24 February 2020

Offresi copertura titolo e collaboratore vendite e biglietteria

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Giuseppe
Telefono: 334 8962568
Email: lalla@campussrl.191.it
Provincia: • 
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • , ,


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio direttore tecnico iscritto all’Albo della regione Lombardia, trentennale esperienza in biglietteria aerea e gestione del business travel, impiegato fino al 30 novembre 2012 come addetto al servizio clienti Expedia, attualmente dimissionario, offresi copertura titolo, nonchP come collaboratore per le vendite di viaggi e biglietteria. Ottima conoscenza certificata Amadeus, Sabre, Worldspan e Galileo e dei maggiori sistemi di prenotazione alberghiere. Disponibile anche come affiancamento e consulenza personale agenzie nuova apertura. Cv visionabile su richiesta. Preferibilmente Bergamo e provincia. Giuseppe, cell 334 8962568; email: lalla@campussrl.191.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353872 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La prima compagnia a introdurre l'acqua calda in camera, ma anche l'aria climatizzata, la televisione, il minibar e le amenities dedicate alle donne. Sono alcuni dei primati del gruppo Hilton, che proprio nel 2019 celebra il secolo di storia: fondata nel 1919 in un’area rurale del Texas, la compagnia conta oggi 5.700 hotel distribuiti in 113 Paesi del mondo. In quest'anno davvero speciale fioccano quindi le iniziative in tutto il globo per celebrare degnamente un compleanno tanto importante. Ieri sera è stata la volta dell'Hilton Milan che nella sua terrazza ha organizzato un evento a tema, dedicato alle atmosfere del country texano. Per l'occasione, il direttore della struttura, Nassos Papazoglou, ha sottolineato anche l'impatto positivo che la presenza degli hotel Hilton ha sui territori in cui opera il gruppo. Nel caso dell'albergo meneghino, merita per esempio citare la collaborazione che dura ormai da otto anni con la onlus Farsi Prossimo, e in particolare con il suo progetto M'ama Food, legato alle mansioni in ambito f&b. A tal fine l'Hilton Milan si è reso infatti disponibile a organizzare momenti di training professionale, giornate di volontariato aziendale e raccolte fondi. Ma pure a ospitare i protagonisti del programma per stage che a volte sono persino sfociati in assunzioni dirette. [post_title] => L'Hilton Milan in festa per i 100 anni della compagnia [post_date] => 2019-05-31T11:23:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559301811000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche quest'anno Air France è partner e vettore ufficiale del Festival di Cannes, la cui 72ma edizione si terrà dal 14 al 25 maggio 2019. Per l'occasione, l'azienda festeggia 39 anni di collaborazione con la più grande mostra internazionale della settima arte. Air France sta adattando la propria offerta di intrattenimento ‘movie’ a bordo dei voli a lungo raggio con una selezione di film pluripremiati delle precedenti edizioni del Festival di Cannes. A maggio, in particolare, potranno vedere Capharnaüm di Nadine Labaki (2018), Sofia di Meryem Benm'Barek (2018) e Hyènes di Djibril Diop Mambéty (1992). Air France è orgogliosa di aver ospitato le riprese del film Sibyl, della regista Justine Triet e di due delle sue attrici Virginie Efira e Adèle Exarchopoulos, presentato al concorso ufficiale del Festival di Cannes! Il film sarà proiettato il 24 maggio 2019 sulla Croisette, contemporaneamente all'uscita al cinema.  Sin dal primo film proiettato - Un americano a Parigi - a bordo di un Costellation sulla tratta New York - Parigi nel 1951 e successivamente, nel maggio 1966, quando Viva Maria! di Louis Malle ha segnato l'introduzione di due film nel proprio programma di voli a lungo raggio, il cinema fa parte del dna di Air France ed è ora una parte fondamentale dell'esperienza di viaggio.   [post_title] => Air France, 39 anni di collaborazione con il Festival di Cannes [post_date] => 2019-05-14T12:29:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557836962000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350798 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nana Princess resort, Creta: destinazione nella destinazione per una estate all'insegna del benessere. In questa isola leggendaria sorge oggi il Nana Princess: un resort di 112 suite e ville che cattura l'essenza intima e discreta del lusso contemporaneo e la sposa al calore della tradizionale ospitalità greca. Le suite e ville affacciate su oltre 40 mila metri quadrati di spiaggia con vista sul mar Egeo, non sono semplici alloggi turistici, ma vere e proprie dimore che accolgono, cullano e aprono a nuove esperienze. L’ultimo progetto del gruppo Karatzis porta l’ospitalità dell’isola di Creta a livelli di eccellenza, e la interpreta attraverso un lusso contemporaneo fatto di naturalezza, intimità e autenticità. Perché nulla deve turbare l’equilibrio perfetto di un panorama tanto unico da parlare con la lingua di Omero. La struttura del resort è appositamente disegnata per inserirsi con armonia nell’ambiente. Ma è l’eccezionalità della proposta wellness a costituire il vero cuore di Nana Princess. Adiacente alla spiaggia, il Royal Wellness Club è stato progettato per essere una vera e propria destinazione nella destinazione. All’interno di 1.400 metri quadrati di spazio realizzati su progetto dello studio italiano Aledolci&Co si sviluppano l’ambiente dedicato alla spa vera e propria, il Royal Wellness Club, completo anche di spa privata Suite Anax & Anassa, il Royal Fitness Club, una suggestiva piscina coperta, e un’area Hair & Beauty, a cui si accede percorrendo il no sound corridor: 10 metri di totale assenza di suono, che portano l’ospite in una condizione amplificata di coinvolgimento sensoriale e pieno relax. Il design degli interni abbina la purezza del bianco dei soffitti, la profondità dei vari toni del celeste e dell’azzurro del mare utilizzato negli arredi, nei vetri temperati e nelle superfici translucide, al calore del legno di rovere, impiegato nei rivestimenti con effetto decorativo e fonoassorbente, con il contrappunto del nero marmo che ricorre a sottolineare alcuni elementi. Il risultato è un ricercato ambiente wellness dalle ispirazioni living e dal carattere emozionale, che anche negli spazi più ampi riesce a trasportare mente e corpo in una dimensione di riservatezza, comfort ed esclusività.     [post_title] => Nana Princess Resort: il lusso incontra l'ospitalità a Creta [post_date] => 2019-05-09T11:37:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557401861000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350420 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Lago di Costanza offre la possibilità di fare un tuffo nella storia alla scoperta di Strade tematiche, escursioni guidate, musei esperienziali e tour su mezzi d’epoca.  In aprile a San Gallo è stata inaugurata l’esposizione permanente Meraviglia della tradizione. Il progetto dell’abbazia di San Gallo e l’Europa nell’alto medioevo, dedicata all’unica pianta architettonica ancora conservata risalente a prima dell’anno 1.000 e alla vita monastica dell’epoca. Per completare il tour, oltre alla Biblioteca Patrimonio Unesco, dalla fine di gennaio 2019 all’abbazia di San Gallo si può visitare l’esposizione permanente “Gallo e il suo convento”, e la mostra temporanea estiva dedicata all’abate Otmar e al mondo dell’VIII secolo (fino al 17.11.2019). Con il tema del 2019 Barocco da Brivido le località della Strada del Barocco, in Alta Svevia, offrono percorsi alla scoperta del lato buio dell’età della ragione. Ravensburg è stata uno dei centri della caccia alle streghe in Europa, che in 300 anni si calcola abbia portato alla tortura sistematica e alla morte sul rogo di circa 50.000 persone, in gran parte donne. Al museo esperienziale Humpis Quartier di Ravensburg una delle nove aree tematiche è dedicata alla caccia alle streghe, mentre le visite guidate in città conducono ai luoghi dei processi e delle esecuzioni.La Strada del Barocco è una delle prime strade tematiche e culturali della Germania, e si compone di quattro percorsi su 760 chilometri e 50 stazioni, disseminate in gran parte nella regione dell’Alta Svevia. Navigare sul battello a vapore che appartenne al del re del Württemberg, dove questi pranzava con il conte von Zeppelin, fra legni laccati, rifiniture dorate e tocchi Jugendstil, per un’atmosfera alla Titanic, anno 1913. L’Hohentwiel, definita “la più bella nave a vapore d’Europa” compie sul Lago di Costanza tour e crociere esclusive a tema “Wine & Dine”, “Jazz brunch” e “English Afternoon Tea” partendo da Hard, in Austria. Dalla stazione di Milano Centrale Trenitalia e Ferrovie Federali Svizzere offrono otto collegamenti giornalieri diretti per Zurigo, della durata di 3 ore e 26 minuti, operati con comodi Eurocity di ultima generazione ETR 610, prenotabili su www.trenitalia.com in modalità ticketless. Da Zurigo si raggiungono poi in meno di un’ora diverse mete nella regione del Lago di Costanza.   [post_title] => Lago di Costanza, viaggi nel tempo alla scoperta del territorio [post_date] => 2019-05-07T08:30:26+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557217826000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348954 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo i successi di Pasqua e del ponte del 25 aprile, il turismo italiano prosegue lungo il proprio trend di crescita, facendo segnare risultati positivi anche per il Primo maggio. Stando ai dati Federalberghi - Acs Marketing Solutions saranno circa 8,1 milioni (+7,4%) gli italiani in viaggio durante la festa dei Lavoratori. Di questi, 6 milioni (il 65,9%) concentreranno la vacanza sul ponte del 1° Maggio, 1,6 milioni (il 17,6%) hanno iniziato la vacanza a Pasqua e 500 mila (il 5,5%) hanno incluso nel soggiorno 1° Maggio e 25 Aprile. Il 91,4% di chi si muoverà sceglierà quindi l’Italia (vs il 92,3% del 2018), mentre l’8,3% preferirà una località estera (contro il 6,7% dello scorso anno) con uno 0,3%  ancora indeciso. Le mete preferite, per i viaggiatori che resteranno entro i confini della Penisola, saranno le località di mare (41,2%), le città d’arte (25,5%), la montagna (11,5%) e, a seguire le località termali, i laghi e le crociere. Tra coloro che invece si recheranno all’estero, il 50,5% sceglierà le grandi capitali europee, seguite dalle località marine in generale (19,2%), dalla montagna (14,2%) e dalle grandi capitali extraeuropee (13,7%). La spesa media pro capite sostenuta per la vacanza (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) sarà pari a 333 euro (298 in Italia e 660 all’estero), in leggero aumento rispetto ai 327 euro del 2018. La struttura ricettiva preferita, infine, sarà la casa di parenti e amici (27,8% vs il 32,9% del 2018); segue a stretto giro l’albergo con un 24,4%, i bed & breakfast (14,9%) e le case di proprietà (14,4%). La vacanza avrà una durata media di 3,4 notti (2,7 nel 2018). [post_title] => Federalberghi: dopo Pasqua e 25 aprile, bene anche il 1° maggio [post_date] => 2019-04-29T09:15:11+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => 1-maggio [1] => federalberghi [2] => ponti ) [post_tag_name] => Array ( [0] => 1 maggio [1] => Federalberghi [2] => ponti ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556529311000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_349499" align="alignleft" width="300"] L'esterno dello Stonewall inn[/caption] Per la prima volta nella storia il WorldPride si svolgerà negli Stati Uniti: New York ospiterà le celebrazioni che faranno eco in tutta la nazione, senza dimenticare che l’America è una destinazione Lgtb-friendly tutto l’anno. Dal drag bingo a Washington D.C. alle feste per le strade di Salt Lake City, passando per le mostre d’arte di New York e i club ispirati ai cowboy di San Francisco. Il primo evento WorldPride negli Stati Uniti, in programma dal 25 al 30 giugno 2019, sarà nella grande mela, che è una delle principali destinazioni Lgbt. Il WorldPride ricorderà, quest’anno, il 50esimo anniversario dei moti di Stonewall, accadimento del 28 giugno 1969, quando in risposta all’irruzione della polizia nel gay bar Stonewall Inn, nel Greenwich Village, scoppiò una rivolta. Il bar è oggi uno dei primi monumenti nazionali dedicati ai diritti Lgbt. Questa primavera si svolgeranno anche una serie di feste e parate nei vari “boroughs” della città. I più interessanti sono lo Staten Island PrideFest (10-19 maggio), l’Harlem Pride (31 maggio-29 giugno il X anniversario dell’Harlem Pride e il 100° anniversario per l’Harlem Reinassance, il Queens Pride (2 giugno), seguito da uno street festival pomeridiano, esibizioni di drag queen e cucina locale. NY city, comunque, oltre al WorldPride, offre tantissime esperienze Lgbt e resta una delle destinazioni più amate al mondo per la “nightlife”. Molti dei bar più popolari della città sono ancora situati nella zona del Greenwich Village, ma ci sono anche molti altri quartieri emergenti, in fatto di popolarità. Nel West Village, lo Stonewall Inn si conferma un una tappa imperdibile per un drink e, data la sua vetustà, nel 1916 fu inserito nella lista dei National Historic Landmark. Se siete interessati, da non perdere è anche Albatross, il più antico bar gay del Queens, per  cocktail economici e drag show. [post_title] => WorldPride: per la prima volta a New York per il 50° dei moti di Stonewall [post_date] => 2019-04-24T14:31:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556116293000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel pieno della fase di rinnovo della sua intera offerta alberghiera internazionale, Riu ha voluto compiere un passo importante e, dopo aver demolito il vecchio Riu Playa Park, di sua proprietà dal 1982, ha costruito un nuovo hotel a 4 stelle con strutture e servizi moderni, che mostrano il meglio dell’esperienza maturata da Riu in questi ultimi anni. «Quando abbiamo affrontato la ristrutturazione del Riu Playa Park abbiamo deciso di investire di più e di costruire così un hotel nuovo, di categoria superiore, per attrarre una clientela dal profilo più familiare. Abbiamo investito oltre 35 milioni di euro e penso che il risultato sarà molto apprezzato dai nostri clienti - afferma Luis Riu, ceo di Riu Hotels -. Dopo questo progetto, il Riu Concordia sarà l’unico hotel di Maiorca a non essere ancora stato ristrutturato. I lavori inizieranno alla fine di quest’anno e prevediamo che termineranno durante la primavera del 2020». Il Riu Playa Park, a pochi metri dalla spiaggia, offre servizi all inclusive 24 ore e collegamento Wi-Fi gratuito in tutte le sue aree. Dispone di un totale di 475 camere dotate di tutto il necessario per assicurare il comfort dei suoi ospiti. Il loro nuovo stile unisce colori vivaci e linee semplici, creando così un ambiente fresco e rilassante, dal carattere profondamente mediterraneo. La grande novità introdotta da Riu in tutti i suoi hotel di Maiorca è la creazione di 17 nuove camere con piscina privata. Per proporre un’offerta gastronomica interessante e di qualità, al Riu Playa Park gli ospiti troveranno un ristorante principale, il Mallorca, e un ristorante a tema, lo Spices.   [post_title] => Riu Playa Park a Maiorca: restyling completo per la struttura [post_date] => 2019-04-24T09:56:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => luis-riu [1] => maiorca [2] => riu-playa-park ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Luis Riu [1] => maiorca [2] => Riu Playa Park ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556099773000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349271 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la Toscana anche in Emilia-Romagna è finalmente entrata in vigore la disciplina sui condhotel. Approvata a livello nazionale a marzo 2018, la legge ha infatti bisogno degli strumenti attuativi da parte delle singole regioni, che stanno ora progressivamente introducendo le misure a livello territoriale. In base alla nuova normativa, gli albergatori emiliano-romagnoli potranno quindi destinare fino a un 40% della superficie delle camere per alloggi a uso residenziale da vendere ai privati. Le risorse ricavate da questa vendita dovranno tuttavia essere reinvestite nella riqualificazione e sicurezza degli edifici. La formula condhotel è utilizzabile anche dalle colonie marittime e montane (unico caso in Italia), con l'intento di avviare il recupero di edifici importanti oggi dismessi, non utilizzati o in stato di abbandono. «La formula del condohotel - era stato il commento del presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, al momento dell'approvazione della misura d'indirizzo a livello nazionale  - genera vantaggi a 360 gradi: l’albergatore, grazie alla vendita di una parte dell’immobile, reperisce le risorse per riqualificare la struttura, che mantiene un assetto unitario; chi compra uno degli appartamenti può affidarne la gestione all’albergo (eventualmente riservandosene la disponibilità in alcuni periodi), realizzando un conveniente investimento; il cliente può usufruire di un nuovo tipo di offerta, senza rinunciare ai vantaggi e ai servizi tipici del pernottamento in albergo. La palla passa ora alle Regioni, che ci auguriamo provvedano celermente alla adozione dei provvedimenti di propria competenza, per rendere lo strumento pienamente operativo». Dopo più di un anno siamo a quota due: ne mancano 18! [post_title] => L'Emilia-Romagna vara la legge sui condhotel. Ora mancano ancora 18 Regioni [post_date] => 2019-04-19T12:44:56+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => bernabo-bocca [1] => condhotel [2] => emilia-romagna [3] => federalberghi [4] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => bernabò bocca [1] => condhotel [2] => Emilia-Romagna [3] => Federalberghi [4] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555677896000 ) ) )