21 September 2019

Addetta al booking presso tour operator e agenzie di viaggio Roma

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Stefania Mammana
Telefono: 333 5839559
Email: stefania.mammana@gmail.com
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Decennale esperienza come addetta al booking presso tour operator ricerca lavoro presso tour operator/agenzie di viaggio o altro part time o full time a Roma e zone limitrofe preferibilmente zona est. Ottima conoscenza inglese, ottimi contatti con fornitori e clienti, uso di internet, posta elettronica. Contattare stefania.mammana@gmail.com oppure 333 5839559.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353248 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Odessa è una delle mete turistiche più apprezzate in tutta l’Europa orientale e il motivo è molto semplice: la città, famosa per il clima soleggiato e le sue spiagge sabbiose che si estendono per chilometri, regala paesaggi mozzafiato con le sue numerose insenature naturali che ne fanno un luogo ideale per la villeggiatura. Ricchissima di arte e tradizioni, con i suoi lunghi viali alberati e intimi cortili, offre numerosi centri termali, alberghi lussuosi in riva al mare e rinomati ristoranti locali. Conosciuta come “la Perla del Mar Nero”, Odessa è una città cosmopolita la cui storia è fortemente legata all’Italia fin dalle sue origini: oltre a essere stata fondata nel 1794 dall’ufficiale napoletano Giuseppe de Ribas, l’intera architettura della città ucraina rappresenta un omaggio al neoclassico italiano. Nel 1834 fu proprio un architetto italiano, Francesco Carlo Boffo, a dar vita al simbolo della città: la monumentale Scalinata Potëmkin, una delle più celebri scalinate di sempre, lunga ben duecento gradini, porta di ingresso di Odessa per chi arriva dal mare. Tra le tante attrazioni in città da non perdere il magnifico Teatro dell’Opera e del Balletto che conserva il suo autentico splendore barocco, e il Museo d’Arte Occidentale e Orientale, qui è conservata una delle più belle e sorprendenti collezioni di arte straniera in Ucraina, al suo interno vi è dedicata anche una sezione all’arte italiana e vi sono esposte opere del Guercino e del Canaletto. La variegata storia di Odessa ha creato una fusione culinaria unica, in cui i cibi ebraici si mescolano alle tradizioni culinarie ucraine. Il Mercato Pryvoz è il luogo ideale per assaporare le numerose prelibatezze locali. La città vanta numerosi ristoranti rinomati che la rendono un’ottima destinazione per il turismo gastronomico. Qui troverete numerosi ristoranti raffinati, tra cui il Terrace- Sea View, ristorante con una vista mare mozzafiato, ideale per una cena di lusso. Tra le spiagge più amate dai turisti vi sono Arkadia e Lanzheron, qui si trovano anche i locali più rinomati della città e gli alberghi di lusso, come ad esempio il Frederic Koklen, uno degli hotel più antichi di Odessa, costruito nel 1852 da una delle famiglie più illustri della città: i Koklens. Durante i suoi 165 anni di storia, il Frederic Koklen ha visto molti famosi musicisti, architetti e scrittori passare attraverso le sue porte. [post_title] => Odessa: spiagge, musei ed eventi per vivere la città cosmopolita [post_date] => 2019-05-27T09:45:11+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558950311000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352859 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus celebra la consegna del suo 12.000° aeromobile da quando è stata creata 50 anni fa. Si tratta di un A220-100, assemblato a Mirabel, in Canada, e consegnato a Delta Air Lines. L'aeromobile è il 12° A220 consegnato ad oggi a Delta Air Lines, da quando il vettore ha ricevuto il suo primo A220 nell'ottobre 2018. L'A220 ha iniziato il servizio di linea con Delta nel febbraio 2019. La compagnia è il primo vettore statunitense ad operare l’A220 ed è il più grande cliente dell’A220, con un ordine fermo per 90 aeromobili. Questa importante consegna di un aeromobile Airbus prodotto in Canada ad un vettore con sede negli Stati Uniti, evidenzia la crescente presenza di Airbus nel Nord America. Airbus gestisce il programma A220 dal 1° luglio 2018 e lo scorso gennaio sono iniziati a Mobile, in Alabama, i lavori di costruzione di una seconda linea di assemblaggio per questa famiglia di aeromobili. Questo sito servirà i clienti statunitensi dell’A220 e inizierà ad effettuare le sue prime consegne nel 2020. Airbus ha consegnato il suo primo aeromobile, un A300B2, ad Air France nel 1974. Nel 2010, 36 anni dopo, Airbus ha consegnato il suo 6.000° aeromobile. Il ritmo ha continuato ad accelerare, portando Airbus in soli nove anni a raddoppiare la propria velocità di produzione, raggiungendo il 20 maggio 2019 la consegna del suo 12.000° aeromobile. [post_title] => Airbus consegna il suo 12.000° aeromobile: un A220 Delta Air Lines [post_date] => 2019-05-22T13:06:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558530400000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352190 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus ha consegnato primo A330neo del continente americano ad Azul Linhas Aéreas, nell’ambito di un contratto di leasing da Avolon. Azul diventa così il primo vettore delle Americhe a operare un A330neo-900. L’A330neo sarà utilizzato dal vettore per espandere la propria rete di collegamenti internazionali tra il Brasile, l'Europa e gli Stati Uniti. Con una configurazione in tre classi, che conta 34 poltrone in business, 96 in Economy Xtra e 168 in Economy, l’A330neo offre ai passeggeri livelli di comfort elevati unitamente a un’esperienza di volo moderna e avanzata, mentre il vettore può beneficiare di una redditività ineguagliabile. Fondata nel 2008, Azul è un vettore brasiliano che serve 108 destinazioni in Sud America, Stati Uniti e Portogallo.  Airbus ha venduto 1.200 aeromobili, ha un portafoglio ordini di quasi 600 aeromobili e circa 700 sono in attività in America Latina e nei Caraibi, rappresentando una quota di mercato del 56% della flotta in servizio. Dal 1994, Airbus ha totalizzato quasi il 70% degli ordini netti nella regione. [post_title] => Azul è la prima compagnia delle Americhe ad operare con un A330neo [post_date] => 2019-05-16T11:27:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558006074000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351960 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la collaborazione di grandi maestri artigiani, i dettagli artistici dell’Hotel Mediterraneo tornano a sorprendere. Nel cuore della città capitolina, Bettoja Hotels non arresta l'attività di restyling della struttura e annuncia la conclusione della seconda fase, che svela il sapiente lavoro dei migliori maestri del restauro e 70 nuove camere e suite Premium, già pronte ad accogliere gli ospiti. Il restyling della Collezione, iniziato proprio dal Bettoja Hotel Mediterraneo, ha coinvolto i migliori artigiani italiani che hanno portato nuova vita agli storici dettagli dell’interior design di questo grandioso colosso di Art Déco a Roma. Non solo, quest’anno la Soprintendenza per i Beni culturali ha ufficializzato il vincolo storico che proteggerà per sempre le meraviglie artistiche di questo storico hotel. Giorni e ore di lavoro si sono susseguiti per quasi un anno, nelle camere i punti luce, tra cui le originali applique Venini, e i mobili, originali anni '40, sono stati completamente restaurati. I velluti turchesi, che richiamano il colore del Mar Mediterraneo, da cui il nome dell’hotel, impreziosiscono le testate dei letti e le sedute, anch’esse pazientemente realizzate a mano. Sono ora 70, in totale, le nuove camere Déco Premium, suddivise in Classic, Superior, Deluxe e Junior Suite. Il “Ritorno di Ulisse a Itaca”, mosaico di Franco D’Urso, accoglie gli ospiti nella lobby, mentre nella sala delle Mappe, il prezioso intarsio su bozzetto di Achille Capizzano “Allegoria della scrittura attraverso la storia”, è stato svelato dopo un minuzioso lavoro di restauro. Anche gli intarsi della sala delle Polene, in cui gli ospiti possono gustare la prima colazione, sono nuovamente ammirabili e ritornano a essere parte integrante dell’esperienza Bettoja, dove l’arte e l’ospitalità si uniscono. Nella sala San Giorgio è stato completato il restauro e il riposizionamento del monumentale mosaico del 1939, con San Giorgio che uccide il drago. L’Hotel Mediterraneo è stato il punto di partenza del rinnovamento. Qui anche il polo congressuale della collezione è già completamente rinnovato e operativo; dotato delle più moderne tecnologie, si aggiunge all’offerta totale dei tre hotel della collezione, in uno dei poli meeting più strategici a Roma. [post_title] => Bettoja Hotels: nuovi dettagli artistici al Mediterraneo [post_date] => 2019-05-14T15:38:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557848308000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Rinascimento Fiammingo non è solo da ammirare con gli occhi, ma anche da ascoltare: da maggio ad agosto Bruges, Lovanio e Anversa risuoneranno con tre festival di musica polifonica. Un ricco programma, che spazia dall’esecuzione di opere classiche a moderni arrangiamenti, permetterà ai cultori e ai semplici appassionati di questo genere musicale di godere, spesso in location estremamente suggestive. Si comincia a Lovanio con Voices of Passion, il festival di musica polifonica che si svolge dal 9 al 12 maggio nell’elegante cornice della chiesa barocca di Park Abbey: pietre miliari del genere verranno riviste e reinterpretate attraverso un ricco programma che include, tra gli altri, l’esecuzione di opere di Johannes Tourout, uno dei principali compositori del tardo XV secolo, e di Claudio Monteverdi con i suoi Madrigalii. L’abbazia ha ritrovato tutto il suo splendore originario grazie a un lungo restauro terminato nel 2017 con l’inaugurazione del nuovo museo PARCUM. Dal 2 all’11 agosto Bruges ospiterà MAfestival, uno dei più importanti festival di musica antica che omaggia la tradizione attraverso una visione innovativa e moderna, valorizzando in particolar modo i giovani artisti. Il festival si svolgerà all’interno del Concertgebouw: inaugurato nel 2000 alla presenza del re e della regina del Belgio, l'imponente sala da concerti, opera degli architetti Paul Robbrecht e Hilde Daem, prende ispirazione dalle torri e dai mattoni della città. Dal 15 al 25 agosto Anversa diventerà un luogo di incontro per tutti i cultori di musica polifonica grazie a Laus Polyphoniae, uno dei più interessanti festival di musica antica d’Europa, che dal 1994 propone ogni estate un programma di concerti eseguiti dalle migliori orchestre. Il festival sarà caratterizzato da musica sia laica che religiosa eseguita da ensemble provenienti dal Belgio e dall'estero, per ascoltare la musica dell’epoca in voga in Italia, Inghilterra, Austria e Lituania. Oltre ai concerti, quest’anno il focus potrà essere approfondito con conferenze, workshop, passeggiate e attività dedicate ad appassionati e curiosi di ogni età.   [post_title] => Fiandre, festival e concerti estivi per vivere la destinazione [post_date] => 2019-05-13T12:36:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557750993000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351756 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cabo Verde Airlines ha presentato il "Praia de Santa Maria", il primo velivolo con la nuova livrea. L'aeroporto di Nelson Mandela ha accolto l'aereo "Praia de Santa Maria" proveniente da Boston, con 134 passeggeri. "Praia de Santa Maria", il cui nome è stato scelto attraverso un voto pubblico su Facebook, celebra una delle meraviglie naturali di Capo Verde che è la caratteristica spiaggia della città di Santa Maria sull'isola di Sal, dove si trova l'hub della compagnia aerea. Decorato nei toni del blu e del pastello, propone un branding che è una miscela delicata che unisce la bellezza naturale al ritmo della cultura capoverdiana, con i colori delle case sulle isole. Una tavolozza di colori interni ed esterni che intende mettere in evidenza che il cambiamento viene dall'interno, e che l'obiettivo è servire al meglio i propri clienti e portare Capo Verde nel mondo ed il mondo a Capo Verde. La "Praia de Santa Maria" avrà 12 posti in una cabina premium e 180 posti. Con l'arrivo di Praia de Santa Maria, Capo Verde Airlines completa la propria flotta che comprende oggi tre aerei 757-200 e prevede di riceverne altri due entro la fine dell'anno. L'arrivo di questo velivolo fa parte della ristrutturazione della compagnia aerea e della sua privatizzazione, completata il 1° marzo 2019.   [post_title] => Cabo Verde Airlines, la nuova livrea sul "Praia de Santa Maria" [post_date] => 2019-05-13T11:52:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557748346000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351663 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È una della partecipazioni importanti quella di Cipro alla Biennale Arte di Venezia 2019, aperta al pubblico dall’11 maggio, anche perché avviene all’insegna di un significativo ritorno: protagonista del padiglione cipriota, con la retrospettiva Untimely, again [Di nuovo fuori tempo] allestita presso la sede dell’Associazione Culturale Spiazzi, sarà, infatti, Christoforos Savva, scelto nel 1968, con altri 5 artisti, per rappresentare Cipro nel suo padiglione inaugurale e deceduto improvvisamente pochi giorni dopo l’apertura. L’esposizione veneziana curata da Jacopo Crivelli Visconti, che riprende parzialmente nei contenuti la mostra Untimely on time: Christoforos Savva (1924-1968), allestita lo scorso gennaio per inaugurare con un omaggio all’artista la nuova Galleria Statale di Arte Contemporanea – SPEL di Lefkosia (Nicosia), è una preziosa occasione per avvicinarsi a una delle figure più rivoluzionarie del panorama artistico cipriota del XX secolo. Le opere esposte daranno vita a un vero e proprio viaggio attraverso la visione artistica di Savva. La coesistenza di stili e l'ampia gamma di temi e riferimenti che compaiono nelle sue opere - arte classica greca, arte africana, artigianato cipriota, arte popolare, arte informale, pop art e movimenti d'avanguardia - sembrano suggerire che gli aspetti prettamente formali non fossero per lui un ostacolo o un vincolo. La partecipazione della repubblica di Cipro alla Biennale Arte 2019 è organizzata dal Ministero dell’Istruzione e della Cultura Cipriota, in collaborazione con il Point Centre for Contemporary Art di Lefkosia.     [post_title] => Cipro alla Biennale di Venezia, retrospettiva di Christophoros Savva [post_date] => 2019-05-13T09:36:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557740167000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Giardini botanici nazionali della università de La Habana, si trovano a circa 25 km dalla capitale. In uno scenario che passa dalla foresta primaria al bosco vi sono conservate, catalogate e studiate oltre 3000 specie botaniche. La grande estensione del complesso, 550 ettari, non deve spaventare i visitatori che possono coprire un esaustivo “recorrido” in circa due ore. «E’ una solida istituzione scientifica e pedagogica - ha rimarcato la direttrice del complesso Nora F. Hernandèz Monterrey – un preludio all’ecoturismo cubano. Qui si può trovare un valido concentrato della biodiversità per cui Cuba è famosa con la maggiore densità di piante differenti per kmq sul pianeta». Dapprima una fattoria per l’allevamento del bestiame, il giardino botanico è stato fondato nel 1968 e aperto al pubblico nel 1984. Lo visitano circa 50mila cubani e 30mila stranieri l’anno e si sta affermando come una delle nuove attrazioni dell’area habanera, stimato quale uno dei 10 più grandi giardini botanici del mondo. Uno dei punti di forza è il così detto “palmetum” che ospita 250 varietà di palme, di cui una novantina endemiche, su un’area di 50 ettari. Un altro gioiello è il “giardino giapponese” l’unico del paese, inaugurato nel 1989, e in via di ampliamento per il 500° compleanno de La Habana. Nell’ambito turistico e specificatamente per il settore incentive, è possibile organizzare eventi in questa location davvero suggestiva.I progetti futuri prevedono anche l’apertura della Casa del Campesino, una sorta di lodge ospitale che dovrebbe aprire nel 2020 e fra le attrazioni una zipline in un ambiente del tutto naturale. [post_title] => Cuba: l’eredità “campesina” al servizio del turismo verde con i giardini botanici [post_date] => 2019-05-07T15:12:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557241974000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350201 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350202" align="alignleft" width="300"] Lelio Carfora[/caption] Lelio Carfora, classe 1954, partenopeo, con un passato nel mondo del turismo di tutto rispetto, ci ha lasciati. Indimenticato protagonista del panorama turistico nazionale per oltre 20 anni, da Best Tours, alla Rallo viaggi di Mestre che fece crescere in mete e penetrazione sul mercato, Lelio Carfora terminò la carriera nel tour operating a Roma rilevando i Viaggi del Capitano. Profondo conoscitore dell’Oceano Indiano, e non solo, amava il suo lavoro tanto che quando decise di chiudere con il turismo italiano si trasferì in Madagascar a dirigere un boutique hotel e poi, sfruttando le proprie capacità in cucina a dare vita alla sua creatura, il ristorante Chez Angeline, a Nosy Be. Di lui ricorderemo di certo la professionalità, la capacità comunicativa, l’amore per il mare. Per chi volesse porgergli l'estremo saluto, il funerale verrà celebrato lunedì 6 maggio alle ore 15:00 presso la chiesa dei Missionari Comboniani, in via Luigi Lilio 80, a Roma [post_title] => L'ultimo saluto a Lelio Carfora [post_date] => 2019-05-06T10:14:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557137687000 ) ) )