21 September 2019

Accompagnatore turistico Italia-estero

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Gianfranco Giacomelli
Telefono: 389 4293538
Email: gianfranco.giacomelli@yahoo.it
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Accompagnatore turistico con relativo patentino disponibile per accompagnamento gruppi Italia ed estero.
Padronanza perfetta lingua inglese e francese. Per comunicazioni e info tel: 389 4293538 Gianfranco Giacomelli, oppure gianfranco.giacomelli@yahoo.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352528 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Clima tropicale, oceano e giardini lussureggianti: questi sono i principali ingredienti di una vacanza a Mauritius. A questi scenari di impareggiabile bellezza si aggiunge una vasta gamma di incantevoli resort, disseminati lungo i 330 chilometri della costa dell'isola, ciascuno con caratteristiche di grande pregio e facilities di ogni genere. Il mercoledì è il giorno dedicato al benessere nei Constance Hotels & Resorts, che invitano gli ospiti a prendersi cura di sé con «Wellness Wednesday», un esclusivo programma per ritemprarsi e rilassarsi. Heritage Le Telfair Golf and Wellness Resortoffre uno splendido rifugio per chi è alla ricerca di una pausa benessere presso la spa Seven Colours: 2500mq di rigenerante perfezione. Tra lussureggianti giardini tropicali, il LUX Grand Gaube è avvolto da calette ondulate, una tranquilla laguna e vanta due spiagge riparate e due piscine spettacolari. Sulla costa est, The Residence Mauritius racchiude The Sanctuary, l’unico centro benessere dell’Oceano Indiano firmato Carita, il prestigioso marchio francese fondato nel 1956.  I giardini di Trou aux Biches Beachcomber Golf Resort & Spa si estendono per circa 111 ettari. Lo stress semplicemente si dissolve mentre gli ospiti Sun Resorts si concedono  qualche ora in uno degli spettacolari centri termali dei quattro resort della catena a Mauritius. Immersi in aree appartate e delimitati da lussureggianti paesaggi tropicali, i centri benessere sono stati progettati con cura per garantire un’esperienza termale sensazionale. L’impareggiabile bellezza degli accoglienti bungalow dal tetto di paglia, strutture uniche nel loro genere, situate in un lussureggiante giardino di palme da cocco, di fronte ad una spiaggia inondata dalla luce del tramonto: è questa la splendida cornice de La Pirogue, un’oasi di pace e intimità. Oltre alle numerose attività sportive proposte, La Pirogue offre un centro fitness interamente attrezzato firmato Aura e una Spa tropicale unica del suo genere targata Cinq Mōndes, che propone diversi trattamenti di salute e benessere. I principali pilastri sono i trattamenti di bellezza e rilassamento per il recupero mentale e fisico, Yoga, recupero profondo & meditazione. [post_title] => Mauritius: vacanze wellness lungo 330 chilometri di costa [post_date] => 2019-05-20T12:54:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356876000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351960 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la collaborazione di grandi maestri artigiani, i dettagli artistici dell’Hotel Mediterraneo tornano a sorprendere. Nel cuore della città capitolina, Bettoja Hotels non arresta l'attività di restyling della struttura e annuncia la conclusione della seconda fase, che svela il sapiente lavoro dei migliori maestri del restauro e 70 nuove camere e suite Premium, già pronte ad accogliere gli ospiti. Il restyling della Collezione, iniziato proprio dal Bettoja Hotel Mediterraneo, ha coinvolto i migliori artigiani italiani che hanno portato nuova vita agli storici dettagli dell’interior design di questo grandioso colosso di Art Déco a Roma. Non solo, quest’anno la Soprintendenza per i Beni culturali ha ufficializzato il vincolo storico che proteggerà per sempre le meraviglie artistiche di questo storico hotel. Giorni e ore di lavoro si sono susseguiti per quasi un anno, nelle camere i punti luce, tra cui le originali applique Venini, e i mobili, originali anni '40, sono stati completamente restaurati. I velluti turchesi, che richiamano il colore del Mar Mediterraneo, da cui il nome dell’hotel, impreziosiscono le testate dei letti e le sedute, anch’esse pazientemente realizzate a mano. Sono ora 70, in totale, le nuove camere Déco Premium, suddivise in Classic, Superior, Deluxe e Junior Suite. Il “Ritorno di Ulisse a Itaca”, mosaico di Franco D’Urso, accoglie gli ospiti nella lobby, mentre nella sala delle Mappe, il prezioso intarsio su bozzetto di Achille Capizzano “Allegoria della scrittura attraverso la storia”, è stato svelato dopo un minuzioso lavoro di restauro. Anche gli intarsi della sala delle Polene, in cui gli ospiti possono gustare la prima colazione, sono nuovamente ammirabili e ritornano a essere parte integrante dell’esperienza Bettoja, dove l’arte e l’ospitalità si uniscono. Nella sala San Giorgio è stato completato il restauro e il riposizionamento del monumentale mosaico del 1939, con San Giorgio che uccide il drago. L’Hotel Mediterraneo è stato il punto di partenza del rinnovamento. Qui anche il polo congressuale della collezione è già completamente rinnovato e operativo; dotato delle più moderne tecnologie, si aggiunge all’offerta totale dei tre hotel della collezione, in uno dei poli meeting più strategici a Roma. [post_title] => Bettoja Hotels: nuovi dettagli artistici al Mediterraneo [post_date] => 2019-05-14T15:38:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557848308000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche quest'anno Air France è partner e vettore ufficiale del Festival di Cannes, la cui 72ma edizione si terrà dal 14 al 25 maggio 2019. Per l'occasione, l'azienda festeggia 39 anni di collaborazione con la più grande mostra internazionale della settima arte. Air France sta adattando la propria offerta di intrattenimento ‘movie’ a bordo dei voli a lungo raggio con una selezione di film pluripremiati delle precedenti edizioni del Festival di Cannes. A maggio, in particolare, potranno vedere Capharnaüm di Nadine Labaki (2018), Sofia di Meryem Benm'Barek (2018) e Hyènes di Djibril Diop Mambéty (1992). Air France è orgogliosa di aver ospitato le riprese del film Sibyl, della regista Justine Triet e di due delle sue attrici Virginie Efira e Adèle Exarchopoulos, presentato al concorso ufficiale del Festival di Cannes! Il film sarà proiettato il 24 maggio 2019 sulla Croisette, contemporaneamente all'uscita al cinema.  Sin dal primo film proiettato - Un americano a Parigi - a bordo di un Costellation sulla tratta New York - Parigi nel 1951 e successivamente, nel maggio 1966, quando Viva Maria! di Louis Malle ha segnato l'introduzione di due film nel proprio programma di voli a lungo raggio, il cinema fa parte del dna di Air France ed è ora una parte fondamentale dell'esperienza di viaggio.   [post_title] => Air France, 39 anni di collaborazione con il Festival di Cannes [post_date] => 2019-05-14T12:29:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557836962000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350629 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350630" align="alignright" width="300"] I ministri del turismo di Spagna e Cuba: Maria Reyes Maroto Llera e Manuel Marrero Cruz[/caption] Maria Reyes Maroto Llera è stata l’ospite d’onore assieme alla Spagna alla presentazione ai media presenti (198 da 38 paesi) di FitCuba, come rappresentante istituzionale del paese iberico. «E’ un incontro che da 39 anni si è affermato come il più importante dell’area caraibica - esordisce Maroto Llera, ministro dell’Industria, commercio e turismo del governo Sanchez - e il suo palcoscenico, qui a San Cristobal de La Habana, è la celebrazione della cultura della luce dell’ispirazione artistica di questa città unica al mondo, così come è ammantata da un velo di decadenza che, se solo guardate oltre questo, potrete immaginare lo splendore che ha caratterizzato a partire dal XVI secolo, questa capitale speciale». La Spagna è sempre stata un partner importante del sistema turistico cubano che oggi più che mai si dirige verso una qualificazione del modello andando verso la sostenibilità. «Anche noi, nel comparto turistico iberico, abbiamo fatto notevoli sforzi per accelerare il processo di trasformazione del modello turistico per la conservazione del patrimonio e il miglioramento del servizio, la digitalizzazione, insomma una implementazione con un piano decennale che porti a questi risultati», ha proseguito Maroto Llera. Naturalmente anche gli investimenti spagnoli a Cuba sono aumentati e si sono riqualificati secondo queste guideline, perché comunque il turismo è un driver economico incredibile che non ha ancora raggiunto il proprio massimo delle potenzialità, anche indiretta, su vari aspetti dello sviluppo del paese. Il modello turistico cubano è in evoluzione costante. «Per quel che ci riguarda la Spagna - ha concluso il ministro - non accettiamo la recrudescenza del blocco nei confronti di Cuba da parte degli Usa, e l’applicazione del terzo comma della legge del 1966 Helms Burton, cosa che riteniamo contraria al diritto internazionale. La Spagna non solo intende difendere i propri interessi a Cuba, ma vuole tendere la mano al popolo cubano che non merita queste misure». [post_title] => Cuba: la Spagna paese ospite d’onore nel 500° compleanno dell'Avana, contro l'embargo [post_date] => 2019-05-08T09:47:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557308844000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350632 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350633" align="alignright" width="232"] Il ministro del turismo cubano, Manuel Marrero Cruz[/caption] Idee chiare per il ministro del turismo cubano, Manuel Marrero Cruz nella conferenza di presentazione agli ospiti buyers ed alla stampa nello scenario del palazzo dei congressi de La Habana. Dopo il discorso di Maria Reyes Maroto Llera, ministro del Commercio, industria e turismo spagnolo, fortemente improntato all'amicizia fra i due paesi e al rigetto dell'insaprimento dell'embargo americano verso Cuba, l’atteso discorso programmatico del titolare del dicastero cubano, il cui prologo è stato dedicato ai festeggiamenti del mezzo millennio de La Habana. «In attesa del 16 novembre, il vero compleanno della nostra capitale, ogni giorno vi sarà un evento. Per prima cosa voglio dire che siamo vicini agli altri paesi colpiti dai provvedimenti del governo americano, l'inasprimento dell'embargo: Nicaragua e Venezuela, qui presenti attraverso i loro ministri del turismo Mario Salinas e Marlenys Contreras. FitCuba 2019, giunta alla 39° edizione ospita 198 giornalisti 38 paesi che desideriamo siano gli ambasciatori della qualità dell’accoglienza cubana». L’occasione è stata propizia per presentare Juan Carlos Garcia il nuovo primo viceministro del turismo. Non poteva mancare una menzione al titolo 3 della legge Helms Burton (1966) che l’amministrazione Trump ha rispolverato dopo la distensione dell’amministrazione precedente, fattore che unito all’uragano Irma ha certamente rallentato ma non firmato lo sviluppo del turismo cubano. «E’ importantissimo che si sappia - ha aggiunto Marrero - che chi investe a Cuba è garantito dal paese e da parte del Governo. Cuba non abbandonerà chi ci ha dato la mano nei momenti difficili». Un messaggio molto diretto per Canada, EU e soprattutto Spagna. [post_title] => Manuel Marrero Cruz: la tutela degli investitori stranieri innanzitutto [post_date] => 2019-05-08T08:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557302448000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali destinazioni, pur costituendo appena il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano però il 75% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia. Lo rivela la settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Questi oltre mille comuni si distribuiscono, in particolare, per il 26% nel Nord-Ovest, per il 41,2% nel Nord-Est, per il 15,5% nel Centro e per il restante 17,3% nel Mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono inoltre montani. Seguono le località marine con il 19,7% (196) e quelle collinari con il 16,1% (161). Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali, infine, sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e tassa di sbarco. Il dato è in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, si può quindi stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe. La città con il maggior gettito è stata Roma, con un incasso pari a 130 milioni, il 27,7% del totale. L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni: oltre il 58% del totale nazionale. Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7 milioni, la Lombardia con 59,5 milioni e la Toscana con 57,4 milioni. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo. Non appaiono al contrario in graduatoria il Friuli-Venezia-Giulia (perché in questa regione l’imposta è stata introdotta nel 2018) e il Molise (l’imposta era stata istituita dal comune di Termoli, ma poi è stata soppressa in seguito a una sentenza del Tar). Lo studio evidenzia in conclusione che il governo non ha mai adottato il regolamento quadro che avrebbe dovuto fissare (entro il 6 giugno 2011) i principi generali per l’imposta di soggiorno. In assenza di una regola, i comuni si sono perciò mossi in ordine sparso, generando un quadro confuso: una famiglia di tre persone (padre, madre e figlio undicenne) che soggiorna per esempio in un albergo a 3 stelle per due giorni a Roma paga 24 euro di imposta di soggiorno, a Venezia 17,40 euro, a Rimini 12 euro, a Catanzaro 7,80 euro e a Bibione 6,30 euro. [post_title] => Gli albergatori tracciano l'identikit dell'imposta di soggiorno [post_date] => 2019-05-03T08:30:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => federalberghi [1] => firenze-2 [2] => milano-2 [3] => roma-2 [4] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Federalberghi [1] => firenze [2] => milano [3] => roma [4] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556872200000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’11 e 12 maggio 2019 torna nella Capitale l'Open House Roma: il grande evento internazionale pubblico e totalmente gratuito che apre le porte di edifici storici, architetture contemporanee, luoghi di eccellenza della città. L’hotel Mediterraneo voluto nel 1930 da Maurizio Bettoja e progettato nel 1936 da Mario Loreti, è un esempio di architettura razionalista ed è uno dei migliori esempi di Art Decò a Roma. Nel marzo 2019, inoltre, la Sopraintendenza per i Beni culturali ha ufficializzato il vincolo storico che proteggerà per sempre le meraviglie artistiche del Mediterraneo. Con 50 metri di altezza, dieci piani e 243 camere è l’edificio più alto del centro e la sua decorazione si ispira a un lusso severo e monumentale, tipico degli anni Quaranta e dello stile dei “telefoni bianchi”. Nella hall spiccano busti marmorei d’imperatori romani e mosaici di Capizzano, che raffigurano la storia di Ulisse.  L’arredamento è dominato dal legno e dal marmo, il tema del mare è ricorrente in tutto l’albergo come nella sala colazioni decorata con tritoni e sirene in quercia. Dalla terrazza al decimo piano si gode di una spettacolare vista che spazia da San Pietro ai Castelli Romani. Il Bettoja Hotel Mediterraneo è visitabile sabato 11 e domenica 12 maggio nei seguenti nei seguenti orari: 10, 11, 12, 15, 16, 17, 18, 19. Il tema che caratterizza le scelte curatoriali dell'edizione 2019 di Open House Roma è Utilitas: l’aspetto che lega il progetto dello spazio al proprio uso, ai bisogni dei suoi fruitori in continuo mutamento, alle trasformazioni del contesto. Insieme alla Firmitas (solidità) e alla Venustas (bellezza), l'Utilitas è per la cultura classica vitruviana, uno dei requisiti fondanti l’architettura.     [post_title] => Il Bettoja hotel Mediterraneo apre le proprie porte per l'Open House Roma [post_date] => 2019-04-30T10:50:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => bettoja-hotel-mediterraneo [1] => maurizio-bettoja [2] => open-house-roma [3] => roma-2 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Bettoja hotel Mediterraneo [1] => Maurizio Bettoja [2] => Open House Roma [3] => roma ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556621453000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_349499" align="alignleft" width="300"] L'esterno dello Stonewall inn[/caption] Per la prima volta nella storia il WorldPride si svolgerà negli Stati Uniti: New York ospiterà le celebrazioni che faranno eco in tutta la nazione, senza dimenticare che l’America è una destinazione Lgtb-friendly tutto l’anno. Dal drag bingo a Washington D.C. alle feste per le strade di Salt Lake City, passando per le mostre d’arte di New York e i club ispirati ai cowboy di San Francisco. Il primo evento WorldPride negli Stati Uniti, in programma dal 25 al 30 giugno 2019, sarà nella grande mela, che è una delle principali destinazioni Lgbt. Il WorldPride ricorderà, quest’anno, il 50esimo anniversario dei moti di Stonewall, accadimento del 28 giugno 1969, quando in risposta all’irruzione della polizia nel gay bar Stonewall Inn, nel Greenwich Village, scoppiò una rivolta. Il bar è oggi uno dei primi monumenti nazionali dedicati ai diritti Lgbt. Questa primavera si svolgeranno anche una serie di feste e parate nei vari “boroughs” della città. I più interessanti sono lo Staten Island PrideFest (10-19 maggio), l’Harlem Pride (31 maggio-29 giugno il X anniversario dell’Harlem Pride e il 100° anniversario per l’Harlem Reinassance, il Queens Pride (2 giugno), seguito da uno street festival pomeridiano, esibizioni di drag queen e cucina locale. NY city, comunque, oltre al WorldPride, offre tantissime esperienze Lgbt e resta una delle destinazioni più amate al mondo per la “nightlife”. Molti dei bar più popolari della città sono ancora situati nella zona del Greenwich Village, ma ci sono anche molti altri quartieri emergenti, in fatto di popolarità. Nel West Village, lo Stonewall Inn si conferma un una tappa imperdibile per un drink e, data la sua vetustà, nel 1916 fu inserito nella lista dei National Historic Landmark. Se siete interessati, da non perdere è anche Albatross, il più antico bar gay del Queens, per  cocktail economici e drag show. [post_title] => WorldPride: per la prima volta a New York per il 50° dei moti di Stonewall [post_date] => 2019-04-24T14:31:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556116293000 ) ) )