15 September 2019

Direttore tecnico di agenzia di viaggio regione Lazio

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Orlando
Telefono: 339 6402376
Email:
Provincia: • 
Comune:

Settore: • 
Mansione: • ,


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico di agenzia di viaggi iscritto all’Albo della Regione Lazio offresi per copertura titolo, consulenza o collaborazione. Disponibilità immediata. Orlando 339 6402376.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353757 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il consiglio di amministrazione di Four Seasons ha confermato John Davison nel ruolo di ceo e presidente della compagnia. Con un'esperienza di quasi 18 anni nel gruppo canadese dell'ospitalità del lusso, Davison era dalla fine del 2018 amministratore delegato a interim della società, dopo che il suo predecessore, Allen Smith, aveva deciso di non rinnovare il proprio contratto. Il nuovo ceo è entrato in Four Seasons nel 2002, assumendo nel 2005 la carica di chief financial officer, dopo essersi occupato della supervisione del business residenziale della compagnia. Prima di lavorare nel gruppo canadese, Davison ha quindi collaborato per 14 anni con la società specializzata in apparecchiature audiovisive Imax, arrivandone a ricoprire i ruoli di presidente, coo e cfo. Prima ancora aveva invece avuto a che fare con Kpmg. «Sono molto felice della sua nomina - ha dichiarato il fondatore e presidente della compagnia, Isadore Sharp -. Anche perché, da quando John ha assunto la carica a interim, abbiamo registrato dati finanziari record». «E' un vero privilegio continuare a collaborare con il cda di Four Seasons, nonché con il suo team di oltre 45 mila collaboratori - ha quindi rimarcato lo stesso Davison -. Grazie al grande numero di hotel e progetti residenziali in pipeline, il gruppo sta oggi crescendo ai ritmi più veloci della sua storia quasi sessantennale». Fondata nel 1960 da Isadore Sharp, Four Seasons vanta oggi un portfolio di 115 hotel e resort, nonché di 48 proprietà residenziali, distribuiti in 48 differenti Paesi del mondo. [post_title] => John Davison confermato alla guida di Four Seasons [post_date] => 2019-05-30T14:52:23+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => allen-smith [1] => four-seasons [2] => in-evidenza [3] => isadore-sharp [4] => john-davison ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Allen Smith [1] => Four Seasons [2] => In evidenza [3] => Isadore Sharp [4] => John Davison ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227943000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353756 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “New Shades of Emerging Destinations” è il tema del prossimo Ttm+ 2019, in programma dal 5 al 7 giugno a Pattaya. La fiera di viaggi b2b più importante del paese si presenterà in un formato più grande che riflette chiaramente il nuovo senso delle strategie globali in un mondo in rapida evoluzione e altamente competitivo. Attesi 351 buyer, 371 seller e circa 130 media nazionali e internazionali, presso l’Ocean Marina Yacht Club, dove si terrà l’evento per il secondo anno consecutivo. Il 5 giugno, in apertura la registrazione dei partecipanti e a seguire una sessione di discussione per tutti i delegati, briefing sui media in Thailandia e cerimonia ufficiale di benvenuto. Gli incontri di lavoro si terranno il 6 e il 7 giugno, quindi sia i buyer che i media partiranno l’8 giugno per un post-tour in diverse aree del litorale orientale. Protagoniste della fiera saranno 55 destinazioni emergenti della Thailandia con il loro patrimonio, le attrazioni culturali e culinarie. Il tema di quest’anno riflette il forte legame con la strategia di promozione di Tourism authority of Thailand impegnata nella promozione di destinazioni emergenti con l’obiettivo di creare posti di lavoro, e di distribuire i ricavi a livello nazionale tra le grandi città e le comunità locali, favorendo la sostenibilità attraverso il bilanciamento del numero di visitatori per destinazione. [post_title] => Appuntamento con il Thailand Travel Mart Plus il 5 giugno a Pattaya [post_date] => 2019-05-30T14:40:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227253000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352978 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il portale 5terreliguri propone alcuni pacchetti in occasione del Vallebio Festival di Varese Ligure (1° e 2 giugno). La rassegna offre l’occasione per scoprire il territorio e magari fare una visita al Brugnato 5 Terre Outlet. Le proposte: domenica 2 giugno.Viaggio dalla Spezia o da Genova al Vallebio festival  di Varese Ligure con sosta al Brugnato 5terre outlet village. Viaggio dalla Spezia con bus gt. per il cuore del distretto Biologico a Varese Ligure, con un minimo di 35 persone. Programma: Partenza dalla Spezia ore 10,00; Arrivo a Brugnato ore 10,30 circa, sosta  al Brugnato 5terre outlet village per visita e shopping con brunch; Ore 14,00 partenza Varese Ligure. Gli stand dei produttori saranno allestiti nella piazza e nelle vie centrali della cittadina, che sorge intorno al maestoso castello dei Fieschi. Il maniero per l’occasione sarà visitabile con una guida che accompagnerà anche lungo le vie del centro storico che, tra l’altro, furono teatro dell’amore tra Ugo Foscolo e Luigia Pallavicini. I due amanti sono celebrati da un formaggio biologico degustabile sugli stand del Festival.Ore 19,30 partenza per il rientro. Pacchetto analogo con partenza con bus da Genova (piazza della Vittoria alle 9.00 di domenica 2 giugno). La quota di 44 euro a persona comprende viaggio Bus GT, brunch e assicurazione. 5terreliguri è un network che offre alle agenzie di viaggio supporto per l'organizzazione di tour ed itinerari sul territorio. [post_title] => 5TerreLiguri, i pacchetti per scoprire il territorio ed il festival Vallebio [post_date] => 2019-05-23T10:42:18+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558608138000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352407 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la recente inaugurazione del nuovo Venice – Sant’Elena, Hnh Hospitality ha chiuso un ulteriore accordo con il marchio Indigo del gruppo Ihg, in vista del prossimo rebranding del Grand Hotel Des Arts di Verona. La società di gestione alberghiera italiana ha infatti appena annunciato di aver aggiunto la struttura scaligera al proprio portfolio attuale di 11 alberghi nella Penisola. Costruito agli inizi degli anni Venti, il palazzo che ospita oggi il Des Arts venne inizialmente adibito a residenza privata della famiglia Reichenbach, di nobile dinastia austriaca, per poi essere successivamente trasformato in hotel. Dal 1990 a oggi, la struttura è stata quindi gestita da una famiglia di imprenditori veronesi, che lo hanno reso uno degli indirizzi di riferimento dell'ospitalità cittadina. Dotato di 62 camere e suite distribuite su cinque piani, l'hotel dispone anche di bar, sala colazioni, due spazi meeting capaci di ospitare fino a 120 delegati e un giardino con cortile annesso. L'albergo andrà ora incontro a un piano di ristrutturazione, per poi riaprire come un hotel Indigo. Hnh agirà quindi in qualità di "white label company". «È con grande soddisfazione che oggi aggiungiamo un tassello importante al piano di crescita e di espansione del nostro gruppo - dichiara Luca Boccato, amministratore delegato di Hnh Hospitality -. Verona è una città strategica per noi e con il Grand Hotel Des Arts entriamo nel centro storico nel segmento Leisure, affiancandoci al Best Western Ctc Hotel Verona: altra struttura del nostro portfolio. Importanti sinergie operative, una volta completata l’attività di rebranding, si svilupperanno anche con l’Hotel Indigo Venice – Sant’Elena che il nostro gruppo ha appena inaugurato a Venezia». [post_title] => Prosegue la collaborazione tra Hnh e Indigo: presto un nuovo hotel a Verona [post_date] => 2019-05-17T15:15:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558106131000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351960 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la collaborazione di grandi maestri artigiani, i dettagli artistici dell’Hotel Mediterraneo tornano a sorprendere. Nel cuore della città capitolina, Bettoja Hotels non arresta l'attività di restyling della struttura e annuncia la conclusione della seconda fase, che svela il sapiente lavoro dei migliori maestri del restauro e 70 nuove camere e suite Premium, già pronte ad accogliere gli ospiti. Il restyling della Collezione, iniziato proprio dal Bettoja Hotel Mediterraneo, ha coinvolto i migliori artigiani italiani che hanno portato nuova vita agli storici dettagli dell’interior design di questo grandioso colosso di Art Déco a Roma. Non solo, quest’anno la Soprintendenza per i Beni culturali ha ufficializzato il vincolo storico che proteggerà per sempre le meraviglie artistiche di questo storico hotel. Giorni e ore di lavoro si sono susseguiti per quasi un anno, nelle camere i punti luce, tra cui le originali applique Venini, e i mobili, originali anni '40, sono stati completamente restaurati. I velluti turchesi, che richiamano il colore del Mar Mediterraneo, da cui il nome dell’hotel, impreziosiscono le testate dei letti e le sedute, anch’esse pazientemente realizzate a mano. Sono ora 70, in totale, le nuove camere Déco Premium, suddivise in Classic, Superior, Deluxe e Junior Suite. Il “Ritorno di Ulisse a Itaca”, mosaico di Franco D’Urso, accoglie gli ospiti nella lobby, mentre nella sala delle Mappe, il prezioso intarsio su bozzetto di Achille Capizzano “Allegoria della scrittura attraverso la storia”, è stato svelato dopo un minuzioso lavoro di restauro. Anche gli intarsi della sala delle Polene, in cui gli ospiti possono gustare la prima colazione, sono nuovamente ammirabili e ritornano a essere parte integrante dell’esperienza Bettoja, dove l’arte e l’ospitalità si uniscono. Nella sala San Giorgio è stato completato il restauro e il riposizionamento del monumentale mosaico del 1939, con San Giorgio che uccide il drago. L’Hotel Mediterraneo è stato il punto di partenza del rinnovamento. Qui anche il polo congressuale della collezione è già completamente rinnovato e operativo; dotato delle più moderne tecnologie, si aggiunge all’offerta totale dei tre hotel della collezione, in uno dei poli meeting più strategici a Roma. [post_title] => Bettoja Hotels: nuovi dettagli artistici al Mediterraneo [post_date] => 2019-05-14T15:38:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557848308000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350246 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350247" align="alignright" width="300"] L'insegna del Mary's bas di Atlanta[/caption] Sono tantissime le manifestazioni in programma nelle città americane per il primo evento WorldPride negli Stati Uniti, in programma dal 25 al 30 giugno 2019, nella grande mela. Atlanta, Georgia, detta anche “Hotlanta” per i locali, è l'epicentro della comunità LGBT del sud. La presenza LGBT è cresciuta enormemente dalla prima Pride Parade del 1970, organizzata dal Georgia Gay Liberation Front. Quest'anno, il 49esimo Atlanta Pride Festival annuale si svolgerà dall'11 al 13 ottobre e ha tutte le carte in regola per imporsi come la più grande celebrazione del sud. Atlanta è una città ricca di cultura, piena di festival, ottimi ristoranti, una notevole offerta di spettacoli teatrali e bar eccellenti, tra cui il Mary's, premiato come "Best Gay Bar" dalla rivista Out Magazine, ed è anche sede di alcuni dei migliori karaoke della città. Altri eventi di spicco quest'anno includono il Southern Pride Queer Pride Atlanta Festival, che si svolgerà dal 26 al 30 giugno con cinque giorni di eventi, workshop e balli scatenati. L’iniziativa nasce da un’idea del Southern Fried Queer Pride, un'organizzazione basata ad Atlanta che supporta le arti queer e trans e un festival che celebra le comunità degli Stati Uniti meridionali. [post_title] => Il fermento per il WorldPride di giugno, primo negli Usa elettrizza Atlanta [post_date] => 2019-05-06T08:50:22+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557132622000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’11 e 12 maggio 2019 torna nella Capitale l'Open House Roma: il grande evento internazionale pubblico e totalmente gratuito che apre le porte di edifici storici, architetture contemporanee, luoghi di eccellenza della città. L’hotel Mediterraneo voluto nel 1930 da Maurizio Bettoja e progettato nel 1936 da Mario Loreti, è un esempio di architettura razionalista ed è uno dei migliori esempi di Art Decò a Roma. Nel marzo 2019, inoltre, la Sopraintendenza per i Beni culturali ha ufficializzato il vincolo storico che proteggerà per sempre le meraviglie artistiche del Mediterraneo. Con 50 metri di altezza, dieci piani e 243 camere è l’edificio più alto del centro e la sua decorazione si ispira a un lusso severo e monumentale, tipico degli anni Quaranta e dello stile dei “telefoni bianchi”. Nella hall spiccano busti marmorei d’imperatori romani e mosaici di Capizzano, che raffigurano la storia di Ulisse.  L’arredamento è dominato dal legno e dal marmo, il tema del mare è ricorrente in tutto l’albergo come nella sala colazioni decorata con tritoni e sirene in quercia. Dalla terrazza al decimo piano si gode di una spettacolare vista che spazia da San Pietro ai Castelli Romani. Il Bettoja Hotel Mediterraneo è visitabile sabato 11 e domenica 12 maggio nei seguenti nei seguenti orari: 10, 11, 12, 15, 16, 17, 18, 19. Il tema che caratterizza le scelte curatoriali dell'edizione 2019 di Open House Roma è Utilitas: l’aspetto che lega il progetto dello spazio al proprio uso, ai bisogni dei suoi fruitori in continuo mutamento, alle trasformazioni del contesto. Insieme alla Firmitas (solidità) e alla Venustas (bellezza), l'Utilitas è per la cultura classica vitruviana, uno dei requisiti fondanti l’architettura.     [post_title] => Il Bettoja hotel Mediterraneo apre le proprie porte per l'Open House Roma [post_date] => 2019-04-30T10:50:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => bettoja-hotel-mediterraneo [1] => maurizio-bettoja [2] => open-house-roma [3] => roma-2 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Bettoja hotel Mediterraneo [1] => Maurizio Bettoja [2] => Open House Roma [3] => roma ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556621453000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347965 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_347966" align="alignright" width="249"] Bianca Trusiani[/caption] Soddisfazione e successo per i tre giorni di full immersion, dedicati ad un’alta specializzazione per l’accoglienza turistica e matrimoniale destinata al mercato cinese. La manifestazione, giunta alla VII edizione, si è tenuta nel prestigioso Stadio di Domiziano ed il corso è stato inserto nella programmazione dell’Università popolare organizzazione e gestione turistica, già iscritta in Cnupi (Confederazione nazionale università popolare.Ente accreditato presso il Miur per la formazione del personale della scuola). Il presidente Gianluca Tedesco, ha  accolto con entusiasmo la nuova figura professionale ed è già allo studio un’accoglienza dedicata ai mercati russi ed ex unione sovietica. Il Wedding Travel Coordinator è una nuova figura professionale che nasce da un bisogno del mercato. Un’accoglienza dedicata agli sposi stranieri che vengono a finalizzare il proprio sogno d’amore in Italia, ma che prima di tutto sono turisti. E’, insomma un’opportunità reale di lavoro, un bisogno del mercato, supportato da un concreto “albo" di nuovi professionisti, dove ogni imprenditore può scegliere l’esperto adeguato alle sue esigenze. «Siamo ancora in fase di “sperimentazione” e per questa edizione - dichiara Bianca Trusiani, ideatrice della nuova figura professionale nel 2013 - abbiamo volto creare un corso “one-to-one”, garantendo la qualità del programma e dei docenti. Un approccio diverso che ci ha permesso valutazioni per andare a definire le nuove linee guida. Abbiamo previsto una giornata di aggiornamento per tutti i WTC entro la fine del 2019». Il WTC è una figura che ha in se la professionalità turistica e dell’organizzazione di matrimonio, interpretariato, coordinamento del wedding day, ma è soprattutto un mediatore culturale. Non organizza l’evento, quindi non è un wedding planner, né il viaggio, quindi non è un adv/to; rappresenta parte esecutiva, colui che accoglie i turisti matrimoniali e che li accompagna nel loro soggiorno in Italia.  Negli ultimi anni, il business dei matrimoni cinesi all’estero è cresciuto del 200%. Ha cominciato ad interessare una serie di profili alto spendenti che appartengono  a precise categorie socio economiche, dai fùèrdài, ricchissimi di seconda generazione, figli di industriali e funzionari di partito che non badano a spese, ai tŭháo, dalle grandi capacità economiche ma ancora poco avvezzi ai gusti occidentali, passando immancabilmente la Y shídài, la generazione dei millennials (nati tra il 1980 e il 2000) , che in Cina conta più di 300 milioni di individui. Le richieste di tipologie di matrimoni cinesi in Italia vanno dal religioso al civile passando per il simbolico, pre-wedding e full day wedding. Docenti di altissimo profilo come Ilaria Tipà, interprete, in questi ultimi giorni, per i presidenti Xi Jinping e Mattarella durante la visita ufficiale del Presidente della Repubblica Popolare Cinese. Il materiale consegnato ai corsisti ha visto un glossario Italiano-Cinese-Inglese di terminologia Travel e Wedding, orgoglio e fiore all’occhiello, oltre che strumento di lavoro impagabile.     [post_title] => Il Wedding Travel Coordinator: il professionista nell'accoglienza del Destination Wedding [post_date] => 2019-04-10T10:04:52+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554890692000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346073 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_346074" align="alignright" width="300"] Un bungalow dell'hotel Atiapiti[/caption] L’associazione Te Tupuna è una brillante idea di Marie Claude Rajaud, che raccoglie tutte le piccole strutture di accoglienza di Raiatea. «Abbiamo raccolto in un opuscolo, giunto alla VIII edizione, che ci pare essere molto utile all’utenza, sia essa di passeggeri che di professionisti dell’intermediazione e dell’organizzazione viaggi - spiega Rajaud - le piccole realtà del turismo di Raiatea, per promuoverle e difenderle. Le classificazioni vanno da una a tre stelle, secondo la regolamentazione del governo della nostra patria, che segue alcune regole che si rifanno alla qualità, alle attrattive e al livello di comfort della struttura». I “family hotel” sono di certo un viaggio nel viaggio, per stare con le persone che qui vivono ed integrarsi molto di più negli usi e costumi locali, per meglio comprendere la destinazione. A Raiatea vi sono quasi 13mila abitanti, sta a 193 km a nord di Tahiti ed è il centro amministrativo delle isole Sottovento. Raiatea è considerata l'isola sacra per la presenza del luogo di culto più famoso dell'arcipelago, il grande Marae di Taputapuatea, patrimonio dell'Umanità dal 2017. «Vi sono 10 piccole strutture dell’accoglienza che compaiono sulla nostra miniguida, utile a scoprire Raiatea al meglio - conclude M.me Rajaud - assieme a chi l’isola la vive da sempre». Per la cronaca l’animatrice di questa iniziativa gestisce anche una struttura che offre 8 bungalow da 58 m2, l’Hotel Atiapiti,  affacciato direttamente sull’arenile, con bar e ristorante oltre alle attività acquatiche.   [post_title] => Raiatea: piccole strutture si coalizzano per una commercializzazione più consapevole [post_date] => 2019-03-26T08:35:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553589337000 ) ) )