco blindato di Washington contro l'Avana. [post_title] => Iberia: il presidente Luis Gallego riconferma l’impegno verso Cuba [post_date] => 2019-05-13T08:35:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557736558000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350246 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350247" align="alignright" width="300"] L'insegna del Mary's bas di Atlanta[/caption] Sono tantissime le manifestazioni in programma nelle città americane per il primo evento WorldPride negli Stati Uniti, in programma dal 25 al 30 giugno 2019, nella grande mela. Atlanta, Georgia, detta anche “Hotlanta” per i locali, è l'epicentro della comunità LGBT del sud. La presenza LGBT è cresciuta enormemente dalla prima Pride Parade del 1970, organizzata dal Georgia Gay Liberation Front. Quest'anno, il 49esimo Atlanta Pride Festival annuale si svolgerà dall'11 al 13 ottobre e ha tutte le carte in regola per imporsi come la più grande celebrazione del sud. Atlanta è una città ricca di cultura, piena di festival, ottimi ristoranti, una notevole offerta di spettacoli teatrali e bar eccellenti, tra cui il Mary's, premiato come "Best Gay Bar" dalla rivista Out Magazine, ed è anche sede di alcuni dei migliori karaoke della città. Altri eventi di spicco quest'anno includono il Southern Pride Queer Pride Atlanta Festival, che si svolgerà dal 26 al 30 giugno con cinque giorni di eventi, workshop e balli scatenati. L’iniziativa nasce da un’idea del Southern Fried Queer Pride, un'organizzazione basata ad Atlanta che supporta le arti queer e trans e un festival che celebra le comunità degli Stati Uniti meridionali. [post_title] => Il fermento per il WorldPride di giugno, primo negli Usa elettrizza Atlanta [post_date] => 2019-05-06T08:50:22+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557132622000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’11 e 12 maggio 2019 torna nella Capitale l'Open House Roma: il grande evento internazionale pubblico e totalmente gratuito che apre le porte di edifici storici, architetture contemporanee, luoghi di eccellenza della città. L’hotel Mediterraneo voluto nel 1930 da Maurizio Bettoja e progettato nel 1936 da Mario Loreti, è un esempio di architettura razionalista ed è uno dei migliori esempi di Art Decò a Roma. Nel marzo 2019, inoltre, la Sopraintendenza per i Beni culturali ha ufficializzato il vincolo storico che proteggerà per sempre le meraviglie artistiche del Mediterraneo. Con 50 metri di altezza, dieci piani e 243 camere è l’edificio più alto del centro e la sua decorazione si ispira a un lusso severo e monumentale, tipico degli anni Quaranta e dello stile dei “telefoni bianchi”. Nella hall spiccano busti marmorei d’imperatori romani e mosaici di Capizzano, che raffigurano la storia di Ulisse.  L’arredamento è dominato dal legno e dal marmo, il tema del mare è ricorrente in tutto l’albergo come nella sala colazioni decorata con tritoni e sirene in quercia. Dalla terrazza al decimo piano si gode di una spettacolare vista che spazia da San Pietro ai Castelli Romani. Il Bettoja Hotel Mediterraneo è visitabile sabato 11 e domenica 12 maggio nei seguenti nei seguenti orari: 10, 11, 12, 15, 16, 17, 18, 19. Il tema che caratterizza le scelte curatoriali dell'edizione 2019 di Open House Roma è Utilitas: l’aspetto che lega il progetto dello spazio al proprio uso, ai bisogni dei suoi fruitori in continuo mutamento, alle trasformazioni del contesto. Insieme alla Firmitas (solidità) e alla Venustas (bellezza), l'Utilitas è per la cultura classica vitruviana, uno dei requisiti fondanti l’architettura.     [post_title] => Il Bettoja hotel Mediterraneo apre le proprie porte per l'Open House Roma [post_date] => 2019-04-30T10:50:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => bettoja-hotel-mediterraneo [1] => maurizio-bettoja [2] => open-house-roma [3] => roma-2 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Bettoja hotel Mediterraneo [1] => Maurizio Bettoja [2] => Open House Roma [3] => roma ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556621453000 ) ) )